Espandi Indice

Documento vigente: Testo Originale

Share
Seguimi

LEGGE REGIONALE 03 ottobre 2023 , n. 14

DISPOSIZIONI PER LA DISCIPLINA, LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI DISTRETTI DEL BIOLOGICO

BOLLETTINO UFFICIALE n. 270 del 3 ottobre 2023

Art. 4
Piano del distretto del biologico
1. Il Piano del distretto del biologico deve contenere le informazioni riguardanti i seguenti requisiti:
a) denominazione;
b) delimitazione territoriale del distretto del biologico, con indicazione della superficie minima condotta con metodo biologico, ivi inclusa la superficie in conversione all’agricoltura biologica;
c) proposta di forma giuridica, conforme all’ordinamento in materia di forme associative e societarie tra soggetti pubblici e privati;
d) elenco dei soggetti partecipanti e relativi ruoli ed interazioni tra gli stessi;
e) proposta di organizzazione amministrativa, con l’indicazione dei componenti del Consiglio direttivo, indicazione del legale rappresentante e modalità di individuazione e decadenza dello stesso, ipotesi di statuto e ipotesi di regolamento;
f) finalità del distretto del biologico e attività che si intendono realizzare in coerenza con gli obiettivi strategici individuati nel protocollo dal Comitato promotore;
g) obiettivi, motivazioni e risultati attesi che definiscano la strategia di sviluppo, tra i quali la previsione di percentuale di incremento della superficie agricola utilizzata con il metodo biologico;
h) attività di promozione per la costituzione di gruppi di operatori al fine di realizzare forme di certificazione di gruppo;
i) previsione di impatto sulle condizioni di sostenibilità ambientale, sulla qualità della vita e del lavoro, nonché sulla vitalità economica del distretto del biologico.
2. La Giunta regionale, nell’atto di cui all’articolo 2, comma 6, individua gli ulteriori elementi da inserire nel Piano, tra i quali:
a) una relazione sulla situazione esistente;
b) gli interventi per promuovere l’impiego delle migliori tecniche disponibili rispettose dell’ambiente;
c) i sistemi di misurazione dei risultati attesi attraverso l’attività svolta dal distretto del biologico;
d) gli interventi per promuovere investimenti a sostegno della filiera agroalimentare ed in particolare le attività di trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agroalimentari biologici;
e) gli strumenti finanziari utili per il raggiungimento degli obiettivi.
3. Il Piano ha validità triennale e può essere aggiornato nel corso del triennio.
4. Al termine di ciascun triennio, il Consiglio direttivo trasmette alla Regione una relazione sull’attuazione del Piano.

Espandi Indice