Menù di navigazione
Legislatura VIII- Atto di indirizzo politico ogg. n. 1799
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
1799 - Risoluzione proposta dai consiglieri Leoni, Francesconi e Filippi contro la proposta di legge finanziaria relativa al 2007 (documento in data 11 10 06).

Testo:

 RISOLUZIONE
L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA
ROMAGNA,
visto
che la Finanziaria del Governo Prodi è stata
bocciata dalla quasi totalità dei soggetti
istituzionali ed associativi presenti nella società
italiana (tutte le sigle del mondo imprenditoriale,
di quello dei professionisti e del lavoro autonomo)
e sta facendo emergere le giuste preoccupazioni di
tutti i contribuenti per il carattere punitivo e
vessatorio che la contraddistingue;
considerato
che questa Finanziaria non taglia le spese in modo
efficace e strutturale, ma aumenta le entrate
fiscali, tanto che, secondo le prime stime, si dice
sia composta fino all'84% da entrate aggiuntive,
con una pressione fiscale che si assesterà sul
livello record del 43% contro il 40,6% del 2005,
andando a penalizzare anche il contribuente che
rientra nella fascia dei 30.000 euro lordi, senza
apportare alcun beneficio ai veri poveri per i
quali la manovra, nonostante queste inique misure
fiscali, ha ben poca attenzione;
evidenziato
che per le famiglie italiane questa Finanziaria
significherà mediamente un aggravio di oltre 1.300
euro non solo tra nuove tasse (69) e nuovi obblighi
contributivi, innalzamento di pedaggi ed accise, ma
anche con il prospettato maggior prelievo fiscale
ad opera delle amministrazioni locali, a cui la
Finanziaria taglia le risorse, ma permette lo
sblocco delle addizionali Irpef (bloccate dal
Governo Berlusconi) determinandone un incremento
(dallo 0,5 allo 0,8%);
posto
che un considerevole e diffuso allarme per gli
effetti dei tagli previsti in questa Finanziaria
(4,3 miliardi di euro) è stato sollevato da tutti i
Comuni e le Province che hanno definito questa
manovra insostenibile , tanto da evidenziare che
gli Enti locali non saranno in grado di far
quadrare i loro bilanci neppure esercitando la
massima pressione fiscale sui contribuenti;
ESPRIME
il proprio totale dissenso di fronte ad una
Finanziaria che contravviene alle promesse fatte
dal Premier in campagna elettorale, sia sul fronte
dell'aumento delle tasse, sia su quello dei
trasferimenti agli Enti locali, sia su quello
dell'equità;
IMPEGNA
il Presidente della Regione a non aumentare, per
quanto di propria competenza, la pressione fiscale
a carico delle famiglie e delle imprese emiliano
romagnole;
INVITA
il Presidente della Regione a presentare un
documento dove siano chiaramente indicati ai
cittadini quali provvedimenti di diminuzione dei
servizi e quali tagli saranno effettuati
dall'Amministrazione regionale a fronte di quanto
imposto dalla Finanziaria del Governo Prodi;
CHIEDE
al Presidente della Regione Errani di mobilitarsi
per protestare, in tutte le sedi di competenza, nei
confronti del Governo, contro questa Finanziaria
che impoverisce gli Italiani, inibisce il rilancio
dell'economia, penalizza gli Enti periferici e
paralizza i consumi.
Andrea Leoni
Luigi Francesconi
Fabio Filippi