Menù di navigazione

> Vai alla prima ricorrenza nel documento, indietro (indietro) o avanti (avanti) per spostarti alle occorrenze precedenti o successive

Legislatura X - Atto ispettivo ogg. n. 8582
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
8582 - Interrogazione a risposta scritta in merito ai requisiti previsti per appartenere al Terzo settore dal D. Lgs. n. 117 del 2017 e in merito alla nota n. 4995 del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, relativa al numero minimo di soci e alla sua applicazione in Regione. A firma del Consigliere: Marchetti Daniele

Testo:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

 

Il sottoscritto

Consigliere del Gruppo Lega Nord

 

Premesso che:

 

i requisiti necessari per appartenere al Terzo Settore sono stati profondamente modificati dal D.lgs 117/2017;

 

il D.lgs 117/2017 stabilisce (artt. 32 c. 1 e 35 c.1) che le Organizzazioni di Volontariato (ODV) e le Associazioni di promozione sociale (APS) “sono enti del Terzo settore costituiti in forma di associazione, riconosciuta o non riconosciuta, da un numero non inferiore a sette persone fisiche o tre enti associativi”;

 

il medesimo Decreto presuppone che l’assenza di tale requisito non possa consentire l’iscrizione al RUNTS [Registro Unico Nazionale Terzo Settore] e ai registri regionali;

 

lo scorso 28 maggio è stata pubblicata la nota n. 4995 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, relativa al numero minimo di soci, che precisa: “intervenendo prima della richiesta di iscrizione [al RUNTS o ai Registri Regionali]” vengono a sussistere in maniera contestuale entrambi i presupposti (modifiche allo Statuto e numero minimo dei soci) necessari ai fini della qualificabilità dell’associazione attraverso l’iscrizione al Registro.

 

Considerato che:

 

il Servizio Politiche per l'integrazione sociale, il contrasto alla povertà e Terzo settore ha recentemente emesso due bandi (DGR 689/2019 e DGR 686/2019) i cui moduli di adesione sembrano non prevedere riferimenti esaustivi al registro regionale e al disposto dal D.lgs 117/2017;

 

le istruzioni presenti sul sito della Regione - https://sociale.regione.emilia-romagna.it/ - indicano correttamente la data del 2 agosto p.v. come termine ultimo per apportare le modifiche allo Statuto, ma sembrano ignorare completamente il disposto dalla Nota 4995 già citata;

 

il rischio di vedere cancellate numerose associazioni benemerite è, pertanto, assai rilevante.

 

Interroga la Giunta Regionale per sapere:

 

se e in quale modo le associazioni coinvolte dalle modifiche del D.lgs 117/2017 siano state informate del contenuto della già citata Nota 4995 del 28/5/2019;

 

entro che data l’amministrazione preveda di modificare le modalità di partecipazione ai Bandi in corso, di trasmissione dei dati alle amministrazioni comunali, nonché gli automatismi di alimentazione del RUNTS;

 

quante siano al momento le associazioni cui si riferisce il D.lgs 117/2017 che ancora hanno un numero di soci inferire al minimo previsto.

 

 

Daniele Marchetti