Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1283
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1283 - Mozione proposta dai consiglieri Borghi, Mezzetti, Guerra, Pironi, Monari e Rivi per impegnare la Giunta regionale a richiedere al Governo di adoperarsi affinchè cessi l'indifferenza per la questione cecena e di porre la stessa, all'ordine dei lavori del vertice del G8 che si svolgerà nel giugno 2006 a San Pietroburgo (documento in data 14 04 06).

Testo:

 MOZIONE
L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE
EMILIA-ROMAGNA
PREMESSO CHE
è estremamente difficile per un osservatore
neutrale superare le barriere impenetrabili che
separano la Cecenia dal resto del mondo in quanto
il blackout delle informazioni imposto dalle
autorità russe impedisce una valutazione precisa
degli effetti devastanti del conflitto in atto. La
censura non riesce comunque a nascondere del tutto
l'orrore e, secondo le stime delle organizzazioni
non governative, la cifra delle vittime va dai 100
mila (uno su dieci) ai 300 mila civili (uno su
quattro) mentre sotto gli occhi del mondo intero è
stata rasa al suolo una capitale, Grozny, con i
suoi 400 mila abitanti;
CONSIDERATO CHE
una tale efferatezza non può essere giustificata
come un'operazione anti-terrorismo per lottare
contro un gruppo che annovera dai 700 ai 2000
combattenti, come insiste il Presidente russo
Vladimir Putin;
niente al mondo può scusare l'indifferenza
dimostrata dal nostro tacere mentre in Cecenia è a
rischio il principio fondamentale che sta alla base
della democrazia e dello Stato civile: il diritto
alla vita;
questo conflitto mette a rischio la lotta contro il
terrorismo globale a cui si appella la stessa
Russia;
sbandierando lo spettro del terrorismo ceceno ,
il Governo russo sta sopprimendo le libertà
conquistate con la caduta dell'impero sovietico e
la guerra cecena funge sia da maschera che da
giustificazione per il ristabilimento di un potere
centrale in Russia impedendo alle istituzioni e
alle autorità di contrastare e limitare il
Cremlino;
PRESO ATTO
dell'appello lanciato nei giorni scorsi da un
nutrito gruppo di intellettuali, tra i quali André
Glucksmann e Desmond Tutu, che, sottolineata la
gravità della situazione, espone la necessità di
porre al centro dell'attenzione internazionale il
dramma ceceno;
IMPEGNA LA GIUNTA REGIONALE A RICHIEDERE AL GOVERNO
di adoperarsi affinchè l'indifferenza sulla
questione cecena finisca e sia fatta luce sui fatti
deplorevoli che si stanno perpetuando in quella
regione;
che la questione cecena sia messa all'ordine dei
lavori del prossimo vertice del G8 in programma a
San Pietroburgo nel giugno 2006 affinchè sia
affrontata una discussione aperta per individuare
le soluzioni pacifiche per ripristinare la pace ed
il rispetto dei diritti umani.
Borghi, Mezzetti, Mazza, Guerra, Pironi, Monari,
Rivi