Menù di navigazione

> Vai alla prima ricorrenza nel documento, indietro (indietro) o avanti (avanti) per spostarti alle occorrenze precedenti o successive

Documento storico: Testo Originale

LEGGE REGIONALE 28 giugno 1991, n. 16

Iniziative di solidarietà a favore dei profughi albanesi

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE n. 145 dell' 1 luglio 1991

Il Consiglio regionale ha approvato
Il Presidente della Giunta regionale promulga
la seguente legge:
Art. 1
1. La Regiome Emilia - Romagna contribuisce alle attività di soccorso ed alle opere di assistenza e solidarietà a favore dei profughi albanesi, nei modi stabiliti dalla presente legge.
2. Le iniziative di solidarietà, accoglienza, assistenza, alfabetizzazione e formazione volte in via prioritaria all'acquisto e alla fornitura di beni e servizi e all'erogazione di sussidi, da effettuarsi anche per il tramite dei Comuni, sono definite dalla Giunta regionale sulla base di programmi da attuarsi in raccordo con i competenti organi dell'Amministrazione statale ed in collaborazione con i soggetti istituzionali e non istituzionali operanti in materia di protezione civile, nonchè in materia di assistenza sociale, e con gli Enti locali.
3. La Regione promuove il coordinamento delle iniziative di solidarietà degli Enti locali dell'Emilia Romagna.
Art. 2
1. Il Presidente della Giunta regionale è autorizzato ad erogare con proprio decreto, anche in più soluzioni, le somme per gli interventi che vengono attuati in favore dei profughi albanesi in virtù della presente legge.
2. Il Presidente della Giunta regionale o l'Assessore regionale competente per materia, a tal fine delegato, riferisce periodicamente alla Commissione consiliare competente in ordine alle iniziative in corsi o in programma ed in ordine ai criteri adottati o da adottare per i provvedimenti di erogazione delle somme stanziate con la presente legge.
Art. 3
1. Agli interventi previsti dalla presente legge la Regione fa fronte con l'istituzione di appositi capitoli nella parte spesa del Bilancio per l'esercizio 1991, che verranno dotati della somma complessiva di lire 1.000.000.000, mediante la riduzione di pari importo dal fondo di riserva per le spese obbligatorie di cui al Capitolo 85100 del bilancio relativo al medesimo esercizio, in sede di approvazione della legge di assestamento di bilancio dello stesso esercizio a norma di quanto disposto dall'art. 11, primo comma della LR 6 luglio 1977, n. 31.
2. La Giunta regionale, ove necessario, è autorizzata ad apportare con proprio atto le necessarie variazioni al Bilancio di previsione per l'esercizio 1991, dopo l'entrata in vigore della presente legge a norma di quanto disposto dai commi terzo e quarto dell'art. 38 della LR n. 31 del 1977.
Art. 4
1. La presente legge è dichiarata urgente ai sensi e per gli effetti degli articoli 127, comma 2, della Costituzione e 31 dello Statuto, ed entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna. La presente legge regionale sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Emilia - Romagna. Bologna, 28 giugno 1991