Menù di navigazione
Legislatura X - Commissione IV - Processo Verbale del 20/03/2018 antimeridiano

Processo verbale n. 6

Seduta del 20 marzo 2018

 

Il giorno 20 marzo 2018 alle ore 10,00 è convocata, con nota prot. n. AL.17757.2018 del 15/03/2018, presso la sede dell’Assemblea legislativa in Bologna Viale A. Moro n. 50, la Commissione Politiche per la Salute e Politiche sociali in seduta congiunta con la Commissione per la parità e per i diritti delle persone ed in seduta ordinaria.

 

Partecipano alla seduta i consiglieri:

 

Cognome e nome

Qualifica

Gruppo

Voto

 

ZOFFOLI Paolo

Presidente

Partito Democratico

5

presente

CARDINALI Alessandro

Vicepresidente

Partito Democratico

4

presente

SENSOLI Raffaella

Vicepresidente

Movimento 5 Stelle

3

assente

ALLEVA Piergiovanni

Componente

L’Altra Emilia Romagna

1

assente

BAGNARI Mirco

Componente

Partito Democratico

2

presente

BIGNAMI Galeazzo

Componente

Forza Italia

2

assente

BOSCHINI Giuseppe

Componente

Partito Democratico

1

presente

CALIANDRO Stefano

Componente

Partito Democratico

1

assente

CALVANO Paolo

Componente

Partito Democratico

2

presente

CAMPEDELLI Enrico

Componente

Partito Democratico

1

presente

DELMONTE Gabriele

Componente

Lega Nord Emilia e Romagna

2

assente

FABBRI Alan

Componente

Lega Nord Emilia e Romagna

2

presente

FOTI Tommaso

Componente

Fratelli d’Italia

1

assente

GIBERTONI Giulia

Componente

Movimento 5 Stelle

1

presente

MARCHETTI Daniele

Componente

Lega Nord Emilia e Romagna

5

presente

MARCHETTI Francesca

Componente

Partito Democratico

2

presente

MORI Roberta

Componente

Partito Democratico

2

presente

PARUOLO Giuseppe

Componente

Partito Democratico

2

presente

PRODI Silvia

Componente

Gruppo Misto

1

presente

SASSI Gian Luca

Componente

Movimento 5 Stelle

1

presente

SERRI Luciana

Componente

Partito Democratico

1

presente

TARASCONI Katia

Componente

Partito Democratico

1

presente

TARUFFI Igor

Componente

Sinistra Italiana

2

presente

ZAPPATERRA Marcella

Componente

Partito Democratico

5

presente

 

È presente il consigliere Andrea BERTANI in sostituzione di Raffaella SENSOLI.

 

È altresì presente il consigliere Andrea LIVERANI.

 

Partecipano alla seduta: K. Petropulacos (Dir. gen. Cura della persona, salute e welfare), A. Campagna (Resp. Serv. Assistenza ospedaliera), A. Pastori (Serv. Assistenza ospedaliera), A. Giannini (Resp. Serv. Prevenzione collettiva e sanità pubblica).

 

Presiede la seduta: Paolo ZOFFOLI

Assiste la segretaria: Nicoletta Tartari

Funzionario estensore: Vanessa Francescon


Alle ore 10,10 i presidenti ZOFFOLI e MORI dichiarano aperta la seduta congiunta tra le commissioni “Politiche per la salute e politiche sociali” e “Per la parità e per i diritti delle persone”.

 

-Informativa dell’Assessorato Politiche per la Salute in merito all’attuazione della normativa in materia di DAT Disposizioni anticipate di trattamento.

4270 -Progetto di legge d'iniziativa Consiglieri recante: "Istituzione del Registro regionale delle dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario (DAT)". (09 03 17)

A firma dei Consiglieri: Sensoli, Bertani, Sassi

 

Il presidente ZOFFOLI, in assenza di obiezioni, segnala che il progetto di legge 4270, di cui è prima firmataria e relatrice la consigliera Sensoli, oggi assente, è rinviato ad altra seduta. Cede la parola per l’informativa al direttore generale sanità e politiche sociali.

 

La dottoressa PETROPULACOS svolge l’informativa avvalendosi di slide.

 

Intervengono i consiglieri MARCHETTI D. e BERTANI.

 

La dottoressa PETROPULACOS risponde alle domande dei commissari.

 

I presidenti ZOFFOLI e MORI chiudono la seduta congiunta.

 

La seduta congiunta termina alle ore 10,30.

 

La Commissione Politiche per la Salute e Politiche sociali prosegue i propri lavori in seduta ordinaria.

 

-Approvazione del processo verbale n. 5 del 2018

 

La Commissione approva all’unanimità.

 

5299 -Petizione popolare che fa richiesta che il fascicolo sanitario elettronico possa contenere anche la dichiarazione anticipata di trattamento (DAT) e la dichiarazione anticipata di volontà (DAV) dei cittadini. (Delibera dell'Ufficio di Presidenza di parziale ammissibilità n. 70 del 20 09 17)

 

Il presidente ZOFFOLI introduce la petizione, ricordando che la Commissione deve formulare una relazione di risposta; a tal fine, è stata inviata ai commissari una nota. In assenza di interventi, propone alla Commissione di formulare come relazione di risposta alla petizione, ai sensi dell’articolo 121, comma 2, del Regolamento, la nota trasmessa ai commissari.

 

La Commissione approva la relazione con 27 voti favorevoli (PD, SI, Misto), nessun contrario e 11 astenuti (LN, M5S).

 

856 -Risoluzione per impegnare la Giunta a porre in essere azioni volte a rendere possibile, ai cittadini residenti nella Regione Emilia-Romagna, la registrazione nella tessera sanitaria e nel fascicolo sanitario elettronico della dichiarazione anticipata di volontà (DAV), attivando tale servizio presso gli sportelli di tutte le ASL ed on-line. (30 06 15)

A firma della Consigliera: Sensoli

 

 

 

Il presidente ZOFFOLI, in assenza di obiezioni, rinvia la trattazione dell’oggetto 856 per l’assenza della consigliera Sensoli, firmataria della risoluzione in questione.

 

-Informativa dell’Assessorato alle Politiche per la Salute in merito alla realizzazione delle aree per il decollo e l’atterraggio notturno delle eliambulanze sul territorio regionale.

 

Il presidente ZOFFOLI introduce l’argomento.

 

Il dottor CAMPAGNA e il dottor PASTORI svolgono l’informativa avvalendosi di slide che saranno pubblicate a cura della Commissione.

 

Intervengono i consiglieri MARCHETTI D., BERTANI, BOSCHINI e SERRI.

 

Il presidente ZOFFOLI ricorda che l’informativa illustrata deriva dall’approvazione risoluzione ogg. 2634. Anticipa ai colleghi che il tema in discussione verrà monitorato dalla Commissione.

 

Il dottor PASTORI e CAMPAGNA rispondono alle domande dei commissari.

 

Il consigliere MARCHETTI D. chiede un ulteriore chiarimento.

 

Il dottor PASTORI offre la spiegazione richiesta.

 

-Informativa dell’Assessorato Politiche per la Salute sulla DGR 351 del 12 marzo 2018 “Rischio biologico in ambiente sanitario. Linee di indirizzo per la prevenzione delle principali patologie trasmesse per via ematica e per via aerea, indicazioni per l’idoneità dell’operatore sanitario”.

 

Il presidente ZOFFOLI introduce l’argomento.

 

La dottoressa GIANNINI svolge l’informativa con il supporto di slide che, a termine seduta, verranno rese disponibili ai commissari.

 

La consigliera GIBERTONI pone una domanda.

 

La dottoressa GIANNINI risponde.

 

Il presidente ZOFFOLI, in assenza di altri interventi, dichiara chiusa la seduta.

 

La seduta termina alle ore 11,35.

 

Approvato nella seduta del 26 marzo 2018.

 

La segretaria

Il Presidente

Nicoletta Tartari

Paolo Zoffoli


ALLEGATO

 

Relazione all’Assemblea legislativa sulla petizione oggetto n. 5299

ai sensi dell’articolo 121, comma 2, del Regolamento interno

 

 

La legge 22 dicembre 2017 n. 219 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”, prevede al comma 7 dell’art. 4 “Disposizioni anticipate di trattamento” che “Le regioni che adottano modalità telematiche di gestione della cartella clinica o il fascicolo sanitario elettronico o altre modalità informatiche di gestione dei dati del singolo iscritto al Servizio sanitario nazionale possono, con proprio atto, regolamentare la raccolta di copia delle DAT, compresa l’indicazione del fiduciario, e il loro inserimento nella banca dati, lasciando comunque al firmatario la libertà di scegliere se darne copia o indicare dove esse siano reperibili”.

 

Successivamente è intervenuta la legge 27 dicembre 2017, n. 205 “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020” che prevede all’art. 1, commi 418 e 419, l’istituzione, presso il Ministero della Salute, di una banca dati nazionale destinata alla registrazione delle suddette dichiarazioni. La legge richiamata prevede espressamente quanto segue:

 

418. È istituita presso il Ministero della Salute una banca dati destinata alla registrazione delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT) attraverso le quali ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari. Per l'attuazione del presente comma è autorizzata la spesa di 2 milioni di euro per l'anno 2018.

419. Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con decreto del Ministro della salute, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e acquisito il parere del Garante per la protezione dei dati personali, sono stabilite le modalità di registrazione delle DAT presso la banca dati di cui al comma 418.

 

In coerenza con quanto sopra richiamato al comma 419, il Ministero della Salute ha istituito un gruppo di lavoro, costituito dai rappresentanti della Direzione della Digitalizzazione del Sistema Informativo Sanitario e della Statistica, dell’Ufficio Legislativo, della Direzione Generale delle Professioni Sanitarie e delle Risorse Umane del SSN del Ministero, delle Regioni e dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali per la predisposizione dello schema di decreto del Ministro della Salute, nel quale, tra l’altro, verranno disciplinati i contenuti informativi della banca dati DAT, i soggetti che concorrono alla sua alimentazione, le modalità di registrazione e di messa a disposizione delle DAT, nonché le garanzie  le misure di sicurezza da adottare nel trattamento dei dati personali.

 

Contemporaneamente, anche alla luce della recente e indispensabile normativa nazionale, l’Assessorato regionale alle Politiche per la Salute sta lavorando, assieme ai Comuni e ai Consigli notarili regionali, alla regolamentazione della raccolta di copia delle DAT all’interno del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) e dell’eventuale invio di alcuni dati rilevanti all’Anagrafe assistiti e, anche in modo più ampio, al FSE.

L'obiettivo è quello di dare, nelle more dell’istituzione della banca dati nazionale, ai cittadini dell'Emilia-Romagna che hanno già attivato il FSE (sono oltre 424.800), o che hanno intenzione di farlo in futuro, la possibilità di inserire copia delle proprie disposizioni anticipate rispetto al trattamento sanitario, in previsione di un'eventuale incapacità futura, e di consentire agli operatori sanitari che assistono il paziente di sapere se esiste una DAT.

 

Per quanto riguarda le dichiarazioni di volontà in ordine alla donazione di organi e di tessuti del proprio corpo successivamente alla morte si precisa che i soggetti deputati alla raccolta e alla registrazione di dette dichiarazioni di volontà sono a tutt’oggi i Comuni, le ASL e l’Associazione Italiana Donatori Organi.

 

Tali soggetti sono collegati al sistema informativo di supporto per l’informatizzazione delle attività della Rete nazionale trapianti, di cui all’articolo 7, comma 2, della legge 1 aprile 1999, n. 91 al fine di consentire alla Rete nazionale trapianti di assolvere alle proprie funzioni istituzionali e permettere la consultazione delle informazioni in esso contenute ai medici del coordinamento regionale trapianti.

 

Qualunque dichiarazione scritta che contenga nome, cognome, data di nascita, dichiarazione di volontà (positiva o negativa), data e firma, nonché la compilazione del c.d. "tesserino blu" del Ministero della Salute - entrambi da conservare tra i documenti personali del dichiarante - sono considerate valide ai fini della dichiarazione dal Decreto ministeriale 8 aprile 2000 sulla ricezione delle dichiarazioni di volontà dei cittadini circa la donazione di organi a scopo di trapianto.

 

Pertanto, anche l’annotazione della propria volontà in ordine alla donazione di organi e di tessuti all’interno del proprio FSE è ammissibile e, ad oggi possibile, utilizzando il campo “Note personali”.

 

Infine, per quanto riguarda la possibilità di prenotare le proprie donazioni di sangue nei Centri di prelievo regionale, si informa che è possibile effettuare la prenotazione on line, telefonicamente o personalmente a seconda dell’organizzazione delle singole sedi donative, associative o aziendali. Con l’adozione del nuovo sistema unico informativo trasfusionale è prevista la diffusione della prenotazione on-line, da FSE e non, per tutta la Regione.