Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1824
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1824 - Risoluzione proposta dai consiglieri Bartolini, Aimi e Vecchi per esprimere dissenso nei confronti della legge finanziaria 2007 e rappresentare la necessità di una sua rideterminazione (documento in data 17 10 06).

Testo:

 RISOLUZIONE
l'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna,
vista
che la finanziaria del Governo Prodi ha suscitato
forti perplessità nella quasi totalità dei soggetti
istituzionali ed associativi presenti nella società
italiana, facendo emergere le giuste preoccupazioni
dei contribuenti per il carattere punitivo e
vessatorio che la contraddistingue;
considerato
che la ricaduta del provvedimento si riflette
principalmente a danno dei contribuenti con
l'aggravio di nuove tasse e con l'aumento di quelle
già esistenti, limitando la crescita e lo sviluppo
del Paese tanto da fare dire al Governatore della
Banca d'Italia, Mario Draghi che l'ampio ricorso a
misure di incremento del prelievo deprime
l'economia, mentre la strada da percorrere è
impegnarsi a restituire presto una parte degli
aggravi fiscali e lavorare con più impegno a
ridurre la spesa ;
considerato inoltre
che questa Finanziaria non taglia le spese in modo
efficace e strutturale, tanto che, secondo le prime
stime, si dice sia composta fino all'84% da entrate
aggiuntive, con una pressione fiscale che si
assesterà sul livello record del 43%;
preso atto
che in particolare i contenuti dell'art. 74,
colpiscono indiscriminatamente i servizi erogati al
cittadino/utente umiliando di fatto le politiche
sociali (mense, asili, trasporti, soggiorni
climatici, infrastrutture sportive e ricreative),
riducendone l'efficienza e l'efficacia rispetto
alla forza ottenuta grazie alla previsione di
esclusione dal patto prevista dalla finanziaria
2006;
accertato
che questa Finanziaria, con gli art. 15 - 16 - 18
introduce oneri insostenibili, anche per gli
aeroporti della Regione, che invece sono vitali
allo sviluppo del territorio; una corretta politica
nazionale nel campo aeroportuale dovrebbe portare
ad una crescita delle potenzialità degli scali, che
nella nostra Regione acquisterebbe un' importanza
mondiale;
valutato
che i provvedimenti che si intendono adottare non
sono indirizzati verso l'applicazione del principio
del federalismo fiscale, creando invece una serie
di norme contraddittorie che di fatto in molti casi
limitano l'autonomia impositiva degli Enti Locali;
che pertanto non può essere condivisa la linea
economica del Governo, espressa nel disegno di
legge della Finanziaria 2007;
che il provvedimento è stato concepito
unilateralmente, ignorando preventivamente ogni
tipo di confronto con le istituzioni il mondo
imprenditoriale e quello dell'associazionismo;
esprime
il proprio totale dissenso di fronte ad Una
Finanziaria che contravviene alle promesse fatte
dal Premier in campagna elettorale, sia sul fronte
dell'aumento delle tasse, sia su quello dell'equità
fiscale;
impegna
la Giunta Regionale:
a rappresentare al Governo e al Parlamento la
necessità di rideterminare in modo equo e radicale
la Finanziaria 2007, con particolare riguardo alle
parti indicate in premessa, al fine di consentire
agli Enti Locali l'erogazione degli standard minimi
dei servizi pubblici essenziali e al mondo del
lavoro lo sviluppo ed rilancio dell'economia sia a
livello nazionale che internazionale;
impegna altresì
il Presidente della Regione nonché Presidente della
Conferenza Stato Regioni a promuovere una forma di
riflessione nei confronti del Governo perché questa
Finanziaria non impoverisca gli Italiani, e
inibisca il rilancio dell'economia, penalizzando le
Istituzioni periferiche, non paralizzi i consumi e
non colpisca le politiche sociali.
Luca Bartolini
Enrico Aimi
Alberto Vecchi