Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1579
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1579 - Risoluzione proposta dal consigliere Corradi per porre in essere interventi della Regione Emilia-Romagna, sia presso il Governo italiano che presso la Conferenza delle Assemblee Legislative delle Regioni d'Europa, per chiedere la ferma condanna della legittimazione giuridica del Partito dei Pedofili olandesi (documento in data 21 07 06).

Testo:

 R I S O L U Z I O N E
Il sottoscritto Roberto Corradi Consigliere
Regionale Lega Nord Padania Emilia e Romagna
Premesso che:
Nei giorni scorsi il Tribunale olandese dell'Aja,
ha riconosciuto legittimo il neo costituito PNDV,
ossia il Partito per la Pedofilia .
La sentenza del Tribunale dell'Aja recita
testualmente che: La libertà di espressione, di
riunirsi, inclusa la libertà di organizzarsi in un
partito politico, sono le basi di una società
democratica .
Partendo dal concetto universalistico di democrazia
(che dall'Atene classica ad oggi è alla base della
civiltà occidentale); i sacerdoti del diritto
dell'Aja, sono arrivati all'illuminante scelta di
legittimare il Partito dei Pedofili.
Lo scrivente Consigliere stenta a credere che la
scelta dei giudici olandesi, sia stata condizionata
dall'alto profilo morale ed etico che caratterizza
il programma politico del Partito dei Pedofili, il
quale prevede, tra l'altro:
La legalizzazione della pornografia infantile
...la riduzione da 16 a 12 anni del limite di età
per avere rapporti sessuali .
Considerato che:
Nella Dichiarazione Universale dei Diritti
dell'Uomo , le Nazioni Unite hanno proclamato che
l'infanzia ha diritto ad un aiuto e ad una
assistenza particolari; precisando che il
fanciullo, a causa della sua mancanza di maturità
fisica ed intellettuale necessita di una protezione
e di cure particolari, ivi compresa una protezione
legale appropriata, sia prima che dopo la nascita.
L'art. 3, comma 1, della Convenzione sui diritti
del fanciullo del 20 novembre 1989, entrata in
vigore il 6 marzo 1987; prevede che: In tutte le
decisioni relative ai fanciulli, di competenza sia
delle istituzioni pubbliche o private di assistenza
sociale, dei tribunali , delle autorità
amministrative o degli organi legislativi,
l'interesse superiore del fanciullo deve essere una
considerazione preminente .
L'art. 34 della Convenzione sui diritti del
fanciullo, stabilisce che: Gli Stati parti si
impegnano a proteggere il fanciullo contro ogni
forma di sfruttamento sessuale e di violenza
sessuale . A tal fine, gli Stati adottano in
particolare ogni adeguata misura a livello
nazionale, bilaterale e multilaterale per impedire:
a) che dei fanciulli siano incitati o costretti a
dedicarsi ad una attività sessuale illegale;
b) che dei fanciulli siano sfruttati a fini di
prostituzione o di altre pratiche illegali;
c) che dei fanciulli siano sfruttati ai fini della
produzione di spettacoli o di materiale a carattere
pornografico.
L'art. 1 del Protocollo opzionale alla Convenzione
dei diritti del Fanciullo , sottoscritto
dall'Olanda e da tutti i Paesi europei, prevede
che: Gli Stati parti vietino la vendita di
bambini, la prostituzione di bambini e la
pornografia di bambini...
L'art. 2, lettera c); del Protocollo opzionale
precisa che: per pornografia rappresentante
bambini si intende qualsiasi rappresentazione , con
qualsiasi mezzo, di un bambino dedito ad attività
sessuali esplicite, concrete o simulate... ;
Rilevato che
La decisione del Tribunale dell'Aja appare assunta
in palese violazione:
della Dichiarazione Universale dei Diritti
dell'Uomo;
della Convenzione sui diritti del fanciullo;
del Protocollo opzionale alla Convenzione dei
diritti del fanciullo.
La legittimazione giuridica del Partito dei
Pedofili, nuova frontiera dell'assalto laicista ai
valori tradizionali della civiltà europea,
prefigura un'idea di società priva di qualunque
riferimento morale, dove, sull'altare di una
distorta libertà individuale , si celebra
l'apologia di ogni egoismo, arrivando perfino a
legittimare pratiche sessuali aberranti a danno dei
bambini.
L'utilizzo da parte dei giudici olandesi di
espressioni quali libertà politica , società
democratica e libertà d'opinione ; per
legittimare un movimento politico che si prefigge
la liberalizzazione della pedo-pornografia e dei
rapporti sessuali con bambini di 12 anni; dovrebbe
far riflettere l'intera Europa sul rapporto tra
legalità e giustizia, e sulla necessità diffusa di
ristabilire un rapporto di aderenza tra il potere
giudiziario ed il sentire dei cittadini.
IMPEGNA LA GIUNTA
A formalizzare al Governo Olandese la contrarietà
ed il radicale dissenso della Regione Emilia
Romagna. rispetto alla legittimazione del Partito
dei Pedofili.
Ad intervenire presso il Governo Italiano affinché
intraprenda ogni utile iniziativa, finalizzata ad
indurre l'Olanda a revocare la legittimazione del
Partito dei Pedofili.
Ad intervenire presso il Governo nazionale,
affinché denunci in sede ONU il Regno d'Olanda, per
violazione della Convenzione dei diritti del
fanciullo.
Ad intervenire presso le istituzioni europee,
chiedendo l'adozione di ogni misura utile per
indurre il Regno d'Olanda a revocare la
legittimazione giuridica al Partito dei Pedofili.
A deferire l'Olanda alla Corte Europea dei Diritti
dell'Uomo.
IMPEGNA L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA
Ad intervenire con urgenza presso la Conferenza
delle Assemblee Legislative delle Regioni d'Europa
(CARLE), per richiedere una ferma condanna della
legittimazione giuridica del Partito dei Pedofili
olandesi.
Roberto Corradi