Menù di navigazione
Legislatura X - Atto ispettivo ogg. n. 6615
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
6615 - Interrogazione a risposta scritta in merito al festival di letteratura per l'infanzia e l'adolescenza "Uscire dal Guscio" che si è svolto dal 24 al 26 maggio 2018 nei Comuni di Argelato, Castel Maggiore, Pieve di Cento e San Pietro in Casale, in provincia di Bologna, promosso dalle associazioni "Genitori rilassati" in collaborazione con l'Unione Reno Galliera, il sostegno della Regione Emilia-Romagna e il patrocinio della Città Metropolitana di Bologna. A firma del Consigliere: Galli

Testo:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

 

 

Il sottoscritto Andrea Galli, Consigliere regionale e Capogruppo del Gruppo di Forza Italia,

 

premesso che

  • nei giorni dal 24 al 26 del mese di Maggio nei Comuni di Argelato, Castel Maggiore, Pieve di Cento e San Pietro in Casale, in provincia di Bologna, si è svolto il festival di letteratura per l’infanzia e l’adolescenza “Uscire dal Guscio” promosso dalle associazioni “Genitori rilassati” in collaborazione con l’Unione Reno Galliera, il sostegno della Regione Emilia-Romagna e il patrocinio della Città Metropolitana di Bologna;
  • il festival sarebbe alla sua seconda edizione e il tema individuato “uscire dal guscio” intenderebbe – come si legge dal sito web – “Educare al rispetto e alle pari opportunità: contrasto agli stereotipi di genere e prevenzione della violenza di genere, valorizzare le differenze: prevenzione di ogni forma di discriminazione, a partire da quella maschile sulle donne, ai bullismi, alle prevaricazioni tra pari”;

 

rilevato che

  • sul sito web della Associazione Genitori Rilassati che organizza l’evento si legge: “Il progetto Uscire dal guscio si articola in due azioni distinte ma complementari che investono i principali attori dell’avventura di crescere ovvero i bambini, le famiglie e le diverse agenzie educative del territorio . Per questo Uscire dal guscio si propone come un festival di letteratura per l’infanzia e come corso di formazione per insegnanti ed educatori di scuole di ogni ordine e grado. Risulta nato da una proposta dell’associazione Genitori Rilassati in collaborazione con l’associazione Falling Book e sostenuto dall’Unione Reno Galliera, il Festival si propone di favorire la pratica e il piacere della lettura fin da piccoli. Intende rivolgersi alle bambine e ai bambini dei tre Comuni interessati per rafforzare in loro la consapevolezza dell’oggetto libro e della potenzialità espressive del sé e dell’altro legate alle storie e alla narrazione. Tra le attività previste, anche incontri con le famiglie su temi quali omofobia, violenza, identità di genere, valore della diversità. l’Associazione Falling Book è inoltre promotrice di un corso di formazione per insegnanti delle scuole primarie, collegato ai temi del Festival. Con questo progetto intendiamo offrire letture e immaginari divergenti rispetto alle proposte editoriali più consuete, favorire la diffusione e la conoscenza di storie e mondi plurali e molteplici con particolare attenzione alle diversità, al superamento degli stereotipi di genere e di quelle visioni univoche e schiaccianti veicolate dai mezzi di comunicazione di massa, dai social media e dai prodotti dell’industria culturale legati all’infanzia che, nel complesso, ostacolano la piena affermazione dei diritti delle bambine e dei bambini a una libera e consapevole costruzione delle proprie identità. Associazione Genitori Rilassati Via Bologna 276/q, 40018 - S. Pietro in Casale genitori.rilassati@gmail.com”;

 

rilevato inoltre che

  • dal sito della Associazione Genitori Rilassati si evincono diversi Partners a sostegno della iniziativa tra cui appunto Falling Book il cui sito alla data odierna non risulta consultabile e figura anche l’associazione “Progetto Alice”: tale sito, sulla destra, contiene una serie di link a blog vari, tra cui anche un blog denominato “sexyshock” che, in alcune sezioni del sito stesso, rimanda a contenuti sessualmente espliciti, quali tra gli altri: pratiche sessuali, sextoys, sexishock;
  • ad avviso di chi scrive tale festival pare avere un taglio “ideologico” nettamente spostato a favore della cultura “gender” intendendo incidere sui principali “attori” della società, ossia i bambini e le famiglie oltre che gli insegnanti e la scuola (sono previsti infatti anche dei corsi di formazione per insegnanti ed educatori), e potrebbe pertanto tradursi nell’ennesimo tentativo di introdurre nelle scuole, per vie indirette, la teoria del gender; la caratteristica di questi eventi sembra essere quella di accostare ad argomenti condivisibili (come la lotta all’omofobia e alla violenza e il superamento di stereotipi negativi che trova indubbiamente sempre tutti d’accordo), altri argomenti di carattere molto più “ideologico” come per esempio la “fluidità di genere” che vorrebbe mettere in discussione l’identità sessuale maschile e femminile;
  • il festival gode del sostegno della Regione Emilia-Romagna come si evince dal relativo sito web http://www.usciredalguscio.it/ dove compare il logo della Regione stessa. Al convegno “educare alle differenze” è prevista anche la partecipazione dell’assessore alle Pari Opportunità;

 

atteso che

  • la nota informativa del Miur n.4321 del 6 luglio 2015 chiarisce “E comunque la partecipazione a tutte le attività extracurricolari, anch’esse inserite nel P.O.F., è per sua natura facoltativa e prevede la richiesta del consenso dei genitori per gli studenti minorenni o degli stessi se maggiorenni che, in caso di non accettazione, possono astenersi dalla frequenza”. Le Linee Guida Nazionali, relative all’ 1 comma 16 della L. 107/2016 (27-10-2017) ribadiscono la necessità del “consenso informato dei genitori” e citano la Dichiarazione universale dei diritti umani, secondo la quale “I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli”;

 

INTERROGA

 

la Giunta regionale per sapere:

 

  • quali sono state le ragioni sottese alla concessione del patrocinio dell'Ente regionale;
  • se il festival goda di finanziamenti pubblici, in caso affermativo da quali enti e per quale importo;
  • se la Regione ha sostenuto direttamente od indirettamente delle spese per l'organizzazione di tale iniziativa;
  • come sia stata selezionata la Associazione Genitori Rilassati promotrice ed organizzatrice dell’evento anche per questa seconda edizione;
  • se prima di concedere il patrocinio ha verificato  quali interventi siano stati messi in campo per assicurare ai genitori una completa e preventiva informazione sulle attività eticamente sensibili svolte dalle scuole;
  • se non si ritiene necessario attivarsi immediatamente per chiedere l'oscuramento dei link dal contenuto del tutto inappropriato facilmente accessibili dal sito di "Uscire dal guscio". 

 

 

Andrea Galli