Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 560
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
560 - Risoluzione proposta dal consigliere Filippi per la parificazione dei compensi spettanti per le visite domiciliari di controllo ai medici dell'INPS a quelli percepiti dai medici dell'ASL (documento in data 10 10 05).

Testo:

 RISOLUZIONE
L'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna,
Premesso che
esiste da anni in provincia di Reggio Emilia ed in
tutta la regione una disparità di trattamento
economico, che riguarda i medici chirurghi dell'ASL
rispetto ai colleghi dell'INPS, nello svolgimento
della propria attività (in particolare per quello
che concerne la visita domiciliare di controllo ai
dipendenti assenti dal lavoro);
è stato calcolato che i medici dell'ASL
percepiscono per ogni visita domiciliare di
controllo un compenso pari a 17.50 Euro mentre i
colleghi dell'INPS percepiscono, per lo stesso
servizio, un compenso maggiorato di 8 Euro (25.50
Euro a visita);
le tariffe relative all'ASL sono determinate dalla
Regione Emilia-Romagna mentre quelle dell'INPS sono
decise a livello nazionale;
Sottolineato che
in data 23/05/2005 il sottoscritto aveva presentato
un'interrogazione alla Giunta regionale sollevando
la questione, ma la risposta dell'assessorato
incaricato è stata evasiva ed insufficiente;
l'Assessore alla Sanità Giovanni Bissoni ha fatto
ricadere sullo Stato le colpe di queste disparità
dovute ad una politica regionale partigiana;
l'Assessore alla Sanità Giovanni Bissoni ha
dichiarato che non è stato possibile assimilare le
tariffe dell'ASL a quelle dell'INPS perché non è
stato raggiunto un accordo in sede di Conferenza
Stato - Regioni - Province Autonome;
Impegna la Giunta regionale
a parificare il trattamento tra medici che svolgono
funzione di medicina fiscale dell'ASL e medici
dell'INPS; portando a 25.50 Euro il compenso dei
medici dell'ASL relativo ad ogni visita domiciliare
di controllo;
a cessare le disparità nei confronti dei medici
sotto la propria giurisdizione rispetto ai colleghi
sotto la giurisdizione statale;
a sollevato il problema in sede di Conferenza
Stato - Regioni - Province Autonome.
Fabio Filippi