Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1572
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1572 - Mozione proposta dai consiglieri Villani, Corradi, Delchiappo e Garbi per l'attivazione di azioni di carattere istituzionale, in particolare nei confronti del Governo nazionale, per l'ubicazione a Parma dell'Autorità italiana per la sicurezza alimentare (documento in data 19 07 06).

Testo:

 L'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna
premesso
che è orami imminente l'istituzione dell'Autorità
nazionale per la sicurezza alimentare visto che il
nostro paese è ormai l'unico in Europa a non avere
tale organismo;
considerato
che Parma ha tutte le caratteristiche per poter
ospitare questo organismo in virtù della sua grande
cultura nel settore agroalimentare testimoniata
dalla presenza di due grandi consorzi di
produzione, formaggio Parmigiano Reggiano e
Prosciutto di Parma, e di tante altre produzioni
alimentari di elevata qualità, dal suo grande
background di industrie fortemente legate
all'agroindustria ed all'alimentazione, oltre che
da enti particolarmente all'avanguardia nel
controllo e nell'analisi della qualità dei cibi
come la Stazione sperimentale dell'industria delle
conserve alimentari e l'Istituto Parma Qualità e da
una prestigiosa sede universitaria e che tale sua
propensione è stata riconosciuta a livello
internazionale con l'insediamento dell'analogo
organismo europeo denominato EFSA;
che l'ubicazione a Parma dell'Autorità nazionale
sarebbe molto vantaggiosa anche nell'ottica, sempre
più stringente per il governo del Paese, per
risparmiare importanti risorse in quanto città e
territorio circostante si stanno già rendendo
funzionali per ospitare l'organismo europeo e
quindi non occorrerebbe investire ulteriormente in
altre sedi;
che tale vantaggio deriverebbe anche dal fatto che
è già funzionante a Parma l'Ufficio periferico del
ministero della Salute deputato a supportare
l'attività di EFSA e coordinarla con le istituzioni
nazionali e locali;
che se a Parma avranno sede sia l'Autorità europea
sia quella nazionale per la sicurezza alimentare vi
saranno sicuramente grandi possibilità che possono
ulteriormente lavorare in sinergia;
valutato
che, come è stato per l'assegnazione a Parma della
sede di EFSA, il medesimo risultato per l'Autorità
nazionale si potrà ottenere con l'impegno comune di
tutte le istituzioni locali, compresa la Regione
Emilia-Romagna;
impegna la Giunta regionale
ad attivarsi presso tutte le sedi istituzionali ed
in particolare nei confronti del Governo nazionale
per far valere i validi motivi e le vantaggiose
ragioni anche dal punto di vista economico per cui
l'Autorità italiana per la sicurezza alimentare
andrebbe assegnata a Parma. Villani - Corradi -
Delchiappo - Garbi