Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1765
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1765 - Risoluzione proposta dal consigliere Renzi in ordine ai provvedimenti da adottare per risolvere i problemi attinenti la sicurezza della navigazione all'imboccatura del porto canale di Rimini (documento in data 28 09 06).

Testo:

 RISOLUZIONE
L'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna,
premesso
che in base alla L.R. n. 11 del 1983 (Art. 1), la
Regione ha istituito i porti regionali di
Cattolica, Cesenatico, Goro, Garibaldi e Rimini;
considerato
che il porto canale di Rimini è il porto regionale
dell'Emilia Romagna di maggior importanza, in
quanto si trova all'interno di un capoluogo di
Provincia con le seguenti funzionalità:
peschereccia, turistica e diportistica, passeggeri,
cantieristica e commerciale;
considerato inoltre
che con la realizzazione della nuova darsena,
nell'anno 2000, è stata ristretta l'imboccatura del
porto e i natanti per entrare devono percorrere una
rotta obbligatoria, dove in condizioni meteo -
marine avverse, con il moto ondoso Nord, Nord-Est
si forma un'onda anomala, che può raggiungere
un'altezza di oltre 3 metri, rendendo estremamente
difficile e pericoloso l'ingresso delle
imbarcazioni nel porto canale;
richiamato
che la Regione Emilia-Romagna con la delibera di
Giunta n. 2748 del 2001 ha assegnato al Comune di
Rimini un contributo di 77.460 euro in base alla
L.R. n. 11 del 1983 (art. 9, lettera A) per lo
studio delle soluzioni necessarie per risolvere i
problemi attinenti la sicurezza della navigazione
all'imboccatura del porto canale;
che la Regione Emilia-Romagna con la delibera di
Giunta n. 2552 del 2003 ha assegnato al Comune di
Rimini un contributo di 420.000 euro :
per l'affidamento di un incarico professionale di
consulenza, in qualità di esperto
dell'Amministrazione Comunale, per l'analisi dei
fenomeni idrodinamici nel tratto costiero in
prossimità del porto canale di Rimini;
per l'affidamento di un incarico professionale per
la progettazione e Direzione Lavori per gli
interventi correttivi di natura urgente per
migliorare la navigazione in prossimità del porto
canale;
per la realizzazione degli interventi correttivi di
natura urgente suddetti;
che la Regione Emilia-Romagna ha istituito con
determina n. 9294 del 30/07/03 del Direttore
Generale Programmazione Territoriale e Sistemi di
mobilità un Gruppo di Lavoro per monitorare e
coordinare le analisi dei fenomeni idrodinamici nel
tratto costiero in prossimità del Porto di Rimini;
verificato
che è ormai passato un anno dall'ultima Conferenza
dei Servizi del 28/10/2005 convocata per
l'approvazione del primo progetto definitivo, di
natura urgente , dei lavori di messa in sicurezza
dell'imboccatura del porto canale, in cui era stato
deciso:
di non proseguire verso la realizzazione di un
manufatto in materiale lapideo, prominente dalla
diga foranea della nuova Darsena, il cosiddetto
brufolo , perché dagli studi effettuati questa
soluzione non garantisce l'eliminazione della
presenza di onde anomale;
di redigere uno studio di fattibilità per una
soluzione di medio termine, con le risorse rimaste
(circa 280.000 euro) dai 420.000 euro di
finanziamento regionale;
di istituire una Commissione ristretta composta dai
Rappresentanti Tecnici dei Soggetti interessati,
tra i quali la Consulta degli Operatori del Porto,
con lo scopo di seguire tecnicamente lo sviluppo
dello studio di fattibilità;
impegna la Giunta
a prendere, urgentemente, tutti i provvedimenti
necessari, affinché all'imboccatura del porto di
Rimini si possa realizzare un bacino di calma e
conseguentemente anche un aumento dei tratti di
banchina sfruttabili per l'ormeggio delle unità da
traffico, da pesca o da diporto, per trovare una
soluzione strutturale definitiva e a lungo termine,
come richiesto da ormai sei anni, da tutte le
attività economiche correlate con la navigazione;
a realizzare urgentemente lo studio di fattibilità,
deciso nella Conferenza dei Servizi del 28/10/2005
senza dilungarsi ancora nella scelta del tipo di
intervento, di breve, medio o lungo periodo,
tenendo conto che in questi sei anni si sarebbe già
potuto realizzare l'avamporto, dato che la Società
Alpina Acque s.r.l. aveva stimato per la sua
realizzazione 32 mesi di tempo, per un costo di 3,5
milioni di euro;
ad adottare una scelta politica ben precisa,
inserendo nel bilancio della Regione la
disponibilità finanziaria necessaria per
intervenire e risolvere definitivamente il problema
della sicurezza nella navigazione del porto di
Rimini, in base alla L.R. n. 11 del 1983 (art. 9,
lettera A)) :
La Regione provvede con legge a destinare nel
proprio bilancio , per periodi annuali o
poliennali, appositi distinti stanziamenti di fondi
per: a) la costruzione a proprio totale carico
delle opere, degli impianti e delle attrezzature
interessanti i porti regionali nonché studi,
ricerche e progettazioni relative alle opere, agli
impianti ed alle attrezzature dei porti medesimi; .
Gioenzo Renzi