Menù di navigazione

 

 

 

261.

 

SEDUTA DI GIOVEDÌ 25 LUGLIO 2019

(POMERIDIANA)

 

PROSEGUITA VENERDÌ 26 LUGLIO 2019

E SABATO 27 LUGLIO 2019

 

PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE RAINIERI

 

INDI DELLA PRESIDENTE SALIERA

 

INDI DELLA VICEPRESIDENTE SONCINI

 

 

INDICE

 

Il testo degli oggetti assembleari è reperibile sul sito dell’Assemblea

 

OGGETTO 7159

Progetto di legge d'iniziativa del Consiglio comunale di Bologna "contro l'omotransnegatività e le violenze determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere". (Deliberazione della Consulta di garanzia statutaria di ammissibilità n. 2 del 19 luglio 2018 pubblicata sul BURERT n. 230 del 25/07/2018) (TESTO BASE) (120)

(Esame articolato, dichiarazioni di voto e approvazione)

(Ordini del giorno 7159/1/2 oggetti 8720 e 8721 - Presentazione, discussione e reiezione)

 

OGGETTO 6586

Progetto di legge d'iniziativa Consiglieri recante: «Norme per il diritto all'autodeterminazione, contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere». A firma dei Consiglieri: Piccinini, Sensoli, Bertani

PRESIDENTE (Rainieri)

DELMONTE (LN)

TAGLIAFERRI (FdI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

FACCI (FdI)

MARCHETTI Daniele (LN)

DELMONTE (LN)

GALLI (FI)

FACCI (FdI)

GALLI (FI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALIANDRO (PD)

PICCININI (M5S)

PRODI (Gruppo Misto)

GALLI (FI)

PRESIDENTE (Rainieri)

GALLI (FI)

TARUFFI (SI)

PRODI (Gruppo Misto)

ROSSI (PD)

PICCININI (M5S)

CALLORI (FdI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALIANDRO (PD)

TAGLIAFERRI (FdI)

PICCININI (M5S)

GALLI (FI)

PARUOLO (PD)

BARGI (LN)

POLI (PD)

FACCI (FdI)

PICCININI (M5S)

GALLI (FI)

MARCHETTI Francesca (PD)

DELMONTE (LN)

TAGLIAFERRI (FdI)

DELMONTE (LN)

PRESIDENTE (Saliera)

CALVANO (PD)

FACCI (FdI)

MARCHETTI Daniele (LN)

GALLI (FI)

CALLORI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALIANDRO (PD)

FACCI (FdI)

GALLI (FI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALLORI (FdI)

PICCININI (M5S)

FACCI (FdI)

GALLI (FI)

BOSCHINI (PD)

GALLI (FI)

PICCININI (M5S)

MARCHETTI Daniele (LN)

FACCI (FdI)

GALLI (FI)

FACCI (FdI)

GALLI (FI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALLORI (FdI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

POLI (PD)

GALLI (FI)

CALLORI (FdI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

TARUFFI (FI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALLORI (FdI)

FACCI (FdI)

PRODI (Gruppo Misto)

BOSCHINI (PD)

TAGLIAFERRI (FdI)

FACCI (FdI)

TAGLIAFERRI (FdI)

CALIANDRO (PD)

FACCI (FdI)

PRESIDENTE (Rainieri)

TARUFFI (FI)

FACCI (FdI)

CALLORI (FdI)

PRESIDENTE (Soncini)

TAGLIAFERRI (FdI)

GALLI (FI)

TARUFFI (SI)

GALLI (FI)

POLI (PD)

CALLORI (FdI)

PRESIDENTE (Soncini)

PRODI (Gruppo Misto)

MORI (PD)

PRESIDENTE (Soncini)

PRESIDENTE (Saliera)

 

Cordoglio per l’uccisione a Roma del vicebrigadiere Cerciello Rega

PRESIDENTE (Saliera)

 

Cordoglio per la morte dell’operaio Luca Caravita

PRESIDENTE (Saliera)

 

Sull’ordine dei lavori

PRESIDENTE (Saliera)

CALIANDRO (PD)

TARUFFI (SI)

FACCI (FdI)

TARUFFI (SI)

FACCI (FdI)

BERTANI (M5S)

 

Ancora sugli oggetti 7159 - 6586

PRESIDENTE (Saliera)

CALIANDRO (PD)

MARCHETTI Francesca (PD)

ZOFFOLI (PD)

PRESIDENTE (Saliera)

PRODI (Gruppo Misto)

PICCININI (M5S)

LIVERANI (LN)

BESSI (PD)

PRESIDENTE (Saliera)

TARASCONI (PD)

CALIANDRO (PD)

GALLI (FI)

TARUFFI (SI)

FACCI (FdI)

PRODI (Gruppo Misto)

CALLORI (FdI)

PICCININI (M5S)

GALLI (FI)

MARCHETTI Daniele (LN)

BERTANI (M5S)

GALLI (FI)

SASSI (Gruppo Misto)

TARUFFI (SI)

CALVANO (PD)

GALLI (FI)

TAGLIAFERRI (FdI)

TARASCONI (PD)

FACCI (FdI)

CALIANDRO (PD)

BARGI (LN)

BERTANI (M5S)

CALVANO (PD)

SASSI (Gruppo Misto)

FACCI (FdI)

CALIANDRO (PD)

PRESIDENTE (Saliera)

PRESIDENTE (Soncini)

CALIANDRO (PD)

TAGLIAFERRI (FdI)

PARUOLO (PD)

MARCHETTI Daniele (LN)

PICCININI (M5S)

CALIANDRO (PD)

PICCININI (M5S)

PRODI (Gruppo Misto)

TARUFFI (SI)

FACCI (FdI)

 

Inversione dell’ordine dei lavori

PRESIDENTE (Soncini)

BARGI (LN)

 

OGGETTO 8599

Richiesta di istituzione, ai sensi dell’art. 60, comma 1, del Regolamento interno dell’Assemblea Legislativa e dell’art. 40, comma 1, dello Statuto della Regione Emilia-Romagna, di una commissione assembleare d’inchiesta sulla rete dei servizi per l’infanzia che opera in questa Regione e sulle attività di educatori e assistenti sociali, a seguito degli abusi emersi nell’inchiesta giudiziaria denominata “Angeli e demoni”. A firma dei Consiglieri: Bargi, Marchetti Daniele, Pompignoli, Delmonte, Pettazzoni, Rainieri, Liverani, Rancan

(Discussione e reiezione)

 

OGGETTO 8619

Richiesta di istituzione, ai sensi dell’art. 60, comma 1, del Regolamento interno dell’Assemblea Legislativa e dell’art. 40, comma 1, dello Statuto della Regione Emilia-Romagna, di una commissione assembleare d’inchiesta sul sistema regionale dell’affidamento dei minori. A firma dei Consiglieri: Facci, Callori, Tagliaferri

(Discussione e reiezione)

 

OGGETTO 8689

Richiesta di istituzione, ai sensi dell'art. 60, comma 1, del Regolamento interno dell'Assemblea Legislativa e dell'art. 40, comma 1, dello Statuto della Regione Emilia-Romagna, di una commissione assembleare d'inchiesta circa il sistema di tutela dei minori nella regione Emilia-Romagna. A firma dei Consiglieri: Caliandro, Taruffi, Prodi, Calvano (215)

(Discussione e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

BARGI (LN)

SASSI (Gruppo Misto)

GIBERTONI (M5S)

DELMONTE (LN)

GALLI (FI)

CALIANDRO (PD)

FACCI (FdI)

CALLORI (FdI)

MOLINARI (PD)

CALVANO (PD)

POMPIGNOLI (LN)

SENSOLI (M5S)

PRODI (Gruppo Misto)

DELMONTE (LN)

BERTANI (M5S)

TAGLIAFERRI (FdI)

MOLINARI (PD)

TARUFFI (SI)

BARGI (LN)

GALLI (FI)

CALVANO (PD)

BERTANI (M5S)

FACCI (FdI)

 

Iscrizione di nuovo argomento all’ordine del giorno

PRESIDENTE (Soncini)

BERTANI (M5S)

 

OGGETTO 8604

Progetto di legge d’iniziativa Consiglieri recante: «Sostegno al microcredito di emergenza». A firma dei Consiglieri: Mumolo, Zappaterra, Calvano, Pruccoli, Ravaioli, Rontini, Bagnari, Poli, Marchetti Francesca, Rossi, Lori, Campedelli, Bessi, Iotti, Zoffoli, Serri, Caliandro (121)

(Relazione, esame articolato e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

MUMOLO, relatore

 

OGGETTO 8539

Progetto di legge d’iniziativa della Giunta recante: «Attuazione della sessione europea regionale 2019 - Abrogazioni e modifiche di leggi e singole disposizioni normative regionali» (122)

(Relazione della Commissione, relazione di minoranza, discussione e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

PRODI, relatrice della Commissione

MARCHETTI Daniele, relatore di minoranza

BIANCHI, assessore

 

OGGETTO 8451

Progetto di legge di iniziativa della Giunta recante: «Sostegno alle imprese localizzate nelle aree montane» (123)

(Relazione della Commissione, relazione di minoranza, discussione e approvazione)

(Ordine del giorno 8451/1 oggetto 8722 - Presentazione, discussione e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

CARDINALI, relatore della Commissione

DELMONTE, relatore di minoranza

CALLORI (FdI)

GALLI (FI)

TAGLIAFERRI (FdI)

TARUFFI (SI)

BIANCHI, assessore

FACCI (FdI)

 

OGGETTO 8668

Progetto di legge d’iniziativa della Giunta recante: «Interventi straordinari nei settori dell'alta formazione musicale, dei beni e delle attività culturali» (124)

(Relazione, discussione e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

CAMPEDELLI, relatore

TAGLIAFERRI (FdI)

DELMONTE (LN)

FACCI (FdI)

BERTANI (M5S)

MARCHETTI Francesca (PD)

CAMPEDELLI (PD)

FACCI (FdI)

BERTANI (M5S)

ZOFFOLI (PD)

CAMPEDELLI (PD)

BERTANI (M5S)

LORI (PD)

ROSSI (PD)

 

OGGETTO 8625

Proposta recante: "Reg. (UE) n. 1308/2013 recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli. Aiuti nel settore dell'apicoltura. Approvazione programma triennale 2020-2022. Revoca della deliberazione n. 1063 del 24 giugno 2019 e contestuale approvazione del programma triennale 2020-2022". (Delibera di Giunta n. 1132 del 08 07 19) (216)

(Discussione e approvazione)

PRESIDENTE (Soncini)

MARCHETTI Francesca (PD)

TAGLIAFERRI (FdI)

 

Ringraziamento al personale

PRESIDENTE (Soncini)

CALIANDRO (PD)

 

Ancora sull’oggetto 8625

PRESIDENTE (Soncini)

 

Allegato

Partecipanti alla seduta

Votazioni elettroniche oggetti 7159 - 8720 - 8721 - 8599 - 8619 - 8689 - 8604 - 8539 - 8451 - 8668

Gli emendamenti (n. 1788) e le relative votazioni all’oggetto 7159 sono depositati agli atti

Emendamenti oggetti 8599 - 8689 - 8539 - 8451 - 8668

Comunicazioni prescritte dall’articolo 69 del Regolamento interno

 

 

PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE RAINIERI

 

La seduta ha inizio alle ore 16,43

 

PRESIDENTE (Rainieri): Buongiorno. Dichiaro aperta la seduta pomeridiana n. 261 del giorno 25 luglio 2019.

Ha comunicato di non poter partecipare, ai sensi dell’articolo 65 del Regolamento interno, il presidente della Giunta, Bonaccini.

Hanno giustificato la loro assenza gli assessori Bianchi, Mezzetti, Petitti e Venturi.

 

OGGETTO 7159

Progetto di legge d’iniziativa del Consiglio comunale di Bologna “contro l’omotransnegatività e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere”. (Deliberazione della Consulta di garanzia statutaria di ammissibilità n. 2 del 19 luglio 2018 pubblicata sul BURERT n. 230 del 25/07/2018) (TESTO BASE) (120)

(Esame articolato, dichiarazioni di voto e approvazione)

 

OGGETTO 6586

Progetto di legge d’iniziativa Consiglieri recante: “Norme per il diritto all’autodeterminazione, contro le discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere”. A firma dei Consiglieri: Piccinini, Sensoli, Bertani

(Ordini del giorno 7159/1/2 oggetti 8720 e 8721 - Presentazione, discussione e reiezione)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Riprendiamo i lavori della seduta antimeridiana di oggi, precisamente con l’esame dell’articolato dei seguenti argomenti: 7159 e 6586.

Ricordo che ci sono 1.787 proposte di emendamento, di cui 63 inammissibili, 44 a firma Liverani, 5 a firma Piccinini, 69 a firma Daniele Marchetti, 135 a firma Galli, 15 a firma Rancan, 713 a firma Facci, 380 a firma Tagliaferri e 426 a firma Callori.

Insistono anche due ordini del giorno: il n. 1, a firma Piccinini e il n. 2 a firma Prodi.

Passiamo quindi alla votazione.

Nomino scrutatori i consiglieri Tarasconi, Zappaterra e Gibertoni.

Cominciamo con gli emendamenti al titolo. Prego.

 

DELMONTE: Chiedo solo un chiarimento: volevo capire se gli emendamenti che stanno distribuendo ora comprendono anche quelli già distribuiti ieri, o se invece quelli già distribuiti tra ieri e stamattina dobbiamo riordinarli noi. Solo questo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): L’ultima distribuzione è una copia per Gruppo, come si era d’accordo, solo sull’articolo 1, comprendente tutti quelli sull’articolo 1, così diventa meno incasinato.

Consigliere Tagliaferri.

 

TAGLIAFERRI: Volevo sapere solo se sono stati distribuiti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Uno per Gruppo, come da accordi. Presumo ce l’abbia il suo Capogruppo, come da intervento di ogni Gruppo fatto nella mattinata.

Consigliere Tagliaferri?

Partiamo con la votazione dell’emendamento n. 1, con la votazione dell’emendamento n. 1, a firma Liverani.

Dibattito generale su tutti gli emendamenti. Dichiarazione di voto?

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente. Giusto per capire l’ordine dei lavori. Rispetto ad ogni articolo la tempistica sono dieci minuti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Dieci in dibattito generale, complessivi.

 

FACCI: L’articolo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Sì. E cinque sulle dichiarazioni di voto, per Gruppo.

Consigliere Facci, non l’abbiamo inventato oggi, è una prassi che facciamo ormai dall’inizio della legislatura, almeno che mi ricordi io.

Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Grazie, presidente. Buon pomeriggio a tutti.

 

(interruzione)

 

Un po’ di cortesia, penso che…

 

PRESIDENTE (Rainieri): È stato cortese. Non incominciamo già sulle cortesie, perché se no… Immagino in discussione generale.

 

TAGLIAFERRI: Certo, in discussione generale.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Prego, a lei.

 

TAGLIAFERRI: Grazie, presidente.

Volevo soffermarmi su qualche punto saliente. Chi è rimasto orfano dell’ideologismo del secolo scorso ha cercato di riempire questo grande vuoto dapprima con il relativismo culturale, cioè con la tesi per la quale culture diverse presentano costumi e valori diversi, su cui nessuna scienza può pronunciare giudizi di valore.

Poi con il relativismo etico… Scusi, presidente, ma…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Il consigliere Tagliaferri ha ragione. Io chiedo ai colleghi di prestare un minimo di attenzione…

 

(interruzione)

 

Aspettate un attimo. Fatemi finire.

 

TAGLIAFERRI: Possono uscire se non vogliono ascoltarmi.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Decido io cosa possono fare…

 

TAGLIAFERRI: E tenga conto del tempo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Tagliaferri, sono io a presiedere e decido io cosa dire ai colleghi, e non lei.

 

TAGLIAFERRI: Chiedo scusa, presidente.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Dicevo, se vogliono prestare attenzione, a me fa piacere. Se, invece, non vogliono prestare attenzione, almeno facciano silenzio. Grazie.

Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Capisco che i discorsi sul relativismo siano qualcosa di particolarmente astruso e qualcosa di particolarmente difficile da comprendere per qualcuno.

Dicevo, relativismo etico per i quali i princìpi e i giudizi etici sono relativi alle norme stabilite dagli individui o a quelle vigenti in determinate culture, cosicché non esisterebbe alcuna morale universale.

Oggi, con l’invenzione e la promozione dei cosiddetti “nuovi diritti”, che a ben guardare null’altro sono se non il dare istituzionalizzazione e riconoscimento giuridico a diversi egoismi relativisti, tanti laicisti, liberali, socialisti, comunisti e anche qualche cattolico cosiddetto “adulto” hanno provato a dare un violento colpo di forbice a questi valori, cercando di farci credere che la democrazia sia la faccia istituzionale del relativismo morale. Questo è un errore pericolosissimo. Una democrazia relativista è vuota, ci fa perdere ogni identità collettiva e ci priva di qualunque senso obiettivo del bene.

L’avversario è sempre lo stesso. Prima si alimentava delle illusioni d’oltrecortina, oggi del turbocapitalismo d’oltreoceano, ma l’obiettivo è sempre il medesimo, quello di imporre una visione materialista dell’uomo. Da battere sono sempre le nostre radici, il nostro credo, la nostra tradizione ed il soggetto primario che le trasmette, ovvero la famiglia.

Venendo ora alle discriminazioni su base sessuale, colpisce proprio quella perpetrata da uno dei Comuni che si sono fatti promotori di questa proposta di legge. Se da un lato, infatti, il Comune di Reggio Emilia a maggioranza ha votato questa proposta di progetto di legge, poche settimane dopo, sempre a maggioranza, ha votato una mozione con la quale condannava l’Apostolato di Courage, ovvero di quei gruppi di sostegno ecclesiali che prendono le mosse dalla consapevolezza che l’individuo che ha a che fare con attrazioni per lo stesso sesso ha un particolare bisogno di sperimentare la libertà della castità interiore e, in quella libertà, di trovare la via necessaria per vivere una vita pienamente cristiana, in comunione con Dio e con gli altri. Courage, dicevo...

Se smettono di ridere i colleghi...

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Tagliaferri, lei sa benissimo che un po’ di bisbiglio ci sarà sempre. Non è che tutti staremo attenti a quello che lei dice costantemente.

Dopodiché, se lei si ferma tutte le volte, io non è che le do secondi in più, rimane sempre quello il tempo, e lei fa perdere il filo del discorso anche a chi ci ascolta. Quindi, le conviene, forse, continuare.

 

TAGLIAFERRI: Grazie del consiglio.

Courage costituisce ormai una missione tradizionale della Chiesa cattolica, anche se in Italia non è ancora così diffusa, che aiuta migliaia di uomini e di donne in tutto il mondo a trovare la pace attraverso l’amicizia, la preghiera e i sentimenti.

Evidentemente, l’omosessualità va difesa, se essa conserva una carica dirompente rispetto alla società tradizionale, quindi alla famiglia e alla religione. Va invece discriminato e perseguitato l’omosessuale che conscio della propria natura sceglie la strada della castità, non conformandosi allo stereotipo imposto dalla lobby LGBT.

Se un omosessuale sale mezzo nudo su un carro di carnevale che attraversa la città, assume il diritto a veder giuridicamente riconosciuto il suo status, e viene ricoperto di pubblici finanziamenti. Se invece pratica l’astinenza e cerca conforto nella preghiera, va stigmatizzato e messo al rogo.

Venendo ora a questo progetto di legge, in primo luogo vorrei sfatare il mito per il quale si tratti di dare risposta all’esigenza di centinaia di migliaia di cittadini. Va infatti chiarito che ci si trova di fronte ad un progetto di legge d’iniziativa di un Consiglio comunale, cui si sono associati alcuni altri Consigli su pressione del Partito Democratico. Non è certamente un testo di iniziativa popolare, poiché questa soluzione avrebbe richiesto la raccolta di migliaia di sottoscrizioni che evidentemente non ci sono.

Intendiamoci: pienamente legittimo, ma non espressione del comune sentire degli 800.000 abitanti di quei Comuni, né tantomeno di decine di migliaia di sottoscrizioni raccolte, ma soltanto di un partito politico: il Partito Democratico.

La Regione dispone di un osservatorio e di una rete contro le discriminazioni, che opera ormai da anni. Tale rete è peraltro ampiamente diffusa a livello territoriale, potendo contare su ben 153 fra nodi e sportelli. Mi è quindi parso naturale rivolgermi a tale rete strutturata per avere ufficialmente un quadro dei casi di discriminazione trattati in relazione all’orientamento sessuale, suddivisi per annualità e per provincia.

Orbene, i dati forniti evidenziano che si tratta complessivamente di sedici casi in otto anni, in tutta la regione, cui si possono aggiungere un massimo di ulteriori 20 casi riferiti ad annualità nelle quali non veniva operata, nella raccolta di dati, distinzione tra casi che rientravano in handicap, genere ed orientamento sessuale, aggregati tutti nella medesima voce.

Nel 2017, ultima annualità in relazione alla quale esiste un quadro definito dei dati, si tratta di un unico caso in tutta la regione, cioè un caso su 4.200.000 abitanti. Altro che leggi ad personam. Analoghi, ma più precisi, sono i dati OSCAD, cioè quelli del Ministero dell’interno, ma ho preferito citare quelli regionali perché evidentemente non contestabili dai colleghi di maggioranza.

Vedete, il pensiero o, meglio, il convincimento vero di chi promuove questa legge è che l’unico modo di evitare, anche potenzialmente, una discriminazione non è quello di punire chi la commette, ma è quello di riplasmare la società in modo che quella diversità diventi la normalità. E da dove si inizia a riplasmare una società? In primo luogo dall’educazione, fin dalla primissima infanzia, poi dall’omologare l’informazione, per terminare con l’imposizione dei nuovi modelli attraverso i mass media, in particolare la televisione.

Questo è esattamente il percorso tracciato da questa legge, che tramite l’articolo 3 porta, in maniera sistematica, il gender nelle scuole, per terminare con l’articolo 8 con l’imporre le briglie all’informazione e alla programmazione televisiva attraverso il CORECOM.

Certo, gli emendamenti proposti ieri dalla maggioranza alleggeriscono la portata di questa legge…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Tagliaferri, lei ha finito il tempo. Grazie.

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Io credo che questo articolo 1 meriti una riflessione di fondo, perché forse è uno dei più importanti articoli del progetto di legge, perché parliamo di princìpi e finalità. Allora, nella valutazione circa la bontà di questo progetto di legge, così per richiamare anche quelle che sono state le riflessioni che abbiamo fatto in questi giorni, anche questa mattina in chiusura, sulle motivazioni e sulla necessità di questo progetto di legge, ricordo chi ha rivendicato la necessarietà di un progetto di legge di tal genere. Una delle motivazioni che abbiamo più volte richiamato anche nelle discussioni in Commissione per sottolineare, dal nostro punto di vista, la non necessità, la non indispensabilità di questo progetto di legge, vi era il fatto che esiste già una legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere. Questa è la legge n. 6/2014 di questa Regione, legge che all’articolo 2 ha una precisa finalità, quella di rimuovere ogni forma di disuguaglianza pregiudizievole, ogni discriminazione diretta o indiretta nei confronti delle persone. La legge evidenzia che in quelle intenzioni vi era il richiamo prevalentemente a donne, ragazze e bambine, ma parte da una premessa, che è quella di rivolgersi a ogni persona.

Proprio per rimandare al mittente le accuse di chi sostiene che non vogliamo riconoscere diritti o vorremmo conculcare diritti a realtà che si assumono discriminate, noi riteniamo, siccome parliamo di persone, che tutte le persone possono, anzi ‒ non “possono” ‒ ricevono adeguata tutela da quelli che sono gli attuali strumenti di riconoscimento giuridico di ciascuna persona, a partire dalle convenzioni internazionali per fare, poi, riferimento alla legge primaria per eccellenza, che è la Costituzione italiana, e arrivare, naturalmente, alle norme repressive previste dal nostro diritto positivo, a partire dal diritto penale.

Il fatto che questa sia una legge inutile dal punto di vista del prevedere tutele lo si evince da una semplice comparazione tra questo articolo 1 e l’articolo 2 della legge regionale 6 del 2014.

Torna in campo, allora, secondo ovviamente la nostra valutazione, la nostra considerazione, il vero motivo per il quale questo progetto di legge è stato presentato. Il vero motivo è che si vuole in un qualche modo creare una serie di corsie preferenziali in nome di un’asserita discriminazione.

Il fatto che sia stato espunto, come noto, il termine “omotransnegatività”, non riduce la portata ideologica di questa proposta di legge. Non la riduce perché l’intero costrutto, a partire proprio da questo articolo 1, è indirizzato nel senso di voler introdurre una serie di riferimenti e una serie di attività che in qualche modo indirizzano questo progetto di legge verso una vera e propria attività di riconoscimento di una sorta di corsia preferenziale.

Qualcuno le ha chiamate “quote gay”, espressione che obiettivamente non mi piace. Rende molto bene il senso, ma non mi piace. Come non mi piace l’espressione “quote rosa” quando si parla di iniziative o di misure che riguardano il settore della parità tra uomo e donna nell’ambito delle varie forme di accesso: accesso alla pubblica amministrazione, quote, liste elettorali e quant’altro possa essere in qualche modo ritenuto meritevole di una parificazione.

Allora, il fatto che questo intero costrutto dell’intera legge non subisca fondamentalmente una modifica mantiene, di fatto, il nostro giudizio negativo.

Qualcuno ha detto, nei precedenti interventi, come dovessimo in qualche modo essere riconoscenti o, quantomeno, ben disposti per il fatto che questo progetto di legge esce depotenziato dalla scure degli emendamenti che la stessa relatrice di maggioranza ha presentato. Per certi aspetti è vero. Per certi aspetti questo progetto di legge esce depotenziato. Ma dal nostro punto di vista è solo formale, ed è solo formale perché l’impianto nella sua interezza, nella sua complessità mantiene di fondo questa ossatura di fondo, che in qualche modo vuole creare un riferimento, vuole far diventare, alla fine, questo progetto di legge come una bandiera, quindi un approccio squisitamente ideologico, per sottolineare la necessità di contestare ogni tipo di pensiero differente rispetto a un’impostazione di fondo che necessariamente non ci trova d’accordo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie, consigliere Facci.

Se non ci sono altri interventi in discussione generale, passiamo alla dichiarazione di voto.

Se non ci sono interventi in dichiarazione di voto, mettiamo in votazione per alzata di mano…

 

(interruzione)

 

Benissimo, passiamo alla votazione elettronica sull’emendamento.

Consigliere Tagliaferri, prego…

 

(interruzione)

 

Ci doveva essere prima la richiesta del voto nominale. Ma, visto che il suo collega ha chiesto il voto elettronico, si annulla il voto nominale. La prossima volta mettetevi d’accordo un po’ meglio.

Passiamo alla votazione, con il dispositivo elettronico, dell’emendamento n. 1, a firma Liverani.

La votazione è aperta.

L’emendamento n. 1, a firma Liverani, sul titolo. Siamo agli emendamenti sul titolo.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 42

Votanti 40

Favorevoli 8

Contrari 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo alla votazione dell’emendamento n. 97, a firma Galli.

La votazione è aperta.

Consigliere Delmonte, prego.

 

(interruzioni)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Marchetti, prego.

 

MARCHETTI Daniele: Scusi, volevo soltanto segnalare che non è stato preso il mio voto favorevole dal sistema.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Registriamo il voto favorevole del consigliere Marchetti e della consigliera Zappaterra in negativo, presumo. Anche Serri. Benissimo.

Consigliere Delmonte, prego.

 

DELMONTE: Volevo chiedere qualche chiarimento, perché sta mettendo in votazione degli emendamenti che noi... Nel plico distribuito ai Capigruppo non è questo l’ordine che abbiamo. Volevo capire, o ci manca un plico oppure c’è qualcosa che non va.

Io come primo ho il 194 nel plico distribuito.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Lei ha quelli riguardanti l’articolo 1.

 

DELMONTE: L’altro plico dov’è?

 

PRESIDENTE (Rainieri): Sono stati distribuiti anche ieri nelle varie...

 

DELMONTE: Però prima mi ha detto...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Sull’articolo 1 ci sono tutti.

 

DELMONTE: Lo so, però prima mi ha detto che quelli distribuiti ieri sono stati ridistribuiti oggi nell’ordine giusto. Evidentemente no. Sì, l’ha detto. L’ho chiesto prima apposta.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Allora: gli emendamenti voi li avete, ma non sono in ordine. Consigliere Delmonte, lei ha ragione, però non è previsto dal Regolamento che vengano messi in ordine a seconda della presentazione.

Questi sono i cinque emendamenti sul titolo: sono stati anche distribuiti ieri. Dall’articolo 1 sono stati distribuiti tutti, presentando sia quelli di ieri che quelli di oggi: sull’articolo 1.

 

DELMONTE: Ma la mia richiesta non era sull’ordine, presidente, ho capito: mi mancavano quelli sul titolo, proprio.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Se vuole le faccio distribuire questi quattro che mancano, però lei li ha già avuti ieri, nelle altre distribuzioni che sono state fatte.

 

DELMONTE: Va bene. Smentisce quello che avete detto prima, come presidenza, ma va bene lo stesso.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Chiedo scusa, io faccio il mea culpa, ma considerando i 1.787 emendamenti, qui c’è un po’ di confusione, nel senso che stanno lavorando da parecchie ore per mettere a posto i 1.787 emendamenti che sono stati presentati. Per cui, può anche darsi che qualche emendamento non sia perfettamente nell’ordine da voi giustamente desiderato.

Nel caso in cui riscontraste qualcosa che non va, ditelo a questa presidenza e questa presidenza proverà a fare in modo di venirvi incontro e di cercare di evitarvi problemi nello svolgimento del vostro lavoro.

Consigliere Galli, prego.

 

GALLI: Mi scusi, presidente, volevo far correggere il voto: per errore è stato contabilizzato come contrario, ma è a favore dell’emendamento Liverani.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Okay, registrato.

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Sull’ordine dei lavori: vista la questione sugli emendamenti e le difficoltà, è sufficiente, a mio avviso, quantomeno che sia indicato il numero dell’emendamento, perché, siccome sono tutti numerati, è sufficiente quello. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Questo è sempre stato fatto. Io prima leggo il numero e poi il firmatario.

La ringrazio per il suggerimento, ma da questi uffici, da questi tecnici è sempre stato fatto.

Andiamo avanti. Passiamo alla votazione dell’emendamento n. 97, a firma Galli.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 44

Votanti 43

Favorevoli 4

Contrari 34

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamento n. 23, a firma Piccinini.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 43

Votanti 42

Favorevoli 7

Contrari 35

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 346, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 41

Votanti 40

Favorevoli 4

Contrari 31

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 1353, a firma Facci.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 43

Votanti 42

Favorevoli 4

Contrari 32

Astenuti 6

 

È respinto.

 

Passiamo, ora, agli emendamenti sull’articolo 1, al titolo dell’articolo 1.

Sono due emendamenti.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione per alzata di mano l’emendamento n. 66.

 

(interruzione)

 

Ma lei non ha chiesto il voto elettronico su tutti gli emendamenti. Se lei mi chiede…Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Chiedo cortesemente il voto elettronico su tutti gli emendamenti a mia firma.

 

GALLI: Chiedo il voto elettronico su tutti gli emendamenti a mia firma.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Tagliaferri.

 

TAGLIAFERRI: Io invece sono un po’ più estensivo e un po’ più democratico e lo chiedo su tutti gli emendamenti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Anche quelli non a sua firma?

 

TAGLIAFERRI: Anche quelli non a mia firma.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Lei è molto generoso, la ringrazio.

Consigliere Caliandro.

 

CALIANDRO: Nella piena consapevolezza che il voto elettronico serve a lasciare traccia del voto, chiedo e interpello la presidenza per sapere se l’orario dei 60 secondi di tempo che deve essere aperto il voto, è emendabile, modificabile, perché nel Regolamento non credo ci sia scritto 60 secondi.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Il Regolamento prevede fino a 60.

 

CALIANDRO: Fino a 60 secondi.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Il problema è che le macchine sono state tarate sui 60 secondi. Quindi, se noi la chiudiamo prima, al momento non siamo in grado di chiudere la votazione prima.

 

CALIANDRO: Suggerisco la soluzione di chiedere chiaramente un voto sulla possibilità di arrivare a 30 secondi, e poi, dal momento in cui dichiara chiusa la votazione, il voto comunque viene concluso e c’è tutto il tempo per far finire il lavoro. Se non lo si riesce a fare in maniera informatica, si riesce a fare in maniera artigianale, però recupereremmo 30 secondi.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Sulla richiesta del presidente del Gruppo del PD, sospendo l’aula tre minuti per verificare con i tecnici la possibilità di ridurre non in maniera artigianale, perché qui non stiamo facendo il Parmigiano Reggiano, ma stiamo votando con dei dispositivi elettronici che non sempre ci consentono di usare la manualità.

Grazie, presidente.

 

(La seduta, sospesa alle ore 17,21, è ripresa alle ore 17,28 di giovedì 25 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Riprendiamo le votazioni con lo stesso sistema attuale, dopo una piccola riunione informale tra i capigruppo.

Se siamo pronti, passiamo alla votazione dell’emendamento n. 66, a firma Marchetti, con il dispositivo elettronico.

La votazione è aperta.

Marchetti Daniele. Dov’è il campanello? Sto cercando il campanello.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 9

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo alla votazione dell’emendamento n. 98, a firma Galli.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 42

Votanti 40

 

(interruzione)

 

L’ho chiusa io perché avete votato tutti presenti.

 

(interruzione)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Non ha votato lei?

 

(interruzione)

 

Io sono che non ho votato. Il presidente non vota, di solito.

 

Presenti 42

Votanti 41

Favorevoli 4

Contrari 31

Astenuti 6

 

È respinto.

 

Passiamo ora alla votazione degli emendamenti sull’articolo 1.

Siamo in discussione generale. Consigliera Piccinini, prego.

 

PICCININI: Grazie, presidente.

Com’è noto, noi abbiamo presentato solamente cinque emendamenti, quindi la nostra non è evidentemente un’azione ostruzionistica, ma entriamo nel merito.

L’emendamento 24, lo abbiamo già detto, siamo nei princìpi e nelle finalità della legge. In Commissione è passata una modifica che noi reputiamo altamente peggiorativa: si passa da “La Regione garantisce il diritto all’autodeterminazione” a “La Regione riconosce il diritto all’autodeterminazione”.

Abbiamo già avuto modo di spiegare in discussione generale perché ci pare una modifica, tra l’altro, non legittima, nel senso che “garantisce” è il termine utilizzato nella legge umbra, che è stata scritta con l’apporto della Rete Lenford, però non vogliamo lasciare alibi alla maggioranza, quindi presentiamo un emendamento che dice: “La Regione riconosce e, per quanto di propria competenza, garantisce”. Chiedo uno sforzo alla maggioranza, perché è un emendamento veramente di buonsenso, che non lascia spazi. Nel caso, chiedo di motivare l’eventuale dissenso a questo emendamento.

Il secondo emendamento, il n. 25, l’avevamo presentato anche in Commissione: chiediamo che, nel perseguire le finalità della legge, vengano previste tutele e misure specifiche per le persone trans o, comunque, impegnate in percorsi di transizione. Lo ribadisco, sono persone che, dal nostro punto di vista, devono avere le Istituzioni dalla loro parte. Su questo, abbiamo presentato anche un ordine del giorno sul problema dell’irreperibilità della terapia ormonale e chiediamo che questa Giunta ascolti almeno queste associazioni, che sicuramente conoscono il problema da vicino.

L’emendamento 26 riguarda un argomento che abbiamo trattato più volte in quest’aula, ed è l’iscrizione dei figli all’anagrafe delle coppie LGBT. Prevediamo che la Regione possa offrire ai Comuni, soprattutto a quelli più piccoli, che non hanno le professionalità interne per affrontare tematiche complicate, soprattutto dal punto di vista giuridico e legale di questo tipo, chiediamo ‒ dicevo ‒ che la Regione offra ai Comuni supporto da un punto di vista tecnico. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliera Prodi, prego.

 

PRODI: Volevo solo approfittarne, visto che siamo all’inizio della votazione. Io assicuro la mia presenza fisica, però, dovessi cedere e non riuscire a seguire tutte le votazioni, anticipo che voterò contro tutti gli emendamenti dei...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliera Prodi, non vale. Sennò faremmo tutti così e andremmo tutti a casa. Lei deve stare qui e viene registrata la sua votazione. Lei può anticipare il voto contrario o a favore, ma fisicamente, se lei dovesse non riuscirci, come ha detto...

 

PRODI: Voterò a favore degli emendamenti della collega Piccinini. Punto.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo. Grazie.

Consigliere Galli, prego.

 

GALLI: Grazie, presidente.

La differenza tra credere in quello che si fa e in quello che non si fa si vede anche nel tentativo di tenere presente le proprie posizioni anche per un periodo molto lungo. Perdono questa debolezza della collega Prodi perché, essendo donna ed essendo probabilmente affaticata già da queste ore...

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Scusate! Per favore! Fate parlare la Presidenza.

Consigliere Galli...

 

GALLI: Permettetemi...

 

PRESIDENTE (Rainieri): No. Non le permetto di utilizzare certe affermazioni. Il termine “donna” in questo caso è assolutamente a sproposito. Se qualcuno non se la sentirà e non riuscirà a stare in piedi sarà sia uomo che donna, ma lei non può fare questo tipo di affermazioni. Quindi, le chiedo, gentilmente, di chiedere scusa al genere donna e di evitare in futuro questo tipo di dichiarazioni, che non servono ad altro che ad alimentare delle inutili e sterili polemiche.

Dopodiché, lei si è anche appena sposato con una donna, quindi ritengo che sua moglie con queste dichiarazioni non sia effettivamente molto contenta. Grazie.

 

GALLI: Presidente, ho molta stima di lei, ma mi permetto di dissentire dal suo garbato invito a chiedere scusa. Spiegherò il motivo. Ritengo di essere all’antica, con quell’educazione formale che permette a una donna di aprirle la porta, di farla entrare in casa con precedenza, quelle piccole cortesie nei confronti delle donne che credevo fossero ormai materiale indistinto a disposizione di tutti. Ma è evidente che o sono stato equivocato, oppure queste tradizioni sono andate al macero come tante altre.

La frase nei confronti della collega Prodi era solo una frase di gentilezza, permettetemi. Fra Andrea Galli, che ha fatto il paracadutista tanti anni fa, e che crede di avere una formazione rocciosa, e una donna, che è una persona aggraziata, una persona dotata di meno fisicità di un uomo, e non lo dice Andrea Galli, lo dice il comune sentire: non era nelle mie intenzioni, e non poteva essere interpretato in modo diverso. È una gentilezza…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Galli, la invito a rientrare nella carreggiata giusta. Pur avendo fatto lei il paracadutista, credo che si stia lanciando senza il paracadute. Credo che lei debba rientrare nella discussione generale degli emendamenti di cui stiamo parlando, ma la invito a rivedere il suo lancio con il paracadute.

 

GALLI: Volentieri. Anche perché essendo passato da allora molto tempo, probabilmente non troverei neanche la porta d’uscita dell’aereo.

Noi oggi stiamo discutendo di una serie di articoli importanti, non tanto per la legge in sé, ma perché su questa legge si è realizzata quella che potremmo chiamare una tempesta perfetta. Una tempesta perfetta è data da quelle situazioni in cui, per una serie di accadimenti non necessariamente di volontà delle parti, si sviluppa un confronto muro contro muro fra destra e sinistra, fra chi crede che la differenza fra uomo e donna…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Su questo, consigliere Galli, le do ragione. Chiedo scusa.

 

GALLI: Ma io non mi lamentavo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Lo so che lei non si lamentava, mi lamento io.

Io capisco chi i paracadutisti si lancino anche con un rumore assordante sotto, dell’aereo, però in questo caso facciamo che lei si lanci con un aliante. Credo quindi che sia giusto il silenzio in aula. Prego.

 

GALLI: Dagli alianti non ci si lancia. Glielo dico così…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Lo so, però era per farle un favore.

 

GALLI: Grazie, presidente, lei è sempre molto gentile.

Discutiamo oggi di una tempesta perfetta dove si sono realizzate le condizioni perché destra e sinistra possano far vedere le loro differenti visioni del mondo, e in questo scontro è evidente che ci sono morti e feriti. Ci sono discussioni che trascendono. Ci sono delle posizioni che purtroppo, essendo muro contro muro, possono essere anche troppo nette. Qual è la differenza fra quello che noi sosteniamo in questa lunga giornata, lunga nottata che abbiamo davanti, e poi forse anche di più? Noi sosteniamo che le leggi che oggi sono a disposizione di qualunque cittadino siano largamente sufficienti a tutelare qualunque cittadino. È molto semplice. Sosteniamo che quella legge che voi oggi avete portato in discussione sia una legge mossa non da una volontà all’interno di questa Assemblea, non da una volontà all’interno, legittimamente, di un qualche consigliere regionale, ma si tratta di una legge portata qui dentro appositamente, come un cavallo di Troia, per suscitare un dibattito e un consenso su una posizione politica tutto sommato marginale. Perché dico marginale? Perché i numeri di cui si parla, come ha richiamato poco fa il collega Tagliaferri, sono minimissimi. Permettetemi di usare questa iperbole: minimissimi.

L’anno scorso, se non ricordo male, i casi a cui questa legge forse si sarebbe potuta applicare sono uno, due, tre, forse meno. È chiaro che voi a questo punto direte: ma anche se ci fosse un solo caso, varrebbe la pena fare questa legge. È vero. Nella Bibbia c’è scritto che per Sodoma e Gomorra anche un solo cittadino di princìpi meritevoli avrebbe potuto salvare l’intera città. Ma non è così nel caso di una legge.

Oggi già le leggi italiane coprono per qualunque tipo di violenza che un cittadino italiano o non italiano subisca all’interno del territorio nazionale. Voi portate questa legge solo ed esclusivamente come marchetta elettorale – permettetemi questo termine – la portate solo ed esclusivamente per suscitare un dibattito e un consenso, alzando gli steccati, suscitando delle antipatie – non voglio dire odi, ma delle antipatie – che certamente si potevano evitare.

Avete corretto il testo in queste settimane e in questi mesi. Oggi il garbatissimo collega Paruolo ricordava che alcuni emendamenti hanno ancora le stimmate della precedente lettura, perché parlano di omotransnegatività, che è passata in cavalleria, parlano di una serie di passaggi che rivelano un cambiamento nell’impianto legislativo. Collega Paruolo, questi cambiamenti sono cerotti su una gamba di legno. Questi cambiamenti non cambiano in nulla l’impianto di questa legge. Servono ad alcuni che si dicono cattolici, che si dicono richiamanti a quell’area politica per mettere a posto la loro coscienza, guadagnare quel consenso elettorale, presentarsi a qualche prete o a qualche vescovo dicendo “io non ho fatto questo, io mi sono astenuto, io ho cambiato la legge, io ho fatto questo”. Sono piccoli cerotti su una gamba di legno.

Voi avete tolto la parola “omotransnegatività” forse dal testo dell’impianto legislativo, ma quella parola resta su questa legge perché è il principio che voi avete voluto far passare.

Nelle scorse discussioni, qualche mese fa, fonte di polemica, e dal centrodestra ho sollecitato con la massima forza, è stato il concetto di reato potenziale, di psicopolizia, che voi avete cercato di mettere e poi, rendendovi conto che era un’evidente sciocchezza, l’avete tolta. Avete tolto quel concetto di psicopolizia di reati potenziali, di reati che avrebbero dovuto essere repressi prima ancora che venissero commessi. Siccome non siamo nati ieri, l’attenzione l’abbiamo mantenuta alta su questa vicenda. Abbiamo presentato molti emendamenti non perché non abbiamo niente di meglio che stare qua le prossime 10, 20 o 30 ore, ma perché questa legge si basa sulla differenza tra noi e voi. È una battaglia marginale, perché è una legge che riguarderà pochissime persone, ma moltissimi problemi. Chi valuterà il reato potenziale? Chi valuterà quei reati psicologici che voi volete a gran forza mettere dentro questa legge, di riffa o di raffa? I problemi che verranno fuori da questa legge voi li avete valutati? Li avete considerati? Come fate a sostenere: prevenire e superare le situazioni anche potenziali. Prevenire? Le leggi italiane sono già largamente sufficienti.

Il termine “omotransnegatività” io l’ho cercato in tanti posti. Non esiste. Ve lo siete inventati negli ultimi mesi. Voi siete i campioni del mondo di invenzione di soggetti nuovi, parole nuove, reati nuovi, ma non correte dietro a quello che la gente chiede veramente. Ci avete accusato di aver fatto un cappello anche troppo ampio sui fatti di Bibbiano, ma la polemica di ieri, di oggi, delle scorse settimane...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Galli, grazie.

 

GALLI: Questa legge nasce dallo stesso impianto.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie mille.

Consigliere Taruffi, prego.

 

TARUFFI: Grazie, presidente.

Solo per mettere a verbale, per utilità anche di verbale, che voteremo contro tutti gli emendamenti che sono stati presentati dalle destre e staremo qui ad oltranza. Il mio voto non mancherà mai. Il nostro voto non mancherà mai, senza nessun problema.

Ovviamente, alcune considerazioni che sono state svolte e che ho sentito meriterebbero una dura censura, ma essendo state rese dalla persona che ha parlato non meritano alcun tipo di risposta, perché, come diceva...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Taruffi, se però io cerco di spegnere i fuochi e lei ci va a gettare benzina, va a finire che questa diventa un’arena più che un’aula. Quindi chiedo anche a lei…

 

(interruzione del consigliere Galli)

 

Consigliere Galli, se mi fa finire… Guardate, io sono molto rimbambito, ormai, però presumo che se continuiamo così, mi rimbambirete ancora di più, quindi rischierò di fare anch’io delle castronerie, oggi. Però se partiamo così… Sono dieci minuti che abbiamo iniziato, abbiamo votato cinque emendamenti. Se andiamo avanti così, per gli altri 1.780 ho la vaga sensazione che qua dentro succeda qualcosa che poi ci porti fuori dalle righe.

Quindi, consigliere Taruffi, invito anche lei a non usare la sciabola, ma ad usare il fioretto. Quindi chiedo anche a lei di utilizzare dei toni più consoni a quest’aula, e di rientrare nella discussione generale sugli emendamenti.

 

TARUFFI: Ho appena detto che avrebbero meritato una censura che non farò, quindi mi sono limitato a dire che voteremo contro tutti gli emendamenti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo. Si limiti a quello, la ringrazio.

Consigliera Prodi.

 

(interruzione)

 

Se fate parlare la consigliera Prodi, sentiamo anche cosa vuole dirci la nostra collega, altrimenti…

 

PRODI: Due secondi per fatto personale. Non è la prima volta che il collega Galli si esprime in modo improprio. Non raccolgo la provocazione. Gli ricordo che sono una donna, ma una donna di Reggio Emilia: lei sta sottovalutando comunque la forza che abbiamo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie, consigliera Rossi, prego.

 

ROSSI: Sarò anch’io molto breve, ma considerato…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Su che cosa? Discussione generale o fatto personale?

 

ROSSI: Fatto personale.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Anche lei si sente…? Benissimo.

 

ROSSI: Anche io mi sento in dovere di tranquillizzare il roccioso collega Galli. Considerato che ha presentato 97 dei 1.700 e passa emendamenti che dovremo votare qui in aula, io sono ben felice, contenta e soddisfatta, se mi si mi ascolta, magari…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliera Rossi, lei deve parlare a me, non al consigliere Galli. Ascolto io.

 

ROSSI: Parlo a lei. Sarò ben felice, e altrettanto rocciosa quanto lui, di votare contro tutti i suoi emendamenti, e non solo, anche a tutti gli emendamenti presentati dalle minoranze.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo, grazie.

Consigliera Piccinini, anche lei per fatto personale?

 

PICCININI: No, intervengo in discussione generale, ritornando sul merito della legge, perché mi segnalano un’agenzia del presidente Bonaccini in cui dichiara che il confronto con le opposizioni ha permesso di fare alcuni passi avanti. Mi spiace smentire queste parole. Però, vorrei approfittarne per fare un appello alla maggioranza: siamo ancora in tempo per migliorare, seppur di poco, questo testo; quindi, vi chiedo di prendere un minuto veramente per ragionare seriamente e con responsabilità sui nostri emendamenti. Siamo ancora in tempo.

Cortesemente, nel caso in cui non ci fosse la volontà di votare favorevolmente, chiederei almeno che ci venisse spiegato perché, non a noi, ma credo che sia dovuto in qualche modo anche alla comunità LGBT, a cui questa legge si rivolge. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Callori, prego.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Io penso che – l’abbiamo trattato anche ieri – quando si parla di votare, realizzare, proporre una legge e proprio l’articolo 1 che narra di princìpi e finalità, i proponenti debbano prima valutare i princìpi, le finalità e dove si vuole arrivare con questa legge.

Io penso che questa legge provochi non una maggiore tutela, ma una maggiore spaccatura, e lo stiamo vedendo. Ormai tutto questo è talmente avanti che qualsiasi cosa venga detta viene presa l’uno contro l’altro, le destre, le sinistre. Ma, allora, il tema di oggi di questa legge è un tema ideologico, non è un tema politico, non è un tema che vuole aiutare quelle persone che veramente avrebbero bisogno di essere aiutate. Ma soprattutto – lo voglio rimarcare e ripetere – questa è sicuramente una scelta preelettorale, perché – l’ho detto questa mattina e lo ribadisco – se c’era una volontà vera di realizzare una legge che potesse tutelare, già ci sono le leggi, ma se ci fosse bisogno di un’ennesima legge, si ritira questa, si parte da zero, come si dice, si rimette la palla al centro e si riprende la discussione. Però, la discussione deve essere ripresa in altri termini e con altri toni. Non deve essere una legge che crea pregiudizi e che crea divisioni, una legge che, come nell’articolo 1, crea delle corsie preferenziali, perché è chiaro che, quando si dice che si vuole garantire l’accesso a persone che hanno un’altra natura sessuale, già qui crei una differenza e una diversità. Non possiamo, oggi, andare a votare una legge che aumenta e crea delle altre disuguaglianze.

Come si è detto, la giornata è lunga. Penso che vada presa nel modo giusto. Se vogliamo fare dei richiami a fatti successi, ce ne sono tantissimi. Quel consigliere comunale dice che i 500 della fiaccolata a Bibbiano erano persone frustrate. Capite che oggi i toni, in qualsiasi situazione, vengono esasperati.

Penso che ci sia da fare veramente qualche retromarcia e capire anche perché questo disegno di legge ha portato a così tanti emendamenti. Sì, è vero, gli emendamenti sono tanti, si vuol fare ostruzionismo. Ma perché? Perché c’è un motivo di fondo che ci viene chiesto dalla gente, ci viene chiesto da quelle persone che sono irritate, che non sono contente di vedere approvare una legge che deve tutelare alcuni generi e altri no. Sta avvenendo una discriminazione al contrario.

Rimarcando anche le parole che si dicevano ieri, l’evoluzione, i diritti, se parliamo di evoluzione, l’evoluzione, da quando esistono l’uomo e la donna, si è evoluta e arriviamo a dire che oggi siamo una società evoluta, dove abbiamo tutti i comfort, però poi non vogliamo l’antenna dei ripetitori dei cellulari vicino a casa. Questa evoluzione di cui parliamo è positiva o è negativa? L’evoluzione molte volte ha anche dei lati negativi. Questa legge, queste norme sono un lato negativo dell’evoluzione, perché non c’è bisogno di una legge per tutelare queste persone, in quanto ci sono già le leggi, le norme che tutelano e che condannano chi va contro questo, soprattutto quando si parla di diritti. Abbiamo diritti e abbiamo doveri. Questi diritti devono essere garantiti a tutte le persone indistintamente.

Ritornando proprio ai princìpi e alle finalità, soprattutto quando si parla, all’inizio, dei vari trattati, si parla dell’Unione Europea, io rimarco che questa Unione Europea è nata male, perché è nata con delle norme e con delle regole che non tutelano le nostre radici cattoliche e cristiane.

Anche questo è un motivo di divisione. Tante volte si può dire sì, si può trovare un accordo anche su questo. Ma io non sono disposto a mettere in gioco i miei princìpi per arrivare ad approvare e a votare una legge che non so per quale motivo voto.

Allora preferisco astenermi, andare a riposare, fare un passo indietro, ma avere la testa alta e poter guardare in faccia le persone che dicono: ma perché hai votato una legge, quando i tuoi princìpi e i tuoi valori sono altri?

C’è tanto quindi dietro questa legge che si vuole approvare. Ma c’è una cosa che è più sconcertante, e lo rimarco. Oggi, diverse persone che seguono bene o male la politica hanno scritto – non uso una parolaccia, ma uso una parola corretta – che sono arrabbiate per quello che sta avvenendo. Oggi i temi su cui dovremmo dibattere sono tanti. Parliamo qui soprattutto, anche, di una tutela che nei prossimi punti andremo a dare a quelle persone che hanno subìto degli abusi. Pensiamo a tutelare quegli anziani che magari nelle case protette… Qui non voglio parlare di Bibbiano come caso, ma parlo di bambini, parlo di anziani, parlo di giovani, parlo di adulti che sono in difficoltà, che oggi scrivono a tutti noi per avere un conforto, ma non solo un conforto a parole, bensì per avere un conforto concreto. E il conforto concreto dobbiamo darglielo facendo leggi, discutendo. Soprattutto, tante volte, non è un aiuto solo meramente economico quello di cui la gente ha bisogno, ma è anche sentire una vicinanza di norme che li possa tutelare.

Oggi, quando le madri scrivono, o ci parlano in lacrime per dirci che hanno i bambini in case- famiglia, in strutture, o persone anziane, famiglie che hanno persone anziane nelle case di riposo, e alla fine in queste case protette non riescono a tenerseli a casa, quindi devono per forza pagare delle rette, che magari neanche ce la fanno, e ci chiedono un aiuto. Come ci chiedono un aiuto quei genitori che non hanno nessuno e neanche possono tenere i bambini a casa quando, per esempio, si svolgono le elezioni e le scuole del paese sono chiuse perché sono seggio elettorale. Ci sono famiglie che vanno in difficoltà anche quando c’è un’elezione politica o comunale, perché le scuole rimangono chiuse quattro giorni.

È chiaro che queste sono le risposte che dobbiamo dare alle persone. Ma non possiamo andare a dire a una famiglia che ha un anziano in casa protetta e non paga la retta o a una famiglia che ha dei bambini che non riesce ad accudire o a far studiare che noi oggi abbiamo fatto una scelta LGBT o no. Queste persone ci dicono: ma di cosa state parlando?

Cosa andiamo a spiegare ai cittadini che ci chiederanno: perché avete perso due giorni di tempo ad approvare o a prolungare l’approvazione di una legge? Che cosa andiamo a spiegargli? Perché abbiamo più di cinquanta generi e dobbiamo tutelarli a livello sportivo, a livello culturale, a tutti i livelli? No, qui c’è qualcosa che non funziona.

Quindi, ritorno a quello che dicevo all’inizio. Qualcuno, proprio dai banchi della maggioranza, parlava di evoluzione. Con questa legge non andiamo avanti ma, a differenza di quello che è stato detto, arretriamo. Quindi, non c’è sicuramente un’evoluzione, ma un peggioramento, perché creiamo e creeremo ulteriori e maggiori divisioni tra le persone. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Torno sui concetti che esprimevo nel precedente intervento, però parto da una notizia che è arrivata adesso, almeno io l’ho ricevuta adesso, che è un’agenzia del presidente Bonaccini, che ha stigmatizzato il comportamento delle opposizioni rispetto a questo progetto di legge.

Voglio rispondere in diretta al presidente Bonaccini dicendo che non c’è nessun dileggio, nessun insulto da parte nostra. Io non so dove lui abbia letto, sentito o avuto notizie di insulti e di dileggio da parte di quest’aula. Forse il presidente Bonaccini si riferiva a qualcos’altro. Lo invito magari a essere più presente e forse più attento alla discussione che stiamo facendo, e la giudica naturalmente una forzatura. Io dico che, se forzatura vi è stata, vi è stata nel voler imporre questo progetto di legge a quest’aula con le modalità note, che abbiamo censurato, che stiamo censurando, che ‒ se vogliamo ‒ rimarchiamo anche con questo nostro unico modo di esprimere il nostro dissenso, un dissenso rispetto a una legge che altro non fa se non, come avevo ricordato nei miei interventi di questi giorni, oramai, altro non fa ‒ dicevo ‒ se non creare una sorta di legge manifesto. Perché? Perché c’è qualcuno che si deve intestare questo risultato, cioè la comunità LGBT di Reggio Emilia in primis, comunità tanto cara ‒ legittimamente, lo sottolineo ‒ alla consigliera di maggioranza e relatrice, Roberta Mori, legittimamente tanto cara, ma una comunità che non vedo per quale motivo, oltre ad essere tanto cara alla consigliera di maggioranza, debba imporre la propria visione a chi la pensa diversamente.

Ho richiamato i princìpi e le finalità. In tutte le norme di legge i princìpi e le finalità sono le norme manifesto, indicano l’obiettivo di fondo, l’orientamento di fondo, indicano dove si vuole andare. Il fatto che questo articolo 1 sia stato lievemente modificato in sede di Commissione, per volontà della stessa maggioranza, come ho detto prima, non fa venir meno la portata ideologica. Lo dimostra il fatto che il comma 5, quello dell’adesione alla rete READY, rimanga inalterato. Perché? Perché la rete READY è la dimostrazione plastica dell’ideologia che sottende a certe prese di posizione.

La consigliera d’altronde lo ha richiamato ella stessa nel suo intervento, lo ha richiamato in maniera orgogliosa, legittima anche questa. Ha richiamato il suo ruolo apicale all’interno della rete READY regionale. Noi quindi di fatto ci troviamo di fronte a una normativa che un certo mondo impone a quest’aula. Se vogliamo, la stessa difficoltà che c’è stata nella gestazione di questo progetto di legge, in questi mesi, la difficile sintesi, che io poi non so se sintesi sia, reale o presunta, ma non riguarda noi, e non ci deve per certi aspetti riguardare, comunque la sintesi quantomeno formale trovata fra le varie componenti della maggioranza non fa venir meno il carattere impositivo che questa progetto di legge assume.

L’ho ricordato, secondo me non è banale, molti lo dimenticano: il fatto che questo progetto di legge sia stato presentato sotto forma di legge di iniziativa popolare, come se appunto tutte le piazze chiedessero a gran voce una normativa mancante. In realtà, nasce da un approccio ideologico di un certo mondo, il quale ovviamente voleva, rivendicando anche dal loro punto di vista, legittimamente, non sto dicendo che quel mondo abbia rivendicato in maniera illegittima, una serie di prerogative. Ognuno rivendica ciò che crede. Siamo in un contesto in cui ciascuno può rivendere il calcio che crede. Si tratta di capire se un ente pubblico come la Regione Emilia- Romagna possa essere tirato per la giacchetta a seconda delle istanze che si vogliono in qualche modo portare avanti, più di altre. Questa fondamentalmente è la critica che facciamo a questa Giunta, alla maggioranza e, ovviamente, alla Giunta che segue questa impostazione e naturalmente anche al presidente Bonaccini, che si è assunto l’onere di farsi in qualche modo garante o, quantomeno, di aver dato, alla fine, il via libera a questo tanto discusso, tanto chiacchierato e, per certi aspetti, accidentato iter procedurale.

Dico, allora, che la Regione Emilia-Romagna dovrebbe garantire tutti, nel senso di non creare corsie preferenziali, nel senso di non alterare la realtà. Del resto, quando si dice che ci sono situazioni sociali che rendono indifferibile, urgente, necessaria questa normativa, io dico che la cronaca nera è piena, ahimè, di fatti che contrastano con l’ordinamento giuridico. Dovremmo andare, secondo questo assunto, a prevedere delle tutele, poi tutele dovremmo capire in che modo, con quali modalità, chi decide le regole e le modalità, dovremmo prevedere, appunto, tutele per chiunque sia vittima di un fatto costituente reato o, comunque, contrario all’ordinamento giuridico.

Ecco perché contestiamo la volontà della maggioranza, comunque, di insistere su questo percorso e su questo progetto di legge.

Sono sincero: pensavo che al presidente Bonaccini – lo richiamo più volte, visto che lui oggi ci ha citato additandoci e addebitandoci comportamenti certamente non nostri – il buonsenso gli avrebbe consigliato un iter diverso. Va da sé che le scelte politiche e personali sono legittime, anche se diverse…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Facci, ha terminato il suo tempo. Grazie.

Ci sono altri interventi? Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Presidente, grazie.

Con piacere, anzi con dispiacere voglio sottolineare e stigmatizzare l’intervento del presidente, che non perde occasione sulla stampa di sottolineare comportamenti che, a dir poco, rasentano l’arroganza e la voglia assoluta di prevaricare sui diritti dei consiglieri a vedere rispettato il loro lavoro, sia il lavoro della maggioranza che il lavoro della minoranza.

Questa legge ‒ volevo riprendere un concetto fondamentale ‒ è una legge nata e voluta non per proteggere chi è discriminato. È una legge fatta per discriminare le famiglie, le famiglie italiane, e mette un bavaglio a chi si ostina a dichiarare la propria contrarietà a questo disegno. Ma noi il bavaglio non ce lo facciamo mettere da nessuno, presidente Bonaccini, amici e colleghi del Partito Democratico. È proprio per questa ragione che non dobbiamo avere timore a definire questa legge come discriminatoria della famiglia e della eterosessualità.

Ritengo che sia ora di sfatare un mito. Le LGBT non sono altro che una lobby, ricca, potente, alla moda, una lobby che, nel senso anglosassone del termine, fa lobbying, quindi cerca di influenzare dall’esterno le istituzioni, investendo denaro per promuovere ed arrivare ad imporre un interesse specifico rispetto a quello generale, un interesse di parte.

Io sono convinto che tanto la politica quanto gli amministratori locali dovrebbero essere al servizio del bene comune e non certo di interessi particolari. Francamente, ritengo che questa legge nulla abbia a che vedere con il bene comune. Se il problema fosse stato soltanto quello di combattere ipotetiche discriminazioni, sarebbe bastato rafforzare la legge regionale contro le discriminazioni del 2014. Questa legge vuole, invece, costituire un manifesto per la promozione della teoria gender, la pietra miliare per la sua affermazione in Emilia-Romagna.

A questo proposito, vorrei sottoporre a questa illustre Assemblea un articolo molto interessante, che nel marzo 2019 fu scritto e pubblicato da Luciano Lago. Il titolo è Avanza senza ostacoli la normativa gender per cambiare le basi della società e distruggere la famiglia tradizionale.

Dice Lago: un progetto di legge della Regione Emilia-Romagna contro l’omotransnegatività sta per essere approvato a breve termine presso la Regione Emilia-Romagna – eravamo a marzo 2019 –; nessuno ne parla, ma le conseguenze saranno pesantissime per i bambini e per le famiglie di questa che è stata definita una legge-bavaglio, che vuole mettere a tacere chi ha opinioni diverse, come anche una legge fatta per finanziare le associazioni LGBT. Per chi non ne fosse al corrente, quella del gender è una vera e propria ideologia relativistica – torniamo quindi al concetto di relativismo che tanto piaceva al presidente Caliandro – la cui diffusione viene favorita dalle élite mondialiste per distruggere il concetto di famiglia tradizionale, composta da un uomo e da una donna. L’istituzionalizzazione di questa visione ideologica dell’essere umano è a tutti gli effetti una minaccia, non solo per la figura della famiglia, ma per il sussistere della società stessa. Infatti, nel momento in cui maschio e femmina diventano irrilevanti e tutti possiamo decidere cosa vogliamo essere, ecco che anche le figure di madre e padre diventano totalmente irrilevanti. L’individuo diventa asessuato e indifferenziato, e la società si disumanizza. L’obiettivo, neanche tanto celato, è l’omologazione degli individui alla nuova ideologia del gender mediante il livellamento dell’identità sessuale che viene imposta dalle centrali di educazione e propaganda istituzionalizzate per legge. La famiglia tradizionale infatti viene ritenuta l’ultimo ostacolo nel percorso verso la creazione di un pensiero unico e globale. Distruggere la famiglia naturale serve per ridurre l’influenza, una fonte educativa tradizionale che sottrae il bambino all’educazione sociale, di tipo LGBT, che vuole imporre una sua forma di educazione che mira alla creazione del nuovo individuo, privo di una sua identità sessuale, culturale, familiare e storica. Un’ideologia che mira a manipolare la natura stessa dell’uomo e ad abolire le leggi naturali e le regole etiche che hanno accompagnato la storia dei popoli. In particolare, attraverso l’educazione gender viene promossa l’ideologia omosessualità e quella del transgender, avvalendosi dell’enorme contributo economico e politico delle più potenti lobby transnazionali collegate ai poteri finanziari.

La mutazione antropologica è imposta attraverso i media, la cultura, lo spettacolo, le legislazioni, a partire dalle centrali di Bruxelles, per essere poi ratificate nelle normative nazionali e in quelle regionali. Il potere politico gestito dalle lobby del gender vuole imporre per legge questa ideologia antiumana e contraria alle leggi naturali e criminalizzare con l’accusa di presunta omofobia chiunque non sia conforme e manifesti opinioni contrarie.

Neppure George Orwell sarebbe arrivato a concepire una società deviata in tale forma. Ma con il PD e la sinistra al Governo della Regione Emilia-Romagna e con la compiacenza inerte di parte dei 5 Stelle tutto può accadere, ripeto, tutto può accadere. E speriamo non accada. Speriamo che uno strale divino cali su questa aula, sulle teste di coloro che tradiscono e sono disposti a tradire anche i princìpi fondanti che li hanno portati e animati, che li hanno portati da qualche vescovo piangenti ad elemosinare perdono, a chiedere perdono per quanto stavano facendo. Speriamo che anche l’angioletto trafitto dalla stella, che è qui all’esterno e ben rappresentato in un’opera d’arte di contenuti estremamente discutibili, ripeto, l’angioletto trafitto che viene sottratto quotidianamente da questa trafittura, da qualche consigliere che non ama, evidentemente, queste rappresentazioni, direi di carattere anche disumano, possa intervenire e possa anche aprire le menti e i cuori di coloro che, tra la maggioranza, non approvano minimamente i contenuti di questa legge e sono costretti a votarla. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Presidente Caliandro, prego.

 

CALIANDRO: Presidente, io sono veramente sorpreso dal fatto che stia resistendo in aula la consigliera Prodi e che abbia ceduto il consigliere Galli. Siamo di fronte ad un’evoluzione della specie inaspettata. L’uomo viene battuto dalla donna. Lo stereotipo viene battuto dalla tenacia. Questa destra ci sta sorprendendo anche in quest’aula. Non ce lo aspettavamo, ma la mutazione genetica è già avvenuta. Siamo in fase di trasformazione del genere, con e senza paracadute, presidente.

Accadono cose straordinarie oggi. Il consigliere Tagliaferri non legge i testi del suo collaboratore. Ci ha dimostrato di saper fare un discorso da solo. Un evento straordinario. Oggi è il giorno straordinario, forse perché è il 25 luglio? Sarà il 25 luglio che vi viene in soccorso e che vi ricorda cos’è l’antifascismo. Vi ricorda anche cos’è la tenuta democratica di una discussione.

Il presidente Bonaccini è stato invocato, evocato, maltrattato, ma il presidente Bonaccini si è semplicemente limitato a dire che una discussione, che è stata ultra-partecipata... Udienze conoscitive, incontri con associazioni di ogni genere, dibattito politico prima e dopo, in Commissione e fuori dalla Commissione, nelle relazioni individuali della nostra relatrice Mori, di tutti i consiglieri dei Gruppi di maggioranza e, ne devo dare atto, anche del Movimento 5 Stelle. C’è stato uno sforzo dialettico su questo tema, per approdare a George Orwell. Francamente, neanche noi ci meritavamo questo. Non ce lo meritavamo perché, guardate, una tecnica che abbiamo deciso di avere è quella che continueremo a…

Rimanga pure al telefono, consigliere Galli. Lei ha altre cose da fare.

Io mi chiedo se sulla porta possa sempre rimanere la piena consapevolezza che il cervello deve essere messo in stand-by quando ascoltiamo tutte queste fesserie. Queste sono fesserie: avete distrutto la foresta amazzonica per presentare solo fesserie. Stiamo discutendo di fesserie, e vi lamentate se il presidente della Regione dice: riconducete il dibattito al merito. Questa è la parola del presidente Bonaccini.

Noi abbiamo tante occasioni di confronto, e lo dobbiamo alle persone che sono venute qui a manifestare anche le loro posizioni, da una parte e dall’altra. Ma inondare il dibattito politico di questa Regione con delle cose che non insistono, sembra un’offesa alla vostra intelligenza, non alla nostra. Io mi rifiuto di credere che nei consessi in cui praticate la vostra azione politica e la vostra rappresentazione civica, abbiate il coraggio di dire le cose che sono scritte in questi emendamenti, in questa roba qui. Mi rifiuto. Mi rifiuto di credere che le vostre mogli, i vostri amici, siano in grado di accogliere quello che state dicendo in quest’aula.

Sapete perché mi rifiuto? Perché l’unica cosa alla quale stiamo assistendo in questi giorni è la pretesa politica che sul fatto di tenere più dura la posizione di oltranzismo tra Lega e Fratelli d’Italia, voi spunterete un voto in più rispetto alla Lega. Non accadrà. Ma non è che non accade perché le vostre idee sono più forti. Non accade semplicemente perché quando dici fesserie, quando scrivi fesserie, è difficile che ti prendano per persona in gamba. Le cose che sono scritte qui, le cose che state cercando di mantenere su questo dibattito non stanno né in cielo né in terra. E anche quando cercate di riportarci alla nostra cultura cattolica, non potete dimenticarvi che Dio è amore. E dov’è il vostro amore? A cosa credete? Credete che l’unica cosa che potete fare sia offendere le persone che cercano libertà e amore?

Non so quanto siate in grado di vergognarvi, però potete almeno riflettere sull’opportunità di questo dibattito. Io comunque ribadisco che la necessità e il bisogno di intervenire in questo momento è una necessità che cercherò di sopportare. Penso che le giornate di fronte nelle quali avremo occasione di continuare ad ascoltare queste fesserie sono tante, però l’obiettivo che ci siamo prefissi è un altro: dare più diritti. Non è il risultato finale, quello che scriveremo noi, ma stiamo scrivendo un passaggio e questa Regione, in quel passaggio, ha scelto da quale parte stare.

Chi, invece, in queste ore si sta cimentando in queste scene carnevalesche, ricordandoci che i diritti delle persone che muoiono, i diritti delle persone che vengono prevaricate, discriminate sono il vero monito per chi ha a cuore la rappresentanza civica. E sono molto contento che questo dibattito avvenga il 25 luglio, è fondamentale che sia avvenuto oggi, perché la vostra repressione culturale è scritta nella Costituzione, invece il vostro acculturamento purtroppo non è scritto su nessun libro, perché non avete intenzione di leggerli.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Tagliaferri? Qual è il fatto personale, consigliere Tagliaferri?

 

(interruzione)

 

È stato citato, ma non offeso. quindi se…

 

TAGLIAFERRI: Che “abbiamo detto fesserie” lo dice a sua moglie o a suo fratello o a qualcun altro della sua famiglia, non a un consigliere regionale. Ha detto che abbiamo detto fesserie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): In quest’aula sono stati usati anche altri tipi di toni. Le ha fatto anche i complimenti per avere parlato a braccio e non aver letto, quindi alla fine…

 

TAGLIAFERRI: Volevo anche rispondergli su questo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Credo che abbia già esposto il suo fatto personale. La ringrazio, consigliere Tagliaferri.

Consigliera Piccinini, prego.

 

PICCININI: Grazie, presidente.

Al di là di tutte le parole che sto sentendo e che si susseguono in questa recita, alcune anche utili, come al solito, a sviare dal merito degli articoli, io avevo fatto una richiesta rispetto ai nostri emendamenti, giusto per tornare al testo, che è quello di cui dovremmo occuparci. Al di là di tante belle parole, io credo che occorra dare un segno concreto, dare seguito alle parole che ho sentito poc’anzi. Ripeto, noi abbiamo presentato alcuni emendamenti che sono di buonsenso, che vanno proprio nel senso in cui diceva il collega Caliandro, cioè diamo una legge di civiltà, miglioriamo questa legge, diamo diritti a queste persone.

Allora lo ridico: abbiamo presentato un emendamento a favore delle persone in transizione, un ordine del giorno. L’emendamento lo voteremo adesso: diteci perché volete votare contro il supporto tecnico ai Comuni per l’iscrizione dei figli all’anagrafe. Lo sappiamo tutti che ci si va a infilare dietro beghe legali. Lo ripeto: i Comuni più piccoli non hanno le professionalità interne per far fronte a problemi di questo tipo. Perché dobbiamo dire di no al fatto che la Regione dia supporto agli enti locali? Io veramente non lo capisco.

Continuo a sentire tante parole, ma alla fine, concretamente, non mi si spiega perché si voterà no. Eppure sono emendamenti che migliorano il testo. Sono emendamenti seri, di responsabilità, non sono ostruzionistici, perché vogliamo stare nel merito. Avremmo voluto collaborare, come ci veniva detto ieri e come ci viene detto oggi dal presidente Bonaccini. Tutto questo, ovviamente, in un’ottica meramente elettorale, perché gli fa comodo lisciare il pelo all’elettorato del Movimento 5 Stelle.

Noi siamo disposti a collaborare. Lo diciamo anche oggi. Ci sono gli spazi per farlo. Votate questi emendamenti. Io so che c’è qualcuno che sarebbe anche d’accordo nel farlo. Purtroppo, avete un accordo che non vi permette di farlo, perché il testo è blindato. Però se continuate a dire che questa è una legge che vuole garantire diritti, allora siate conseguenti alle vostre parole. Lo dico al collega Caliandro, che ha fatto un bellissimo discorso e ancora non ci ha spiegato perché voterà no ai nostri emendamenti, che sono di semplice buonsenso, lo ripeto. Erano cinque emendamenti. Cinque. Semplici, facili, che miglioravano questo testo. O li votate favorevolmente oppure non continuate a dire che avete collaborato con il Movimento 5 Stelle, perché non è così.

Io dalla collega Mori, purtroppo, non sono stata contattata mezza volta, nonostante avessimo il progetto di legge, nonostante avessi chiesto di abbinare i due testi, nonostante avessi proposto mille volte di collaborare e di migliorarlo. Quando ho capito che il testo era blindato, ho anche detto “andiamo in aula, lo votiamo senza emendamenti, i nostri voti ci sono”. Una maggioranza diversa per votare questo testo, senza gli emendamenti peggiorativi, c’era.

Oggi io ho voluto ripresentare gli stessi emendamenti, nella speranza che si dia proprio seguito alle parole che citava il collega Caliandro. Ripeto la richiesta che ho fatto poc’anzi. Sono emendamenti di buonsenso. So che c’è qualcuno all’interno della vostra maggioranza che vorrebbe votarli. Prendetevi veramente un minuto e siate conseguenti alle parole che diceva il collega. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Galli, lei avrebbe finito il tempo.

 

GALLI: Per fatto personale. È molto semplice.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Mi dica.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Credo che il collega, Capogruppo del PD, dovrebbe sapere che ci sono le offese personali, ma anche le offese d’ambiente. Se uno dice “dici stupidaggini”, o “le tue parole non valgono”, viene a inficiare proprio il ruolo per cui siamo qui presenti in quest’aula. Non c’è solo l’offesa personale, c’è anche l’offesa a quello che uno porta avanti. Se lui dice che le nostre parole sono carnevalesche, che le nostre parole sono fesserie, o che sono sciocchezze, mi permetta, con gente che muore, come se qui fossimo sull’Amba Alagi o da qualche altra parte, qui non muore nessuno. Qui c’è un disegno politico che deve partire dal rispetto reciproco…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo.

 

GALLI: Mi permetta, mi permetta. Se io uso una frase che io intendo, come chiunque può capire, una frase di gentilezza cavalleresca, e c’è gente come avvoltoi, pronti a dare la loro spiegazione, non andiamo mica avanti, ma non solo adesso, in quest’aula. Perché in quest’aula, o c’è il rispetto per le parole, o io non posso star dietro, avendo definito il figuro là, che sta lì pronto, se uno sbaglia una parola, con la querela, che minaccia le querele, e poi lui per primo manca di rispetto. I piani devono star pari.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Galli, grazie. Consigliere Paruolo. Spero non per fatto personale anche lei.

 

PARUOLO: Pochi secondi per dire al consigliere Tagliaferri che ho ascoltato quello che ha detto. Considero evidentemente una provocazione la sua, che meriterebbe una risposta, se non fossimo in una situazione di evidente ostruzionismo. Se lei vuole una risposta da me, ritirate gli emendamenti e io risponderò nel merito. Se volete fare ostruzionismo, le risponderò in seguito, avendo tenuto conto di quello che ha detto.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Bargi.

 

BARGI: Io non faccio ostruzione, io intervengo perché stiamo assistendo…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Infatti a lei non ho detto niente.

 

BARGI: Mi ha chiesto. Non è per un intervento ostruzionistico, perché non volevo neanche intervenire, ma finché il Capogruppo del PD mi continua a tirare per la giacchetta, io continuerò a intervenire, c’è questa problematica nella discussione d’aula di quest’oggi e di domani: stanotte, domani, quello che sarà il tempo necessario per terminare questa votazione.

Voglio dire: assistiamo da cinque anni a un sistematico attacco a tutto ciò che viene pronunciato da questi banchi, da questa parte dell’aula, come se la presenza stessa dell’opposizione fosse pressoché inutile, perché tutto quello che ci viene detto, non è la prima volta, su un progetto di legge, dove si arriva a questo attacco generico: tutto quello che dite, tutto quello di cui parlate, “sono tutte fesserie che sentiamo in quest’aula, non servono a niente”, con l’antifascismo che ogni tanto compare, se non è il 25 luglio c’è un’altra data interessante. Voglio dire: bisognerebbe cominciare, ormai siamo in fondo, è tardi, lo dico per la prossima legislatura, magari. Visto che qui tutti siamo chiamati a rappresentare uno spaccato di cittadinanza di cui rappresentiamo i valori, i princìpi all’interno di questo consesso, uno esprime le sue idee senza che un altro dica “le tue idee sono fesserie” o “stupidate”, perché è concesso a tutti qui dentro esprimere democraticamente le proprie idee, tant’è che raramente, se io faccio un intervento, come ho fatto ieri, per spiegare la mia posizione rispetto a questo PdL, tiro in ballo ciò che hanno espresso nei loro interventi gli altri colleghi. Non per citare alcuni riferimenti o altro, ma non mi sentirete mai dire che un collega dice solo fesserie, anche perché se parliamo di fesserie la prima che abbiamo potuto leggere questa settimana è proprio quella del presidente della Regione, quando ci dice “adesso convochiamo la Commissione d’inchiesta sui fatti di Bibbiano”. La richiesta della Commissione d’inchiesta era già protocollata.

Se io avessi letto “invito il mio Gruppo di appartenenza, la mia maggioranza, la maggioranza che mi sostiene, a votare per l’indizione di una Commissione d’inchiesta, perché la nostra intenzione politica è quella di andare nella direzione di costituire la Commissione e di dare il nostro contributo all’interno” non avrei detto una parola. Se c’era la possibilità di trovare una condivisione per arrivare alla costituzione della Commissione non ci sarebbe stato alcun problema.

Quindi, se si deve parlare di fesserie, si dicano quelle vere, quelle che puntano a stravolgere la realtà, quelle che leggo sui social, quelli che mi dicono “la Lega non vuole discutere”. È la prima a depositare. Come fa ad essere quella che non vuole discutere? Se parliamo di fesserie, quelle sono le fesserie, e non arrivano da questa parte.

Per venire al merito dell’articolato, sul quale magari ieri siamo stati più sui generis, proprio perché vorrei capire... Dite che noi interveniamo sui generis e non interveniamo nel merito, come sempre... Un continuo attacco a ogni cosa che viene pronunciata. Dov’è che diamo più diritti ai soggetti di questo progetto di legge? Dove c’è scritto che diamo più diritti rispetto a quanto già è sancito dalla Costituzione e dalla normativa nazionale? Considerando che questo primo articolo di fatto ne è un richiamo. Dove diamo più diritti? Non voglio scendere nel dettaglio, perché poi c’è l’articolo 2 che mi interessa, quando ‒ tra, non so, due o tre ore, quello che ci vorrà ‒ arriveremo, o anche quello sul [...] [audio incomprensibile] Vorrei chiedere come verranno applicate queste cose. Capisco, da quello che leggo nell’articolo 2, che i dipendenti pubblici della Regione e degli enti locali evidentemente, in qualche modo, discriminano le persone omosessuali. Questo si legge. Se dobbiamo educare al rispetto, vuol dire che evidentemente adesso stanno discriminando. Qualcuno mi deve spiegare in che modo noi applichiamo un articolo del genere in una società che già in Costituzione prevede la non discriminazione per motivi di orientamento sessuale. Non ho capito come si fa ad applicare.

Quanto al Corecom, voglio capire, anche lì, come faremo ad andare all’interno dei programmi radiotelevisivi, perché nessuno lo ha spiegato. Come faremo a dire: adesso diamo spazio solo a una parte e colpiremo tutti gli atteggiamenti, che stereotipano o che possano essere giudicati contro…? Non so: uno spot pubblicitario, in cui si vede una famiglia eterosessuale è uno spot pubblicitario contro? Nel pratico non ho ancora capito come la applicano, questa legge. Sui princìpi ci siamo già sbizzarriti in una serie di interventi abbastanza lunghi ieri, e vi abbiamo spiegato il perché della nostra contrarietà. Ma nell’atto pratico è molto interessante andare nel dettaglio, sarà molto curioso.

A parte che immagino non verrà applicata, mancano pochi mesi, quando deciderà il presidente Bonaccini la data delle elezioni, alla fine di questa legislatura e non credo che la vedremo applicata. Ma da questo punto di vista sarebbe stato interessante vedere cosa sarebbe successo una volta applicata la legge. Volevo vedere anche i sindaci come si comportano rispetto a questa legge.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Poli.

 

POLI: Grazie, presidente.

Sarò davvero telegrafico. Citerò tre nomi, esemplari cultori della famiglia tradizionale: Salvini, Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni – o forse, più precisamente, il marito di Giorgia Meloni. Siete rigoristi a casa degli altri.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Se non ci sono altri interventi in discussione generale, passiamo alle dichiarazioni di voto. Cinque minuti per Gruppo.

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Parto da quest’ultima affermazione. Credo, se il consigliere Poli ha qualcosa da dire, che lo deve andare a dire alle persone che ha citato, non certamente in quest’aula: non ne vedo l’attinenza, ma siamo in un contesto in cui oggi abbiamo sentito dire tante cose che nulla c’entrano con il pdl di cui stiamo discutendo. Effettivamente, anch’io mi trovo sorpreso dalle affermazioni del presidente Caliandro. Noi, sì, stiamo facendo ostruzionismo, capiamo la tensione, capiamo anche l’avversione a questa forma, ma noi lo abbiamo anticipato fin da ieri, chiedendo fin d’ora clemenza al personale e ai commessi, prima ancora, ovviamente, che a tutti, perché fa parte delle uniche armi che abbiamo per manifestare il nostro dissenso, però non abbiamo mai utilizzato termini offensivi. Non abbiamo mai utilizzato termini offensivi. Abbiamo manifestato la nostra avversione, abbiamo manifestato la nostra contrarietà piena a questo progetto, ma non abbiamo mai parlato di comportamenti carnevaleschi, non abbiamo mai parlato di fesserie.

Credo che una riflessione su questo il presidente Caliandro la dovrebbe fare. Ha mille modi per criticare il nostro ostruzionismo. Lo invito a mantenersi nei canoni della dialettica, anche forte, anche piccata, ma nella dialettica che quest’aula merita.

Prima di esprimere la dichiarazione di voto, mi permetto di spezzare una lancia in favore della collega Piccinini. La collega Piccinini ha perfettamente ragione, dal mio e nostro punto di vista, nel momento in cui invoca piena cittadinanza o pieno riconoscimento per la propria posizione, che è rappresentata da una serie di emendamenti, che noi non condividiamo e che noi non voteremo, ma riconosciamo la correttezza del suo percorso.

Collega Piccinini, mi permetto di fare una riflessione. Anche lei rimane vittima di una impostazione a senso unico di questo progetto di legge. Riconosco che il vostro progetto di legge è stato il primo ad arrivare in quest’aula, glielo riconosco, ma lei paga una colpa, se vogliamo: quella di non essere ‒ quantomeno a quanto consta, poi mi smentisca se mi sbaglio ‒ allineata a quello che è stato il percorso che invece ha portato avanti la relatrice di maggioranza, che appunto, come ho già detto, ha voluto fare transitare questo progetto di legge, scavalcando anche il suo, mediante il cosiddetto sistema dell’iniziativa popolare. Oggi quindi lei si lamenta, ripeto, giustamente, ma perché è vittima di una impostazione tutta ideologica, tutta incentrata sul dare risalto alla partenza di quel pdl di iniziativa popolare, che doveva avere necessariamente la genesi in quel di Reggio Emilia, in quella meravigliosa comunità LGBT di Reggio Emilia, e che doveva intestarsi, a scapito di qualsiasi altra impostazione, di qualsiasi altro tentativo, di qualsiasi altra proposta, questo progetto.

Ha quindi tutta la mia solidarietà, da questo punto di vista. Comunque, l’articolo 1, per i motivi che ho già esplicitato nel mio intervento precedente ci trova assolutamente contrari. Nonostante sia stato edulcorato, per certi aspetti formalmente modificato, ma mantiene la sua impostazione negativa. Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliera Piccinini, prego.

 

PICCININI: Grazie, presidente.

Io ringrazio il collega Facci della vicinanza, dal quale però prendo le distanze, nel senso che la forzatura è stata fatta…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Se lui si avvicina lei però non può prendere le distanze.

 

PICCININI: Se posso finire. Se è vero che è stata fatta una forzatura da parte della maggioranza, la stessa forzatura è stata fatta da parte delle destre, nella nomina del relatore di minoranza, avendo noi presentato un progetto di legge. Ma io tengo solo a dire una cosa. L’ho sempre detto: a noi non interessava che fosse il nostro testo, il testo base. Ci interessava poter effettivamente collaborare ed effettivamente migliorare questo testo. Non abbiamo velleità di questo tipo, abbiamo semplicemente detto: vogliamo stare sui contenuti, vogliamo poter intervenire sui contenuti. E questo ci è stato impedito per i motivi che ormai tutti conosciamo. Però, io mi chiedo una cosa, visto che oggi c’è questo scontro tra destra e sinistra, su cui si cerca di alimentare… Mi chiedo a chi serva, a chi giovi questa contrapposizione.

Io credo che veramente non sia utile a nessuno. Serve, sia di qua che di là a gonfiarci il petto, ma poi alla fine credo che veramente non giovi, soprattutto ai destinatari di questa legge.

Siccome siamo in dichiarazione di voto, faccio l’ultimo appello sui nostri emendamenti. Ripeto: siate conseguenti alle parole che ho sentito prima. La Regione riconosce. Avete presentato questo emendamento in Commissione. Non garantisce, per esempio, le persone trans quando, in realtà, quella formulazione ‒ lo dico per l’ennesima volta ‒ è legittima, è contenuta nella legge umbra ed è stata scritta con il supporto della rete Lenford, che non sono le ultime persone che passavano di lì. Sono giuristi. Le paure della collega Mori sono paure che non esistono, però, ritenendole comunque plausibili, anche se per noi non lo sono, l’emendamento che abbiamo presentato va proprio in questo senso nel dire: la Regione riconosce e, per quanto di propria competenza, garantisce. Così ci togliamo tutti i dubbi.

Perché non lo volete votare? Siete intervenuti sempre in questa contrapposizione destra-sinistra e sul merito, purtroppo, io ancora non ho sentito nessuno, da parte della maggioranza, dire perché questi emendamenti non sono meritevoli di un voto favorevole.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie.

Consigliere Galli, prego. Chiedo al consigliere Mumolo e al Capogruppo della Lega di lasciar fare l’intervento al consigliere Galli. Prego.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Io voglio cominciare aiutando la collega Cinque Stelle spiegandole perché non ha avuto il loro voto. È evidente. È una marchetta elettorale e non la vogliono dividere. Vogliono tenere la preda che pensano di avere ottenuto, il voto del mondo LGBT, tenerlo tutto per loro, nel loro carniere. Dai colleghi Cinque Stelle non vogliono nessun tipo d’aiuto, nessun tipo di condivisione, nessun tipo di miglioramento o di peggioramento. La legge è loro e se la tengono loro. Non vogliono dividerla.

Noi, invece, vogliamo che le colpe siano ben chiare, che la responsabilità di questa legge sia ben chiara, che il tentativo di un mondo di crearsi un super mondo... Da quando sono qua, da più di un anno, ho capito uno dei racconti, uno dei libri ‒ mi correggo ‒ più importanti del secolo scorso. “1984” di George Orwell l’hanno scritto pensando a questa Assemblea. Hanno teorizzato la creazione che tutti gli animali sono uguali, ma c’è qualcuno più uguale degli altri. Io mi sono riletto, dopo tanti anni... La laurea l’ho presa tanti anni fa. La conoscevo, ma ho voluto rileggerla, e mi permetto di dividerla con voi. Articolo 3 della Costituzione italiana, Costituzione che il collega Capogruppo del PD forse crede che sia una cosa fatta così, pensa che nella Costituzione vi siano delle pretese diverse della famiglia, che viene riconosciuta come unico centro motore e di formazione dell’identità. La famiglia, non la comunità LGBT.

Siccome io sono abbastanza moderno, capisco che nel 1946, quando hanno costruito la Costituzione, il mondo LGBT non avevano neanche in mente che potesse esistere, quindi supero quel passaggio. Ma voglio leggere un articolo che era valido nel 1946 ed è valido ancora oggi, e spero che sarà valido per i secoli a venire: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, condizioni personali e sociali”. È evidente che io questa potevo ricordarvela, permettetemi, senza bisogno di leggerla. Ma siccome voglio essere preciso, ricordo che questo articolo della Costituzione è quello che fa aggio su tutte le vostre favole, sulle vostre leggi, sulla vostra omotransnegatività. Tutti i cittadini sono uguali. Non c’è un animale più uguale degli altri.

Orwell diceva che c’erano animali più uguali degli altri. E voi volete creare una categoria di animali più uguali degli altri: non esiste la comunità LGBT. Esistono dei cittadini italiani che hanno gli stessi diritti che ho io. Io non so se qua sono ancora presenti gli amici del mondo LGBT: tu sei un altro amico? Gli amici del mondo LGBT hanno i miei stessi diritti. Io ho i vostri stessi diritti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Galli, si rivolga al presidente, grazie.

 

GALLI: Lei è più bello, ha ragione: guardo lei.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Io la ringrazio per questo attestato, però lo faccia solo perché sono il presidente.

 

GALLI: Il mondo LGBT deve smetterla di avere delle pretese assurde, di considerarsi diverso e migliore degli altri, che abbia diritto a delle categorie particolari. Quello è il modo principale per ghettizzarsi.

Io non mi domando se un avvocato è bravo o è gay, se è alto o se è biondo. Io mi domando se l’avvocato che è bravo risponderà alle mie esigenze. Io non chiedo se un commercialista è bravo o è gay: io chiedo che sia bravo. Qualunque professionista. Il calzolaio io voglio che mi risuoli le scarpe, non che abbiano dei diritti diversi.

Questa legge è un assurdo. Questa legge è una pretesa che voi volete imporre alla gente normale. Volete creare una categoria di persone che abbiano delle agevolazioni, dei concorsi, dei posti riservati. Voi da anni raccontate delle bugie. Credete che una società normale, una società formata da 60 milioni di persone... Perché noi italiani siamo 60 milioni di persone. Non sono 60 milioni di minoranze. C’è una maggioranza, che sono gli italiani. All’interno di questa maggioranza ci sono persone che commettono dei reati. Se io una notte incontro una persona che è stata picchiata, faccio come il buon samaritano, intervengo e cerco di aiutarla, non mi domando se era gay o se non era gay.

Voi siete gli stessi...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Grazie, consigliere Galli. È finito il suo tempo.

Consigliera Marchetti, in dichiarazione di voto.

 

MARCHETTI Francesca: Solo perché Orwell, si sa, avrebbe chiesto il fatto personale. La citazione a cui faceva riferimento il collega Galli era “La fattoria degli animali”. La sua laurea è molto illustre, però, quando le citazioni si fanno, sarebbe bene riportarle in modo corretto.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo. La ringrazio per questa sua precisazione, che ci rende tutti più felici.

Andiamo avanti. Non ci sono più interventi in dichiarazioni di voto.

 

(interruzione)

 

Consigliera Marchetti, ha fatto il suo intervento. Sta parlando il presidente.

 

(interruzione)

 

Benissimo. Accetto le sue immense scuse e le chiedo di ascoltare, adesso, quello che ho da dire io, come io ho ascoltato quello che lei ha detto a noi tutti.

Abbiamo chiuso la fase della dichiarazione di voto.

Incominciamo le votazioni degli emendamenti.

Emendamento n. 52, a firma Daniele Marchetti.

La votazione è aperta.

Io potrei anche dire che la votazione è chiusa, ma immagino che qualcuno provi a votare anche dopo.

La votazione è chiusa.

 

(interruzioni)

 

La votazione è chiusa.

 

Presenti 36

Votanti 33

Favorevoli 8

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Consigliere Tagliaferri, mi dica. Registriamo il suo voto. Consigliere Callori, credo che non ha preso il suo voto. Benissimo. Consigliere Delmonte, non ha preso il suo voto.

Prego.

 

DELMONTE: O teniamo il minuto, oppure cambiamo. Perché sennò, secondo me, primo allunghiamo ancor di più i tempi, facendo questa cosa, a mio parere. Secondo, se noi seguiamo la procedura, l’Ufficio di presidenza si ritrova, definisce che sono trenta secondi e lo facciamo di trenta secondi. Però, secondo me, chiudendo quando ci sono 33 votanti su 36, chiudendo un po’ a braccio, sul sentimento del voto chiuso, secondo me creiamo solo più confusione. Lo dico perché sennò non si capisce entro quanto uno può entrare a votare. Visto che c’è la campanella che richiama, secondo me, se uno capisce che può raggiungere o non può raggiungere il voto: chiariamoci, diamoci una regola e non definiamo solo il voto chiuso, così, a sentimento, a mio parere.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Tagliaferri?

 

TAGLIAFERRI: … votare…

 

PRESIDENTE (Rainieri): Ha già registrato il suo voto, prima.

 

TAGLIAFERRI: Grazie.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Delmonte, il Regolamento dice “non oltre sessanta secondi”. Fino a sessanta secondi io posso chiudere la votazione, eventualmente, quando ritengo di doverlo fare. Dopodiché, lo facevo con la volontà di ottimizzare i tempi. Capisco anch’io che non risolveremo il problema, perché invece di 40 ore ce ne metteremo 39; però se non altro evitiamo di addormentarci tutti in quei venti secondi che si aspetta tra quando uno ha votato e quando è la scadenza del termine.

Detto questo, io se volete mi adeguo, aspetti i sessanta secondi. Se qualcuno invece volesse aiutare anche questa presidenza e votare convintamente nei tempi giusti, perché credo che siano sufficienti, credo che si sappia già quello che uno vuole votare all’inizio della chiamata dell’emendamento, tutto questo per me va bene. Altrimenti, ribadisco, io rispetto i sessanta secondi e staremo qui qualche oretta in più.

Consigliere Delmonte, prego.

 

DELMONTE: Presidente, non ho detto assolutamente questo. Ho detto che sarei anche d’accordo a ridurre il tempo, ma se lo si fa, lo si deve fare in termini di Regolamento, perché se si prende l’articolo 83, comma 2, si deve leggere anche il comma 1. Il comma 1 dice che modalità tecniche per l’utilizzo del voto elettronico devono essere regolate e approvate dall’Ufficio di presidenza. Quindi stiamo parlando di tecnicismi quando parliamo di trenta o sessanta secondi. Quindi, se vogliamo farlo, vi ritrovate un attimo in Ufficio di presidenza e lo convocate. Potete ridurlo anche a cinque secondi, mi va benissimo, però lo facciamo in termini di Regolamento. Adesso l’abbiamo fatto durare quarantadue secondi, prima ventisette.

Non si capisce assolutamente nulla.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Benissimo.

Emendamento n. 194, a firma Rancan.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 9

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento n. 2, precluso, a firma Liverani.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 9

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo alla votazione dell’emendamento 341, a firma Tagliaferri.

Votazione aperta. Liverani vota.

Votazione chiusa.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 5

Contrari 26

Astenuti 4

 

È respinto.

 

Emendamento n. 99, Galli.

Votazione è aperta.

Votazione chiusa.

 

Presenti 35

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 5

 

L’emendamento è respinto.

 

Emendamento n. 100, a firma Galli.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Favorevoli 5

Contrari 26

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamento 101, a firma Galli.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

Consigliere Tagliaferri, la prossima volta non glielo ritengo più valido. Va bene giocare, però non ci prendiamo in giro. Va bene giocare, ma all’ultimo secondo... Dopo la chiudo e non lo accetto più. Finché si gioca, si gioca. Quando si comincia a prendere in giro la Presidenza, no. Grazie.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 4

 

È respinto.

 

Emendamento 640, a firma Facci.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamento 102, a firma Galli.

Votazione aperta.

Votazione chiusa.

 

Presenti 38

Votanti 36

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 4

 

È respinto.

 

Emendamento 431 a firma Tagliaferri.

Votazione aperta.

Votazione chiusa.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamento 946, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 37

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamento 953, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 39

Votanti 38

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 6

 

È respinto.

 

Emendamento 724, a firma Callori.

La votazione è aperta.

 

PRESIDENZA DELLA PRESIDENTE SALIERA

 

(ore 19,12 di giovedì 25 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Saliera):

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 4.

 

È respinto.

 

Metto in votazione l’emendamento 947, Tagliaferri.

Prego.

 

Presenti 38

Votanti 38

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 6

 

È respinto.

 

Metto in votazione il 392, a firma Callori.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 6

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 955, a firma Tagliaferri.

Prego, votate.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 6

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 296, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 4

 

È respinto.

 

L’emendamento 961 è uguale all’emendamento 956, quindi per tutti due un’unica votazione, a firma Tagliaferri.

Prego, si vota.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 5

 

È respinto.

 

(brusio in Aula)

 

Ora si vota l’emendamento 354, a firma Callori. Non pensate di continuare con questo pollaio tutta la sera. Silenzio. In silenzio fino a che non abbiamo finito e quando avrete la parola.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 24

Astenuti 5

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 966, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 38

Votanti 37

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 6

 

È respinto.

 

In votazione, l’emendamento 264, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 5

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 967, insieme al 103, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 5

 

Sono respinti.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 639, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 37

Votanti 35

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 6

 

È respinto.

 

È in votazione l’emendamento 260, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Per questioni tecniche, chiedo un secondo di interruzione.

Si procede con l’emendamento 901, a firma Tagliaferri.

Si vota? Date il voto? 901.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 261, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 25

Votanti 24

Favorevoli 0

Contrari 24

Astenuti 0

 

(26 presenti ai soli fini del numero legale ai sensi dell’art. 65, comma 2, del Regolamento interno)

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 104, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 4

 

È respinto.

 

Emendamento 1371, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 5

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 700, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 5

 

È respinto.

 

L’emendamento 709, a firma Callori è in votazione. L’emendamento 709 è uguale al 713: tutti e due di Callori.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 4

 

Sono respinti.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 636, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 37

Votanti 36

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 5

 

È respinto.

 

Emendamenti 105 e 704, a firma Galli, in votazione.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

Sono respinti.

 

Procediamo con il n. 1356, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Si procede con il 107, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 715, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 2

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 904, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il 908, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 32

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il 919, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Sono dichiarati inammissibili il 355 e il 297, la lettera n), la o), la p), la q), gli emendamenti 1365, il 723, il 351, la lettera ab) e il 106.

 

Ora procediamo con la votazione.

Emendamento 716, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Potete registrare e verificare il voto del consigliere Facci? Che voto ha espresso?

 

VOCE: Favorevole.

 

PRESIDENTE (Saliera): Proseguiamo con l’emendamento 3, a firma Liverani.

Si vota.

 

Votanti 34

Favorevoli 6

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 634, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il 206, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 1363 a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 923, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento n. 77, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 7

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 24, a firma Silvia Piccinini.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 6

Contrari 27

Astenuti 1

 

È respinto.

 

L’emendamento ac) è inammissibile, a firma Galli.

L’emendamento 108 è in votazione, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 109, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 4

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 317, a firma Tagliaferri.

 

(interruzione)

 

Quindi vuole che sia trascritto il suo voto? Mi dica come ha votato.

 

VOCE: Favorevole.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

Mettiamo in votazione l’emendamento 317, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Sono inammissibili le lettere a) e d).

In votazione l’emendamento 632, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il 1358, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il n. 619, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1354 e il n. 1362, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 3

 

Sono respinti.

 

In votazione il n. 4, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 7

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 201, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 7

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

È inammissibile l’emendamento 207.

In votazione l’emendamento 78, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 7

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 110, a firma Galli, in votazione.

Si vota.

 

Presenti 36

Votanti 35

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il n. 610, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 3

 

È respinto.

 

Sono inammissibili il 611, il 622, il 628, il 1367, il 613, il 617, il 626, il 1366, il 1368, il 1369, il 614, il 618, il 624 e il 629.

Si procede con la votazione del 318, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 3

 

È respinto.

 

È inammissibile la e).

In votazione il 1359, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 2

 

È respinto.

 

È inammissibile il n. 111.

In votazione il n. 1357 e il n. 1362, perché uguali, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 2

 

Sono respinti.

 

In votazione il n. 5, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 5

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 200, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 5

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

È inammissibile il 1370.

In votazione il 79, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 5

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1360, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 2

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1361, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 3

 

È respinto.

 

In votazione il n. 319, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 615, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1093, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1094, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 31

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 970, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 633, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 971, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Sono inammissibili il d), l’e), l’f) e il c).

Mettiamo in votazione il 1364, che è uguale al 1355, al 22 e al 112, tutti a firma Liverani, Galli e Facci.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 7

Contrari 26

Astenuti 0

 

Sono respinti.

 

In votazione il n. 199, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 6

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 80, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 6

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 345, a firma Tagliaferri.

 

Si vota.

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 25, a firma Silvia Piccinini.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 29

Favorevoli 4

Contrari 24

Astenuti 1

 

È respinto.

 

In votazione il n. 26, a firma Silvia Piccinini.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 28

Favorevoli 6

Contrari 22

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora abbiamo una serie di emendamenti che istituiscono nuovi articoli e i subemendamenti.

Esaminiamo l’emendamento 27, a firma Marchetti, che istituisce nuovo articolo.

Apro la discussione.

Il consigliere Calvano ha chiesto la parola.

 

CALVANO: Chiedevo, l’articolo 1 non lo votiamo nella sua interezza? Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Siete molto attenti. Bravi. Ottimo. Grazie.

Mettiamo in votazione l’articolo 1, per alzata di mano.

Chi è a favore? Chi è contrario?

 

(interruzione)

 

È già iniziata la votazione.

Chi è contrario? Chi si astiene?

 

(interruzione)

 

Sugli emendamenti sono stati chiesti.

Articolo 1.

Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È approvato.

 

Ora si procede con gli emendamenti che istituiscono un nuovo articolo.

Emendamento n. 27, a firma Marchetti.

È aperta la discussione.

Il consigliere Facci ha chiesto la parola. Prego.

 

FACCI: Presidente, innanzitutto vorrei, per evitare equivoci nel prosieguo, il voto elettronico anche su tutti gli articoli successivi, quindi aggiuntivi, e quelli che ci sono. Formalizzo la mia richiesta, visto che lei ha ritenuto non tempestiva la mia richiesta precedente.

 

PRESIDENTE (Saliera): No, fatemela anche domattina alle 9.

 

FACCI: Come dice? Non ho capito.

 

PRESIDENTE (Saliera): Una licenza mia.

 

FACCI: Vorrei intervenire in discussione generale, quindi fare un ragionamento su questo articolo aggiuntivo ritengo che sia una proposta assolutamente condivisibile. Parlo di quella che è stata presentata dal collega, perché si inserisce nel contesto generale di contestazione rispetto all’impostazione che questo progetto di legge vuole fondamentalmente portare avanti.

Quindi, il fatto che vi siano fondamentalmente una nuova impostazione e una diversa modalità di interazione rispetto a quelle che sono le linee-guida che questo progetto di legge vorrebbe in qualche modo seguire, abbiamo detto che questo progetto di legge sconta un approccio ideologico all’intera materia. Vuole di fatto prevedere una serie di prerogative e una costruzione, di fatto, plasmata su un’intera realtà che come ho detto prima, anche giustamente rivendica una serie di prerogative, una serie di attenzioni.

Riteniamo che queste attenzioni, che queste prerogative non fossero necessarie. O meglio, le attenzioni sono necessarie; le prerogative dipende con quali modalità vogliono essere portate avanti. Se infatti noi alla fine dobbiamo normare e quindi prevedere, con un percorso legislativo tutte quelle che sono le rivendicazioni che possono essere a vario titolo portate avanti sull’intero territorio regionale, io credo che allora forse quest’aula si dovrebbe occupare di una serie di istanze, anche legittime. Ma non so se alla fine questo porterebbe l’ente ad essere garante di quello che è un equilibrio fra tutte quelle che sono… Presidente, perché mi segna un minuto e venti?

 

PRESIDENTE (Saliera): Perché ha cinque minuti. Quindi, prosegua velocemente.

 

FACCI: Perfetto. Certo.

Fondamentalmente riteniamo che sia necessario questo tipo di… Condividiamo la proposta del collega Marchetti, che voteremo assolutamente con favore. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Facci.

La parola al consigliere Marchetti Daniele. Prego.

 

MARCHETTI Daniele: Grazie, presidente.

È doveroso, comunque, illustrare questo emendamento che va a introdurre l’articolo 1 bis, un articolo che intende specificare meglio alcuni termini che vengono utilizzati all’interno di questo progetto di legge.

Abbiamo approvato, poco fa, infatti, l’articolo 1, che, oltre a richiamare diversi testi trattati e direttive europee, introduce già alcuni concetti, almeno dando un’infarinatura di quel che voi vi porterete poi negli articoli successivi. Quindi, crediamo che sia assolutamente doveroso mettere i puntini sulle “i” e definire meglio che cosa si intende per genere, che cosa si intende per discriminazione di genere, perché quel che notiamo in questo testo è che, in realtà, molti concetti sono articolati in maniera estremamente fumosa. Non si capisce bene in alcune parti del progetto di legge in generale, infatti questo articolo aggiuntivo vuole andare proprio a chiarire definizioni che vengono riportate un po’ in tutto il testo, dicevo che appunto in diverse parti di questo progetto di legge ci sono dei concetti che vengono richiamati continuamente, ma di cui non comprendiamo del tutto l’obiettivo.

In Commissione ho sottolineato più volte concetti che andrebbero illustrati e chiariti meglio, ma che purtroppo non vengono articolati in maniera doverosa per rendere comprensibile un testo. Del resto, credo che, quando si approva un progetto di legge, un’Assemblea legislativa abbia il dovere di renderlo il più chiaro possibile, quindi senza girare troppo attorno alle parole, nascondendosi dietro dei concetti, dei termini assolutamente vaghi per rendere quello che sarà legge comprensibile a tutti. Credo che un cittadino abbia tutto il diritto di sapere che cosa si intende per genere, che cosa si intende per discriminazione di genere. Noi, con questo articolo aggiuntivo, l’articolo 1-bis (definizioni), andiamo a riprendere alcuni concetti, senza inventarci niente, chiaramente.

Facciamo riferimento, ad esempio, per quanto riguarda il genere, alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica dell’11 maggio 2011, dove si dice che con il termine “genere” ci si riferisce a ruoli, comportamenti, attività e attributi socialmente costruiti che una determinata società considera appropriati per donne e uomini. Così come anche per quanto riguarda le discriminazioni di genere, noi crediamo che sia assolutamente indispensabile far presente che si fa riferimento, quando si utilizza questo termine, ad alcune direttive europee, che abbiamo elencato: la n. 2006/54, la n. 2006 che è stata recepita con un decreto legislativo del 25 gennaio 2010, il n. 5.

Quindi, è un’azione sostanzialmente mirata a rendere più trasparente e più chiara la normativa. Una delle cose che abbiamo sollevato fin dal principio è proprio la mancanza di trasparenza, di chiarezza nel testo che voi avete presentato, tranne in alcuni passaggi che sono, di fatto, ben chiari, quelli che ho richiamato e richiameremo poi in alcuni interventi successivi, quelli che riguardano soprattutto la formazione. Però su tutto il resto è tutto molto fumoso e poco chiaro, quindi lo riteniamo altamente ingiusto nei confronti dei cittadini che hanno assolutamente il dovere di comprendere, dalla A alla Z, i contenuti di un progetto di legge che, se approvato...

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Marchetti.

La parola al consigliere Galli.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Credo sia molto corretto il tentativo di specificare meglio, con questo articolo 1-bis, quello che si intende con la formazione sociale principale, quella che per tanti secoli, o almeno da quando è stata fatta la nostra Costituzione, è stata l’asse portante, indiscusso e indiscutibile, della nostra società, cioè la formazione della famiglia prevista degli articoli 29, 30 e 31, è stato molto chiaro per decenni.

Oggi è chiaro che sono cambiati i tempi, sono cambiate le modalità, sono cambiate le sensibilità, e credetemi, non è che nel centrodestra, come voi ogni tanto ipotizzate, sottintendete e insinuate che ci sia una banda di discesi dalle montagne, o di gente incapace di capire che mi cambia la società, sono cambiate anche delle sensibilità.

Ma mentre per decenni quello che veniva difeso dalla Costituzione e, permettetemi, anche dall’idem sentire, era la famiglia, uomo o donna che si sposavano, avevano un matrimonio e formavano una continuità della struttura sociale, che si basava su questo nucleo fondante, ebbene, mentre questo concetto è stato chiaro per decenni, si poteva essere d’accordo, si poteva dissentire, ci si poteva sposare o non sposare, ma era chiaro qual era il riferimento, oggi, quello che viene proposto in questa legge che è confusa e che cerca di imporre una propria visione è certamente un passaggio che va in qualche modo definito.

Il tentativo di istituire un oggetto sociale molto chiaro, condiviso e compreso da tutti come la famiglia, come un oggetto sociale che voi proponete come alternativo, o comunque allo stesso livello della famiglia, credo che possiate capire che sia un passaggio né semplice né comprensibile a tutti.

Voi proponete tutta una serie di diritti, come se tutti non solo fossero d’accordo, ma come se tutti sapessero quello cui voi vi riferite. Credetemi: non è così. Quando mi dite: la Regione garantisce il diritto all’autodeterminazione di ogni persona in ordine al proprio orientamento sessuale e alla propria identità di genere, voi forse, al secondo comma del vostro – vostro, perché noi abbiamo votato contro convintamente – credete che questo passaggio sia chiaro, che in italiano voglia far passare la vostra visione con molta chiarezza. Credetemi: questa chiarezza non esiste. Questa chiarezza è per voi forse semplice, ma per molta parte della società non solo viene rigettata, ma non viene neppure compresa.

Dire: riconosce il diritto all’autodeterminazione di ogni persona, vuol dire, avete visto forse alcuni, qui in platea che ascoltavano in questi giorni, in questi dibattiti, che avevano anche delle magliette spiritose: io mi sento un cavallo. Quella maglietta è spiritosa ed esagerata, su questo siamo d’accordo. Ma il messaggio “io mi sento un cavallo” rileva una confusione su quello che voi volete proporre, che non tutti possono trovare condivisibile, ma neanche chiaro. Se ognuno ha il diritto di potersi autodeterminare, i passaggi successivi sono che questa autodeterminazione può essere passeggera, io oggi sono un uomo, ma mi sento una donna, domani mi sentirò un uomo di nuovo, nel momento in cui voi rompete quel muro di chiarezza, la famiglia non esiste più, l’uomo non esiste più, la donna non esiste più, esiste un magma indistinto dove tutti hanno tutto, ma in realtà tutti non hanno nulla. Nel momento in cui voi fate cadere le certezze, e credetemi che erano certezze che erano chiare a tutti probabilmente da alcuni millenni, voi sostituite la certezza con la confusione, sostituite il sapere chi siamo con un cosa saremo. Noi non possiamo essere d’accordo su questo passaggio.

Le modifiche che noi proponiamo con questo articolo, con gli articoli successivi, con gli emendamenti che abbiamo già presentato e che discuteremo sono rivolte a fare chiarezza che il tuo “sì” sia “sì” e che il tuo “no” sia “no”. Dico questa frase per il collega Boschini, che non vedo, ma che quand’era cattolico, quand’era figlio della santa madre romana Chiesa, certamente avrebbe difeso questo bianco-bianco e nero-nero. Oggi, che in qualche maniera deve sbarcare la giornata, che in qualche maniera deve passare la nottata, è chiaro che il collega avrà difficoltà a difendere quello che nella sua religione doveva essere chiaro, bianco-bianco e nero-nero, e allora si rivolge a delle formule fumose, alla confusione dei generi…

 

(interruzione)

 

No, io non voglio confessare nessuno. È la tua coscienza…

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Galli.

È chiusa la discussione. Non ho iscritti…

 

(interruzione)

 

Però, vi iscrivete per tempo, non quando chiudo. Quindi, il consigliere Callori ha la parola. Successivamente, però, vi iscrivete per tempo.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Riprendendo un po’ questo emendamento del collega Marchetti, discriminazione di genere, educazione di genere, io penso che tutto questo parta da lontano, perché voglio ricordare quando una legge, una norma fissava di indicare alle anagrafe dei comuni, sulle carte di identità e sui documenti di riconoscimento “Genitore A” e “Genitore B”. Quindi, capite che già da qui si cominciava a lavorare sottotraccia, per poi pian piano arrivare a cancellare l’identità, a cancellare quella che è la nostra storia, quello che ribadivo nei giorni scorsi, ma rimarco ancora, la storia del nostro Paese, cristiana, cattolica, una storia che parla di un padre, di una madre e dei figli. Tutto il resto è qualcosa che ci stiamo inventando, è qualcosa che vogliamo sicuramente far emergere, ma che non ci viene chiesto. È solo per cercare di accontentare, per cercare di dare risposte a uno sparuto, a un piccolo gruppo di persone che vogliono solo emergere, farsi vedere e dimostrare qualcosa pubblicamente.

Chi, in effetti, ha gusti sessuali, su cui non discuto, perché ognuno ha i propri gusti, fa quello che deve fare senza andare a contestare, senza andare in piazza, ma lo fa liberamente, perché ad oggi tutti siamo liberi di poter professare la sessualità che vogliamo.

Quindi, quando continuiamo a rimarcare che questa è una legge per i diritti, una legge che vuol dare la voce anche a tutte queste varie categorie, perché ce ne sono talmente tante che si perde anche il conto, il numero e il nome, penso che dovremmo continuare ad andare avanti fino a quello che è stato fatto qualche tempo fa, quella che è la natura umana, senza dover fare corsie preferenziali, fare nuovi spogliatoi per tanti generi in base a quelli che verranno definiti per legge, ma cercare di tornare alla normalità, la normalità che è ‒ ribadisco ‒ uomo, donna e figli, e tutto quello che vuole essere in più lo sarà.

Anch’io penso che sia giusto e doveroso ‒ lo voglio rimarcare ‒ che chi, un po’ contro natura, contro il proprio essere cristiano per storia e per famiglia, essere cattolico, oggi vuole forzare questa sua storia per andare a votare ed approvare una legge, una norma che va contro i propri ideali, che va contro il proprio pensiero... Voglio dire: pensateci bene, perché la legge, quando sarà approvata, creerà sicuramente, e la sta già creando, una divisione, un precedente che non porterà nulla di buono e di positivo alla nostra Regione, ma anzi, aumenterà e porterà ancor più divisioni.

Quindi, ribadisco: ritiriamo, ritirate questa legge e ripartiamo dall’inizio. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Callori.

Consigliere Tagliaferri, la ringrazio per avere seguito il suggerimento e l’invito di prenotarsi per tempo.

 

TAGLIAFFERI: Adesso non lo accetto, presidente, con tutto il rispetto. Io ho schiacciato.

 

PRESIDENTE (Saliera): Ha la parola.

 

TAGLIAFERRI: Bene. Siccome intercorre qualche secondo, prima, io l’ho schiacciato per tempo.

Non accetto di essere bacchettato nuovamente per una cosa che non ho fatto.

 

PRESIDENTE (Saliera): È la prima volta. Se vuole ce ne saranno altre, però al momento è la prima volta. Prego.

 

TAGLIAFERRI: Lei può fare quello che crede, ma l’ho vista estremamente spiritosa, prima, quindi accetto anche queste battute di spirito.

 

PRESIDENTE (Saliera): Abbiamo una notte lunga, quindi ci starà un po’. Prego, intervenga.

 

TAGLIAFFERI: Lo stavo facendo. Ho apprezzato moltissimo l’intervento del Capogruppo, che oltre a preoccuparsi di divertire tutta l’Assemblea e di prenotare le pizze, potrebbe anche pensare ad altro. Pensare anche che ci sono persone che la sentono, questa cosa, la sentono intimamente, che non usano la strumentalità, non usano strumentalizzazioni così, tanto per farle. C’è gente che ci crede, quindi non accetto e respingo tutte le parole che lei ha detto, in maniera molto impropria, sulle fesserie e su quant’altro.

Detto questo, per deliziarla, cercare di farle ben capire e farle entrare in testa alcuni concetti, che persino lei potrebbe anche recepire, le volevo leggere un delizioso articolo di Gabriele Soliani, del 6 febbraio 2019, intitolato “Maschi e femmine si nasce. Il genere è un concetto non biologico”. Sulla questione si è espresso chiaramente l’American College dei pediatri: la sessualità umana è binaria, nessuno nasce con un genere, tutti sono nati con un sesso biologico. Ha suscitato polemiche e discussioni utili la trasmissione di Raitre Alla lavagna, con la presenza di Wladimiro Guadagno, in arte Luxuria. I ragazzini e le ragazzine prepuberi hanno fatto domande, come la loro naturale curiosità richiede, e si sono sentiti rispondere “da bambino preferivo giocare con le bambole” oppure “usavo i profumi della mamma”, cioè in pratica “mi sentivo femmina”. Oggigiorno, infatti, il ritornello “mi sento” o “provo” sembra un diktat emotivo al quale non si deve opporre resistenza. Dunque, si tratterebbe della cosiddetta disforia di genere, così la scienza definisce questo sentire.

Per allontanare ogni dubbio se sia giusto oppure no assecondare la disforia di genere, ascoltiamo cosa ha detto poco più di un anno fa l’American College dei pediatri. Il succo della decisione dell’American College è che l’ideologia di genere danneggi i bambini e invita professionisti, educatori e legislatori sanitari a respingere tutte le politiche che condizionano i bambini ad accettare come normale una vita di impersonificazione chimica e chirurgica dell’altro sesso. I fatti, non l’ideologia, determinano la realtà. Bella, semplice e chiara definizione.

La sessualità umana – dicono i medici dell’American College – è un tratto binario biologico oggettivo. XY e XX sono marcatori genetici di maschio e femmina, non marcatori genetici di un disturbo. La norma per il design umano deve essere concepita sia maschile che femminile. La sessualità umana è binaria per design, con l’ovvio scopo di riprodurre e prosperare la nostra specie. Questo principio è evidente.

I disturbi, estremamente rari, dello sviluppo sessuale (DSD), inclusi ma non limitati alla femminilizzazione testicolare e iperplasia surrenale congenita, sono tutti deviazioni identificabili dal punto di vista medico della norma binaria sessuale e sono giustamente riconosciuti come disturbi del design umano.

Gli individui con DSD, indicati anche come intersessuali, non costituiscono un terzo sesso. Dunque, anche il signor Wladimiro Guadagno, in arte Luxuria, rimane un uomo anche se si sente donna. Nessuno nasce con un genere – è sempre l’associazione dei pediatri USA che parla – tutti sono nati con un sesso biologico.

Il genere, consapevolezza e senso di sé stessi come maschio o femmina, è un concetto sociologico e psicologico, non biologico oggettivo. Nessuno nasce con la consapevolezza di sé stessi come maschio o femmina, questa consapevolezza si sviluppa nel tempo e, come tutti i processi di sviluppo, può essere deragliato…

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Tagliaferri.

La parola al consigliere Caliandro.

 

CALIANDRO: Presidente, la ringrazio, perché siamo in presenza di feconde soluzioni biologiche, citazioni. Io, per non essere da meno, evidentemente, al collega Tagliaferri, non voglio riprendere il dibattito precedente, quello fatto un po’ più sulle idee, ma voglio anche io abbeverarmi ad una riflessione che forse potrebbe essere utile anche al consigliere Tagliaferri o a quel mondo di esperti medioevalisti che lo stanno accompagnando.

La natura sorprende per le sue capacità di adattamento, spesso inibite all’uomo. Non stupisce, però, l’esistenza di un pesciolino tropicale capace di cambiare sesso in sole due settimane. Si chiama Gobide della Catalina ed è soltanto l’ultimo degli animali cosiddetti “transgender”, ovvero specie in grado di passare indifferentemente dal genere femminile a quello maschile. Si tratta non di un’opinione di Stefano Caliandro, ma di uno studio della National Science Foundation.

Il fatto che esistano gli animali ermafroditi, il fatto che nella biologia e nella scienza sia fatta questo tipo di verifica, non significa che noi dobbiamo per forza continuare a pensare che gli uomini non siano discesi dagli alberi. Sono discesi dagli alberi. Qui abbiamo avuto molti esempi di quella tradizione. Però poi si sono anche evoluti. Nell’evoluzione hanno imparato anche, nell’evoluzione della specie, quella che in questo caso alcuni nostri colleghi stanno ignorando, che l’amore si chiama “amore”, il rispetto si chiama “rispetto” e, purtroppo, per i diritti si combatte fino all’ultimo.

Capisco tutto. Capisco anche che la grettezza culturale certe volte ci porti anche a pensare che esista un solo modo di vedere le cose, ma esiste un altro modo di vedere le cose, che è quello del rispettare i diritti degli altri e lottare per i diritti degli altri. Non siete meno uomini se lavorate e combattete per i diritti degli altri. Non siete meno eterosessuali se lo fate. Non siete neanche meno civili se accettate di riconoscere che ci sono persone che vengono violentate quotidianamente da questa società e che cercano diritti.

Non nascondetevi più dietro a questa biologia da quattro soldi, perché comunque, a un certo punto, avete il dovere di confrontarvi non soltanto con le vostre paure, ma anche con gli studi che avete rifiutato. Potete cominciare a studiare. Non è una cosa drammatica. Non intimiditevi di fronte a un libro. Non intimiditevi di fronte a un diritto. Però non pensate di intimidirci con queste fesserie.

 

PRESIDENTE (Saliera): È chiusa la discussione.

È aperta la dichiarazione di voto.

Il consigliere Facci Michele ha la parola.

 

FACCI: Vedo che il presidente del Partito Democratico continua nell’attribuire, con termini abbastanza offensivi, le nostre considerazioni. Ma oramai credo che ci abbiamo fatto l’abitudine.

La dichiarazione di voto è molto semplice, per certi aspetti l’ho richiamata prima. Di fatto, prendendo spunto da un testo di legge del tutto molto astratto per quanto riguarda le definizioni, per quanto riguarda i riferimenti – dopo parleremo degli stereotipi discriminatori e di che cosa sono gli stereotipi discriminatori. Qui ci limitiamo a parlare di genere loro. Siccome si fa riferimento agli orientamenti sessuali e all’identità di genere, ritengo che sia del tutto coerente con questa volontà di evitare la confusione che questa legge certamente contribuirà a fare, perché di fatto questo progetto di legge altro non farà se non alimentare la discrezionalità da parte di chi poi dovrà, in questo caso la Regione Emilia-Romagna, dare un contenuto a questa legge-quadro. Perché questa è una legge-quadro. Quindi pensiamo che a cascata vi siano degli atti, regolamentari, degli atti consequenziali che vorranno provare a interpretare quello che certi termini astratti, volutamente astratti, volutamente discrezionali, intendono rappresentare.

Questo articolo 1-bis, allora, laddove parla di definizioni e che in qualche modo vuole cercare di richiamare l’attenzione sul genere, giustamente, dal nostro punto di vista chiarisce che quando parliamo di genere, parliamo di uomini e di donne. È la lettera a) dell’articolo 1-bis. Quando si parla di discriminazioni di genere, la lettera b) ovviamente fa una valutazione e una considerazione anche abbastanza articolata su quelli che possono essere comportamenti discriminatori, perché, se ritenete che ci sia la necessità di normare un contesto che deve essere normato, noi riteniamo che questa necessità non vi sia, l’abbiamo detto in più modi e in più parti, però se questo deve essere, allora andiamo a eliminare una discrezionalità da parte del legislatore, perché non c’è niente di peggio se non permettere alla fine una interpretazione, da parte magari di qualche funzionario, che non è certamente l’interpretazione autentica (passatemi questa digressione giuridica) perché lasceremmo in mano a funzionari dare un contenuto a quelle che sono normative, norme che in questo momento vogliono essere introdotte.

Allora è giusta la necessità di precisare questo concetto, quindi quello che noi riteniamo corretto è che, se si deve parlare di genere, si debba parlare di genere maschile e genere femminile, e quindi in qualche modo contribuire a chiarire quelle che sono le impostazioni che, quantomeno, dovrebbero avere una loro definizione precisa.

Quindi, voteremo a favore dell’emendamento che introduce l’articolo 1 bis.

 

PRESIDENTE (Saliera): Non ho altri in dichiarazione di voto.

Consigliere Galli, prego.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Io devo fare un’ammissione, in prima battuta. Molto spesso – è un richiamo che è stato fatto anche da qualche componente della maggioranza, non mi ricordo chi sia stato, forse il consigliere Paruolo – c’è la convinzione che chi rappresenta la destra non abbia la capacità di comprendere le ragioni dell’altro. Si dà il caso che molti di noi si riconoscono in una religione che ha fatto del riconoscimento delle ragioni dell’altro la base del proprio agire e del proprio credere. Fai all’altro quello che vorresti fosse fatto a te stesso: questa è la base di molti di noi.

 

(interruzione)

 

Ogni cosa ha il rovescio della medaglia. Quindi, una medaglia che dice “non fare all’altro quello che vorresti non fosse fatto a te”, al rovescio della medaglia... Vedo la collega Prodi molto attenta, molto arcigna, molto controllata nelle parole dell’altro. In questa sua corsa nel controllare, nel visionare, nel rimbeccare quello che un altro può dire è evidente che esce fuori da questo parametro che cercavo di richiamare.

I cinesi dicevano Yin e Yang, ogni cosa ha il suo contrario. Se in una religione si dice “non fare all’altro quello che non vorresti fosse fatto a te stesso”, il rovescio è “fai all’altro quello che vorresti che fosse fatto a te”.

La conoscenza, comunque, delle ragioni dell’altro discende anche dalla capacità di capire che a volte l’altro ha un’impostazione, un modo di vedere, un sistema valoriale diverso dal proprio. Probabilmente, quando noi di destra, permettetemi questa categoria... Delle destre, dai. È un termine più corretto. Noi delle destre abbiamo una apparente chiusura nei confronti del mondo LGBT perché, magari, non vediamo e non capiamo alcune delle criticità che loro, invece, vivono sulla pelle tutti i giorni. Può darsi che quei film che noi abbiamo visto, ambientati negli anni Cinquanta e negli anni Sessanta, dove il gay veniva visto come una macchietta, che magari veniva allora vittimizzato sul posto di lavoro, sull’ambiente sociale, può darsi che noi queste discriminazioni crediamo non esistano perché non le vediamo. Questo è un passaggio importante. Riconosco che può essere. Io magari non me ne accorgo perché, appartenendo a una categoria, magari do per scontato che la battuta di caserma, come si diceva un tempo, sull’omosessuale viene vissuta non come una battuta per chi omosessuale è sul serio.

In questa chiusura apparente, credetemi, c’è anche la convinzione, oggi, che nella totalità, almeno, delle persone che io conosco, delle persone che frequento, che ovviamente non sono la totalità del mondo, la persona omosessuale non viene più vittimizzata o ghettizzata o limitata sul posto di lavoro, sul posto di relazione, sul posto delle frequentazioni quotidiane. Oggi una persona omosessuale viene valutata per quello che è come persona.

Quando sento il collega Capogruppo della maggioranza fare degli esempi sul mondo animale, dicendo che ci sono animali che cambiano sesso... Intanto, permettetemi, ci sarà una differenza tra un uomo o una donna senziente e un animale che cambia sesso. Non è la stessa cosa. Ci sono alcuni milioni di anni di evoluzione, credo positiva. Credo che la distinzione, il paragone con il mondo animale vada bene fino a un certo punto, ma la differenza di questo articolo che dice: facciamo chiarezza, anche ammesso che non sia più vera la storia uomo e donna Dio li creò, che sia un passaggio ormai superato, ormai antico, ormai da non considerare più una divisione così manichea tra il bianco e il nero, ma questo non deve essere sufficiente per cominciare un magma indistinto dove tutto è tutto e tutto è niente. Non può essere che un funzionario della Regione debba preoccuparsi, come voi invece vorreste, per sapere, ai fini di prevenire discriminazioni per motivi derivanti dall’orientamento sessuale, tenda a favorire l’acquisizione, la cultura della non discriminazione.

Vi dico quale sarebbe stato un articolo interessante, un unico articolo di una legge che avesse previsto una serie di politiche attive per promuovere la non discriminazione, un’attività di cultura di accoglienza, ma non di creare una terza, una quarta, una quinta categoria, LGBT, a cui si devono dare dei comportamenti…

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Galli. Ha terminato il suo tempo.

Sono chiuse le dichiarazioni di voto. Si procede alla votazione, con voto elettronico, dell’emendamento n. 27, a firma Daniele Marchetti.

Si vota. Voto elettronico.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 7

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora procediamo con l’istituzione di un nuovo articolo, con l’emendamento n. 684, Tagliaferri e i subemendamenti relativi, cioè il 274 Callori, il 1399 Callori, il 290 Callori e il 288 Callori.

Discussione congiunta.

Chi chiede la parola?

Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Grazie, presidente.

Sempre per rinfrescare la memoria anche e soprattutto al presidente Caliandro, volevo tornare sul concetto di gender e volevo leggere un interessantissimo articolo dal Punto Famiglia PLUS – anche se per voi la famiglia è un concetto sempre molto astratto, molto personalizzato, visto anche come si permette di nominare i parenti degli altri, il presidente Caliandro, dovrebbe pensare ai suoi – del 17 ottobre 2018 di Gianfranco Amato: “Gender: bomba atomica o problema inesistente?”. Che cos’è il gender? Cosa nasconde? Resta davvero singolare il fatto che in Italia la confusione sul concetto della teoria gender… Fa piacere che susciti tanta ilarità il gender. Regni sovrana… Ci facciamo una risata tutti insieme. Soprattutto nel cosiddetto “mondo cattolico”. Nonostante l’invasiva propaganda diffusa attraverso ogni mezzo di comunicazione (tv, cinema, rotocalchi, internet) la cosiddetta “teoria gender” resta ancora un concetto sconosciuto ai più, anzi direi che esiste molta, molta confusione al riguardo. Qualcuno, infatti, confonde la teoria gender con l’educazione sessuale, qualcuno che questa educazione sessuale forzatamente la vuole inculcare ai nostri figli. Altri la confondono con la parità di genere tra uomo e donna. Altri ancora la confondono con l’omosessualità. In realtà, non è nessuna di queste tre cose.

Di che si tratta, quindi? È semplicemente l’idea per cui un individuo non è uomo o donna in base a come è strutturato fisicamente, biologicamente, sessualmente, cromosomicamente (che più ne ha più ne metta) ma in base a come si sente al momento. Ciò che conta non è l’evidenza oggettiva, ma la percezione soggettiva.

Judith Butler, filosofa post strutturalista americana, che insegna all’Università di Berkeley, è la più intelligente, quindi la più pericolosa esponente della teoria gender. Io non la conosco, ma probabilmente qualcuno di voi sì. Lei ha coniato il termine “genere performativo” per indicare il concetto che è il comportamento di una persona a determinare il suo genere. Per cui, uno è uomo o donna, maschio o femmina, a seconda di come si comporta, si veste, si atteggia. Il suo libro “Fare e disfare il genere”, che rappresenta la Bibbia degli esponenti della teoria gender, si sta diffondendo in Italia anche negli ambienti accademici e sono sempre più numerosi i corsi monografici organizzati nelle università del nostro Paese sulle teorie della Butler.

In lingua italiana il concetto di “gender” viene tradotto con l’espressione “identità di genere”. È interessante il fatto che un documento del Governo italiano intitolato “Linee guida per una comunicazione rispettosa delle persone LGBT” definisca tale espressione come il senso intimo, profondo e soggettivo di appartenenza alle categorie sociali e culturali di uomo e donna, ovvero ciò che permette a un individuo di dire “io sono un uomo”, “io sono una donna”, indipendentemente dal sesso anatomico. Questa sensazione può mutare nel tempo.

Resta davvero singolare il fatto che in Italia la confusione sul concetto della teoria gender regni sovrana, soprattutto nel cosiddetto “mondo cattolico”. Dico questo perché lo stesso Papa Francesco non ha perso occasione per denunciare l’insidiosa e devastante pericolosità di questa teoria, oggi trasformatasi in ideologia. Capito? Lo stesso Papa Francesco. L’ha definita addirittura una bomba atomica nel libro “Questa economia uccide” e uno sbaglio della mente umana che crea tanta confusione, parlando ai giovani di Napoli il 21 marzo 2015, nonché una colonizzazione ideologica che avvelena l’anima e la famiglia, nel suo discorso di apertura del convegno ecclesiale della Diocesi di Roma tenuto in Piazza San Pietro il 14 giugno 2015.

Parlando, poi, ai vescovi polacchi, il 27 luglio 2016, nell’ambito della Giornata Mondiale della Gioventù, Francesco ha usato parole inequivocabili. In Europa, in America, in America latina, in Africa e in alcuni Paesi dell’Asia ci sono vere colonizzazioni ideologiche. Una di queste ‒ lo dico chiaramente, con nome e cognome ‒ è il gender. Oggi ai bambini, dico ai bambini, a scuola, si insegna questo: che il sesso ognuno lo può scegliere. E perché insegnano questo? Perché i libri sono quelli delle persone e delle istituzioni che ti danno i soldi. Sono le colonizzazioni ideologiche sostenute anche da Paesi molto influenti, e questo è terribile.

L’ultima occasione in cui il Papa ha denunciato la pericolosità dell’ideologia gender è stato durante il suo viaggio in Georgia, tenutosi nell’ottobre 2016, dove, dopo aver parlato di gender come guerra mondiale contro la famiglia, ha spiegato ai giornalisti che il suo attacco riguarda proprio quella cattiveria data dall’indottrinamento del gender nelle scuole.

Piccolo particolare: la condanna di questa pericolosa e devastante ideologia oggi è inserita anche in un documento del magistero della Chiesa cattolica. Si tratta del punto n. 56 dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia. Un’altra sfida emerge da varie forme di un’ideologia genericamente chiamata gender, che nega la differenza e la reciprocità naturale di uomo e donna. Essa prospetta una società senza differenze di sesso e svuota la parte antropologica della famiglia. Questa ideologia induce progetti educativi e orientamenti legislativi che promuovono un’identità personale e un’intimità affettiva radicalmente svincolate dalla diversità biologica fra maschio e femmina.

L’ identità umana viene consegnata ad un’opzione individualistica, anche mutevole nel tempo. È inquietante che alcune ideologie di questo tipo, che pretendono di rispondere a certe aspirazioni, a volte comprensibili, cerchino di imporsi come un pensiero unico che determini anche l’educazione dei bambini.

Ci sono ancora molte citazioni del Papa, presidente Caliandro. Vorrei sapere se lei ritiene anche queste delle fesserie, come si è permesso di dire più volte su quello che noi abbiamo semplicemente enunciato anche leggendo articoli di persone illustri. Ma soprattutto, faccio appello ancora una volta ai “cattodem”, a coloro che devono subire, e io penso che invece di preoccuparsi, il presidente Caliandro, dei rapporti tra Fratelli d’Italia e Lega, o Forza Italia, dovrebbe preoccuparsi di cosa potrebbe avvenire se un coltello fosse lanciato…

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Tagliaferri.

La parola al consigliere Callori. Prego.

 

(interruzione)

 

La parola al consigliere Callori.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

In merito a questo articolo 1 bis, dove si parla della definizione di gender e dove si parla eventualmente di modificare la parola per usare una parola più neutrale, io mi sono guardato su Wikipedia, quindi non è una lettura di una parte e dell’altra, e penso che in queste poche righe faccia capire chiaramente quello che questa parola vuol significare: “La teoria del gender è un neologismo, prestito linguistico dell’inglese, coniato in ambienti cattolici negli anni Novanta per riferirsi in modo critico agli studi di genere. Chi fa uso di tale espressione sostiene che gli studi di genere sottendono un progetto predefinito mirante alla distruzione della famiglia…”.

Mi fa piacere che ci siano anche questi “yu-uh”, per aumentare ulteriormente quello che significa l’approvazione di questa legge.

Ribadisco “mirante alla distruzione della famiglia e di un supposto ordine naturale su cui fondare la società”. Questo richiama quello che ho detto fino adesso, e cioè che c’è un disegno chiaro e preciso per distruggere la famiglia naturale uomo-donna e modificare quello che vuole essere nel futuro la società.

“In sostanza, l’espressione teoria del gender è un termine ombrello usato come parola d’ordine – come parola d’ordine – d’opposizione ai movimenti femministi LGBT. Al gender viene imputato di propagandare l’inesistenza di qualsivoglia differenza tra i sessi biologici”.

Possiamo noi andare a scrivere una parola che vuol dare questo significato?

Questo non lo dice Fratelli d’Italia, la Lega o Forza Italia, ma lo scrive Wikipedia, che penso sia una testata che parla generalmente del significato delle parole. Allora, è chiaro tutto questo ha un percorso ben definito. C’è chi lo appoggia, chi lo osteggia, ma non per questo dobbiamo per forza essere, o gli uni o gli altri, persone che non capiscono, non fanno, non leggono.

Prima si parlava di amore, rispetto e diritti. Il rispetto è sicuramente nelle idee degli uni e degli altri. Il rispetto è accettare anche quello che pensa un altro, che non la pensa uguale a noi, discutere, dibattere. Poi ognuno può rimanere sulla propria posizione, però ci vuole anche una coscienza critica che permetta di far sì che le persone non possano portare all’ammasso delle idee, ma ci sia anche una chiarificazione, una divisione, una certezza in quello che uno poi va a votare.

Si parlava di amore. L’amore con la “A” maiuscola è una cosa molto bella e importante. Non penso che approvando questa legge si vada ad aumentare l’amore tra le persone, ma sicuramente è un modo strumentale per voler dimostrare che la parola “amore” deve essere utilizzata anche per tutti gli altri generi. È chiaro che nel privato e nell’intimo di ognuno “amore” ha il suo significato. Uno può avere l’amore per il marito o per la moglie, uno può avere l’amore per i figli. Tanti tipi. Però non dobbiamo collegare questa parola a tutto questo elenco di altri generi. Perché questo? Perché non diamo chiaramente un’idea, un’intuizione, una spiegazione giusta soprattutto a quelle persone che magari ‒ parlo anche dei bambini, dei più giovani ‒ sono più facilmente... Si possa far capire loro più facilmente e mettere nella loro testa cose che non corrispondono alla realtà. È giusto che un bambino, un ragazzo abbia la sua formazione familiare e la scuola, poi, non possa andare a stravolgere quello che dicono le famiglie.

Quante volte sentiamo funzionari scolastici, presidi, insegnanti che dicono: “La prima istruzione ai bambini la dà la famiglia”. La famiglia dà un’istruzione ai figli in base alla storia della famiglia, in base a quello che ha vissuto la famiglia. Poi arriva la scuola. E cosa fa la scuola? Vuole stravolgere con progetti mirati, sennò, altrimenti, come dice la legge, non verranno finanziati, quello che la famiglia insegna ai figli, perché devono capire che uomo, donna è una cosa tutta diversa da quello che gli hanno detto e spiegato. Per arrivare, poi, non solo, come si dice nella legge, a dei progetti scolastici, ma si parla anche di cultura. E quello è ancor più grave, perché alla fine la cultura raccoglie le persone, anche più avanti negli anni dell’età scolastica.

Ed è chiaro che quando la legge dice: finanzieremo progetti a quelle associazioni che presenteranno iniziative legate ai generi diversi da uomo e donna, le associazioni cosa faranno? Presenteranno questi progetti, perché per avere il finanziamento anche loro… Quindi, andiamo a veicolare, andiamo a decidere per altri. Questa legge quindi, cosa arriva a fare anche? Fa sì che lo sport, la cultura, la scuola, tutto quello che è un mondo che deve crescere e vivere con le proprie gambe, invece deve essere veicolato, vincolato a una legge regionale che gli dice cosa deve fare per avere i finanziamenti, cosa deve fare per poter essere iscritta e inserita in certi albi dell’associazione. È chiaro che tutto questo, come dicevo prima, vuole veicolare e portare a un pensiero unico, diverso dal pensiero naturale che, ci dice non solo la storia, che è marito, moglie, uomo, donna, bambino e bambina. Basta: genitore A, genitore B, figlio x: tutto ha un nome e un cognome, al maschile e al femminile.

Penso, molte volte, che ripetiamo. Anch’io ripeto le cose che ho già detto, ma non posso non ripeterle, perché alla fine l’obiettivo di fondo è cercare di mantenere la nostra tradizione, la nostra cultura, la nostra storia.

Quindi, ribadisco, alla fine del mio intervento: ritirate, ritiriamo questa legge e riparliamone. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Callori.

Voglio informare il consigliere Tagliaferri che il mio visore evidenzia un errore, cioè toglie un minuto, quindi è a credito di un minuto.

Adesso non seguo più il visore, perché ci siamo accorti che c’è un problema.

La parola alla consigliera Piccinini. Prego.

 

PICCININI: Grazie, presidente.

Io mi ero ripromessa di intervenire veramente il meno possibile e soprattutto stando sul merito, però, è vero, ho sentito tante di quelle fesserie che forse è il caso di precisare qualcosa.

Questa discussione sulla teoria del gender è una discussione che facemmo già qualche anno fa, quando venne presentata in quest’aula una risoluzione con simile tenore, quindi mi limiterò a leggere ciò che dissi all’epoca, perché ritengo sia utile puntualizzare e soprattutto smentire certe, ripeto, fesserie che sono state dette qui dentro.

Chiariamo subito: la teoria del gender non esiste. È come parlare del mostro di Loch Ness o, peggio, è un equivoco appositamente creato. Mentre da una parte da qualche anno si è iniziato a parlare di educare ai sentimenti e di combattere gli stereotipi di genere come contrasto alla violenza contro le donne e al bullismo, bullismo omofobico compreso, parallelamente alcune associazioni di stampo cattolico ultraconservatore cominciano a vociare di una certa teoria gender, che vorrebbe eliminare le differenze uomo-donna. Tutto merito dell’opera di convincimento messa in atto dal Pontificio consiglio per la famiglia, che già da diversi anni ha iniziato a diffondere l’idea dell’esistenza di un’ideologia che nega l’importanza della differenza dei sessi e favorisce l’esercizio sterile e ludico della sessualità, arrivando a considerare la famiglia un residuo storico, destinato a scomparire in un prossimo futuro.

Nessuno tra coloro che sostengono l’importanza dell’educazione alla differenza è d’accordo con queste affermazioni. Nessuno nega la differenza tra i sessi. Nessuno vuole la scomparsa dell’istituto della famiglia, famiglia che è comunque in evoluzione. Basti pensare al passaggio dalle famiglie patriarcali di un po’ di decenni fa alla famiglia nucleare e ai cambiamenti intervenuti sia nel campo sociale che nel campo legislativo.

“Gender” è la parola inglese che sta per “genere”, inteso come genere sessuale. Da circa trent’anni la parola è associata, appunto, ai gender studies, che in italiano vengono chiamati “studi di genere”. Questi studi mirano a individuare e a spiegare i motivi per cui a un dato genere maschile o femminile vengano attribuiti dei ruoli specifici, non strettamente legati alle caratteristiche sessuali, ad esempio perché le donne guadagnano meno degli uomini o perché certe professioni sono solo maschili. Questi studi non hanno mai prodotto una teoria unificata, ma sono un insieme di singole ricerche e modelli scientifici.

Lo scopo primario della creazione di questo spauracchio della teoria gender è la volontà di contrastare l’educazione al genere o l’educazione alla differenza, che dovrebbe comprendere anche l’educazione emotiva e sentimentale, la lotta al bullismo e agli stereotipi di genere.

Si cerca di negare il fatto che non esistono ruoli di genere prestabiliti, il che non vuol dire che un bambino può scegliere di diventare una bambina, ma semplicemente che un bambino può desiderare di fare il ballerino o una bambina la calciatrice, che un papà può cambiare un pannolino e la mamma può riparare un rubinetto o che un bambino può piangere senza essere considerato una femminuccia e che una bimba possa scegliere di essere abbracciata da un compagno di scuola troppo irruento, perché è da piccoli che si contrasta la violenza di genere, insegnando loro a rispettare se stessi, le proprie emozioni e gli altri.

La teoria del genere è un’etichetta fabbricata per distorcere qualunque intervento teorico, giuridico, politico e culturale che voglia scardinare l’ordine sessuale fondato sul dualismo maschio-femmina e tutto ciò che ne consegue, come subordinazione, discriminazione, disparità e l’ineluttabile complementarietà tra i sessi.

All’epoca Foti citava il Cardinal Bagnasco e alcune parole pronunciate in apertura del consiglio della Conferenza episcopale italiana sulla teoria del gender. Queste vengono ripetutamente smentite da altre fonti cattoliche, a dimostrazione di come certe teorie vengano combattute all’interno delle istituzioni cattoliche stesse. Basta leggere un bellissimo articolo sul sito delle suore comboniane, che smonta la veridicità di questa teoria, pezzo per pezzo. La stessa Diocesi di Padova si pone verso la questione in modo talmente illuminato da far sembrare i sostenitori della lotta alla teoria del gender dei cavernicoli.

Qual è la vera ragione dell’accanimento di far girare questa bufala? Sorvolando sull’evidente omofobia intrinseca del messaggio, che tenta di sopprimere il contrasto al bullismo omofobico e alla rivendicazione dell’unicità, ormai universalmente disconosciuta, del nucleo familiare composto solo da un uomo e da una donna, trattasi del bieco tentativo di contrastare il comma 16 dell’articolo 1 della legge n. 107/2015 detta “buona scuola”, forse uno dei pochi passaggi che meriterebbe di essere salvato. Il comma recepisce un documento elaborato dall’Organizzazione mondiale della sanità che, secondo i promotori della teoria del gender, inciterebbe l’insegnamento alla masturbazione, il che sembra assurdo solo a pensarlo, ma, poiché esiste il documento originale, invitiamo a leggerlo e a segnalarci il passaggio, semmai lo troviate, dove questo incitamento avviene.

Il comma recita: “Il piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei princìpi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità tra i sessi, alla prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni”. In pratica, questo comma è un blando incoraggiamento ai docenti, che dovranno, in base alla circolare n. 4321, chiedere il consenso informato anche per leggere ai bambini e alle bambine il racconto che parla di una bambina che vuole fare l’ingegnera, come se la scuola dovesse chiedere il permesso ai genitori per parlare di razzismo, della Shoah o della disabilità. In alcuni casi viene anche tirato in ballo il patto di corresponsabilità con cui la scuola chiederebbe l’autorizzazione per gli inesistenti corsi gender: sono altre falsità.

Il patto di corresponsabilità non è altro che un decalogo di norme sul comportamento di insegnanti e studenti. Insomma, per concludere, all’epoca io feci un invito a chi era intervenuto su questa questione. L’invito era che se i consiglieri volevano parlare di fantascienza, potevano scrivere romanzi e non risoluzioni, in questo caso emendamenti.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliera Piccinini.

La parola al consigliere Facci. Prego.

 

FACCI: Direi che l’intervento della collega Piccinini ha alimentato e ha distolto anche, magari, dalla disattenzione che magari quest’ora può portare dopo un po’ di discussioni che ci stiamo portando avanti da qualche ora, anzi, da stamattina.

L’articolo 1 bis in realtà, ad un’attenta lettura, parlo di a-gender. Perché parla di a-gender? Perché in un qualche modo vuole evidenziare le criticità che sono contenute nelle definizioni di cui all’articolo 1 della legge che è in discussione.

Infatti, la definizione che si vuole introdurre con questo articolo 1-bis è che con a-gender è l’individuo che non si attribuisce e/o non percepisce un’identità di genere, ed è una discussione che vogliamo fare proprio sul contenuto, sul significato di questo termine: identità di genere, che è contenuto nell’articolo 1, Principi e finalità della legge.

Lei dice, consigliera Piccinini, che la teoria del gender è una bufala o una fake news, chiamiamola come vogliamo. In realtà, c’è chi non la pensa come lei. È una sua opinione, che ovviamente rispettiamo, ma il concetto, a nostro avviso, è molto semplice. Il genere è una cosa; il sesso è un’altra; il sesso è un dato biologico e naturale; il genere è un dato psicologico, socioculturale. Quando qualcuno scherzando, ma neanche tanto, negli interventi precedenti ha parlato di sentirsi un cavallo, ovviamente è una forzatura per evidenziare come il fatto di parlare di genere, anziché di sesso, può portare alle interpretazioni più varie, legittime, tutte legittime. Noi non contestiamo il fatto che qualcuno si voglia sentire in un modo anziché in un altro, il punto è il riconoscimento giuridico che si pretende di dare a certe impostazioni. È questa che fa la sostanziale differenza.

Io non c’ero, però lei ha richiamato una risoluzione. Io ricordo che questa Regione, intorno alla teoria del gender o a manifestazioni che richiamano la teoria del gender, concede molti contributi. Penso a tutti i festival del gender che vengono fatti al Cassero di Bologna, penso al Festival di Sant’Arcangelo, penso al progetto “Viva l’amore”, penso anche ad alcune manifestazioni organizzate e gestite da persone che oggi sono sotto indagine a Bibbiano, ma ovviamente indagine, come ho detto prima, è un incidente di percorso. Quello che io guardo è il dato socioculturale di quelle manifestazioni e di quei finanziamenti.

Il punto è che con questo articolo 1 bis vogliamo sostanzialmente evidenziare le contraddizioni forse, anche le forzature che questa norma che parla in maniera netta e chiara o, meglio, parla in maniera netta di identità di genere, non ci dice che cosa vuole intendere per identità di genere. È un po’ quello che io dicevo prima quando parlavo di discrezionalità che questa legge introduce necessariamente, perché vuole legiferare, vuole introdurre delle norme su concetti assolutamente vaghi, indeterminati, volutamente indeterminati, che dovranno poi ricevere una serie di contenuti, dovranno essere in qualche modo precisati. Qui sta se vogliamo, passatemi il termine, anche la provocazione di questo articolo 1-bis. Deve essere chiaro, secondo noi, quello che la norma vuole dire, i soggetti cui si vuole rivolgere, le realtà che vuole interessare. Il punto è che si rischia... Sicuramente questo è un aspetto che questa legge necessariamente introduce, quello della discrezionalità. Poi, in una fase successiva, quando qualcuno dovrà interpretare e poi trasformare in atti amministrativi, regolamentari, magari anche di contenuto economico, dovrà dare, ovviamente, una serie di indicazioni. Chi è questo qualcuno? Chi sarà questo qualcuno? A chi andrà, soprattutto, questo tipo di attenzione?

Qui sta tutto, il fatto che c’è chi ritiene che questa teoria non esista. Noi riteniamo che la teoria esista. È una teoria che troviamo concretizzata in numerosi comportamenti, purtroppo, perché la troviamo concretizzata in una serie di atti, in una serie di protocolli, di progetti. A chi si rivolgono questi progetti? Si rivolgono ‒ questa è una delle contestazioni che abbiamo fatto, che faremo e che continueremo a fare fin quando lo potremo ‒ anche a persone, a contesti in cui l’applicazione di questa teoria può essere anche molto pericolosa. Penso ai contesti educativi, ai contesti socioassistenziali.

Quando oggi nella discussione ‒ o ieri, ho perso la cognizione del tempo ‒ abbiamo fatto riferimento all’ideologia gender nei fatti di Bibbiano, abbiamo fatto riferimento a un dato preciso, che emerge dalle carte processuali. C’è un’aggravante ideologica nei fatti di Bibbiano: la teoria, l’ideologia, che non è quella cui faceva riferimento la consigliera Rossi, ma è un’ideologia che in questo caso ha determinato una serie di conseguenze per certi aspetti drammatiche sulla pelle di bambini. Ma ovviamente è un dettaglio, ma un dettaglio grave, non è certamente il filone principale di quella situazione, di quei fatti, ma è una situazione che è emersa in tutta la sua drammaticità.

E allora, per concludere questa discussione intorno ai termini, non è speciosa, non è fatta… Certo, siamo qua ovviamente a fare le pulci a questo progetto di legge, e su questo saremo forse anche volutamente prolissi e volutamente invasivi. Ma noi lo facciamo in quanto riteniamo che non specificare e lasciare questa indeterminatezza, di fatto sia una situazione che non possiamo assolutamente non censurare. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Bene.

La parola al consigliere Galli.

 

GALLI: Grazie, presidente.

In realtà voglio fare un intervento molto breve su questo passaggio, sulle ultime parole del collega che mi ha preceduto, il collega Facci. Dice: vogliamo fare le pulci a questa legge, come se ci fosse bisogno di fare le pulci.

Questa legge fa acqua da tutte le parti, non c’è bisogno di cercarvi le minuzie, non c’è bisogno di cercare delle pulci, non c’è bisogno di cercare dei cavilli, non c’è bisogno di cercare dei motivi speciosi per vedere che questa legge è una legge fatta nell’interesse di altri. Non c’è bisogno di dover fare delle grandi ricerche per capire che su questa legge c’è stata una costruzione politica- ideologica ben precisa, e che nella indeterminatezza delle parole, dei generi, nella indeterminatezza degli obiettivi che si vogliono raggiungere, si raggiunge in realtà l’obiettivo principale: quello del risultato politico.

Sappiamo che c’è una legislazione concorrente fra lo Stato e le Regioni. Ci sono materie di competenza regionale, materie di competenza statale. Ci sono materie su cui la competenza dello Stato è chiara, e lo stesso, su materie regionali, su cui la competenza, ad esempio la sanità, è altrettanto chiara. Non così sulle leggi che hanno un connotato ideologico così forte, come quello della legge che oggi stiamo portando in discussione.

In realtà, io credo che quel concetto della legislazione concorrente, della legislazione lasciata alla discrezionalità delle singole Regioni qui oggi abbia una violenza, sia esercitata una forzatura per far sì che la Regione Emilia-Romagna, come sempre, perché è una connotazione delle Regioni, delle Province e dei Comuni, anche della più piccola Amministrazione comunale, che retta dalla sinistra vuol far vedere di essere la prima della classe. La volontà della Regione Emilia-Romagna in questa legge è lampante: è la volontà di far vedere a quel mondo, che per qualche motivo viene ritenuto a loro vicino, ma che così non è, quel mondo che loro ritengono così vicino, che questa Regione è attenta ai loro bisogni e addirittura li supera.

In diversi interventi dei passati emendamenti o dei passati articoli che sono stati messi in discussione – dico articoli, anche se non n’è passato uno – comunque in diversi passaggi già precedenti ho sottolineato che su questa legge è in corso una battaglia ideologica molto precisa, è in corso un tentativo di accreditarsi presso questo mondo, superando le volontà di questo mondo. È chiaro che è una violenza che questa Regione fa un po’ a sé stessa, è una violenza che questa maggioranza fa un po’ a sé stessa, su questa maggioranza che al suo interno è stata divisa. Questa divisione è stata coperta con una mano d’intonaco molto leggero, ma le divisioni ci sono per forza. Non credo che una persona animata da un giudizio obiettivo possa non vedere che si crea una super categoria, che avrà privilegi, a partire dal riconoscimento di violenze nei loro confronti che in realtà non vengono fatte.

Ci sono studi, ricerche, sondaggi, statistiche che dicono che nel mondo le categorie LGBT sono vittime di vessazioni, di privazioni, di limitazioni, anche di carcerazioni o di morte, ma non è il caso dell’Italia, non è il caso dell’Emilia-Romagna, non è il caso di nessuno che abbia in queste categorie un quadro di riferimento che non possa vedere e non possa capire che queste limitazioni che il mondo LGBT sogna, crede, ritiene di avere qui non succedono.

Io non ho presente dei casi reali, oltre a certe fantasie che ogni tanto si sentono, di gente che viene perseguitata per il suo essere omosessuale in Emilia-Romagna. Vi dico la verità. Non me ne vengono in mente. Saranno successe senza dubbio, ma saranno successe anche ad altre categorie: tranvieri, operai, professori universitari, consiglieri comunali. A molte altre categorie sono successe delle violazioni o delle limitazioni dei propri diritti oppure sono stati perseguitati, ma non per questo hanno chiesto che quella categoria avesse un qualche tipo di vantaggio o qualche tipo di privilegio oppure che ci dovessero essere dei corsi per incentivare questo mondo ad allargarsi.

Credo che l’accenno del collega Facci, fare le pulci a questa legge, sia sbagliato. Non c’è bisogno di fare nessuna pulce. Questa legge contiene dei bachi ‒ e uso il termine “bachi” perché è il termine più gentile che mi viene in mente ‒ grossi come dei tombini. Non c’è bisogno di fare grandi ricerche per capire che questa legge va bocciata così com’è e che l’articolo che passiamo al voto è un tentativo di mettere qualche piccolo miglioramento a una legge che va bocciata e che noi voteremo contro.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Galli.

La parola al consigliere Boschini. Prego.

 

BOSCHINI: Grazie, presidente.

Soltanto per una rapida osservazione. È chiaro che in questo mare di emendamenti cercare un senso è difficile, ma se voglio provare a cercarlo e provo a cominciare a tirare qualche filo poi ce ne saranno ancora di ore in cui tirare i fili. Capisco questo.

Sento discorsi ormai ampiamente ripetitivi. La funzione, naturalmente, è quella di poter dire che si è fatta una strenua lotta, giorno e notte, contro una legge...

 

(interruzione)

 

Cortesemente, mi faccia parlare. Grazie.

Si è fatta una strenua lotta. Già questo ci basta a dire che quello che si dice non è più importante. L’importante è parlare, tenere accesa la luce e andare avanti. Questo è un primo dato, però lo mettiamo lì, perché oggettivamente è così. Basta fare il tentativo ‒ è chiaro che per tutti non è possibile ‒ di leggere qualcuno dei vostri emendamenti per rendersi conto che, per esempio, c’è differenza enorme tra ciò che state dicendo e ciò che persino è stato presentato e firmato da voi.

Faccio un esempio per capirci. Qui uno può cominciare a parlare di teorie, di gender. Tutte le strade del mondo e tutte le opinioni hanno legittimità. Ad esempio, prendo l’emendamento 27 all’articolo 1 bis, presentato dal gruppo Lega Nord. Leggo: definizioni. Quindi, si propone di aggiungere una definizione: ai fini della presente legge, si intende, per genere, una definizione fatta dal Consiglio d’Europa, eccetera, per cui, con il termine “genere” ci si riferisce a ruoli – ascolta Galli, perché poi ti interrogo –, comportamenti, attività e attributi socialmente costruiti, che una determinata società considera appropriati per donne e uomini. Lo rileggo o è chiaro? Lo dico anche a Tagliaferri, lo dico a tutti.

 

(interruzione)

 

Perfetto, grazie del ringraziamento.

Il termine “genere” si riferisce a ruoli, comportamenti, attività e attributi socialmente costruiti. Questa è la definizione che voi avete dato della teoria gender. È il testo dell’emendamento, a firma

Marchetti. Cito te perché dentro ad un dibattito, comincio per esempio a rilevare delle differenze.

 

(interruzione)

 

Benissimo.

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Saliera): Vi dispiace non colloquiare fra di voi? Grazie.

 

BOSCHINI: Grazie, presidente, cercherò di rivolgermi a lei.

Qui c’è un punto molto interessante: c’è una definizione, per esempio, del termine genere, che poi confligge, ma anche i colleghi della Lega oggi li ho sentiti più volte dire che noi vogliamo mischiare le carte, che vogliamo creare un mondo in cui fra uomini e donne non c’è più chiarezza.

Io su questa definizione personalmente avrei persino qualche remora, nel senso che io sono fra quelli che pensano che l’identità di genere abbia una parte di componente fisico-biologica e una parte di componente culturale, sociale. Facciamo un esempio, per capirci: geneticamente, una donna italiana ed una donna indonesiana hanno più o meno lo stesso patrimonio genetico, non si discute su questo. Però la loro identità di genere, pur nell’essere donne (o uomini, vale lo stesso caso), è diverso, perché la parte culturale, sociale della loro identità di genere, varia con la cultura italiana o con la cultura indonesiana. Poi, non so neanche se si può parlare di una cultura italiana, perché già la cultura regionale è diversa da regione a regione, le persone hanno culture diverse. Quindi, è evidente che c’è una parte dell’identità di genere che è socialmente costruita. Una parte, io penso sia invece anche geneticamente determinata. Non saprei dare una percentuale, non sono uno scienziato, ma sono convinto di questo.

Vi faccio questa osservazione, perché ho l’impressione che stiate facendo una politica – per l’amor del cielo, oggi la politica è questo, non sono nato ieri, lo capisco – in cui a voi interessa soltanto la bandiera che potete sventolare, ma la sostanza di quello che dite, fate, scrivete non c’è, le contraddizioni.

Io sono molto affezionato alla famiglia tradizionale uomo-donna, la vivo come esperienza personale, però trovo curioso che si continui a non prendere atto, per esempio, che in Italia il 15 per cento dei figli non ha un padre e una madre, sono, per esempio, figli di una situazione monogenitoriale. Allora, cosa facciamo? Questi non rientrano in una famiglia naturale, quindi cosa facciamo?

Ho letto una ricerca un po’ di tempo fa, che penso sia anche scarsamente attendibile, che addirittura diceva che, quando si fanno i testi di attribuzione dei figli dal punto di vista genetico, circa il 15 per cento non risulta del padre atteso. Magari i test si fanno in maniera un po’ dubitosa. Insomma, ho l’impressione che la società che stiamo descrivendo magari la possiamo auspicare come l’avete descritta voi, ma non sia esattamente la società italiana. Quando sento dire che la scuola insegna a mescolare l’identità di genere in maniera programmatica, io non ho un’esperienza in tal senso. I miei figli hanno fatto la scuola a Modena e io non ho fatto questa esperienza.

Ho l’impressione che voi stiate caricando i toni in una maniera aberrante. E ci sta, per l’amor del cielo. Fra un po’ ci sono le elezioni, uso questa legge per portare a casa dei voti. Ma ci sta. Io non mi scandalizzo mica. Però, diciamocelo alla fine: siamo qui a passare una nottata insieme perché voi pensate che questa operazione vi porterà un voto in più, in particolare verso il mondo cattolico. Ecco perché se qualcuno del PD, secondo voi, va a messa la domenica è particolarmente da attaccare.

Io li ho ascoltati i vostri attacchi e vi dico la verità: chi è cattolico, per come l’ho capito io, poi non ho mica io la chiave in tasca di chi è cattolico e chi non lo è, difficilmente attribuisce un giudizio così e dice agli altri se lo sono o se non lo sono, perché poi si viene misurati – credo che riconoscerete questa frase, che non è mia, perché siete tutti cattolici, quindi lo sapete bene – con il metro con cui si misurano gli altri. E quanto più si usa un metro altro per misurare gli altri verrà usato altro per voi. Perciò quando voi dite che gli altri magari non sono cattolici oppure che si vergognano quando vanno al vescovo state attenti, perché un giorno questo metro così severo sarà usato anche per voi. Se siete cattolici.

Voglio chiudere su questo, però, perché è il punto vero del mio intervento. Penso che questo modo di far politica paghi nel breve periodo. Questo modo di far politica, dove si tira addosso starei per dire “lo stigma” agli altri di non essere coerenti, di non essere seri con i propri valori, magari paga. Questa cosa di poter dire che ci avete fatto far notte quando tranquillamente potevamo discutere nel merito di tutto quello che volevate in Commissione, ma solo per poter dire “facciamo notte”, magari oggi, domani, paga. Non sono sicuro che paghi sul lungo periodo, perché ciò che si costruisce è una società disabituata a leggere gli emendamenti, come io ho letto l’emendamento 27 poco fa. Ciò che si costruisce è una società incapace di fare su dei dibattiti così importanti, come quelli dei temi che sono sottesi a questa legge, un confronto serio, attento, civile, dove anche si hanno opinioni diverse, ci si confronta anche duramente, ma seriamente. Invece voi buttate tutto in questa specie di grande circo comunicativo. So che paga oggi, ma non sono sicuro che pagherà domani.

State attenti perché un giorno può darsi che questo modo di far politica produca anche dei risultati sulla società di cui tutti dovremo dolerci.

Io non devo fare nessuna morale. Faccio solo questa considerazione. Penso di aver affrontato questa legge con questo spirito, con lo spirito di chi legge parola per parola, dice con onestà, anche dentro il suo partito, quando una parola non lo convince, ne discute nel merito, qualche volta è convinto e qualche volta convince gli altri.

Ho finito, presidente.

Vorrei che lo faceste anche voi, altrimenti un giorno questo si ritorcerà contro il nostro Paese.

 

PRESIDENTE (Saliera): La parola a Galli Andrea. Prego.

 

GALLI: Parlare dopo Padre Boschini è sempre un po’ difficile. È vero che lui è abituato a frequentare sacrestie, pulpiti e prediche, però parlare dopo un siffatto personaggio diventa difficile, soprattutto quando si sentono anatemi contro: “Quello che dite oggi vi sarà rinfacciato domani”. Credo che Alessandro Manzoni avrebbe avuto qualche spunto, forse.

In realtà, l’intervento di padre Boschini rivela alcuni passaggi deboli. Provo ad elencarli. Se fossi stato attento al mio intervento, non che meritasse l’attenzione, però più volte ho richiamato la comprensione da parte delle destre sul fatto che la famiglia tradizionale com’era stata immaginata dai padri costituenti – usiamo questo termine nobile – nel 1946, padre, madre e figli che crescono, attraverso il matrimonio e che proseguono la stirpe – uso i termini che venivano usati allora, prima che qualcuno mi aggredisca dicendo che ho usato la parola “stirpe”…

 

(interruzione)

 

No, quelli che nel 1946 hanno fatto la Costituzione erano figli di quella cultura, credimi sulla parola, a partire da tutti quelli che fino a tre o quattro anni prima scrivevano magari sui giornali, in difesa della razza e quattro anni dopo si erano dimenticati tutto quello che avevano scritto. Ma non è questo l’oggetto dell’intervento.

Credo che tutti noi siamo più che convinti, più che convinti, più che convinti, più che convinti che quella famiglia non esista più. Esistono tanti altri tipi di famiglie; esistono tanti figli che crescono, il 15 per cento, come veniva richiamato da padre Boschini, cresce in una famiglia dove non ci sono i genitori, o non ci sono magari entrambi. Ma questo è nella norma delle cose. C’è stato un periodo in cui queste medie si alzavano, o si abbassavano. Per lunghissimi millenni si è calcolato che un quarto dei figli di una donna fossero illegittimi: un quarto dei figli avevano dei genitori diversi da quelli che venivano normalmente attribuiti. Non ci fasciamo la testa per quello che succedeva allora, non ci fasciamo la testa per quello che succede oggi. È normale: le epoche cambiano la società. Il passare dei costumi passa attraverso il passare del tempo.

Ma questo non toglie che questa legge così com’è va avversata. Come possiamo fare noi ad avversare e a far capire all’opinione pubblica che non c’è qua dentro solo un magma indistinto di gente che per un voto venderebbe la propria anima? Lo possiamo fare anche con degli sforzi, con dei sacrifici, come questi emendamenti. Adesso vi svelo un segreto: sono emendamenti ostruzionistici. È un segreto che non volevo svelarvi, ma ebbene sì, ve lo dico. Sono emendamenti, articoli che servono a far capire all’opinione pubblica, e a voi, che noi su questo tema non abbassiamo la guardia. Voi avete la forza dei numeri, avete la forza dei giornali, avete la forza di un’opinione costruita, avete la forza di tanti milioni di euro che avete speso in questi anni per propagandare delle teorie che noi riteniamo, permettetemi, in questo caso uso un termine forse esagerato, volevo dire immonde, ma non lo dico, dirò solo che sono teorie su cui non ci troviamo d’accordo, sono teorie che noi avversiamo anche con questo piccolissimo sacrificio che noi facciamo, piccolissimo, perché non siamo mica dei martiri a stare qui stanotte, a stare qui qualche ora in compagnia a sbocconcellare e a dire qualcosa. Non siamo dei martiri. Siamo delle persone che, con il loro piccolo contributo, cercano di far passare il messaggio che non tutto è in vendita, cerchiamo di far passare il messaggio che su alcune battaglie ideologiche, su alcune battaglie politiche si può anche fare qualche sforzo.

Gli emendamenti che abbiamo presentato e in cui puntigliosamente padre Boschini cercava di trovare qualche incrinatura sono emendamenti che uno vale l’altro. Servono a far passare del tempo, ma non perché il tempo non ha valore, servono a far passare del tempo per far vedere che su questo tema vale la pena combattere una battaglia. L’ha capito il collega che mi ha preceduto? Forse no, perché credo che tutto sia legato al guadagno o alla perdita di un voto. E fa bene a pensare così, perché quello è il suo modo di ragionare, non è il nostro.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

La parola alla consigliera Piccinini. Prego.

 

PICCININI: Grazie, presidente.

Finalmente sentiamo qualche voce all’interno del Partito Democratico. Credo, però, collega Boschini, che sia veramente troppo semplice intervenire sugli emendamenti della destra, che, come si diceva prima, hanno evidente finalità ostruzionistica e anche provocatoria.

Mi dispiace non aver sentito nulla rispetto ai nostri, invece, emendamenti. Perché non ci confrontiamo su questo? In Commissione non ho sentito nessuno di voi prendere parola sui nostri emendamenti, che non erano emendamenti ostruzionistici. Confrontiamoci su questi. Perché avete detto di no al garantire il diritto all’autodeterminazione a queste persone? Cosa volete dire, che non gli vogliamo più garantire le prestazioni sanitarie? Non gli vogliamo più garantire le terapie? Io vorrei capirlo, perché su questi argomenti io non ho sentito nessuno, nessuno di voi.

È troppo facile e pur troppo scontato prendersela con i colleghi della destra che hanno presentato emendamenti anche forse banali? Non ho sentito nessuno dirci perché non dobbiamo sostenere le persone in transizione. Non ho sentito nessuno spiegarci perché la Regione non deve dare supporto tecnico a quei Comuni che vorrebbero affrontare il tema dell’iscrizione dei figli delle coppie LGBT all’anagrafe.

Confrontiamoci su questo. Abbiate il coraggio di confrontarvi su questi temi, invece di nascondervi, perché vi state nascondendo su temi semplici, anche sul solo confrontarvi con le associazioni di persone trans, sulla questione della terapia ormonale. Anche su quello ci direte di no e anche su quello non vi confrontate, non vi esponete, avete paura di dire qualcosa che possa irritare il vostro compagno di banco. Abbiate il coraggio dei vostri pensieri, degli emendamenti che avete presentato e che hanno peggiorato il testo. Confrontiamoci su questo. È troppo semplice confrontarsi sugli emendamenti scontati della destra.

Affrontiamo i temi veri che avrebbero potuto modificare questa legge in meglio. Perché non lo fate? Perché non ci confrontiamo veramente su questo e non ci spiegate perché questi emendamenti sono stati bocciati o perché l’ordine del giorno sulla terapia ormonale per le persone LGBT deve essere bocciato? Un confronto con un’associazione, una roba banale, una roba semplicissima, che non chiede nulla di particolare. Non è una roba difficile. Perché dovete bocciare una roba così, un confronto con un’associazione che conosce da vicino e che vive questi problemi? Qual è il motivo per cui dovete bocciarlo? Ce lo volete spiegare?

Sarà la terza volta che vi chiedo di motivare il vostro dissenso. Mi aspetto ancora una risposta da parte vostra.

 

PRESIDENTE (Saliera): Il consigliere Marchetti Daniele ha la parola.

 

MARCHETTI Daniele: Grazie, presidente.

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Saliera): Prego di fare silenzio per dare la parola al consigliere Marchetti.

 

MARCHETTI Daniele: Grazie, presidente.

Io non volevo intervenire su questo emendamento che va ad introdurre un nuovo articolo, però, visto che il consigliere Boschini ha praticamente letto ‒ questo lo apprezzo, per carità ‒ un emendamento che ho presentato, vorrei dire che tra tutti gli emendamenti che, magari, sì, è vero, sono stati presentati per fare ostruzionismo, e mi pare che non sia un mistero, probabilmente è andato a beccare proprio uno di quei pochi che, in realtà, andavano ad introdurre un concetto molto chiaro.

Questo progetto di legge ‒ correggetemi se sbaglio; vado a prendere il titolo ‒ parla proprio della lotta alle discriminazioni di genere. L’emendamento che avevamo presentato e che è stato bocciato qualche minuto fa, una mezz’oretta fa, andava a riprendere una convenzione del Consiglio d’Europa, ratificata con una legge del Parlamento italiano, che riguarda la lotta contro le violenze nei confronti delle donne. Quelle definizioni che ha letto quindi sono quelle contenute all’interno di questa normativa che riguarda proprio la lotta contro la violenza nei confronti delle donne. Perché noi abbiamo chiesto di introdurre un concetto di questo genere all’interno di questo progetto di legge?

Perché se si parla di contrasto alle discriminazioni di genere, per noi lo si deve fare in maniera universale, senza farlo a senso unico. Perché se vogliamo parlare di contrasto alle discriminazioni, come abbiamo detto, dal primo giorno che abbiamo avviato l’iter di questo testo, lo dobbiamo fare a 360 gradi. Non è che ci possiamo limitare a portare avanti il contrasto e le discriminazioni di genere un pezzetto alla volta, guardando soltanto a chi si sente in una certa maniera piuttosto che altre persone, un’altra fetta della nostra società. Non possiamo assolutamente dimenticare, ad esempio, le violenze che avvengono anche nei confronti delle donne. Per noi è assolutamente importante parlare di contrasto alla violenza di genere includendo tutti i casi che possono accadere sul nostro territorio regionale. Perché altrimenti, a questo punto, mettiamo in atto, a nostra volta, con una legge di questo tipo, una vera e propria discriminazione.

Quindi, consigliere Boschini, se proprio voleva prendere degli emendamenti, ne poteva prendere tanti, ma è andato a pescare proprio quello che noi volevamo portare avanti per introdurre un concetto molto serio: quello della violenza sulle donne, fenomeno che va assolutamente contrastato, insieme a tutti gli altri casi di violenza, perché la violenza ovviamente non è mai accettabile, ed è da contrastare senza se e senza ma.

Dal primo giorno che abbiamo iniziato a discutere su questo tema l’abbiamo sempre detto: il nostro obiettivo non è quello di impedire la lotta alle discriminazioni di genere; il nostro obiettivo è quello di impedire l’avanzata di un testo come questo che riteniamo assolutamente inopportuno. Volevo fare queste precisazioni perché ho sentito anche parlare di emendamenti scontati della destra, però questo non era così scontato. Era un emendamento con i suoi contenuti, con la sua importanza e con la sua dignità, perché ribadisco la lotta alle discriminazioni di genere nei confronti delle donne credo che sia assolutamente fondamentale e dovrebbe essere un caposaldo della politica da portare avanti anche all’interno di questa Assemblea. Se n’è parlato diverse volte, ma ritenevo opportuno portare questa discussione anche su questo tavolo in occasione della discussione di questo progetto di legge.

Ci terrei anche a precisare a chi dice che l’opposizione è qui a bloccare i lavori dell’aula che, in realtà, noto che questa nostra azione perlomeno sta facendo uscire qualche dichiarazione dalla bocca di diversi rappresentanti del Partito Democratico, cosa che purtroppo, ad esempio, in Commissione non è avvenuta. L’ho ricordato quando ho fatto il mio intervento in discussione generale e ho lamentato proprio il fatto che si richiamava in continuazione a una discussione utile, che in realtà non c’è mai stata, come giustamente ha detto la consigliera Piccinini. Ovviamente, lei ha le sue motivazioni, perché comunque aveva degli emendamenti che avevano come obiettivo quello di rafforzare ulteriormente questo progetto di legge, quindi è un obiettivo totalmente diverso dal nostro, però ha confermato anche lei che la discussione in Commissione non c’è stata, nonostante le domande che venivano avanzate da tutti i consiglieri di opposizione.

Ovviamente, un atteggiamento di questo tipo a cosa porta? Porta a queste soluzioni. D’altronde, come è stato ricordato più volte, l’opposizione non è che ha chissà quali strumenti tra le mani per cercare di condizionare perlomeno la discussione e il percorso di un progetto di legge. I numeri, ovviamente, danno ragione a chi ha la maggioranza, però anche l’opposizione può fare la sua parte ed è giusto che abbia tutte le possibilità per portare avanti, comunque, la sua azione, le sue idee, senza essere sminuita continuamente. Purtroppo tante volte, quando sentiamo fare degli interventi dai banchi della maggioranza, sentiamo delle parole pesanti nei confronti di molti consiglieri di opposizione, quando noi, come dicevo prima, siamo qui soltanto per portare avanti legittimamente le nostre idee.

Noi abbiamo presentato degli emendamenti, anche come Lega, per fare ostruzionismo, sì, ma anche per introdurre e per portare sul tavolo della discussione dei concetti molto chiari e importanti.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Marchetti.

Il dibattito generale si è concluso.

È aperta la dichiarazione di voto. Il consigliere Facci ha la parola per la dichiarazione di voto.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Trovo abbastanza singolare l’intervento che è stato fatto su questo articolo che abbiamo presentato, l’intervento del consigliere Boschini. Legittime tutte le prese di posizione contrarie. Ci mancherebbe. Qua siamo in un contesto in cui, nell’ambito del Regolamento, della correttezza reciproca, le idee possono essere anche le più fortemente contrarie.

Trovo singolare la reprimenda che è stata fatta nei nostri confronti. Mi verrebbe da dire ‒ passatemi il gioco di parole o il riferimento, che non vuole certamente essere differente ‒ da che pulpito. Proprio dalla componente della quale il consigliere Boschini fa parte, una componente culturale che, come diceva la collega Mori nel proprio intervento, ha trovato una sintesi con altre componenti, sensibilità differenti all’interno del grande schieramento del Partito Democratico in questa assise. È legittimo che il consigliere Boschini esprima la propria idea, però se c’è qualcuno che, dal nostro punto di vista, dovrebbe fare, potrebbe fare questo tipo di osservazione non è il consigliere Boschini.

Mi permetto, consigliere, senza alcun tipo... Non voglio conculcarle... È una riflessione a voce alta. È una riflessione a voce alta. Perché dico questo? Perché proprio un emendamento del consigliere Boschini era stato da noi originariamente condiviso, e questo aveva portato a una riflessione diversa e a un’impostazione diversa su questo iter procedurale. Poi, qualcosa è successa, e all’interno della maggioranza del Partito Democratico questo tipo di sintesi, questo tipo di posizione, questo tipo di…

 

(interruzione)

 

C’è una claque…Ma ci sta, siamo in un contesto in cui ci sta tutto.

Abbiamo giustamente gli spettatori, mi sembra corretto. Il concetto è che non accetto che sia quella componente che ha deciso, in qualche modo, di rivedere certe posizioni che noi avevamo condiviso, che oggi venga a dire che cosa dovremmo fare o che cosa soprattutto non dovremmo fare. Se per voi questo progetto di legge oggi va bene, in contrasto con le vostre posizioni originarie, quindi, se avete cambiato idea, è legittimo che abbiate cambiato idea, ci sta tutto. Ma non venite da noi a dire quello che dobbiamo fare, o meglio, quello che non dovremmo fare. È chiaro che l’ostruzionismo vuole rappresentare una forzatura per evidenziare il nostro dissenso, lo accetto, ovviamente nei canoni della correttezza e del rispetto dagli altri componenti del Partito Democratico, non da chi ha deciso di abdicare a un ruolo originariamente, o quantomeno ad una posizione assunta, e poi oggi ci viene a dire che noi dovremmo fare cose differenti. Questo contesto di questa presa di posizione. Se c’è oggi qualcuno che ha cambiato idea, non siamo noi. Noi le idee non le abbiamo mai cambiate, abbiamo espresso il dissenso all’inizio ed esprimiamo dissenso fino alla fine, anche con questi sistemi. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): La parola per dichiarazione di voto al consigliere Galli. Prego.

 

GALLI: Il voto è sicuramente favorevole, perché l’articolo è nostro, mi sembra che sia un articolo che cerca di mettere un miglioramento a questa legge che in ogni caso bocceremo. Ma quello che voglio stigmatizzare in questo intervento è quel giochino, che sempre la sinistra ripete, di accusare gli altri del proprio comportamento. Dire che noi strumentalizziamo questa vicenda, che ci nascondiamo dietro un dito, che usiamo Bibbiano, che non capiamo il cambiamento dei tempi e tutte queste favole, le mettiamo nel cassetto delle favole. Sentire il collega Boschini che dice che noi su questa battaglia politica vogliamo solo condurre una battaglia di demagogia per portare a casa qualche consenso passeggero mi fa obbligo richiamare il collega Boschini sul fatto che i maestri di questa arte sono indiscutibilmente i suoi compagni di partito. Sono i suoi compagni di partito che non perdono occasione per strumentalizzare ogni foto, ogni situazione, ogni violazione della legge, che poi loro possono pensare che gli possa portare il consenso.

Noi siamo giocatori di scacchi molto semplici: riusciamo a prevedere una mossa o due. All’interno del Partito Democratico di questa maggioranza ci sono elementi così fini che riescono a prevedere dieci mosse. Poi si “imbarbagliano” nel gioco degli scacchi confondendolo con le dame e con la scala quaranta, se devo giudicare i risultati. Ma il tentativo di dire “saliamo sulla Sea Watch, perché in questo modo facendoci vedere in questa situazione acquistiamo un po’ della porporina di Carola e riusciamo a farci vedere di trend, di moda, riacuiamo a farci vedere attenti a queste tematiche. Arriva una sconosciuta ragazzina dalla Svezia, subito a farsi fotografare insieme, subito a cercare di strumentalizzare qualunque tematica, che poi viene subito abbandonata.

Noi non cerchiamo il consenso per il consenso, noi siamo convinti di quello che stiamo facendo. Quando il collega Facci, che è sempre un piacere ascoltare, diceva “noi non abbiamo cambiato idea”, in realtà esagera, perché solo i paracarri non cambiano idea. E qui c’è una citazione, che forse il collega Facci o il collega Tagliaferri riconoscono: solo i paracarri non cambiano idea. Vuol dire che, col cambiare dei tempi e delle epoche, le persone intelligenti, normalmente intelligenti (non voglio sopravvalutare nessuno di noi) capiscono che i tempi cambiano e che si modernizzano le idee. Ma non vanno buttate al macero, caro collega Boschini. Le idee su cui si è costruita la propria struttura ideologica si sono costruite quando eravamo ragazzini. Oggi vedere queste idee che vengono buttate al macero per guadagnare un consenso, una poltrona, una ricandidatura, sono umilianti. Sono umilianti, mi creda. Non mi rivolgo a lei, che certamente non ha bisogno di ricorrere a questi mezzucci, ma mi rivolgo al Partito Democratico...

 

(interruzione)

 

Giuseppe, non mi conosci bene o fai finta di non conoscermi. Tu inviti un’oca a bere. Tu stai cercando di farmi dire quello che io, in realtà, penso davvero. Tu sai quello che io penso perché hai la coscienza di chi in perfetta coscienza sa che questa partita non è la sua. Tu sai che questa partita ti mette nelle condizioni di dover presentare un emendamento da dover ritirare e non sapere come fare. Il tuo emendamento lo abbiamo presentato noi. Tu rinnegherai te stesso davanti allo specchio. Rinnegherai te stesso...

 

(interruzione)

 

Non voglio fare questa citazione, che ti farebbe troppo onore. Non ti voglio fare questa citazione...

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Galli, guardi me quando parla.

 

GALLI: Mi piace di più...

 

PRESIDENTE (Saliera): Ho il piacere di guardarla direttamente negli occhi. Guardi me, per favore.

 

GALLI: In questo contesto, riconosco gli aspetti positivi che lei ha. E non voglio andare avanti, perché non voglio che qualcuno mi sbrani. Però mi rivolgo essenzialmente al collega Boschini, che non solo conosco da molto tempo, ma con cui mi permetto ‒ come lui può fare nei miei confronti ‒ di avere una serie di connotazioni personali che mi permettono di capire quando uno si rimangia le sue posizioni e, forse, anche i motivi per cui queste posizioni vengono rimangiate, digerite e...

 

(interruzioni)

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Galli.

Non ho altre dichiarazioni.

È chiusa la fase delle dichiarazioni.

Si procede ai voti.

Mettiamo in votazione elettronica il subemendamento n. 274.

Il n. 274 e il n. 1399, tutti e due a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 2

 

Sono respinti.

 

Mettiamo in votazione il subemendamento 290, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 1

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il subemendamento 288, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 1

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 684, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora in discussione abbiamo l’emendamento 1458, che istituisce un nuovo articolo, a firma Facci, il subemendamento 1459 a firma Tagliaferri, il 1460 a firma Callori e il 1461 a firma Facci.

Discussione generale.

Consigliere Facci, ha la parola.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Torniamo a parlare di definizioni e di concetti, se vogliamo, ripetiamo quelle che sono le considerazioni che abbiamo svolto prima e che rendono necessarie queste ulteriori specificazioni. Capisco che provocherò le... Cosa succede? Posso parlare? No. C’è un problema di tempo. Se mi ridate il tempo. Posso? Presidente, vedo cinquantotto secondi. No. Va bene. Vado avanti.

 

PRESIDENTE (Saliera): Lei intanto vada.

 

FACCI: Grazie.

La riflessione che dicevo è questa. Magari provocherò nuovamente le ire del collega Boschetti, perché torniamo a parlare delle definizioni...

 

(interruzione)

 

D’altronde, lei ha fatto un intervento che ha stigmatizzato la nostra volontà precisa di entrare nel merito, sicuramente in maniera speciosa, ma ha un suo perché. Il fatto delle definizioni sull’articolo 1-bis e il fatto che vogliamo evitare che vi siano fraintendimenti rispetto ai princìpi, alle intenzioni che questo progetto di legge vuole portare avanti.

Riteniamo che sia necessario dare delle precisazioni, proprio perché il rischio ‒ come ho detto nei vari interventi che abbiamo affrontato e come continueremo a dire negli interventi successivi ‒ è quello che si possano creare campi vuoti di interpretazione, soprattutto nel momento in cui questa norma qualcuno la dovrà andare a interpretare. Qualcuno dovrà darle un contenuto.

Visto che la Regione dovrà attivarsi, vorrei ricordare cosa dice l’articolo 1 che è stato votato qualche tempo fa, un’ora fa. Si parla di promuovere e realizzare politiche, programmi e azioni. Si parla di riconoscere i diritti; si parla di assicurare l’accesso ai servizi; si parla di prevenire discriminazioni per motivi derivanti da orientamento sessuale e identità di genere, favorire una cultura. Per fare questo, non solo l’adesione alla rete READY, ma per fare questo, la Regione aderisce anche alla rete READY.

Allora è chiaro, un po’ come quello che si è detto poc’anzi, per la proposta fatta dal collega Marchetti, diventa importante intendersi su quelle che debbono essere le definizioni. Poi, va da sé che quando parliamo di genere, noi parliamo del genere universalmente riconosciuto, genere maschile e genere femminile. Non ricordo se abbiamo delle ulteriori specificazioni riguardo a questo aspetto, ma io credo comunque che gli interventi che si sono susseguiti da questi banchi abbiano puntualizzato in maniera alquanto precisa e circostanziata come secondo noi deve essere inteso questo termine, secondo quella che secondo noi è la comune accezione. Per questo, provocando anche una replica abbastanza risentita della collega Piccinini, ci siamo sentiti rispondere che in realtà la teoria del gender, che noi vogliamo rimarcare essere una teoria assolutamente negativa, invasiva, e anche, per certi aspetti, pericolosa, secondo la Piccinini non esiste, ma noi continuiamo a dire che dal nostro punto di vista, secondo quelli che sono contributi culturali e scientifici importanti, è una teoria che, ahimè, esiste eccome. Ho ricordato anche come questa Regione la supporti già con programmi, con progetti, con finanziamenti generosi, sui quali magari potremmo anche andare ad aprire delle discussioni sull’opportunità che, da parte della Regione, vi sia questo tipo di contribuzione in questi termini rispetto a queste scelte precise di carattere ideologico e culturale.

Fondamentalmente una definizione come quella che vogliamo specificare, a nostro avviso, va nel senso di provare. È un tentativo, e sappiamo che è un tentativo destinato a rimanere lettera morta. I numeri che quest’aula sta rappresentando e manifestando da qualche ora sono significativi, quindi sappiamo che questi tentativi non avranno un seguito. Ma ci proviamo lo stesso, provare a migliorare la portata di questo impianto normativo, a migliorarla nel senso di rendere meno discrezionale questa indeterminatezza, questi concetti astratti che, con questo impianto legislativo, vogliono essere introdotti, che volutamente sono astratti. Sono astratti per potere permettere, senza un reale controllo da parte, quantomeno, di quest’aula, di verificare quale sarà poi l’applicazione pratica e quali saranno le conseguenze pratiche.

Pertanto, tutti quelli che sono gli interventi che noi stiamo facendo dal punto di vista della chiarificazione lessicale di questi termini hanno una loro finalità precisa, al netto della portata ostruzionistica di quella che è la nostra attività quest’oggi su questo progetto di legge, perché comunque un minimo di contributo vogliamo provare a portarlo.

Certo, l’appello che ha fatto il collega Callori su questo aspetto, su questo progetto di legge, è quello di evitare non tanto la contrapposizione in quest’aula, che può lasciare il tempo che trova, quanto quello di evitare che venga partorito un progetto di legge frutto di un compromesso interno alla maggioranza che governa la Regione che possa, nella pratica, trasformarsi in un manifesto ideologico che, alla fine, altro non andrà ad alimentare se non potenziali discriminazioni al contrario. Alla fine, è questa la nostra principale contestazione e critica che facciamo a questo progetto di legge, quella di non voler necessariamente, in nome di una tutela e in nome di una iniziativa, volontà di non discriminare... Si creano una serie di prerogative a determinate categorie di persone, quindi si abdica al ruolo di garante che la Regione dovrebbe avere rispetto a tutte le persone che possono rivendicare situazioni di tutela.

Questa è la nostra posizione.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Facci.

Chiudiamo la discussione.

 

(interruzione)

 

È l’ultima volta. Per tutti, dico. Ci si iscrive per tempo.

Prego, consigliere Galli.

 

GALLI: Stiamo parlando di un’ideologia al contrario. Stiamo parlando di un’ideologia in un’epoca in cui tutto è relativo, non ci sono più certezze, in un’epoca in cui qualunque certezza che è stata affermata per del tempo, come dicevo prima, per secoli, oggi è diventata relativa. L’unica cosa che è diventata una certezza assoluta è la volontà di tutelare qualunque idea che vada contro la maggioranza.

Siamo arrivati in un’epoca in cui si propugna, si teorizza una maggioranza delle minoranze. È come se fosse possibile in una ricetta di cucina (permettetemi questo esempio) fare una ricetta mettendo insieme tanti ingredienti che non si combinano fra di loro pensando, ritenendo, volendo che questo pot-pourri mal combinato possa far digerire qualunque piatto in una società che si vorrebbe che fosse ordinata e che fosse in grado di progredire.

Ho richiamato più volte, negli scorsi interventi, l’assoluta convinzione che ho che, mentre siamo in un’epoca in cui i diritti civili sono normalmente difesi quando sono i diritti civili dei singoli, gli stessi diritti civili diventano una prepotenza quando una minoranza vuole imporre la propria visione al resto della maggioranza. Nel momento in cui una maggioranza sostiene che i vaccini sono positivi, verrà fuori una minoranza che dirà che i vaccini sono negativi e da bloccare. Nel momento in cui si sostiene che un bambino, per la sua costruzione, per la sua normale crescita ha bisogno di avere un padre e una madre, ci sarà una minoranza che dirà “non è vero, non esiste il padre, non esiste la madre”, e in difesa di non so quali diritti o di quali valori vengono cancellate persino le parole. Del resto, la prima cosa che queste minoranze vogliono è cancellare le parole, cancellare i termini, cancellare il bianco, cancellare il nero e sostituirli con dei termini nuovi, in modo che un po’ non si capisca cosa vogliono dire e un po’ non si capisca dove vogliono arrivare. Padre non esiste più e diventa “Genitore 1”, madre non esiste più e diventa “Genitore 2”.

È chiaro che questi comportamenti provocano nella maggioranza un rigetto. Io credo che la maggioranza della popolazione non abbia in realtà nulla da dire su una serie di valori positivi che sono stati conquistati. Immagino che alcuni dei presenti in quest’aula, magari quelli più grandi, si ricordino che, nei primi anni Settanta, c’è stata una lotta molto forte per la prima battaglia politica per un valore civile: il divorzio. Fu una battaglia epocale, fu una battaglia in cui probabilmente i nostri progenitori delle destre, immagino epoche in cui la DC al suo interno aveva tutte le posizioni, ma in quell’epoca probabilmente chi difendeva il valore della famiglia avrà usato parole simili a quelle che noi oggi usiamo, avrà sostenuto che la famiglia, una volta violata nella sua integrità, avrebbe disintegrato l’asse sociale. Chi, dall’altra parte, nel mondo del Partito Comunista di allora sosteneva il contrario avrà detto che è un valore civile il divorzio, il diritto di determinare la felicità delle persone, la possibilità di costruirsi una nuova famiglia, la possibilità di avere un futuro davanti.

Ebbene, quella battaglia le destre la persero e oggi quella sconfitta è diventato un valore condiviso. Il divorzio oggi credo che, se non per qualche piccola minoranza, non sia più messo in discussione. La stessa cosa per le battaglie successive, l’aborto, la separazione della distinzione della famiglia come centro motore, ma in realtà i figli non erano più all’interno della famiglia, ma erano figli a prescindere, battaglie giuste, battaglie sbagliate, battaglie che, però, oggi hanno costruito una società che, prima o poi, un qualche limen deve metterlo.

Non si può continuare in una corsa forsennata, cercando sempre un nuovo muro da abbattere, una nuova parola da scoprire, una nuova conquista da dover presentare come unica, irripetibile, epocale. Nel 1974, nei giorni prima del divorzio, mi ricordo di averlo letto poco tempo fa, Fanfani diceva: se passa il divorzio, passerà poi l’aborto, passerà la disintegrazione della famiglia, gli uomini andranno con gli uomini, le donne andranno con le donne. Aveva ragione.

Io non sono mai stato un esegeta di Fanfani, non ho mai votato Dc, ma era evidente che rompere quel muro allora avrebbe portato le conseguenze di oggi. Chi allora aveva sufficiente intelligenza per capirlo, l’aveva capito con esattezza: rompere quel muro avrebbe portato alle conseguenze di oggi.

Oggi, però, l’ennesimo muro che volete che noi superiamo per noi è un muro invalicabile. È un muro invalicabile perché nel momento in cui mette in discussione non solo la famiglia, ma mettendo in discussione la nascita, addirittura, dei soggetti su cui si basa la famiglia, state disgregando anche il più piccolo atomo su cui si costruisce qualunque identità, qualunque religione, qualunque futuro. Se fossimo studiosi di fisica, voi avreste sicuramente trovato l’atomo dell’atomo.

Noi in questa partita non vi seguiamo. Noi su questa partita mettiamo un muro. Noi su questa partita combatteremo ogni singolo attimo che ancora ci manca, per cercare di fermare e rallentare questo progetto.

Non so se un domani, ipotizzo, vincendo la Regione, questa legge possa essere ridiscussa, rivotata, o se si possa fare un passo indietro. Onestamente, non lo so: una volta che i muri sono rotti, è difficile poter ricostruire qualcosa di concreto, qualcosa di credibile. Ma come riconosco che nel 1974, la battaglia sul divorzio fu una battaglia corretta, una battaglia che permise a tante famiglie di rinascere, fu una battaglia che diede un nuovo impulso ad una società che aveva bisogno di quel passaggio; oggi, il passaggio che ci proponete non è un passaggio accettabile. Noi quel passaggio non lo accettiamo, non lo votiamo, e faremo opposizione, sempre e comunque.

 

PRESIDENTE (Saliera): La parola al consigliere Tagliaferri. Prego.

 

TAGLIAFERRI: Questa volta mi sono prenotato per tempo.

A beneficio anche dei tanti insegnanti che siedono in questo Consesso, a beneficio, per esempio, della consigliera Marchetti, ritengo illuminante dare lettura della lettera di una maestra francese: Ecco gli effetti dell’insegnamento gender sui bambini di una scuola elementare. Tempi: 9 luglio 2014. Questo anche per confutare le precisazioni della consigliera Piccinini, negazioniste in merito all’esistenza della teoria gender.

Un’insegnante scrive al Primo cittadino del suo paese: “Caro signor Sindaco, i bambini mi hanno detto che hanno sentito cose disgustose sul cambio di sesso, masturbazione, prostituzione”. Riportiamo stralci della lettera inviata da un insegnante di religione in Francia, Sindaco del suo Comune, dopo aver visto gli effetti dell’insegnamento gender, impartito nella sua scuola, da una militante LGBT a bambini di dieci anni. La traduzione della lettera pubblicata in origine da VigiGender è nostra: “Caro signor Sindaco, occupandomi della religione cattolica in molte scuole elementari pubbliche, mi sembra importante informarla delle mie inquietudini al riguardo di un incidente avvenuto martedì mattina 3 giugno in una classe ultimo anno delle elementari. Mentre tenevo la mia lezione sulla Pentecoste, al pomeriggio ho sorpreso due bambini della classe dare a un altro dell’omosessuale. Avendoli sentiti, ho cercato di individuare i motivi di quella tensione. Un bambino mi ha quindi spiegato che quella mattina stessa un’infermiera, che poi si è scoperto essere una militante LGBT esterna al corpo docenti, era venuta a parlare loro di sessualità. Immediatamente hanno cominciato a dirmi che avevano ascoltato cose disgustose da parte di questa donna. Lei avrebbe parlato della figlia, che la piccola si vestiva come un maschio, e che adesso vive con un’altra donna, della possibilità di cambiare sesso, della masturbazione, della prostituzione e di altre cose che li hanno visibilmente e profondamente scioccati. Perché questo è quello che accade, cari amici.

Alcuni bambini hanno cercato di non ascoltare, ma la donna li ha ripresi duramente. Alcuni l’hanno definita malsana, altri in altro modo più pesante.

Come primo approccio all’amore umano non mi sembra riuscito. Li ho lasciati parlare perché non potevo proseguire la mia lezione a causa dello stato di shock e del loro bisogno di esprimere il loro disappunto.

L’insegnante non era presente perché si occupava di un altro gruppo di studenti. Era invece presente la giovane infermiera della scuola. Secondo gli studenti lei avrebbe riso, ma non sarebbe intervenuta. Alla fine della mia lezione sono andato dalla maestra per farle conoscere lo stato di malessere dei bambini.

Lei mi ha detto che aveva già informato il direttore perché gli alunni le sembravano molto turbati. Oggi, una settimana dopo i fatti, quella stessa maestra mi ha detto che la giovane infermiera era anche lei rimasta scioccata dalle parole della donna intervenuta, ma non aveva osato interromperla.

Gli alunni mi hanno detto che tre genitori si sono lamentati per iscritto con la scuola. Parliamo di genitori. Non essendo riuscita a parlare direttamente con il preside, ne ha parlato con la segretaria. La donna intervenuta avrebbe fondato le L’Hêtre Alsace, associazione LGBT che combatte l’omofobia – perdonate il francese, non lo so pronunciare bene. Un mio collega pastore che si occupa della religione protestante, mi ha poi detto che un’associazione di lotta contro l’omofobia si è recata in ogni classe di quarta del college che non citiamo, poco prima delle vacanze di Pasqua.

Sembra che questi corsi sulla sessualità, che erano soltanto proposti come programma delle classi, siano stati scritti nero su bianco, e quindi poi confermati”.

Questo è solo uno dei tanti, molteplici esempi di quello che non vorremmo possa succedere anche nelle nostre scuole. Sappiamo che in questo momento, a discapito di tanti bambini e di tante famiglie, questa teoria gender sta provocando turbamenti non solo nei bambini ma anche nei genitori, nei genitori che si vedono di fatto sottratta la loro possibilità di scegliere. Questo vorrei che potesse non avvenire.

Chiedo ripensamenti importanti da parte di coloro che in questo momento stanno assecondando una volontà che gli viene imposta dall’alto, una volontà di partito, una volontà cieca e sorda alle istanze del mondo civile, una volontà che nel modo più assoluto sta parlando di difesa di diritti e invece ne sta calpestando altri, altrettanto importanti. Questo vorrei che rimanesse come monito, e che rimanesse come intendimento: quello di pensare. Avremo tanto tempo, questa notte e probabilmente la prossima, anche per poter meditare, parlare insieme e poter discutere, poter ripensare, poter anche riformulare decisioni nuove, soprattutto da parte di quella fetta del Partito Democratico che sicuramente non digerisce e non ha digerito questa imposizione che qualche padre-padrone gli sta imponendo.

Questo diktat, questa volontà assoluta di non rimandare, di non posporre, di non ripensare ad altri tipi di scelta, ad altri tipi di possibilità che ci potevano essere, è sicuramente sorda e cieca alle istanze della maggioranza degli abitanti dell’Emilia-Romagna. Questo non è un dato fondamentale. Voi continuate a insistere sulla strumentalizzazione legata al voto. Quello è un incubo, probabilmente un’ansia che avete voi, che ha il vostro presidente, che continuamente esce sui giornali parlando di vittoria anticipatamente, con la consueta arroganza e con disprezzo nei confronti delle posizioni altrui. Io vi invito veramente a voler ripensare e a voler rivedere le vostre posizioni, soprattutto la parte ragionevole di voi.

Il discorso per il quale ero stato interrotto prima, riguardava il giudizio che era stato dato nei nostri confronti dal presidente Caliandro, che ora però non vedo più in sala, e che riguardava appunto le situazioni interne degli altri partiti del centrodestra. Io penso che il presidente Caliandro debba fare una grossa riflessione su quello che accade all’interno del vostro partito. Io non mi sono mai permesso di andare a dare giudizi, ma ora sì, lo faccio. Facevo prima un esempio: se un coltello stamattina, quando c’eravate tutti, fosse stato lanciato lì in mezzo, sarebbe finito probabilmente nella schiena di qualcuno – dico probabilmente. Sicuramente, qualche coltellata nella schiena dei cattodem ci è finita.

Meditate, gente.

 

PRESIDENTE (Saliera): La parola al consigliere Callori. Prego.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

In questo emendamento che abbiamo presentato si chiariscono alcune parole, la formulazione di alcuni passaggi: parità di trattamento, discriminazione, molestia, ordine di discriminazione.

Quando si va ad approvare e a trattare una legge di questo tipo, è bene anche essere a conoscenza della terminologia, perché la discriminazione possiamo regolamentarla, la discriminazione è un fatto culturale che deve essere chiaro nelle persone, deve partire dagli insegnamenti della famiglia, proseguire nella scuola, essere uno di quei progetti dove si insegna ai ragazzi a rispettarsi tra di loro.

In quest’aula in queste ore abbiamo sentito tante affermazioni. Tante volte ho sentito parlare di fesserie. Penso ‒ andrò in controtendenza ‒ che io di fesserie non ne ho sentite. Ho sentito ognuno porre all’attenzione degli altri le motivazioni per cui erano d’accordo o contro una determinata legge. Penso che le motivazioni, la discussione possa portare a una sintesi costruttiva. Pensare, invece, che uno dica fesserie e l’altro sia dalla parte della Regione chiaramente non porterà a nulla, se non ‒ come abbiamo già detto più volte ‒ a un muro contro muro o a una discriminazione al contrario.

Ho sentito parlare di scuola. Io ho fatto un esempio prima dicendo che non è giusto che all’interno della scuola, all’interno delle associazioni culturali e sportive ci sia una via privilegiata per accedere a dei finanziamenti se si parla di sessualità e dei diversi generi di cui stiamo parlando. Però quando a scuola si parla di disabilità, di volontariato, di come i ragazzi devono accettarsi gli uni con gli altri, con i propri pregi, con i propri difetti, chi è più bravo, chi è meno bravo, e cominciare a far capire loro che chi è più bravo e prende dieci a scuola deve lasciare un uno, può accontentarsi di un nove, e darlo a quello che magari non arriva al sei... Questo bisogna insegnare a scuola. Bisogna dire ai ragazzi che c’è un mondo al di fuori della scuola, un mondo del volontariato, un mondo di persone che gratuitamente donano il loro tempo, donano se stessi agli altri. Devono far capire ai nostri ragazzi che non è il reddito di cittadinanza che li fa crescere, li fa sposare, fa avere loro una famiglia uomo-donna e fa eventualmente costruire loro una casa e quant’altro, ma è lo studio, è cercare un lavoro, è essere persone serie che non trattano questi temi quando si trovano tra di loro, ma parlano del loro futuro.

Io mi auguro che tanti ragazzi giovani possano mettere impegno anche in politica, perché c’è bisogno di aria fresca, di mentalità nuova. Qui continuiamo a parlare del passato. Mi viene in mente il titolo di un film: Ritorno al futuro. Qui parliamo di un passato che ci aiuta ad arrivare ad un futuro che, però, è un futuro non legato al passato, ma tutto il contrario. Il passato aveva una logica. Questo futuro di oggi, con questa legge che andiamo ad approvare, è sicuramente un presente che non ci dà un futuro roseo e positivo.

Ho sentito parlare prima dell’essere cattolici. Molte volte è una parola ‒ essere cattolici, cristiani ‒ di cui in molti ci si riempie la bocca per darsi un tono, darsi un modo di essere. Cristiani e cattolici o lo si è o non lo si è. Se lo si è si va fino in fondo, si porta avanti una mentalità, si portano avanti delle idee con coerenza, non per avere un voto in più, perché nel mondo dei cattolici e dei cristiani ci sono ‒ anche tra loro ‒ tante frammentazioni in tante associazioni, in tante comunità che, magari, non votano Fratelli d’Italia, non votano le destre, magari non vanno a votare e si astengono perché non vedono in nessuna parte politica, ad oggi, un riferimento vero che possa determinare e dare loro quei valori che si vogliono sentir dire. Anche la parte cattolica ‒ e ci ritorno ‒ non è approvando una legge come questa che si garantisce verso il mondo cattolico, ma magari contrastandola, migliorandola o dicendo “io non la voto, io mi astengo e esco dall’aula”. Anche quello sarebbe un importante segnale per far capire che non si è omologati a un unico sistema.

Ho sentito parlare prima ‒ penso dalla consigliera Piccinini ‒ del gender della cultura. La cultura non è unica. Ci sono tante culture. Se la cultura è di diverse estrazioni ed è effettuata da diversi Paesi e da diverse persone può essere un accrescimento per tutti. Ci sono delle differenze che possono essere utili e arricchire e delle differenze che peggiorano e determinano un futuro sicuramente di divisione e non di coerenza.

Sentivo parlare di figli mono-genitori e di figli non legittimi. Io in questo non entro, perché poi che il figlio sia legittimo o non legittimo sarà un problema dei genitori. Mi spiace quando si parla di figli mono-genitori. Magari sono mono-genitori perché sono bambini che hanno perso un genitore quando erano ancora piccoli e non possono avere un padre e una madre perché sono mancati prematuramente. Mi dispiace, ma non è con questa legge che li aiutiamo. È mettendo in piedi delle politiche sociali che aiutino queste famiglie, che aiutino o il padre o la madre che rimane solo perché è mancato il coniuge, non riesce a portare avanti la famiglia, l’educazione dei figli. Non ce la fa perché non riesce lavorando, mandando il bambino a scuola o alla scuola materna o al doposcuola. Lì dobbiamo intervenire per cercare di far sì che questi mono-genitori possano dare ai loro figli lo stesso trattamento che possono avere i figli che hanno due genitori.

Parliamo di tante cose, ma le cose vanno approfondite, non vanno trattate con superficialità, perché rischiamo di fare più danni che benefici. È vero, faremo notte, faremo mattina trattando questi temi, però penso che anche questo sia un segnale, un segnale forte che vuol dire a una maggioranza che non può andare avanti perché, giustamente, è maggioranza, quindi decidere per una minoranza contro una maggioranza, ma deve essere una maggioranza matura, una maggioranza che, visto quello che sta succedendo, fa un atto ‒ e lo ripeterò ogni volta ‒ di ritirare questa legge e ripartire da zero. Eventualmente portiamo avanti in regione Emilia-Romagna un referendum per capire quanti cittadini vogliono veramente questa legge…

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Callori.

 

CALLORI: ...o a quanti cittadini non interessa nulla.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

Si è concluso il dibattito generale.

Possiamo passare alla dichiarazione di voto.

La parola al consigliere Facci.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Come ho anticipato nel mio intervento, credo che questo articolo sia necessario. È necessario anche per rimarcare una questione che, evidentemente, forse ai più sfugge, che è quella per la quale quando parliamo di discriminazioni o di necessità che vi siano parità di trattamento dovremmo prendere in considerazione tutte le realtà che potrebbero ritenersi escluse, minoranze, degne di attenzione, non dico neanche “discriminate”. Diciamo “degne di attenzione”.

Infatti, quando parliamo di parità di trattamento facciamo riferimento a qualsiasi aspetto, non solo all’orientamento sessuale o all’identità di genere nel senso che ho poc’anzi specificato rispetto al concetto di genere. Parliamo di chi ha disabilità. Parliamo delle opinioni politiche. Parliamo delle convinzioni personali.

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Saliera): Un po’ di silenzio.

 

FACCI: Quando, sostanzialmente si vuole porre l’attenzione sul fatto che si voglia creare una corsia preferenziale, o che quantomeno si voglia ottenere qualcosa di più, che non sia una tutela che noi riteniamo sia già garantita dal nostro ordinamento, lo rimarchiamo, noi evidenziamo, e se vogliamo abbiamo una prova positiva proprio nel momento in cui non si prende in considerazione che la parità di trattamento deve riguardare ogni aspetto in cui il libero pensiero della persona, o i liberi comportamenti della persona, possono esprimersi.

Questo articolo quindi fondamentalmente vuole evidenziare questa, non la chiamo dimenticanza, perché è chiaro che qui c’è una precisa volontà. Ci si è voluti dimenticare di altre situazioni, si vuole esaltare solo alcune situazioni. Quindi, il fatto che si voglia richiamare questa mancanza, il fatto che si voglia insistere sulle definizioni, lo facciamo proprio per richiamare l’attenzione sul fatto che tanti altri progetti di legge potremmo, in questa sede, confezionare per tutelare chi si ritiene in qualche modo discriminato, o si ritiene dover essere degno di tutela, oltre alla tutela che già esiste, riconosciuta e garantita dal nostro ordinamento giuridico: convenzioni, Costituzione, diritto positivo.

Non è inutile allora insistere sulle definizioni che debbono essere rimarcate, sul fatto che, anche quando parliamo di molestie o discriminazioni, dobbiamo in qualche modo dare dei contenuti, perché diversamente, come dicevo prima, rischiamo, oltre ad avere una situazione a senso unico, delle definizioni eccessivamente determinate e vaghe.

 

PRESIDENTE (Saliera): Le dichiarazioni di voto sono chiuse.

Procediamo con il voto.

Mettiamo in votazione elettronica il subemendamento 1461, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1460, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il n. 1459, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento n. 1458, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in discussione l’emendamento 1462 a firma Facci, e i relativi subemendamenti: 1454, a firma Callori, 1456, a firma Callori, il 683, a firma Tagliaferri, il 1464, a firma Callori, il 1463, a firma Tagliaferri, e il 1465 a firma Callori.

Discussione generale.

Ha chiesto la parola il consigliere Facci. Prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Anche questo articolo si inserisce in una discussione sulle definizioni. Ovviamente vuole ampiamente evidenziare, cari colleghi, se vogliamo, anche la forzatura che viene fatta con questo progetto di legge. È una forzatura, questo articolo 1 ter? Sì, certo, lo è. È una forzatura provocatoria, perché vuole evidenziare che l’imposizione di questo progetto di legge, dal nostro punto di vista, corrisponde ad un’altrettanta provocazione. Che è legittima, per chi in qualche modo la pone, ci sta. È una rivendicazione che viene fatta da una realtà che porta avanti proprie legittime istanze, noi riteniamo che queste istanze, pur meritevoli di attenzione, non dovessero ricevere l’attenzione primaria, che è quella di un progetto di legge. Perché? Perché un progetto di legge già esiste, di tutela della persona, che è quello della legge n. 6 del 2014, che questa Regione ha portato avanti e ha emanato qualche anno fa, e lo ha fatto anche in maniera abbastanza articolata e anche in maniera molto precisa, 40-45 articoli, se non ricordo male, proprio per cercare di dare delle risposte il più possibile articolate, il più possibile complete a una serie di istanze che, evidentemente, a livello sociale erano richieste.

Questo progetto di legge queste istanze, dal nostro punto di vista, le vuole portare avanti solo in quanto richieste da parte di questa realtà, che è il mondo LGBT, che in nome di una asserita discriminazione intende porre una serie di paletti e una serie di regole.

Quello che trovo abbastanza singolare, ma lo abbiamo detto e lo diremo, d’altronde l’occasione è questa, non abbiamo altre occasioni per manifestare il nostro dissenso, l’occasione questa, e l’occasione è quella di censurare una modalità anche legislativa, che è quella di portare avanti delle istanze in maniera così invasiva, perché noi sosteniamo che questo progetto di legge vuole portare avanti un pensiero unico, che secondo alcuni studiosi della materia, io cito un autore, non sono parole mie, ma un pensiero unico cosiddetto “omosessualista”, per imporre questo pensiero unico omosessualista si vogliono portare avanti, si vogliono costruire una serie di corsie preferenziali, una serie di situazioni in cui la non adesione a questo pensiero, la non adesione a questo modello può essere addirittura censurata.

È chiaro che nel momento in cui questo progetto di legge è volutamente vago, indeterminato su quelli che debbono essere i comportamenti censurabili, volutamente vago e indeterminato su quelle che saranno le conseguenze pratiche che troveranno attuazione con l’applicazione, con l’esecuzione di quelle che saranno le norme, per evidenziare questa indeterminatezza e questa assoluta mancanza di trasparenza, per certi aspetti, noi vogliamo provare provocatoriamente ‒ certo, l’ho detto ‒ a dare delle definizioni a quelli che possono essere i riferimenti di questa norma di legge.

Abbiamo questo articolo 1-ter sul quale, tra l’altro, insistono una serie di emendamenti, nell’ottica di richiamare l’attenzione su quelle che sono le incongruenze di questo progetto di legge, per richiamare l’attenzione su quelle che sono le forzature di questo progetto di legge, per richiamare l’attenzione sul fatto che questo progetto di legge determinerà una serie, in ambito applicativo, perché ci aspettiamo che prima o poi intervengano provvedimenti attuativi, sui quali non voglio neanche provare a pensare quali potranno essere le materiali modalità di esecuzione, proprio perché tanto più è indeterminato, tanto più è indefinito, tanto più è vaga la normativa-quadro, tanto maggiore sarà la discrezionalità del funzionario, della Giunta, di chi comunque in qualche modo dovrà dare un contenuto, dovrà decidere le azioni positive, le azioni consequenziali, le azioni pratiche.

Questo noi lo rimarcheremo all’eccesso, in queste ore, da qui alla fine del nostro tempo, e da qui alla fine di questo iter. Proprio perché questo progetto di legge volutamente è stato concepito in questo modo. Ho rimarcato la differenza che la legge 6 del 2014 ha posto. La legge 6 del 2014 infatti articola in ben 44-45 articoli tutta quella che era un’impostazione di fondo, quella di garantire parità di trattamento ed evitare la discriminazione fra le persone, con particolare riferimento alla donna, ma non è esclusivamente basato sul sesso femminile, sul genere femminile. È legato alle persone.

Quando in verità si vuole fare, avete voluto imporre, anzi, vi hanno voluto imporre, perché abbiamo saputo, abbiamo già detto com’è nato questo progetto: quando hanno voluto imporre questo progetto di legge, ecco, l’hanno fatto volutamente vago, volutamente indeterminato, proprio per poter in qualche modo lasciare la discrezionalità nella fase successiva.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Facci.

È chiusa la discussione generale. Dichiarazioni di voto? Nessuno in dichiarazione di voto.

Si procede al voto.

Mettiamo in votazione il sub 1454, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1456, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 683, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Informo che il n. 1464 è inammissibile, perché è inesistente nel testo.

Il n. 1463 va in votazione, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il n. 1465, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 1462, a firma Facci.

Si vota.

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

(Sono superate le ore 24 di giovedì 25 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Saliera): Ora si procede con i sub 1389, a firma Callori, il 1390, a firma Callori e l’896, a firma Tagliaferri.

Discussione generale. La parola al consigliere Facci.

 

FACCI: Grazie.

Chiedevo, presidente: lei ha chiamato il 1389… Presidente, chiedo scusa… Presidente? Presidente, chiedo scusa: lei ha chiamato il 1389, ma questi sono subemendamenti. Credo che lei dovesse chiamare il 1077, che istituisce l’articolo 1 quater.

 

PRESIDENTE (Saliera): Io ho chiamato l’896, che istituisce il nuovo articolo, e i subemendamenti 1390 e 1389, collegati all’896.

 

FACCI: Okay. D’accordo.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

 

FACCI: Vedo che anche il 1077 istituisce l’1 quater, ma va bene. Parliamo pure.

Parliamo sempre di definizioni, e ripeterò o, meglio, completerò il discorso che ho fatto poc’anzi, quello che riguarda l’identificazione dei termini. Siamo sempre nell’ambito dei termini, proprio perché, lo rimarco ancora, noi abbiamo un articolo 1 che, come ho detto, è volutamente indeterminato nel rivolgersi sostanzialmente ai soggetti e volutamente utilizza termini vaghi, termini imprecisati o termini, per certi aspetti, astratti.

Come il precedente emendamento, vogliamo fare noi chiarezza, seguendo quella che è la linea che, in fin dei conti, è stata impostata da parte di chi ha voluto proporre questo progetto di legge, perché appunto, quando questo progetto di legge fa riferimento, nell’articolo 1, a quelli che sono tutti i vari indirizzi, le risoluzioni, le varie convenzioni. Questi riferimenti parlano di diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender. Leggo testualmente l’articolo 1, così come è già stato votato: “Transgender. Acronimo LGBT”. E si richiamano varie norme. Si richiama anche la legge che ho richiamato prima, la legge n. 6/2014, la legge quadro regionale per la parità e contro le discriminazioni di genere. Tra l’altro qua, secondo me, si evidenzia una prima contraddizione delle tante, ma forse la più evidente, perché si dà atto già in questo progetto di legge che esiste una legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere. Si fa, però, riferimento al genere fondamentalmente femminile; non necessariamente, ma prevalentemente femminile.

Quando si richiamano queste definizioni, noi diciamo, allora, che se dovessimo seguire il percorso che gli estensori di questo progetto di legge hanno voluto realizzare dovremmo cercare di scandagliare tutto l’universo mondo dei vari termini o delle varie forme con le quali si possono individuare persone che, magari, non si collocano, per loro sensibilità, non si ritengono collocabili in alcune categorie tradizionali. Provocatoriamente, certo. Però proviamo a individuarle tutte. Non ci siamo inventati i termini, non abbiamo coniato noi delle categorie nuove o delle definizioni astratte. In rete oggi si trova fondamentalmente tutto, si trovano i pensieri di chiunque.

Troviamo, nelle varie riviste di area LGBT, un glossario delle varie possibilità di indicazione e individuazione dei generi che secondo la realtà LGBT possono in qualche modo essere rinvenuti. Se quindi questo deve essere, per cercare di dare chiarezza il più possibile, perché non rimanga indeterminato, perché non rimanga escluso nessuno, deve essere un progetto di legge che non discrimina nessuno, allora non vorremmo che qualcuno in qualche modo si sentisse escluso, che ci fosse qualcuno che dice: no, ma in realtà io mi ritengo ascrivibile a una determinata categoria che qui non trovo ben specificata, e quindi magari mi sento in dovere di rimarcare che effettivamente questa norma… Noi vogliamo dare un contributo. Se questo deve essere, quello di individuare tutte le varie possibilità che in qualche modo possono essere rinvenute, allora perché non lo diciamo? Perché dobbiamo essere così vaghi, così indefiniti, così incerti?

Siamo in un progetto di legge, una legge-quadro, e una legge-quadro deve il più possibile specificare i soggetti che in un qualche modo possano rinvenirsi ed essere in qualche modo rappresentati. Quindi è un contributo modesto, ce ne rendiamo conto, sicuramente cavilloso, ci rendiamo conto anche di questa valutazione che può essere fatta; ma indubbiamente, è un contributo che ci sentiamo di dare, proprio per rimarcare l’assoluta forzatura che questa norma, questo testo di legge, di fatto impone. E allora, se forzatura vi deve essere, facciamolo anche noi. Allora elenchiamo, in maniera pedissequa, quelle che debbono essere tutte le possibili classificazioni in cui l’identità di genere, secondo quella che è l’accezione o la concezione degli estensori di questo progetto di legge, può assumere. Allora, ripeto, parliamo anche di bigender. Questo è sostanzialmente il senso molto stringato, semplice e chiaro di questo articolo 1 quater.

Questa è la nostra posizione, vale a dire che, se deve esservi una valutazione complessiva delle varie possibilità, allora contempliamo anche questa. Non credo che ci sia qualcuno che possa in qualche modo offendersi se si sente coinvolto direttamente in quanto ascrivibile o che, quantomeno, si ritiene inserito in questa categoria, e questo è il senso, quindi, di questa proposta.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

Consigliere Tagliaferri, ha la parola.

 

TAGLIAFERRI: Grazie, presidente.

La presentazione di questa serie di emendamenti, e interverremo anche dopo per enuclearli e per approfondirli a uno a uno, l’apertura quindi a questo mondo LGBT, significa aprire a un mondo di follia, a un mondo di fantasia. Io vi do solo un elenco al fine anche di… Avevo promesso di istruire e di aggiornare il consigliere Galli, che era molto curioso in merito, su quelli che erano i generi e gli orientamenti.

Dal mondo LGBT americano, sui vari siti, ovunque, noi troviamo le parole di agender, androgino, bigender, com’è il caso di questo emendamento, cisgender, female to male (FtM), genere non conforme, gender questioning, genderqueer, intersessuale, male to female (MtF), non binario, pangender, transgender, transuomo, transdonna, transfemilin, transmasculin (perdonate la pronuncia), transessuale, two spirit, abrosexual. Questi sono i generi che vengono individuati.

Adesso passiamo, invece, a quelli che sono molto più numerosi, gli orientamenti. Poi vi spiego perché ve li sto elencando. Non solo per darvi un’informazione, della quale certamente molti di voi saranno già edotti. Acosexual, acoisexual, androginisexual, appartsexual, apotisexual, autosessuale, ipersexual, iposexual, borisexual, omoflessibile, polisessuale, scoliosessuale (qui poi apriremo una parentesi), sapiosessuale, procusexual, placiosexual, eteroflessibile (non li sto inventando io questi nomi), eteroflessibile (questo mi incuriosisce molto), demisessuale, belusexual, apresexual, affectual, aegosexual, barstsexual, cedsexual, cupiosexual, ensenisexual, nebulasexual, novisexual, omniasexual, requiesexual, cuoisexual, ginosexual, graysessuale, androsessuale, ecosexual, demiromantico, biromantico, aromantico (travestito), drag queen, drag king, BDSM, monogamia, bigamia, poligamia, poliamorosi.

Se ne avete anche qualcuno in più, perché so che si stanno sbizzarrendo a livello internazionale per rivendicare anche nuovi tipi di orientamento.

Se vuole intervenire, magari lo può fare dopo. Giusto, presidente?

Se vuole aggiungere poi a questa lista, il collega Galli sarà ansioso di poter prendere nota.

Questo elenco non è fine a se stesso. È per dimostrare, cari colleghi, la follia di questo mondo di fantasia, di perversione, perlomeno mentale. Addirittura si stanno litigando perché il mondo LGBT, un mondo a cui voi date apertura, non certo noi, litigano per le sigle, LGBTQ e quant’altro.

Questo elenco è perché all’articolo 1, comma 2, la Regione riconosce l’autodeterminazione. E con questo riconoscimento dell’autodeterminazione, io mi sveglio e mi riconosco un cavallo, anzi, mi piace di più essere uno stallone.

Ho diritto, in base alla vostra teoria, di sentirmi tale e di vedermi riconosciuto come tale. Questi emendamenti sono solo per indurvi a una riflessione che spero farete attentamente su una delle diverse follie che state propugnando.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Poli Roberto, prego.

 

POLI: Per fatto personale, presidente. Lo spiego: siccome il consigliere Tagliaferri ha citato “Poli Amoroso” volevo capire se si riferiva a me, perché ai miei orientamenti sessuali bado da solo.

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Saliera): Silenzio.

Consigliere Galli, ha la parola.

 

GALLI: Grazie, presidente, il collega Poli ha fatto una battuta scherzosa per stemperare l’orario, ma certamente il suo richiamo ha un fondo di verità. Ovviamente non è il collega Poli, sulla cui identità sessuale non voglio indagare, ma immagino che più o meno sia quella della maggioranza della popolazione. La battuta del collega Poli e l’elenco lungo, lunghissimo del collega Tagliaferri, rivela, apre la mente alla porta, alle porte che voi avete aperto.

Voi capite che nel momento in cui cominciate a dire che la Regione garantisce il diritto all’autodeterminazione di ogni persona, in ordine al proprio orientamento sessuale, rapporti e identità di genere, voi orecchiate delle parole che vi hanno suggerito, ma non le avete capite. L’imbeccata da cui parte questa legge è chiaro che non viene dal vostro bagaglio di conoscenze. Vi hanno passato la polpetta, a noi sembra una polpetta avvelenata, e voi vorreste proporre la stessa polpetta avvelenata ai quattro milioni e mezzo di abitanti dell’Emilia-Romagna, con l’ambizione che questa polpetta avvelenata per gli emiliano-romagnoli diventi un piatto del menu anche per tutta la popolazione italiana.

Noi non possiamo essere d’accordo. È vero, ho già richiamato più volte l’antichità delle formule, che sono durate tanto tempo, uomo-donna-famiglia, ma da lì, dal passaggio che riconosce che quella formula forse è diventata vecchia, che è diventata bisognosa di un restyling, a quello che voi ci volete propinare c’è un abisso. L’elenco del consigliere Tagliaferri credo che sia di non so quanti nomi, dieci, venti, trenta, quaranta, cinquanta. Probabilmente ne esistono ancora di più. Alcuni di questi nomi ci sono familiari, perché oggi una drag queen credo che tutti noi sappiamo chi sia, tutti noi forse abbiamo assistito a qualche spettacolo e tutti noi abbiamo trovato gradevoli e divertenti questi spettacoli a metà fra il burlesque, a metà fra una coscienza sessuale diversa dalla nostra, a metà con una concezione giocosa della vita, quindi cose positive, comprensibili.

Ma da qui a passare al diritto all’autodeterminazione di ogni persona c’è quel passaggio che ogni tanto leggiamo, quel concetto di fluido. Siamo diventati una società fluida, una società in cui tutto è permesso, in cui tutto è lecito e nulla è certo.

Io faccio un po’ di silenzio, perché non vorrei disturbare il fotografo che sta immortalando il gruppo. Non vorrei distrarli.

Ma quella concezione di società fluida, mi permetta, presidente, parlo per lei, ma per la sua maggioranza, è una società fluida che non ci trova piacevolmente parte attiva, piacevolmente partecipi di una fluidità, che vuol dire nessun lavoro, nessuna casa, nessuna identità sessuale, nessuna certezza, nessuna famiglia, tutti figli di tutto e tutti figli di nessuno.

L’identità fluida che voi volete farci passare con questa legge non potrà che trovarci in assoluto disaccordo. Ma mi meraviglio che molti di voi che hanno una formazione – non parlo del collega Boschini che lo lascio per il suo filmato, per le sue cose –, che è una formazione ragionevole, al di là della vostra identità politica, che dovrebbe lasciarvi un po’ inorriditi davanti all’abisso, non dico, come ha detto il collega Tagliaferri, a un abisso di perdizione o concetti del genere, ma a un abisso di confusione, da cui non può venir fuori niente e nulla di buono.

Ma come potete pensare che il diritto all’autodeterminazione non sconfini in qualcosa che non ci è chiaro? Ma non bastava dire: ogni cittadino italiano può vivere all’interno della Repubblica italiana con tutti i diritti di tutti. Scusate, ma dal momento in cui abbiamo riconosciuto i diritti civili, che già lì era un’altra porta spalancata che ci aveva trovato molto perplessi, perché dovete continuare in questa corsa verso il vuoto, in questa corsa verso il nulla, in una corsa che darà probabilmente più problemi di quelli che riuscirà a risolvere?

Non è difficile da capire. Citavo poco fa Fanfani. Citavo quella legge sul divorzio che ha aperto le porte, che già allora si immaginava che avrebbe portato al nulla di oggi. Io non posso pensare che questo diritto all’autodeterminazione possa portare, pazienza, il panamorismo, tutti i nomi che sono stati elencati, ma la confusione in cui volete far precipitare la nostra regione non ci può trovare d’accordo.

È vero, stiamo presentando emendamenti che non cambieranno il corso della vostra legge. Stiamo consumando le ore di questa Assemblea, le ore dei dipendenti dell’Assemblea, che gentilmente ci assistono in questa lunga notte, ma voi dovreste fare un passo indietro.

Poli fa le battute, Poli scherza, ma Poli finisce in un pasticcio, come tutti noi, in un pasticcio in cui chi giudicherà cos’è il bene e cos’è il male? Chi giudicherà chi ha sbagliato? Lo faremo fare a quella rete di assistenti sociali, che abbiamo visto a cosa possono portare? Chi saranno quelli che giudicheranno? Un magistrato, che dovrà valutare la morale, l’etica e il rispetto di questo poli-quello che è? Io sono molto preoccupato.

In questi giorni ho letto e ho visto delle cose che potevo immaginare, ma non avevo capito, come tutti noi, cosa si nascondeva dietro quella rete di psicologi contorti e di assistenti sociali corrotti. Domani quella rete saranno gli stessi che dovranno giudicare la nostra morale e le nostre potenziali violazioni, ma il mondo LGBT è formato da cittadini italiani, che devono avere tutte le protezioni e tutte le tutele che ogni cittadino italiano ha. Non sono categorie diverse. Voi state creando un recinto di leggi, un recinto di norme dove volete rinchiudere le persone che non hanno nessun bisogno di essere rinchiuse.

Voi state creando una struttura giuridica che potrà solo produrre mostri. Noi contro questo recinto ci batteremo. Noi vogliamo che questi recinti non esistano. Noi vogliamo che i cittadini LGBT abbiano tutti i diritti di tutti i cittadini italiani.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Callori, ha la parola.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Qualche breve considerazione. Forse anche l’ora fa sì che ci si diverta su questo tema, ma io, oltre agli spettacoli che vediamo, che secondo me non portano a nulla nelle tribune, penso che sia preoccupante quello che stiamo andando e andremo ad approvare. Il collega Tagliaferri leggeva prima i generi e gli orientamenti. Ma allora io la mattina mi sveglio, mi autodetermino, poi faccio un progetto e me lo faccio finanziare dalla Regione: in modo semplicistico è così.

Perché? Quando abbiamo l’elenco di chi si autodetermina, e quindi verrà iscritto in un albo regionale. Poi potremmo fare progetti scolastici, e parleremo ai ragazzi dicendo che questo progetto è fatto da questo genere, che ha questo orientamento sessuale, e passerà su classi di bambini di prima, seconda, terza, quarta e quinta elementare questo messaggio. Quindi, già ci saranno bambini che cresceranno con una mentalità deviata: deviata volutamente da chi? Da persone adulte che in quest’aula hanno approvato un progetto di legge per far sì che crescano bambini con delle menti deviate.

Io non posso, da genitore, da persona adulta, approvare e far sì che questa legge venga approvata. Questa legge sarà approvata, passeranno le ore e la approverete. Però io cerco di far ragionare, di far capire che è un errore l’approvazione di questa legge. Anche perché, questa autodeterminazione non va a incidere solo sulla scuola, ma come abbiamo visto prima, va a incidere su tante categorie. Addirittura, in un passaggio vuole fare corsi per le famiglie e i genitori per spiegare come educare i loro figli a tutto questo. Capite che veramente qui siamo al paradosso generale. Per non parlare poi di quello che sarà anche il mondo della cultura. Avremo (posso immaginare) spettacolini devianti, avremo rassegne musicali devianti, perché sono finanziati dalla Regione. Quindi, la Regione Emilia-Romagna finanzierà, con soldi pubblici, anche miei, anche nostri, qualcuno che deve poi, perché si è autodeterminato, andare a presentare un progetto, uno spettacolo, qualcosa alle persone che non è una cosa condivisa da tutti.

Parliamo di sanità. Anche sulla sanità, in questo progetto di legge si parla di progetti, di aiuti, si parla di realizzare percorsi per tutti questi orientamenti e generi. Capite che anche qui diventerà poi un problema anche per i medici.

Noi, anziché trattare il problema che abbiamo pochi medici, perché ci sono meno laureati di quelli che vanno in pensione, o trattare il problema dei pediatri, che in molte zone mancano per curare i bambini, o risolvere il problema degli ospedali nelle zone montane, che vengono chiusi lasciando i presìdi sguarniti, andiamo a pensare a che percorsi fare per generi od orientamenti sessuali che non hanno nulla a che vedere con la normale vita quotidiana.

In più, mi stavo dimenticando che in questa legge c’è un vincolo per gli Enti locali. Qui si dice che la Regione e gli Enti locali dovranno fare. No, questo non mi sta bene, perché la Regione potrà anche approvare una norma, una legge, però l’Ente locale sarà libero, dovrà essere libero di fare quello che ritiene opportuno fare. Ci saranno i sindaci, che saranno eletti dai cittadini, e saranno loro a decidere se vorranno portare avanti questi percorsi o se non li vorranno portare avanti. Però, cosa succederà? Che chiaramente chi porterà avanti certi percorsi avrà il finanziamento, chi non li porta avanti non ce l’avrà. Quindi, capite che anche qui con queste leggi si viene a veicolare tutto quello che succederà negli Enti locali. Chiaramente, le associazioni, per avere il finanziamento, andranno a rivolgere progetti determinati a un certo orientamento.

Io penso che oggi, sempre di più, anche la Regione Emilia-Romagna, il presidente Bonaccini stia chiedendo a voce alta l’autonomia, e penso che abbia anche ragione, come stanno facendo i governatore della Lombardia e del Veneto, che ogni Regione possa gestire certi settori, gestirsi le risorse che i cittadini pagano per quella regione, ma soprattutto deve essere un’autonomia che non possa essere in contrasto con lo Stato. Deve essere un’autonomia che possa permettere anche una collaborazione. Noi, in nome di questa autonomia che con forza la Regione Emilia-Romagna e il suo presidente dichiara di essere quello emiliano-romagnolo, il modello, per cui il Governo deve prendere esempio e utilizzare il modello emiliano-romagnolo, la proposta emiliano-romagnola anche per la Regione Lombardia e la Regione Veneto, andiamo a vincolare gli enti locali con una norma, con una legge che divide, una legge che crea differenze, una legge che vuole essere una risposta a pochi per ottenere solo un ritorno elettorale e non garantire tutto quello che è la maggioranza, i cittadini, che pensano, vogliono e hanno bisogno di altro.

È chiaro che ‒ lo devo ribadire ancora ‒ questa legge è una legge che verrà approvata solo perché è chiaramente una promessa politica fatta a uno sparuto gruppo di persone, persone che sono venute a imporre a un’Assemblea, a una Giunta e a un presidente di una Regione la loro volontà. Non è il contrario. Lo dicevo ieri e lo ribadisco. Questa legge è la legge che ha approvato il Comune di Bologna e qualche altro Comune. La Regione la fa sua, la approva, la ribalta sugli enti locali e crea anche problemi su tutto quello che è la cultura, lo sport e la sanità.

Capite che ci sono diverse, parecchie, tante anomalie in questa legge. Una volta che sarà approvata, avremo dei cittadini LGTB di serie A, che potranno accedere a contributi, potranno...

Presidente, chi vuole assistere deve stare zitto e seduto.

Ci sono persone, poche, che avranno dei diritti, avranno dei contributi, avranno delle sovvenzioni, a fronte di una maggioranza di cittadini che lavorano dalla mattina alla sera e che si vedranno sottrarre risorse, un’importante fetta di risorse per finanziare questi progetti. Io lo ritengo inopportuno. Soprattutto, ribadisco, ritengo opportuno che chi è a vedere stia in silenzio, perché siamo qua alle dodici e mezza a parlare di un’anomalia che sta avvenendo in Emilia-Romagna, causa un piccolo, sparuto gruppo di persone, l’ho già ribadito e lo ribadisco. Quindi, ritorno a dire, e lo dirò alla fine di ogni mio intervento, che chiedo alla maggioranza e a tutti di ritirare questa legge, di ripartire e rifarla. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): È concluso il dibattito generale.

Dichiarazioni di voto. La parola al consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Faccio mie le parole del consigliere Callori. Siete sempre in tempo a ritirare questo progetto di legge, che sicuramente tante divisioni creerà sul territorio.

Forse voi questo non lo avete ancora ben compreso, e soprattutto, tante situazioni di difficoltà andranno necessariamente a creare, a livello attuativo, una volta che dovesse essere approvata in questi termini.

Io credo allora che quello che abbiamo sostenuto, il fatto che questa legge vuole imporre un pensiero unico debba essere attentamente considerato da parte della maggioranza, da parte anche della Giunta, che alla fine in qualche modo avrà la responsabilità di doverla prendere in esame e di doverla attuare. Anche perché, questo è già stato oggetto, ma sarà oggetto degli interventi successivi, quando parleremo nel dettaglio degli articoli che parlano delle politiche attive, siamo ancora all’articolo 1, che parla di princìpi, di finalità e di definizioni. Verranno ricordati, verranno richiamati gli aspetti di incostituzionalità di questa legge. Io non so, una volta approvata la legge, se riterrete di portare fino in fondo questo progetto di legge, quali saranno i passaggi di carattere giudiziario, perché non escludo che vi possano essere soggetti… Io capisco che facciamo ridere, presidente, però magari… L’ora è tarda per tutti, lo capisco, però si può non ascoltare, si può uscire. Il presidente Caliandro può uscire, se non vuole ascoltare. Non pretendo che stia qui ad ascoltare. Ma se sta ad ascoltare, se sta in aula, non dico che ascolti, ma quantomeno che lasci parlare.

Dicevo, i profili di incostituzionalità sono plurimi, e saranno richiamati negli interventi successivi. Allora, il fatto stesso che questi elementi vi siano io ritengo che debbano anche… Mi rivolgevo alla Giunta. Ringrazio anche l’assessore Corsini per la pazienza, perché debbo dire che non è usuale che vi sia un’attenzione e una presenza puntuale e costante in questa maratona procedurale. Quindi, lo ringrazio. Ma, allo stesso tempo, gli dico, sommessamente e in maniera molto diplomatica, che questa legge cadrà, se approvata in questi termini, sulla Giunta, che avrà la responsabilità di attuarla, di darle dei contenuti, che ho richiamato, e ho richiamato prima l’evidente indeterminatezza di queste norme quadro e, quindi, la responsabilità di chi dovrà dare dei contenuti precisi. Lo richiamo, senza che questo possa costituire alcun tipo di avviso, io non avviso nessuno, è una sottolineatura, sul fatto dei profili di incostituzionalità che sono stati, da più parti, segnalati, proprio per il fatto che creare una disparità di trattamento o delle corsie preferenziali, prevedere una sorta di imposizione di un pensiero di fatto unico, che vuole censurare chi la pensa diversamente, può naturalmente essere oggetto di censura in sede amministrativa e giudiziaria.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

Le dichiarazione di voto sono concluse.

Si procede al voto elettronico.

Iniziamo con il subemendamento 1389, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1390, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 896, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora procediamo con il subemendamento 1096, Tagliaferri, il subemendamento 1078, Callori e l’emendamento che istituisce il nuovo articolo, 1077, Facci.

Discussione generale. La parola a Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Con piacere torno sull’argomento di poc’anzi, perché era un po’ distratta la consigliera Marchetti. So che sul “polisessuale” c’era qualche piccola discrepanza.

Mi fa piacere che tutto ciò susciti la vostra ilarità. Effettivamente, tutto ciò è estremamente folle, ilare. La follia a volte è anche piacevole, è anche bello ogni tanto poter far spaziare la fantasia e dare spazio al meglio di se stessi. Però, invece di ridere, dovreste pensare un pochino a quello che state facendo. Potete ridere, potete dormire, potete andare fuori, tornare dentro, garantendo con il vostro balletto il numero legale, ed è giusto che lo facciate, come maggioranza e come portatori di questa legge.

 

(interruzione)

 

Portatori sani, tu dici. Nel mio caso, io direi che la mia opinione è un pochino differente, è differente perché state affrontando e approcciando a questo tema con grande leggerezza, a mio avviso. Mi offende profondamente questo vostro continuo rimarcare la strumentalità della nostra opposizione. L’opposizione è un diritto, e voi che siete portatori sani, vi considerate portatori sani della tutela dei diritti dovreste essere più rispettosi, più rispettosi soprattutto dell’opinione delle persone e anche…

 

(interruzione)

 

Esattamente, esattamente. Se sta diventando un dialogo, presidente, lo possiamo anche fare.

Insomma, vi invito a questa riflessione e non pretendo, ovviamente, che possiate pensare di ritirare la legge, che sarebbe assolutamente quanto di più probo, quanto di più giusto potreste fare, ma se non altro invito nuovamente, e lo farò fino al termine di queste sedute, la componente più legata alla famiglia tradizionalmente, la componente cattodem, che abbiamo citato più volte in questa fase, a riflettere con grande attenzione su quello che state facendo, su dove vi sta portando questo ordine di scuderia. Siete bravi, eseguite molto bene. Vedete, la differenza è che io, per esempio, non ho padri padroni come altri, non mi viene imposto nulla. E voi non avete il diritto di continuare a ripetere e sottolineare una strumentalità, che in realtà non c’è assolutamente, perché probabilmente voi non lasciate parlare il vostro cuore e la vostra mente, non lasciate soprattutto aprire la vostra coscienza, la coscienza di chi frequenta i prelati più o meno alti, il mondo cattolico, va da loro, piange, si dispera ‒ è noto ‒ per quello che stanno facendo, per il voto che stanno portando a fare, per i ripensamenti. Compreremo a tutti... So che la buvette è molto fornita di baci, di baci di dama come di Baci Perugina. Al bacio di Giuda, soprattutto, volevo fare riferimento, da parte di qualcuno che rinnega se stesso. Non rinnegate voi stessi. Dissociatevi.

Non stavo parlando per Taruffi, ma stavo parlando per coloro che hanno rinnegato i princìpi nei quali hanno creduto fino ad ora e dove, evidentemente, hanno sposato un’altra religione e un altro credo. Complimenti.

 

PRESIDENTE (Saliera): Il consigliere Taruffi ha la parola.

 

TARUFFI: Grazie, presidente.

Siccome il dibattito mi sembra un po’ languire, perché li vedo un po’ mosci questi ragazzi, volevo innanzitutto, parlando seriamente, ringraziare tutti i funzionari dell’aula, tutte le persone che in queste ore ci stanno supportando e sopportando. Volevo ringraziare tutti i tecnici, tutta la struttura. Staremo qui tutto il tempo necessario, come ho già avuto modo di dire in un’altra occasione.

La dico così, molto semplicemente e in modo molto conciso. Abbiamo tutta la notte davanti e abbiamo tutto il giorno domani.

 

(interruzione)

 

Abbiamo uno splendido weekend. Non ci sono problemi.

Tra l’altro, quando ci avrete consentito di approvare questa legge, che comunque approveremo, ci saranno altri oggetti che dobbiamo discutere, tra cui la riduzione dell’IRAP per le attività produttive della montagna, e tante altre cose. Per cui abbiamo tanto tempo per stare qui, quando avrete finito di fare il vostro lavoro di opposizione, che noi rispettiamo massimamente. Anzi, onore al merito di questa lunga maratona.

Chi come me fa parte e si onora di appartenere a una tradizione politica in cui le lotte del movimento operaio, dei lavoratori, delle lavoratrici ci hanno insegnato una cosa molto semplice: nelle trattative, come nelle discussioni, come nelle vertenze, vince chi durerà e chi è capace a durare un minuto di più. Noi siamo disponibili e capaci a durare molte ore più di voi, quindi rassegnatevi.

 

PRESIDENTE (Saliera): È concluso il dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

La parola al consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Approfitto di questo invito che mi ha fatto il collega Taruffi, perché forse c’è un passaggio che sfugge. Qui i rapporti di forza non sono equilibrati. Quindi, se lei evoca le trattative sindacali, o se lei evoca discussioni che si fanno ad altri tavoli, lei fa un riferimento non pertinente. Questa legge, infatti, verrà approvata non perché voi durate di più, ma perché voi siete di più. C’è una differenza fondamentale: voi siete di più, e questo ovviamente fa parte… Certo che si chiama democrazia, presidente. Nessuno ha contestato il rapporto impari, infatti noi facciamo un ostruzionismo fin dove possiamo, consapevoli che siamo numericamente inferiori, ma noi vogliamo rimarcare un’affermazione di principio: un’affermazione culturale, un’affermazione di contrarietà a un’imposizione che a quest’aula viene fatta.

Quindi, capisco il desiderio, da parte di alcuni, come ha fatto il collega Taruffi, di voler rimarcare la propria, in questo caso, supremazia, ma è una supremazia numerica, non è una supremazia diversa. È numerica. Se fosse solo una questione di tempo, potremmo discutere di altro; è una supremazia numerica che chiaramente il tempo non scalfisce. Noi ovviamente ci prendiamo tutto il tempo che abbiamo a disposizione per evidenziare che noi siamo fortemente contrari e che, quindi, vogliamo utilizzare questo tempo per denunciare questa nostra contrarietà, denunciare le contraddizioni che, in seno alla maggioranza, si sono consumate in questi mesi, le imposizioni che la maggioranza ha fatto in questo percorso, i diktat che la maggioranza ha ricevuto in questo percorso, le corsie preferenziali che si è cercato di imporre in questo percorso e che, con questo testo di legge, vogliono essere create per determinate realtà associative. Allora siamo qua e parliamo con i tempi, con i modi e con i numeri di questo.

Poi entriamo nel merito, man mano ovviamente che il tempo scorre. Ci fa piacere che ci sia interesse a questo dibattito e il fatto che l’ora tarda non impedisca la partecipazione di pubblico. Ci fa piacere, indipendentemente dal fatto che sia da una parte o dall’altra. Ci fa comunque piacere. In genere non c’è mai nessuno quando prendiamo provvedimenti importanti per la comunità emiliano-romagnola, per il nostro territorio, quindi ci fa piacere se questa sera, nonostante l’ora, qualcuno oggi c’è.

Anche questo articolo che abbiamo portato all’attenzione con questa proposta di emendamento va nella direzione di rimarcare le contraddizioni e la Manovra, che noi riteniamo una manovra improvvida, ma che comunque rispettiamo come una scelta della maggioranza, ma non per questo non la contestiamo e la combattiamo.

 

PRESIDENTE (Saliera): Sono concluse le dichiarazioni di voto.

Si procede con la votazione del subemendamento 1096, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1078, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento, che istituisce il nuovo articolo, n. 1077, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Procediamo con i subemendamenti 1391 a firma Callori, 1020 a firma Callori. L’emendamento che istituisce il nuovo articolo è il n. 941, a firma Tagliaferri.

Discussione generale.

Il consigliere Facci ha la parola.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Rimaniamo sempre nell’ambito delle considerazioni generali, quindi siamo ancora nella fase di indicare con esattezza, con precisione le definizioni di questo oramai tanto discusso articolo 1 del progetto di legge.

Io credo che non appaia inutile disquisire su questi termini. Non appare inutile insistere su un ragionamento complessivo sul contesto delle definizioni, proprio perché, certo l’ho detto prima, con una finalità che vuole in qualche modo evidenziare l’assoluta indeterminatezza e incertezza che vi saranno poi in una fase applicativa, nel momento in cui dovesse mai intervenire qualche provvedimento, ma certamente vi sarà da parte della Regione, attuativo di questo progetto di legge, perché quando si parla di riconoscimenti, promozioni favorire, assicurare vi sarà, naturalmente, una serie di realtà che si riterranno interessate e, quindi, destinatarie dei provvedimenti da parte della Regione.

Allora perché essere e rimanere così vaghi e indeterminati? Perché non andare a normare meglio quelli che sono gli aspetti terminologici, quella che effettivamente vuole essere la reale finalità di questa normativa, e quindi andare a impedire che si creino successivamente delle esclusioni, che non vi sia effettivamente qualcuno che possa sentirsi escluso, che non vi sia troppa discrezionalità e soprattutto che non vi sia una sorta di differenziazione o, quantomeno, di preclusione che dovesse intervenire successivamente?

Ovvio che il nostro è un paradosso, perché siamo i primi a sostenere che questa legge sia inutile, siamo i primi a sostenere che questa legge non serva a tutelare persone. Le persone sono tutelate dalle leggi che già vi sono. Qui abbiamo avvocati anche nella maggioranza che si occupano di diritti e sanno perfettamente che tutte le volte che debbono tutelare i diritti dei loro assistiti, penso all’opera e all’impegno del collega Mumolo, al quale riconosco un grande impegno sociale, lo dico con trasparenza e con franchezza, non ci sono, ovviamente, volontà differenti.

Credo che l’avvocato Mumolo, come gli avvocati che comunque, a vario titolo, si occupano di diritti abbiano gli strumenti a disposizione dati loro da quello che è il nostro ordinamento. Non credo che possano vedere ‒ almeno questo è il mio pensiero ‒ un vuoto normativo che non consente loro una tutela appropriata.

Quindi, dal punto di vista della utilità di questa legge per tutelare diritti, ripeto, non ne vedo l’utilità. Certo, vedo nella impostazione di questa legge un voler dare qualcosa di più. Questo sì. Credo sia ampiamente evincibile da tutti i vari passaggi di questo progetto. Infatti, noi discutiamo se questo dare di più determina uno squilibrio o meno rispetto ad altre realtà che, magari, potrebbero richiedere anch’esse una tutela o richiedere anch’esse un’attenzione. Questo è l’aspetto che viene mistificato da chi oggi ci critica in questa nostra impostazione e ritiene che la nostra sia una battaglia di retroguardia.

Ognuno è libero di pensare come crede. Non mi permetto di dare giudizi a chi la pensa diversamente e nemmeno a chi oggi avanza critiche nei nostri confronti, ma chi avanza critiche nei nostri confronti deve lasciarci il diritto di dissentire, lasciarci la libertà di dissentire, lasciarci il diritto di vedere, di individuare in questo progetto di legge una forzatura, una imposizione ‒ ripeto ‒ di un qualcosa che va oltre la tutela, perché la tutela già esiste. Si vuole affrontare o, meglio, si vuole in qualche modo individuare una serie di campi di intervento, e in questi campi di intervento, che sono importanti, che sono abbastanza espressivi e completi di quelle che sono le possibilità di intervento e l’ambito di applicazione, comprende bene o male le varie azioni in cui si può articolare l’azione amministrativa.

Allora, proprio perché questo ambito di intervento è ampio, in questo ambito di intervento sono le varia azioni che a livello amministrativo possono essere compiute, noi vediamo la invasione, passatemi il termine, l’occupazione di caselle che determinano, alla fine, uno squilibrio rispetto a chi egualmente ha diritto di accedere ai medesimi servizi, che hanno il medesimo diritto di occupare le stesse caselle. Perché devono esservi delle corsie preferenziali, quando non pregiudiziali? Perché evidentemente c’è, come riconosceva prima il collega Callori una realtà che assume di essere minoranza, ma evidentemente ha una buona influenza, quantomeno in quest’aula, quantomeno in questo contesto. E di fatto, detta tempi, modi e contenuti.

Noi questo lo contestiamo e lo critichiamo apertamente.

 

PRESIDENTE (Saliera): È concluso il dibattito generale.

Dichiarazioni di voto. Nessuno ha chiesto la parola? Per cui, procediamo al voto.

Mettiamo in votazione il subemendamento 1391.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione, l’emendamento 1020, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 941, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Siamo a circa 150 emendamenti su 1700.

Procediamo con il subemendamento n. 1048, a firma Callori, con il subemendamento n. 1380, a firma Callori, e l’emendamento, che istituisce il nuovo articolo, n. 1457, a firma Tagliaferri.

Discussione generale.

Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: Ringrazio la consigliera Marchetti per il prezioso suggerimento.

 

(interruzione)

 

Grazie.

Mi volevo soffermare, visto che mi è stato suggerito un passaggio, sui cattolici. Non avevo terminato di enunciarvi il pensiero del Papa, del Santo Padre. Credo che l’ora sia perfetta per questo passaggio.

Dicevo che il Papa è arrivato addirittura a fare un accostamento tra ideologia gender, ideologia che la consigliera Silvia Piccinini considera come frutto di fantasia, dicevo, fare un accostamento tra l’ideologia gender e il nazionalsocialismo.

Nel suo viaggio di ritorno dalle Filippine, il 19 gennaio 2015, infatti, Francesco, rispondendo ad una domanda di Jan-Christoph Kitzler, giornalista della radio tedesca Ard, è tornato ancora una volta a parlare della teoria gender, definendola una colonizzazione… Mi soffermo sui rumorosi colleghi che comprendo, perché non so se hanno ben compreso tutti i dettagli della teoria gender, quindi insisto per spiegargliela ad libitum.

Una colonizzazione ideologica, dicevo, identica a quella praticata attraverso l’indottrinamento, questo vi piace, sicuramente, della gioventù hitleriana, durante gli anni bui del regime nazionalsocialista del Terzo Reich, parole del Papa.

In realtà, c’è un elemento inquietante e totalitario nel fondo della teoria gender, che nasce dal disprezzo ideologico per la realtà. Lo diceva bene, nel suo splendido saggio intitolato Le origini del totalitarismo, una delle donne più intelligenti del XX secolo, ossia la filosofa tedesca Hannah Arendt – la vedo preparata –, quando spiegava che proprio il disprezzo puramente ideologico per la realtà contiene anche l’orgogliosa presunzione dell’uomo di poter dominare e modificare questo mondo per scopi puramente umani.

Del resto, un individuo confuso, privo di identità, fragile e indifeso – e io non riderei più di tanto su queste parole – rappresenta un boccone ghiotto per il potere, diventa un individuo facilmente manipolabile ed un perfetto consumatore: i recenti episodi di Bibbiano ce lo hanno dimostrato. Anche quest’ultimo aspetto non è da sottovalutare. Lo ha spiegato molto bene il professor Adriano Pessina, uno dei migliori filosofi del diritto che abbiamo oggi in Italia, docente all’Università Cattolica di Milano e membro della Pontificia Accademia della Vita.

Pessina, in un’intervista rilasciata il 26 febbraio 2015 al Corriere della Sera, intitolata “Così si creano individui asessuati e utili per ogni mercato globale”, si è espresso chiaramente al riguardo: “Queste teorie gender impattano sull’autocomprensione di ognuno di noi e ci costringono a chiarire il senso stesso della nostra condizione umana. Negare il maschile e femminile è l’ultimo processo di ribellione del puro individuo, ha il significato profondo dell’essere generati da altri, cioè del venire al mondo da un uomo e da una donna all’interno di una relazione carica di differenze”. Credo che nessuna tecnologia riproduttiva dovrebbe falsificare questo dato antropologico. E alla domanda se la nostra società stia andando verso una più fluida separazione tra maschile e femminile, Pessina ha risposto così: “Temo una società di puri individui che vivono in modo atomistico la loro esistenza, alla ricerca di un’identità frantumata dal modello culturale della neutralità, alla ricerca di un’autorealizzazione, che è la versione antropologica del self made man di stampo sociale”.

È proprio qui, nel tentativo disperato e disperante di eliminare la differenza sessuale, che risiede il cuore del problema. Ce lo ha ricordato ancora una volta Papa Francesco nell’udienza generale tenuta a San Pietro il 15 aprile 2015, quando ha detto: “Io mi domando se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione o di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa”. Sì, rischiamo di fare un passo indietro: la rimozione della differenza, infatti, è il problema, non la soluzione.

Per giungere a tale conclusione non occorre essere cristiani o avere la fede. L’agnostico, il laico più intelligente che abbia mai incontrato in vita mia, è stato il grande e indimenticato Giorgio Gaber. Purtroppo ci ha lasciato da tempo e l’assenza della sua intelligenza critica oggi si fa sentire più che mai. Un giorno, durante una delle sue memorabili performance artistiche, fece questa riflessione: “Secondo me, la donna e l’uomo sono destinati a rimanere assolutamente differenti e, contrariamente a molti, io credo che sia necessario mantenerle, se non addirittura esaltarle, queste differenze, perché è proprio da questo scontro-incontro tra un uomo e una donna che si muove l’universo intero. All’universo non gliene importa niente dei popoli e delle nazioni, l’universo sa soltanto che, senza due corpi differenti e due pensieri differenti, non c’è futuro”. Sì, ha proprio ragione Giorgio Gaber: in gioco c’è il futuro dell’umanità.

 

PRESIDENTE (Saliera): È conclusa la discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Prego, consigliere Callori.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Anche in questo emendamento si vuole far emergere il problema che c’è all’approvazione di questa legge. Anche qui si parla dell’FtM, che sarebbe l’individuo che è in transizione da femmina a maschio. Anche questo potrebbe essere uno di quelli che si autodetermina per quanto riguarda l’articolo 1. Capite che tutto questo apre un mondo di persone che possono autodeterminarsi.

Mettere in evidenza queste cose penso sia anche il ruolo che l’opposizione ha. L’opposizione la vediamo a tutti i livelli: nei comuni, nelle province (per quelle che sono ancora le province, per il ruolo che hanno), nelle regioni, a livello nazionale. L’opposizione ha il ruolo di controllare e stimolare la maggioranza. È chiaro che su temi di questa entità, dove la maggioranza che è in quest’aula non corrisponde ‒ non parlo politicamente ‒ a una maggioranza di cittadini, che è fuori dall’aula, che non vuole questa legge, l’opposizione non può fare altro che stimolare ed andare a sollecitare questa maggioranza per cercare, pian piano (non ci riusciremo), di far capire che si sta commettendo un grave errore.

Prima si parlava dei rapporti di forza che ci sono. È vero, quando c’è una maggioranza e una minoranza così schiacciante, i rapporti di forza non sono rapporti di forza che possono portare a dire “saremo noi a modificare l’esito del voto”, però è chiaro che ci vuole anche un ruolo di una maggioranza che è, sì, numerico, di rispetto per quanto riguarda quello che dice la minoranza, e soprattutto che ci si fermi anche a pensare, a meditare.

Stasera, in questa nottata, domani, si diranno tante cose, però tra tutte queste cose che diremo potranno esserci anche delle cose su cui si può soprassedere, ma ci sono alcune cose che vanno tenute in considerazione, soprattutto quelle cose che puntano a far capire che c’è un errore di fondo, in questa legge: quello di rischiare di discriminare quelle persone che oggi, nel silenzio vogliono andare avanti ed esercitare i loro piacimenti sessuali, senza essere legittimati con leggi o essere indicati da leggi che possono essere da una parte o dall’altra.

Anche quando si parla, sempre nell’articolo 1, della Regione che aderisce alla rete nazionale delle pubbliche amministrazioni antidiscriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, io dico che sono soldi buttati via.

Io non so se questo avrà un costo o meno, se ci sarà anche una persona destinata e designata a partecipare a questa rete. Ormai possiamo inventarci tutte le reti che vogliamo, tutti i tavoli, tutti gli incontri. Tanto, alla fine, quando si vuol prendere una linea, cercare di portarla avanti con forza, e non con il confronto, con il ragionamento, è chiaro che difficilmente si può cambiare.

Noi in questa dichiarazione di voto voteremo a favore di questo emendamento. Rimarchiamo però il voto contrario a questa proposta di legge e ribadiamo la volontà di ritirarla. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Concluse le dichiarazioni di voto, procediamo alla votazione del subemendamento 1048.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il subemendamento 1380.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1457, che istituisce un nuovo articolo.

 

(interruzione)

 

Non vedo quando chiedete la parola ed è in corso la votazione.

Prego, consigliera Tarasconi.

 

TARASCONI: Volevo solo rettificare il mio voto, che ovviamente era contrario e non favorevole, ma non riuscivo a farlo da computer. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): In votazione il 1457.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Procediamo con il sub n. 824, a firma Callori, il sub n. 823, a firma Callori, e l’emendamento n. 985, a firma Tagliaferri.

Discussione generale.

La parola al consigliere Facci.

 

FACCI: Sempre nell’ambito degli articoli aggiuntivi che riguardano il genere, abbiamo voluto questa volta prendere in considerazione, sempre nel contesto di evidenziare a volte il carattere abnorme che vi è in questo disegno di legge, dare una definizione del genere non conforme, l’individuo che non è conforme alle aspettative sociali di espressione del proprio presunto genere.

Anche questa è volutamente una introduzione che facciamo per rimarcare che questo progetto di legge, a questo punto, debbo dire, volutamente, lascia degli spazi vuoti nella interpretazione, proprio per permettere successivamente una intestazione, da parte di chi si ritiene destinatario, di quelli che potranno essere provvedimenti, prerogative, in qualche modo forse anche solo aspettative, però sicuramente potranno essere diversi i soggetti che leggendo quello che la norma di cui all’articolo 1, nelle sue varie esplicazioni, e quindi nei vari commi di cui è costituita, potranno rivendicare un’attenzione e una richiesta di tutela da parte dell’ente.

Vogliamo allora aiutare, evitare che ci siano, in una fase successiva, momenti di incertezza, momenti di scarsa chiarezza. È ovvio che avendo, da parte vostra, cassato gli articoli precedenti, che completavano il glossario, o completavano i vari termini, le varie categorie, in cui persone con sensibilità diverse potessero riconoscersi, è chiaro che può apparire mancante, può apparire parziale questa nostra precisazione e questo nostro tentativo di ausilio ad una classificazione mancante. Però oramai questo c’è e questo rimane.

Perché poi quando dovremo andare ad affrontare gli articoli successivi, dove dovremo entrare nel merito delle politiche, delle azioni consequenziali, le cosiddette politiche attive, dove si vuole circoscrivere l’ambito di intervento dell’ente per quanto riguarda questo progetto di legge, è chiaro che dopo per certi aspetti questa classificazione, a nostro avviso, non appare inutile, e non appare inutile proprio perché noi non vogliamo escludere nessuno. La dimostrazione che noi non vogliamo discriminare è proprio testimoniata da questa volontà di essere precisi, precisi nel riconoscere che esistono tutta una serie di soggetti che possono avere queste sensibilità.

Va da sé, lo ripetiamo per l’ennesima volta, che non riteniamo giustificata questa previsione normativa che possa portare a vedere riconosciuta una serie di prerogative, quando altri queste prerogative non le avranno, quando altre categorie non avranno le stesse possibilità che, invece, con questo progetto di legge si vogliono riconoscere e individuare per alcuni. Però, il fatto che noi siamo contrari a questa impostazione non toglie il nostro desiderio di non creare, comunque, ulteriori differenziazioni e soprattutto ulteriore potenziale dubbio in una fase successiva, fermo restando, ripeto, la nostra contrarietà.

Ecco perché ci intestardiamo, lo riconosco, nel rincorrere queste diverse sensibilità, che, come ho detto prima, non sono frutto di una nostra libera interpretazione o della nostra fantasia, le troviamo ormai nel mare magnum di quella che è la galassia LGBT, che ci ha reso edotti che esistono tutte queste diverse sensibilità.

Se vogliamo, un aspetto positivo di questo progetto di legge lo possiamo proprio rinvenire nel fatto che abbiamo dovuto andare a ricercare un aspetto positivo di questa... Parla con me, consigliera? L’ora è tarda e forse ho frainteso una sua dichiarazione.

Questo progetto di legge, tra gli aspetti che contiene, sicuramente ci ha reso edotti di tutta una serie di situazioni che non conoscevamo, sensibilità che non conoscevamo. Imparare fa sempre bene. Abbiamo imparato che c’è tutto un mondo che classifica le diverse sensibilità secondo certe modalità. È obiettivamente un arricchimento culturale, che apprezzo.

Va da sé che non condivido il fatto, comunque, che per questo mondo o diverse sensibilità vi debba essere, come dicevo prima, una normativa specifica, in quanto impone, di fatto, una serie di prerogative che ad altri non sarebbero riconosciute, non saranno riconosciute, quantomeno finora. Poi non si può mai sapere.

Ecco perché l’insistenza da parte nostra sul riconoscere queste diverse sensibilità, sul vederle descritte, perché vi è questa insistenza per cercare di voler aderire astrattamente a quella che è la volontà di non escludere nessuno. Non condividiamo che per questa realtà debbano esservi normative, nel senso di quelle che vogliono essere imposte, ma in ogni caso crediamo che questo contributo di definizione possa comunque essere utile.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliera Prodi, prego.

 

PRODI: Brevemente. Volevo tranquillizzare il collega Facci. Era solo che mi stavo interrogando sull’ausiliario del verbo “andare” nella sua frase. Era solo questo il mio commento. Niente di che. Un vezzo linguistico.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Boschini, prego.

 

BOSCHINI: Grazie, presidente.

Negli interventi precedenti, anche nel precedente intervento del consigliere Callori, mi è parso che venisse sempre ricordata una parte dell’articolo 1 che stiamo “poliemendando”. È stata letta la frase dell’attuale comma 2, già emendato in Commissione: “La Regione riconosce il diritto all’autodeterminazione di ogni persona in ordine al proprio orientamento sessuale e alla propria identità di genere”. Poi però non si conclude la frase, non capisco perché. Forse, nella foga di preparare tanti emendamenti, non si è letto bene il testo che si voleva emendare, perché non voglio pensare che non completiate la frase in cattiva fede. Sono sicuro che lo fate in buona fede, per cui evidentemente vi è sfuggito.

Dice: “Secondo quanto disciplinato dalla legge 14 aprile del 1982, n. 164, Norme in materia di rettificazione delle attribuzioni di sesso”. Lo dico perché se si dimentica questa frase, che fra l’altro è stata oggetto di un emendamento attentamente ponderato, si dà luogo a quella proliferazione di cui andate parlando. Viceversa, facciamo riferimento a una legge che ormai c’è in Italia dagli anni Ottanta, e che stabilisce attentamente come avviene l’autodeterminazione. Volevo soltanto ricordarvi questo, perché ho visto che nei vostri interventi vi era sfuggito.

 

PRESIDENTE (Saliera): Terminato il dibattito generale.

Dichiarazioni di voto? Nessuno in dichiarazione di voto.

Procediamo con la votazione.

Mettiamo in votazione il subemendamento 824.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il subemendamento 823.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento 985 Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Procediamo con il subemendamento 1376 Callori, il subemendamento 1384 Callori e l’emendamento 827 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessuno in discussione generale.

Dichiarazione di voto. Nessuno in dichiarazione di voto.

In votazione il sub n. 1376, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il sub n. 1384, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’emendamento n. 827, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Procediamo con il subemendamento 1385 Callori, subemendamento 1441, Callori e 820 Tagliaferri: articolo aggiuntivo, articolo 1-novies.

La parola al consigliere Tagliaferri.

 

TAGLIAFERRI: Cari colleghi, volevo sottoporvi questo articolo di Vincenzo Martucci, che ho trovato estremamente interessante, intitolato “Martina Navratilova e la disputa sui transgender nello sport”. Anche perché questo tema del genere degli atleti è sempre stato molto dibattuto, ed è tornato ciclicamente in prima pagina. Il dito di Martina Navratilova indica la Luna quando dice “è sicuramente ingiusto per le donne che devono competere contro persone che biologicamente sono ancora uomini. Non basta definirsi donna per competere con le donne, devono esserci dei criteri. Se hai un pene, non puoi competere con le donne. La via scelta dalla maggior parte delle federazioni sportive non risolve il problema. Così è una vera e propria truffa, che ha consentito a centinaia di atleti che hanno cambiato genere di vincere quello che non avrebbero mai potuto ottenere in campo maschile, specialmente negli sport in cui è richiesta potenza”. Queste sono parole di Martina.

La Luna è Caster Semenya, la ventottenne sudafricana bi-olimpionica degli 800 piani nel 2012 e nel 2016 e tre volte campionessa mondiale della specialità dal 2009 al 2017, che rappresenta una spina nel fianco del CIO (Comitato Internazionale Olimpico) e ha presentato un nuovo ricorso al Tribunale arbitrale dello sport contro la IAAF, la Federazione atletica mondiale, all’ordine del giorno proprio recentemente.

Presidente, questo brusio mi sta disturbando molto. Chiedo scusa, se la sollecito.

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Saliera): Vi chiedo un po’ di silenzio.

 

TAGLIAFERRI: Grazie, presidente.

Il tema del genere degli atleti è sempre stato molto dibattuto, ci sono stati casi clamorosi, come quello del primo caso di imbroglio sessuale olimpico, Dora Ratjen, che gareggiò come donna all’Olimpiade di Berlino del 1936, classificandosi quarta, e agli Europei di Vienna del 1938, quando stabilì anche il record mondiale con 1,70 metri. Ma al ritorno in Germania due donne ne notarono la barba. Fu arrestata e privata delle medaglie.

Clamoroso fu anche il caso del primo atleta transessuale, l’ex oculista statunitense Richard Raskind, che dopo la leva in Marina ed essersi anche sposato con una donna, negli anni Settanta si operò e diventò Renée Richards e, attraverso una sentenza del tribunale, ottenne di giocare da donna anche gli Open di tennis degli USA, arrivando fra le polemiche alla finale di doppio del 1977 e al n. 20 del mondo di singolare nel 1979, unendosi poi, da giocatrice mancina e grande motivatrice, al team che accompagnava Martina Navratilova, proprio l’attuale contestatrice delle atlete transgender o comunque non sicuramente donne al 100 per cento, secondo i canoni tradizionali. Anche se il caso più eclatante nei tempi moderni sul tema di sessualità degli atleti è quello dei Giochi di Montreal 1976, quando Caitlyn Jenner, già William Bruce, diventò la prima trans ad aggiudicarsi l’oro olimpico nel decathlon. Da quel momento il CIO ha preso in mano la questione e quando si è trovato a fronteggiare il caso Semenya è entrato nel labirinto dei test medici specifici, non ha reso pubblici i risultati, lasciando aperta la strada di iperandrogenismo, ma ha dovuto concedere all’atleta di competere ancora tra le donne. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): È concluso il dibattito generale.

Sono aperte le dichiarazioni di voto.

Il consigliere Facci ha la parola.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Credo che l’intervento che ha fatto il collega Tagliaferri abbia voluto evidenziare una particolare forzatura o aspetto (più che forzatura) che forse non viene sufficientemente considerato in questo progetto di legge. Indubbiamente, fa riferimento a una questione sportiva, quindi potrebbe essere più attinente alla discussione che andremo a fare successivamente, quando affronteremo l’articolo 3, ma di fatto ne parliamo adesso perché avviamo la discussione sulle varie sensibilità, sulle varie definizioni che possono essere riconoscibili e identificabili in questo articolo 1 che stiamo affrontando con una serie di articoli aggiuntivi.

Proprio perché abbiamo voluto e vogliamo sottolineare le varie implicazioni che può avere questa normativa, il fatto che vi possono essere tutta una serie di persone che a vario titolo possono identificarsi in questa prospettiva.

Noi abbiamo voluto arricchire questo dibattito richiamando tutta una serie di diverse sensibilità che possono… Ci viene da chiedere, nel momento in cui queste proposte vengono puntualmente bocciate, come saranno regolamentate una volta che da parte della Regione vi sarà l’eventuale, ritengo, fase attuativa di queste norme.

Vorrei capire per esempio se tutte quante queste diverse sensibilità che stiamo progressivamente elencando riceveranno un’attenzione eguale. Verosimilmente sì, ma nel momento in cui si lascia indeterminata questa norma come un grande contenitore, noi non vorremmo che qualcuno rimanesse fuori, non vorremmo che ci fosse qualcuno che per un motivo a noi oggi sconosciuto non dovesse ricevere eguale attenzione. Sarebbe obiettivamente un elemento che vorremmo scongiurare.

Ecco perché ci prodighiamo nel dare un contributo quantomeno nozionistico a questa discussione, quando si parla di definizioni e quando parliamo di soggetti che possono essere interessati da questo progetto di legge. Ecco perché questo articolo 1 novies, che appunto vuole riconoscere una precisa categoria di sensibilità differenti (chiamiamola in questi termini).

 

PRESIDENTE (Saliera): Sono chiuse le dichiarazioni di voto.

Si procede con il voto del 1385, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1441, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 820, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Procediamo con la discussione del sub n. 1440, a firma Callori, del sub n. 1072, a firma Callori, e dell’emendamento n. 1375, a firma Tagliaferri.

Discussione generale.

La parola al consigliere Tagliaferri.

 

TAGLIAFERRI: Saluto l’arrivo del presidente Bonaccini.

Noto con piacere che l’arrivo del presidente ha riportato in aula i meno ridacchianti rispetto a prima...

 

(interruzioni)

 

“Meno ridacchianti rispetto a prima” potete anche non accettarlo, ma è così. Evidentemente, i nostri interventi vi hanno suscitato grande ilarità.

 

(interruzione)

 

Certamente. Le offese non sono mancate, neppure dimostrando il grande apporto di difesa dei diritti e di democraticità che, come sempre, ci riservate.

L’occasione mi è anche gradita per ribadire un concetto che avevo poc’anzi espresso, quello relativo all’apertura al mondo LGBT, che ha significato anche aprire a un mondo di follia, a un mondo di fantasia.

Provocatoriamente vi abbiamo elencato venti generi diversi e cinquanta orientamenti, anche se qualcuno di voi mi ha ricordato che ne mancava qualcuno. Questo sì, può suscitare ilarità, ma d’altra parte può anche suscitare forte preoccupazione su quella che è la follia che c’è attorno a questo mondo. Credo che questi emendamenti possano e debbano farci riflettere ulteriormente, perché quando, e cito a casaccio, ci troviamo di fronte a venti generi, che vanno dal transgender, al trans-uomo, al trans-donna, trans-femmine, trans-mascoline, transessuale, two-spirit, ambo-sexual, intersessuale, genderqueer, bigender, cisgender e vi risparmio la ripetizione dell’elenco; e quando ci troviamo di fronte a orientamenti così significativi, riportati sui siti americani, riportati anche dal mondo internazionale, questa apertura al mondo degli LGBT ci ha portato questa nuova cultura, che sicuramente, perlomeno non appartiene a noi: acosexual, acoisexual, androgino-sexual, sapiosessuale, scoglio-sessuale, polisessuale, che vi ha divertito particolarmente, omo- flessibile, bello-sexual… e chi più ne ha, più ne metta. C’è pure travestito, drag-queen, drag-king. Questo certamente può suscitare ilarità. In noi suscita una fortissima compassione, come suggeriva il presidente Caliandro: compassione per questa situazione, che sicuramente porta all’evidenza come l’apparentamento, come questa sorta di sudditanza, psicologica o meno che dimostrate di avere nei confronti di queste persone, di queste lobby, che sicuramente, credo, hanno fortemente condizionato la stesura di questa legge. Per l’ennesima volta siamo a ribadire, e lo faremo ad ogni articolo, l’auspicio che questa legge venga ritirata e anche l’auspicio, nel caso in cui… Noi siamo sempre dubitativi, non abbiamo le certezze che il presidente dimostra in ogni articolo di giornale, e cioè di considerarsi già vincitore delle prossime elezioni. Quindi, la garanzia che possiamo sicuramente offrire è quella che la prima abrogazione che potrà essere fatta sarà certamente quella che riguarderà questa legge che voi continuate ad affermare di voler approvare. Grazie.

 

PRESIDENTE (Saliera): Concluso il dibattito generale.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Votazione del sub 1440, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1072, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 1375, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Si procede con la discussione sul n. 1071, a firma Callori, sul n. 1070, a firma Callori, e sul n. 1028, a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Procediamo con il voto.

Sub n. 1071, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Registriamo il voto favorevole dei consiglieri Facci e Tagliaferri.

Ora mettiamo in votazione il 1070, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1028, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 1

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora procediamo con il sub 1426 Callori, il sub 1434 Callori e l’emendamento 248 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Procediamo con il voto del sub 1426, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 1

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1434, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il n. 248, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il n. 1400, a firma Callori, il n. 1066, a firma Callori, e il n. 259, a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Si è iscritto in discussione?

Prego. La parola al consigliere Caliandro.

 

CALIANDRO: Essendo assente, è possibile votarlo lo stesso? Perché uno che presenta un emendamento dovrebbe essere in aula, penso.

Va bene, sopporteremo anche questo.

 

PRESIDENTE (Saliera): Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione il sub 1400, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1066, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 259, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

È in discussione il sub 1082 a firma Callori, il sub 1443 a firma Callori e l’emendamento 258 a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1082, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1443, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 258, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 1088 a firma Callori, il 1089 a firma Callori e il 254 a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazioni di voto. Nessun iscritto.

In votazione il sub 1088, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1089, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 254, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 1067 Callori, il sub 1087 Callori e l’emendamento 253 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1067, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Si vota il 1087, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 253, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 1058 a firma Callori, il 1373 a firma Callori e l’emendamento 369 a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il n. 1058, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1373, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 369, Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 309 Callori, il sub 310 Callori e l’emendamento 388 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il sub 309, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 310, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 3

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 388, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 384 Callori, il 385 Callori e l’emendamento 408 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il sub 384, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 385, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 408, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 383 Callori, il 412 Callori e l’emendamento 407 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 383, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 412, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0.

 

È respinto.

 

In votazione il 407, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 1

Contrari 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 410 Callori, il 411 Callori, il 1455 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 410, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 411, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1455, a firma Tagliaferri.

Si vota.

Presenti 35

Votanti 34

Favorevoli 2

Contrari 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 397 Callori, il sub 409 Callori e il 983 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione il 397, a firma Callori.

 

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 409, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 983.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 389 Callori, il 1381 Callori, il 1377 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 389, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1381, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1377, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in discussione il sub 1424 Callori, il sub 1425 Callori e l’emendamento 1378 Tagliaferri. Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazioni di voto. Nessuno iscritto.

Mettiamo in votazione il 1424, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

(interruzione)

 

PRESIDENTE (Saliera): D’accordo. Viene registrato il voto del consigliere Facci a favore.

In votazione il sub 1425, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1378, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 1409 Callori, il 1410 Callori e il 1379 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1409, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1410, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1379, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in discussione il sub 1408 Callori, il 1122 Callori, il 1380 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione il 1408, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1122, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Chiedo scusa, presidente, siccome nel votare ho girato e ho spinto anche quello del consigliere Callori, mi sono accorto ho spinto il mio, per cui bisogna togliere il voto al consigliere Callori, che ovviamente non c’è. Quindi, il mio voto c’è ed è stato registrato, il consigliere Galli c’è, ma…

 

PRESIDENTE (Saliera): Quindi, lo correggiamo e lo togliamo…

 

FACCI: Al consigliere Callori.

Chiedo scusa.

 

PRESIDENTE (Saliera): Sì, certo.

Mettiamo in votazione il 1380, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 846 Callori, il 1121 Callori e il 1381 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione l’846, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1121, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 1381, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in discussione il sub 936 Callori, il sub 844 Callori e l’emendamento 1382 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione il 936, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’844, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1382, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 935 Callori, il sub 965 Callori e l’emendamento 903 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 935, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 965, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 903, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 27

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Mettiamo in discussione il 964 Callori, il 1372 Callori, il 902 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

 

Mettiamo in votazione il 964, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1372, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 902, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 316 Callori, il 984 Callori e l’897 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 316, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 984, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’897, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il sub 1398 Callori, il 1395 Callori e l’emendamento 934 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1398, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1395, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 934, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 1371 Callori, l’857 Callori e il 933 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1371, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 27

Favorevoli 0

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione l’857, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrario 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 933, Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0.

 

È respinto.

 

In discussione il 1392 Callori, il 1335 Callori, il 380 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1392, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1335, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 380, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 0

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 1386 Callori, 1393 Callori, 379 Tagliaferri.

Discussione generale. Nessuno.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

Mettiamo in votazione il 1386, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 1393, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 379.

Si vota.

 

PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE RAINIERI

 

(ore 4,10 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Rainieri): La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1300, a firma Callori.

Votazione aperta.

Votazione chiusa.

 

Presenti 29

Votanti 28

Favorevoli 0

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo alla votazione dell’emendamento 1187, a firma Callori.

Votazione aperta.

Se avete votato tutti, chiudo la votazione

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 315.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento n. 315.

La votazione è aperta.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 1001, a firma Callori.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 1001.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1002.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 314, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 1047, a firma Callori.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 26

Votanti 24

Favorevoli 0

Contrari 24

 

È respinto.

 

Emendamento 1383.

La votazione aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 29

Votanti 26

Favorevoli 0

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento n. 375, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 1411, a firma Callori.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 1411.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 249, a firma Callori.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 374, a firma Tagliaferri.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento n. 313.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 313, a firma Callori.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 372.

La votazione è aperta.

Votazione chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 287.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 360, a firma Callori.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 286.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 359.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 398.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 398.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1120.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 284.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 29

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo all’emendamento 1119.

Discussione generale. Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 28

Favorevoli 0

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 1118.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 980.

La votazione è aperta.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1374.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1375.

La votazione è aperta.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 979.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 1

 

È respinto.

 

Emendamento n. 1376-bis.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 430.

La votazione è aperta.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1278.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 429.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 932.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

 

È respinto.

 

854.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 1

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 931.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

È aperta la votazione.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 1

Contrari 27

 

È respinto.

 

972.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 853.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 377.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 376.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1396.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 294.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 295.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento n. 1397.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 371.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 370.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 813.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 2

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 361.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 25

 

È respinto.

 

Emendamento 1027.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Favorevoli 1

Contrari 25

 

È respinto.

 

Emendamento n. 812.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Favorevoli 2

Contrari 27

 

È respinto.

 

TARUFFI: Presidente, vorrei chiedere intanto al collega Facci se è disponibile, almeno sui suoi emendamenti, a poter votare senza l’ausilio del voto elettronico, ma con il voto per alzata di mano.

In generale, vorrei chiedere una cosa alla Presidenza. In termini di Regolamento noi dobbiamo rispettare tutto quello che è previsto, però sono dodici ore che stiamo votando, non stiamo mai facendo mancare il numero legale, mentre i consiglieri che hanno depositato la stragrande maggioranza degli emendamenti per buona parte della nottata, eccezion fatta per il consigliere Facci, non sono stati presenti in aula e, adesso che noi dobbiamo fermare l’aula perché loro non ci sono, non possono togliere la richiesta di votare tutti gli emendamenti e noi dobbiamo bloccarci, non potendo nemmeno proseguire perché loro non sono in aula. È veramente troppo.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Intanto parliamo per che cosa?

 

(interruzione)

 

Una pausa di cinque minuti per far raffreddare un attimo il sistema e riavviarlo.

 

(interruzioni)

 

Consigliere Taruffi, lei può avere anche ragione, ma questo è stato un accordo fatto dai Capigruppo.

 

(interruzione)

 

Sì, di andare a oltranza senza fermarci. Lei sa che il Regolamento prevede che se un consigliere chiede la votazione elettronica, fino a che questo consigliere non toglie la votazione elettronica, si deve continuare. In questo momento, il consigliere che ha chiesto la votazione elettronica su tutti gli emendamenti non è presente, per cui non si può fare quello che voi avete chiesto.

Scusatemi, finisco. Anche se Galli e Facci volessero togliere la richiesta di votazione elettronica, non potremmo perché dovrei stare qui a riguardare tutti gli emendamenti firmati da loro. C’è un ordine che è stato chiesto e l’ordine della votazione va rispettato.

O andate a svegliare Tagliaferri e lui viene qua, altrimenti io devo rispettare questo...

Prego, consigliere Taruffi.

 

TARUFFI: Chiedo al Capogruppo di Fratelli d’Italia di fare la cortesia di andare a svegliare il consigliere Tagliaferri che, a differenza nostra, che siamo qui, sta dormendo. Se si può andare a chiamarlo per procedere con i lavori. Punto primo.

Punto secondo, e chiudo. Conosco bene il Regolamento, laddove dice che se un consigliere chiede il voto su tutti gli emendamenti bisogna farlo. Chiedo, se si può fare una verifica, se nel Regolamento è anche recitato che senza l’assenso di quel consigliere non si possa fare diversamente. Se il consigliere è assente. Siamo in un caso limite.

Intanto, chiedo al Capogruppo di Fratelli d’Italia di far pervenire il consigliere...

 

PRESIDENTE (Rainieri): Il capogruppo di Fratelli d’Italia ha chiesto la parola. Sentiamo dalla sua voce quelle che saranno le sue richieste.

Prego, consigliere Facci.

 

FACCI: Nessuna richiesta. Comunico che il consigliere Tagliaferri sta...

 

(interruzioni)

 

Nessuna richiesta. Comunico che il consigliere Tagliaferri sta scendendo perché, a differenza di chi è andato a casa o in albergo a dormire, è su in ufficio. Quindi, ci mette trenta secondi a scendere...

 

(interruzioni)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Però, se chiediamo un favore e poi facciamo polemica, credo che alla fine… Quindi, statevene buoni. Aspettiamo di capire quali sono le intenzioni del consigliere Tagliaferri.

Prego, consigliere Facci, finisca il suo intervento.

 

FACCI: Semplicemente per comunicare questo. A differenza di chi ha potuto numericamente fare i turni e alternarsi, il consigliere Tagliaferri è qua e sta scendendo. Tra trenta secondi scende e deciderà lui cosa fare sugli emendamenti.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Va bene.

Intanto io chiudo, blocco il sistema per riavviarlo, perché altrimenti avremo dei problemi nel proseguimento.

 

(La seduta, sospesa alle ore 5,15, è ripresa alle ore 5,35 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Rainieri): Vi chiedo di rimettere i badge perché, avendo fatto ripartire il sistema, mancano le presenze.

Riprendiamo con la votazione dell’emendamento 1026.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 1026, a firma Callori.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 27

Votanti 25

Favorevoli 1

Contrari 25

 

È respinto.

 

Emendamento 1406.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1394.

La votazione è aperta. La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 1

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1059.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 2

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 1065.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione l’emendamento 1405.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1083.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione l’emendamento.

La votazione è aperta.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 2

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento n. 1056.

La votazione è aperta.

È chiusa la votazione.

 

Presenti 29

Votanti 28

Favorevoli 0

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1040.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento n. 1111.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

È aperta la votazione.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 1112.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 805.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1090.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 32

Favorevole 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 1103.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 29

Votanti 27

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 804.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 803.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 1110.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 2

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 1102.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 247.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento n. 1073.

Discussione generale. Dichiarazione di voto.

Mettiamo in votazione.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 1

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1074.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 0

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 293.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1427.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 1046.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 292.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 1427.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

 

È respinto.

 

Emendamento 1428.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 0

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 291.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 308.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento n. 381.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

 

È respinto.

 

Emendamento 289.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 806.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 246.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 285.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 244.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 245.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 283.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 240

La votazione è aperta.

Fratelli, votate.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevole 1

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 241.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 368.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 239.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 2

Contrari 29

 

È respinto.

 

Emendamento 426.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 367.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 322.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 425.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 282.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 321.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa

 

Presenti 31

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

 

È respinto.

 

Emendamento 378.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 978.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 28

Votanti 28

Favorevoli 0

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 312.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 311.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 26

Votanti 24

Favorevoli 0

Contrari 24

 

È respinto.

 

Emendamento 976.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

 

È respinto.

 

Emendamento 307.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 373.

La votazione è aperta.

 

Presenti 31

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

 

È respinto.

 

Emendamento 986.

La votazione è aperta.

La votazione è chiusa.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

 

È respinto.

 

Siamo sull’articolo 2.

Discussione generale.

Consigliere Facci, prego.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Non potevo non intervenire sull’articolo 2 dopo una lunga notte su emendamenti all’articolo 1. Non mi prenderò tutti i dieci minuti quindi… Quanti ne ho, presidente, di minuti, dieci? Dieci. Perfetto. Non li prenderò tutti. Però, credo che sia doveroso, anche per dare un senso più compiuto a questa nostra opposizione a questo progetto di legge, parlare di quello che, appunto, l’articolo 2 rappresenta e quello che l’articolo 2 vuole introdurre, perché parliamo sostanzialmente dell’inizio delle cosiddette “politiche attive” che questo progetto di legge vuole introdurre.

Parliamo, infatti, di interventi in materia di politiche del lavoro, formazione e aggiornamento professionale e integrazione sociale. Anche qua, abbiamo da capire come si vuole interpretare questa disposizione. È una riserva di posti di lavoro nelle amministrazioni territoriali? Perché sembra quasi che si parli di una quota contingentata, di una riserva. Sembra, perché non è chiaro. C’è una non chiarezza di fondo.

Richiama fondamentalmente quello che ho detto fin dall’inizio, un po’ tutto il posto di questo progetto di legge, cioè il fatto che si vogliono creare delle disparità di trattamento e delle corsie ‒ chiamiamole così ‒ riservate.

L’indeterminatezza, l’astrattezza di queste disposizioni rende, naturalmente, tutto molto discutibile. Poi magari non è così, ma non è neanche chiaro il contrario, proprio perché, quando si parla di promuovere specifiche progettualità a sostegno delle vittime di discriminazioni nell’ambito delle politiche attive del lavoro, formazione e riqualificazione professionale, nonché per l’inserimento lavorativo, allora è chiaro che ti viene legittimamente da pensare che stiamo parlando di una quota di riserva. Il punto è capire qual è il criterio per ritenere discriminata una persona sul posto di lavoro, quindi meritevole di essere destinataria di queste misure. Questo, per certi aspetti, passatemi il termine, è pericoloso. È pericoloso quando non si ha la certezza di una disposizione.

Quando si parla di stereotipi discriminatori, lo abbiamo affrontato anche nella giornata di ieri, chi decide quali sono gli stereotipi, i pregiudizi che producono effetti lesivi della dignità? Sono concetti ai quali certamente aderiamo. Nessuno vuole mettere in campo azioni discriminatorie. Lungi da noi questo. Neanche il pensiero. Noi, però, diciamo che quando si vuole normare e fare una legge quadro in questo modo, io credo che possa essere obiettivamente discutibile.

È legittima, la nostra perplessità, di fronte a tutto ciò. Qual è quindi il punto? Visto che c’è questa azione che viene indicata come necessaria, Regione ed enti locali, nei codici di comportamento, e attività di formazione e aggiornamento del personale: cosa vuol dire?

Come verranno declinati questi codici di comportamento? Bisogna necessariamente aderire al pensiero unico che con questa legge si vuole in qualche modo introdurre? Capite che non è facile dare delle risposte, ma è altrettanto lecito farsi queste domande, porsi queste domande.

Tra l’altro, come dicevo in tutti gli interventi che ho fatto nelle ore precedenti, la Giunta regionale, con proprio atto, individua indirizzi e modalità per attuare quanto previsto nei precedenti commi. Vedete allora che oggi noi firmiamo, firmate, proponete, una sorta di delega in bianco alla Giunta, in un contesto assolutamente indeterminato, dove però ci sono dei richiami, ci sono quasi dei precetti che sembrano dovere in qualche modo diventare obbligatorio. Quindi, ci deve essere, ripeto, un’adesione positiva? Il codice di comportamento imporrà ai dipendenti pubblici un’adesione positiva a questa visione del mondo, della società, a questa visione culturale, a questa ideologia? Chi dirà questo? Chi deciderà esattamente? Perché se così è formulato, ovviamente questo tipo di ragionamento è doveroso farlo, è un interrogativo che è doveroso porsi. Credo, quindi, che questo articolo sia uno dei più significativi di quanto questa norma e questo progetto di legge siano invasivi, siano ideologicamente orientati. Forse solo l’articolo 3 lo supera e forse anche l’articolo 5, di cui parleremo successivamente. Ma indubbiamente le norme di questo articolo 2 sono significative di una intenzione, fondamentalmente, di mantenere vaga innanzitutto la formulazione, secondo di lasciare, in virtù di questa formulazione vaga, la porta aperta per quanto riguarda la cosiddetta “riserva” o volgarmente chiamata, ma non credo che sia un’offesa, visto che nell’acronimo LGBT si parla di gay (la G sta per gay) quote gay o quote omosex (chiamiamole come vogliamo). Questa è la pericolosità intrinseca di questo articolo.

Quindi, invito tutti a soffermarsi sulla portata ampia che questo articolo rappresenta, che naturalmente contestiamo nella sua interezza.

 

PRESIDENTE (Rainieri): Consigliere Facci, grazie.

Consigliere Callori, prego.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Visto che partiamo con un nuovo articolo, l’articolo 2, inizierei parlando dell’evoluzione, di cui si è già parlato in altri interventi, l’evoluzione che ha avuto questa legge. Si è partiti da questi gruppi minoritari, di poche persone, LGBT (io ancora faccio fatica a pronunciarlo) che hanno chiaramente imposto un testo di legge, che per primo ha approvato il Comune di Bologna e altri due Comuni dell’Emilia-Romagna, per poi, l’evoluzione successiva, portarlo in Regione Emilia-Romagna. Ma è chiaro che, quando questa legge la approva una Regione, le ricadute sono molto maggiori rispetto alle ricadute che possono avere i singoli Comuni, anche perché quando la norma la fa la Regione è una norma che automaticamente ha delle conseguenze per tutti gli altri enti locali. Infatti, anche in questo articolo 2 più volte vediamo menzionato, praticamente in due articoli su quattro, la Regione e gli enti locali.

È chiaro che qui, come dicevamo, la Regione vuole tirare le fila, decidere e incidere anche sui Comuni, dal Comune più grande al Comune più piccolo, e questo non va bene. La Regione, come ente, può fare una scelta, ma non può vincolare e far ricadere tutte le negatività che questa legge porta e può riportare, tutte le ricadute negative anche sui Comuni, sui piccoli Comuni e sui loro cittadini.

Mi viene da pensare: avete condiviso questa legge anche con ANCI? Proprio in questi giorni ANCI sta rivedendo le proprie strutture, perché la tornata elettorale di qualche mese fa ha rinnovato molte Amministrazioni comunali, però non vedo in nessun posto, in nessuna parte che si parla di confronto anche con gli enti locali. La Regione decide di imporre anche agli enti locali questa legge. Quindi, tutti devono adottare interventi tesi a contrastare atti e comportamenti discriminatori. Devono adottare interventi. Questi interventi che gli enti locali devono adottare chi li paga? La Regione, quindi, mette somme a disposizione per gli enti locali perché, in qualsiasi modo, a loro discrezione, possano adottare interventi. Questi interventi la Regione come li controlla? Sono interventi mirati a quello che vuole la legge oppure anche qui avremo enti locali di serie A e enti locali di serie B?

Il Comune che politicamente risponde alla politica della maggioranza regionale avrà, indipendentemente dal progetto che fa il finanziamento, il Comune che non risponde invece no, perché magari ha messo la virgola, o la parola che non è consona o conforme.

Anche qui quindi si crea già una disparità, quindi non solo tra le persone, ma anche tra gli enti stessi. Poi c’è tutto il nodo Province. Oggi le Province sono enti di secondo livello, enti governati dagli amministratori locali, però c’è la volontà del Governo centrale di farle ritornare enti elettivi. Quindi, parlando in modo futuristico, se fra un anno, due o tre si tornerà ad avere delle Province per cui ritorna il metodo elettivo e tutti le voteranno, anche le Province, essendo enti locali, dovranno adottare questi interventi. Quindi ci sarà un esborso ulteriore da parte della Regione, a questo punto è la Regione che tira le fila, è la Regione che incide sui territori, quindi deve essere anche la Regione, poi, che mette le risorse, perché possano, questi interventi, essere sviluppati ed applicati.

Qui è chiaro che non solo si chiede agli enti locali di adottare interventi a contrasto di, ma si dice anche di promuovere specifiche progettualità: l’inserimento lavorativo, previo confronto con le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

Gli enti locali dovranno promuovere questo, ma soprattutto, si dovrà, già da questo articolo 2, comma 1, creare una corsia preferenziale. Una corsia preferenziale che darà, non so se in percentuale, se sarà come è adesso l’attuale legge, che dice che ogni tot dipendenti un’azienda ha l’obbligo di assumere anche dipendenti con delle disabilità. Vorrà dire che qui cosa si farà? Si toglieranno numeri alle persone che hanno problemi? Oppure si dirà alle aziende: ogni quindici dipendenti dovete assumere un disabile e un transgender? Capite che diventa, per un imprenditore o un’azienda, problematico e difficoltoso, perché quando bisogna dare corsie preferenziali senza una motivazione, io capisco chi ha delle disabilità che deve essere particolarmente aiutato, però se creiamo una corsia preferenziale per questi generi è chiaro che poi dobbiamo crearla per tutti. Andremo a creare un’attenzione particolare e un inserimento lavorativo per quelli che arrivano da altri Paesi, che magari anche loro hanno problematiche, andremo a creare un inserimento lavorativo per quelli che si inventeranno un nuovo modo o un altro modo di essere. Quindi, capite che più si va avanti a trattare questo articolato più nascono delle contraddizioni.

Allora vi domando: perché, per l’ennesima volta, questa Regione ha recepito una legge, un atto che è stato approvato da alcune città, pedissequamente, tranne alcune modifiche che sono state fatte solo per accontentare una parte della maggioranza, che chiaramente non avrebbe mai votato il testo originale, ma chiaramente non si è confrontata e non ha avuto confronti con quelle parti sociali, con il mondo dell’imprenditoria, con gli Enti locali che menziona in questa legge.

In più, parliamo sempre di Regioni ed enti locali, dovrà essere fatto un codice di comportamento, a cui dovranno sottostare i dipendenti degli enti pubblici e tutte quelle persone che lavorano in questi enti. E chi non si atterrà a questo? A chi non si atterrà al comportamento che verrà scritto nei decreti attuativi che cosa succede, verrà licenziato? Quindi, capite che anche questo è un altro motivo di disequità e di disparità, a conferma ulteriore che questa legge divide, crea ulteriori spaccature tra le persone, è la legge stessa che crea una discriminazione nei confronti di quelle persone che non la condividono, quindi una minoranza che discrimina una maggioranza, anzi una minoranza già abbondantemente tutelata che discrimina una maggioranza.

Chiudo anche questo mio intervento dicendo: questa legge deve essere approvata e ripartire da zero. Grazie.

 

PRESIDENZA DELLA VICEPRESIDENTE SONCINI

 

(ore 7 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie, consigliere.

Dibattito generale.

Consigliere Tagliaferri, prego.

 

TAGLIAFERRI: All’eliminazione del concetto di omotransnegatività e del riferimento all’avversione verso le realtà omosessuali ha fatto da contraltare l’introduzione del concetto, altrettanto innovativo, di stereotipi discriminatori. In verità, non appare meno vago e più rassicurante di quello originario. Infatti, il proposto nuovo comma 2-bis dell’articolo 2 definisce gli stereotipi discriminatori al cui contrasto e alla cui prevenzione è diretta tutta la legge, come pregiudizi che producono effetti lesivi della dignità, delle libertà e dei diritti inviolabili della persona, limitandone il pieno sviluppo.

Ben si vede come la questione attenga pur sempre alla dimensione dei giudizi individuali e pertanto ponga i medesimi problemi di compatibilità con l’articolo 21 della Costituzione. In questa prospettiva, si comprende agevolmente come il richiamo che il medesimo nuovo comma 3 effettua al pieno rispetto della libertà di pensiero, di educazione e di espressione costituzionalmente garantiti a tutta la cittadinanza abbia carattere meramente formale e di stile, poiché la stessa definizione di stereotipo che viene fornita incide sulle libertà appena menzionate.

Inoltre, la fattispecie dello stereotipo discriminatorio appare costruita in termini intrinsecamente vaghi e come tali suscettibili di far ricadere nel proprio alveo anche giudizi e pensieri che corrispondono specificamente ad alcune architravi del disegno costituzionale e all’esercizio di libertà costituzionalmente garantite. Si pensi, ad esempio, al caso dell’opinione secondo cui una coppia di persone dello stesso sesso non possa avere bambini. Corrisponde essa o meno alla fattispecie dello stereotipo discriminatorio disegnata dalla legge regionale? Non vi è dubbio che la negazione dell’accesso all’affiliazione possa essere presentata come lesiva di una pseudo-libertà riproduttiva delle persone omosessuali e, pertanto, ricadere nell’ambito dei pregiudizi che la legge regionale si propone di contrastare.

Si pensi, ancora, al caso dell’opinione secondo cui una coppia di persone dello stesso sesso non possa accedere al matrimonio. Corrisponde esso o meno alla fattispecie dello stereotipo discriminatorio disegnata dalla legge regionale? Non vi è dubbio che la negazione dell’accesso al matrimonio possa essere presentata come lesiva di alcune pseudo-libertà della persona e, pertanto, ricadere nell’ambito dei pregiudizi che la legge regionale si propone di contrastare.

Si pensi, infine, al caso della credenza religiosa, secondo cui gli atti sessuali tra persone dello stesso sesso costituiscono peccati gravi. Corrisponde essa o meno alla fattispecie dello stereotipo discriminatorio, disegnata dalla legge regionale? Non vi è dubbio che ritenere che gli atti sessuali tra persone dello stesso sesso peccati gravi possa essere inteso come lesivo della dignità delle persone omosessuali, e pertanto ricadere in pieno nell’ambito dei pregiudizi che la legge regionale si propone di contrastare.

Sennonché, si tratta, come è evidente, di tre ordini di pensiero che traggono il proprio fondamento direttamente in altrettanti princìpi costituzionali. In particolare, l’articolo 2 della Costituzione, come fondamento della protezione della dignità della persona, così come interpretato dalla Corte costituzionale tramite la sentenza n. 272/2017, secondo cui la maternità surrogata offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane; l’articolo 29 della Costituzione, in base al quale le unioni omosessuali non possono essere ritenute omogenee al matrimonio. L’articolo 19 della Costituzione riconosce la libertà di professare liberamente e far propaganda della propria fede religiosa.

Appare quindi chiaro come neppure le modifiche apportate in sede di Commissione permettano di esprimere un giudizio giuridicamente positivo sulla legge. In verità, la Costituzione italiana, la prima fonte di quella che è la proposta di legge regionale, indica come stereotipi potenzialmente discriminatori e si propone di combattere, superare.

Contrastare chi avversa posizioni che vogliono superare tali stereotipi significa contrastare chi si fa portatore delle istanze culturali su cui si basa la nostra Costituzione. Il cardine della legge, come si è detto, è costituito da una serie di politiche attive che la Regione si impegna a compiere per acculturare la popolazione residente in Emilia-Romagna e scongiurare le opinioni dissenzienti. Queste politiche attive interessano i versanti centrali del rapporto delle persone con il mondo giuridico esterno alla propria sfera domestica: il lavoro, la scuola, lo sport, la sanità, l’assistenza, le telecomunicazioni.

Per quanto riguarda il lavoro, si prevede, al comma 1 dell’articolo 2, che Regioni ed enti locali provvedano alla promozione di specifiche progettualità a sostegno delle vittime di discriminazioni nell’ambito delle politiche attive del lavoro, di formazione e riqualificazione professionale, nonché per l’inserimento lavorativo.

La formula utilizzata non è ben comprensibile, ma sembra preludere all’introduzione di una forma di riserva di posto di lavoro, evidentemente nelle amministrazioni territoriali per le persone che abbiano denunciato atti specificamente discriminatori, magari è l’Osservatorio regionale di cui all’articolo 7, che così diventerebbe una sorta di ufficio di precollocamento oppure per le persone offese da comportamenti illeciti accertati dalla Magistratura.

L’assoluta vaghezza della clausola utilizzata non permette affatto di circoscrivere le misure in questione al solo ultimo caso menzionato, lasciando amplissima discrezionalità alle Amministrazioni.

Sempre relativamente al lavoro, l’articolo 2 sembrerebbe aprire all’introduzione delle quote gay nel personale delle Amministrazioni regionali e locali, all’introduzione dei codici di comportamento del personale, di clausole che impongono ai dipendenti di rinnegare pubblicamente il sostegno a ogni stereotipo nel senso anzidetto e all’introduzione di corsi di formazione obbligatori per i dipendenti per debellare tali stereotipi.

Con il comma 2 dell’articolo 2 arriviamo poi al centro della propulsione ideologica e della natura antipluralista della proposta di legge. Se si vuole lavorare in Regione o nell’Amministrazione bisogna essere gay-friendly e deve farsi pubblica abiura delle opzioni culturali che, fermo l’ovvio rispetto per la dignità di ogni persona, avversano le istanze omosessualiste. Poco male se tali opzioni culturali trovano il loro fondamento nella Costituzione o, comunque, in culture ben più radicate di quella omosessualista e oggetto di specifica protezione costituzionale, come ad esempio quella religiosa, in particolare cattolica, con riferimento alle quali è la Costituzione stessa a garantire espressamente il diritto di propaganda (articolo 19 della Costituzione). Per necessità familiari, nella specie lavorativa, dovranno abbandonarsi.

Infine, si osserva come l’ampiezza della formulazione della legge non escluda affatto che tali misure (quote gay, codici di comportamento e corsi di formazione anti-stereotipo) possano essere imposte anche a datori di lavoro privati che intendano intrattenere rapporti con le pubbliche amministrazioni regionali e locali.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie.

Ci sono altri in discussione generale?

Prego, consigliere Galli.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Dire che questo articolo 2 è il cuore di questo articolato non siamo molto lontani dal vero a sostenere questo. Non siamo molto lontani dal vero perché, nel momento in cui si comincia a sostenere dei concetti… Leggo testualmente: “La Regione e gli Enti locali, nell’ambito delle rispettive competenze, adottano interventi in favore delle persone discriminate in ragione dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere, anche mediante la promozione di specifiche politiche del lavoro, informazione, riqualificazione professionale, nonché preinserimento lavorativo”. Siamo probabilmente vicino a quello che richiamava poco fa il collega Tagliaferri, vicino a un concetto tipo le Quote gay. È chiaro che nel momento in cui, ma forse questo è il sotteso, il non detto, quello che sta dietro a questa legge, cioè creare una super categoria di persone che possono godere di vantaggi o di agevolazioni per la loro appartenenza vera o presunta, perché poi è evidente che si possono creare anche distorsioni od abusi, creare delle categorie che possano godere di privilegi, di vantaggi o di agevolazioni che non spettano alla totalità dei cittadini.

Abbiamo già detto più volte, sia come Forza Italia sia gli altri componenti della minoranza, che noi non crediamo si debbano costituire delle categorie che abbiano trattamenti diversi da quelli dei cittadini normali. In realtà, qui c’è scritto proprio questo. Si comincia dicendo che si adottano interventi in favore delle persone discriminate e il passaggio successivo è creare delle categorie protette. Già oggi. Già oggi tra i motivi di accoglienza in Italia, fra quelli che arrivano magari clandestinamente, l’appartenere a minoranze discriminate sessualmente è diventato un motivo di permanenza in Italia.

È un passaggio che probabilmente quando fu creato questo meccanismo, quest’idea contenuta nella Costituzione, di aiutare, privilegiare coloro che non godevano dei diritti civili nel loro Paese, probabilmente, allora, quando la Costituzione italiana fu fatta, mai e poi mai si sarebbe immaginata una distorsione del genere. Molto spesso il diavolo si nasconde nei dettagli. Molto spesso da una parola e da un concetto che tutto sommato non ci può che trovare d’accordo, da un concetto su cui tutti possiamo essere a parole consenzienti sulla formulazione teorica, astratta, si arriva a una formulazione pratica, reale che produce distorsioni.

In questi giorni ho letto diversi interventi di appartenenti al mondo LGBT che lamentano trattamenti inumani, di essere vittime di torture, di morte, tutta una serie di passaggi di cui onestamente io che leggo i giornali con molta attenzione, sono attento all’informazione, come tutti i presenti in questa sala, non mi ero mai accorto. È possibile, è probabile, anzi, dirò di più, è certo che in Italia qualche persona appartenente al mondo LGBT sia stato oggetto di derisione, storture, limitazioni sul posto di lavoro, ma non diversamente dalle altre categorie, non diversamente dalle altre persone che perdono il lavoro, non diversamente da altre persone che magari vengono bullizzate per i motivi più vari.

Stabilire che fra le persone vittime di storture, fra le persone vittime di trattamenti poco gradevoli, poco simpatici, ci sia una categoria ad hoc delle persone LGBT, credo che sia una stortura che non faccia neanche onore agli appartenenti a quel mondo.

Noi crediamo che questa legge sia sicuramente da bocciare, per i motivi che abbiamo già detto più volte e che diremo più volte. Ma fra gli articoli che vanno bocciati due volte, c’è sicuramente questo articolo 2, che dà adito a tutta una serie di storture a cui noi non potremmo che essere contrari. Credo che anche gli appartenenti a questo mondo, se fossero obiettivi, dovrebbero essere contrari ad essere messi in una categoria protetta, in un recinto, in un mondo dei panda che certamente non gli appartiene e non gli fa onore.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie.

Altri in discussione generale?

Consigliere Taruffi.

 

TARUFFI: Presidente, grazie.

Devo dire che è stata una discussione approfondita, importante, dove sicuramente abbiamo valutato tanti aspetti che sono stati esaminati in tutti gli interventi, che ci consentono di esaminare con cura un progetto di legge che ci sta portando, dopo una lunga nottata, si preannuncia una lunga giornata, quindi noi saremo qui, come abbiamo detto, anche perché vogliamo votare gli altri progetti di legge, non solo questo.

Noi crediamo che una discussione che ormai si protrae da 24 ore sia una discussione che ha avuto un’altra intera giornata da parte di questa Assemblea: forse comincia a essere più che sufficiente. Evidentemente, per la parte destra di quest’aula, questa è la battaglia campale, è la battaglia più importante di tutta la legislatura. Secondo voi questa è la legge più importante in assoluto, perché 1.700 emendamenti non li avete mai presentati da nessuna parte.

Abbiamo approvato la legge sull’urbanistica, abbiamo approvato la legge sui rifiuti, abbiamo approvato il Piano rifiuti, abbiamo approvato il Piano dei trasporti, ogni anno approviamo un bilancio che muove 13 miliardi di euro. Abbiamo abolito i superticket, abbiamo fatto tante cose, mai da nessuna parte e in nessun momento avete tenuto questo atteggiamento. Quindi, per voi questa è la legge più importante della legislatura, perché siete ossessionati dal tema dell’omosessualità. Questa è la verità.

Detto questo, io chiedo se non sia il caso di iniziare a pensare che, oltre a questa legge, ce ne sono anche altre, che noi vogliamo votare. Noi riteniamo che questa legge sia importante, non riteniamo che sia la più importante in assoluto della storia dell’umanità, quindi vorremmo anche provare ad andare avanti e approvare le altre leggi. Quindi, speriamo che a un certo punto si possa procedere. Se, invece, riterrete di dover continuare questo vostro atteggiamento, che determina per voi questa come la legge più importante in assoluto, nella quale avete profuso il massimo sforzo possibile e immaginabile, staremo qua. Però, sappiamo che dopo ci sono altri quattro progetti di legge, ci sono delle Commissioni. Parlateci di Bibbiano: noi siamo qua per discutere anche di questo. Se ci fate parlare di Bibbiano dopo quarantotto ore di discussione sulla legge sull’omotransnegatività, ve ne siamo grati, e anche i cittadini di questa regione. Sennò, possiamo continuare a stare qui per non si sa quanto altro tempo ancora, noi non abbiamo problemi.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie.

Consigliere Galli, prego.

 

GALLI: Grazie, presidente.

Rarissimamente il collega Taruffi ha ragione. Anzi, da quando sono qua sarà capitato forse come i famosi orologi rotti, che due volte al giorno indicano l’orario corretto.

Ha ragione il collega Taruffi a stupirsi che su questo tema si è avuta la battaglia delle battaglie, la battaglia principale. È evidente. Ha ragione a stupirsi, perché su 13 miliardi di bilancio che vengono mossi tutti gli anni, decine o forse centinaia di leggi, le più varie, su tematiche che incidono per la maggioranza dei cittadini, fare una battaglia del genere, uno sforzo del genere, che imponiamo a noi stessi, a voi colleghi, alla struttura e a chi ci dà assistenza in questa Assemblea, certamente lo stupore è legittimo.

Ma, collega Taruffi, questa è una battaglia ideologica, e sulle battaglie ideologiche non ci sono mezze misure, non c’è il più importante o il meno importante. È una battaglia ideologica, a prescindere. È una battaglia su cui la differenza fra noi e voi è netta.

La discussione sull’aumento del biglietto di un autobus è chiaro che incide sulla collettività dei cittadini. La legge urbanistica è chiaro che incide sulla collettività dei cittadini, così quasi tutte le leggi che vengono dibattute qui o anche nei più piccoli Consigli comunali. Ma raramente capita una distinzione manichea fra il bene e il male. Permettetemi questa esagerazione. Questo confronto su questo tema è un confronto che fa capire quali sono i vostri valori. Questo è un confronto che fa capire voi che tipo di società volete proporci. Questo è un confronto che i cittadini capiscono.

Il punto più alto e ridicolo dell’intervento del collega Truffi è sicuramente “fateci parlare di Bibbiano”. Ma se l’opinione pubblica non fosse stata sollecitata in queste settimane dall’opinione pubblica stessa, dai cittadini scandalizzati, dal piccolo contributo che noi come centrodestra abbiamo dato, voi di Bibbiano ne parlavate né oggi né mai. Dire che questa è una battaglia durissima... Io poi ho il senso delle proporzioni. Non ritengo questo sforzo che stiamo facendo come se fosse una battaglia epocale. Non credo che perdere qualche ora di sonno o qualche stanchezza o sentirci non a nostro agio in abiti stazzonati e neanche profumatissimi sia la battaglia delle battaglie. Non è la Stalingrado della destra o della sinistra questa discussione. È una discussione che serve, come servirà quella su Bibbiano, a far capire chi siamo noi e chi siete voi.

Noi abbiamo il senso delle proporzioni. A voi a volte sfugge il senso di proporzione. Fate una battaglia che riguarda poche decine o centinaia di persone. Non voglio entrare nei numeri, ma sono certo che questa battaglia ideologica riguarda su 4,5 milioni di romagnoli poche decine di persone. Voi avete creato su questo tema la battaglia delle battaglie. Noi ci rimettiamo a fare un confronto, a riportare le cose nell’alveo in cui crediamo sia corretto riportarle. Noi sappiamo chi siamo. Voi non sapete chi siete. Voi credete, imbeccati da Consigli comunali esterni, da persone esterne a questa Assemblea, di avere il diritto e il dovere di imporre il vostro modo di vita, il vostro modo più o meno ideale alla collettività degli emiliano-romagnoli. Noi siamo contrari. Abbiamo il senso di proporzione. Parleremo di Bibbiano.

Abbiamo trovato assurdo, ridicolo, penoso il tentativo di dire “noi chiediamo la Commissione su Bibbiano e voi, centrodestra, non volete perché perdete tempo in questa discussione”. Noi non perdiamo tempo. Per Bibbiano abbiamo chiesto la Commissione d’inchiesta già da settimane. Non ci siamo ridotti all’ultimo secondo, come avete fatto voi, consegnando la domanda all’ultimo minuto, in zona Cesarini. Noi vorremmo una Commissione vera, con poteri veri, che facesse luce su una bruttissima pagina dell’Emilia-Romagna. Sappiamo benissimo che le responsabilità penali sono esterne a quest’aula. Sappiamo benissimo che le responsabilità politiche sono anche dentro quest’aula. Quindi, non abbiamo paura a continuare queste ore di faticoso dibattito, non abbiamo paura ad aspettare Bibbiano, e abbiamo ragione di capire lo stupore di Taruffi.

Noi su questa battaglia continueremo fino all’ultimo di queste ore a disposizione.

 

PRESIDENTE (Soncini): In dichiarazione di voto, il consigliere Poli.

 

POLI: Grazie, presidente, buongiorno.

Buongiorno, collega Galli. Lei ha presentato una montagna di emendamenti, assieme ai suoi colleghi. Poi, a un certo punto della serata, o della nottata, se ne è andato tranquillamente a riposare, non votando neanche gli emendamenti che ha presentato lei.

Adesso è bello fresco e naturalmente ci delizia di nuovo con le ripetizioni, che noi ascoltiamo volentieri e pazientemente. Però le dico una cosa, collega Galli. Credo che i colleghi, me per primo, per nulla al mondo cambierebbero la propria cultura con la sua. Perché noi possiamo commettere mille errori; ma noi siamo differenti. Noi siamo diversi da come dice lei.

 

(interruzione)

 

E lei mi stia ad ascoltare, perché io ho dormito meno di lei, sono stato in quest’aula a votare assieme ai colleghi. Ho dormito molto meno di lei, quindi lei adesso mi stia ad ascoltare.

Lei, se mi permette, con una sottile e raffinata cattiveria è già la terza volta, in questa discussione, o la quarta, che prima solleva evidentemente da qualsiasi responsabilità una collega che siede qui al mio fianco, sui fatti che più volte ha richiamato. Poi costruisce un ragionamento insopportabile, che punta a dimostrare esattamente il contrario. Ma lei con chi crede di avere a che fare? Qui ci sono genitori, nonni; abbiamo figli, abbiamo nipoti, non è retorica. Lezioni da lei non ne prendiamo, glielo assicuro. Lei non è in grado di insegnare a me come devo allevare i miei figli, e neanche i miei nipoti, e la mia famiglia decido io com’è, non lei.

 

(interruzione)

 

Quindi lei teorizza una cosa che è esattamente il contrario di quella che sostiene, e cioè teorizza che si voglia togliere dei diritti a delle persone per darle a delle altre. È esattamente l’opposto: non si toglie nessun diritto a nessuno e si prova di dare qualche diritto in più a chi non ne ha.

Noi votiamo fino a domenica, magari se state bene qui possiamo andare di lungo anche a domenica notte (questo è un invito che vi faccio cortesemente). Poi può chiedere la parola anche per fatto personale, non mi interessa. Non credo di averla offeso. Ho sentito delle robe che qui si poteva intervenire tutti cinquantasette volte per fatto personale. Ma non accetto che qualcuno metta in discussione la mia cultura, la mia idea di famiglia. Torno a dirle, io sono nato in una famiglia tradizionale, ho una famiglia tradizionale e non mi faccio dare la linea culturale, educativa, civile, sociale e anche politica da chi ha il proprio partito, la propria forza politica guidata da leader che della famiglia che voi difendete, così tradizionale, se ne fa un baffo.

È ora di darci un taglio. È ora di darci un taglio, colleghi, perché c’è un limite alla pazienza e un limite anche alla tolleranza. A un certo punto, certe affermazioni, almeno per quello che mi riguarda, sono inaccettabili.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie.

Consigliere Callori, prego.

 

(interruzione)

 

Era iscritto il consigliere Callori.

 

(interruzione)

 

Un attimo, consigliere Callori. Dov’è il fatto personale, consigliere Galli?

 

(interruzione)

 

Ha espresso opinioni politiche.

 

(interruzione)

 

Okay. Grazie.

Consigliere Callori, prego.

 

CALLORI: Grazie, presidente…

 

(interruzione)

 

Posso?

 

(brusio in Aula)

 

PRESIDENTE (Soncini): Consiglieri.

Prego, consigliere Callori.

 

CALLORI: Grazie, presidente.

Io condivido in parte quello che ha detto chi mi ha preceduto, perché penso che ognuno (poi giustamente l’abbiamo sempre detto) deve portare avanti quello che ritiene meglio per la sua famiglia. Però, leggo il punto 3 dell’articolo 2: “Nel pieno rispetto della libertà di pensiero, di educazione, di espressione”. Penso che in quest’aula ognuno possa esprimere in modo libero il pensiero, si possa esprimere, chiaramente in modo educato, perché quello è alla base del vivere civile. È chiaro che ognuno di noi ha delle sensibilità diverse, le esprime nel modo in cui ritiene meglio esprimerle. È chiaro che la nostra non è una battaglia. Non voglio chiamarla “battaglia”. Vuole essere un confronto, vuole essere una dimostrazione di quello che il nostro Gruppo intende e ritiene di questa legge.

Ho sentito negli interventi precedenti dire che siamo persone... Con altre parole. Non coscienti, perché perdiamo tempo in queste ore, anziché trattare e approvare leggi che aiuterebbero la comunità emiliano-romagnola. È vero. L’ho detto io nel primo intervento che ho fatto. Però si deve anche dire un’altra cosa: più volte in quest’aula si è chiesto di invertire l’ordine del giorno, di parlare prima della Commissione d’inchiesta e di portare questo progetto di legge all’ultimo posto.

È chiaro che oggi potevamo tutto questo tempo portarlo in coda a questo Consiglio, invece l’ordine concordato nei vari uffici di presidenza... I Capigruppo hanno voluto dare questo ordine del giorno. Questo è il punto che dobbiamo trattare, e lo trattiamo con i tempi che riteniamo necessari.

Io sono perfettamente d’accordo sull’utilità delle leggi che verranno, però se vogliamo che queste leggi vengano approvate noi qualche soluzione negli interventi di stanotte e di ieri l’abbiamo data. Siamo ancora in tempo a farlo. Blocchiamo, fermiamo questo punto e lo riprendiamo alla fine e andiamo a trattare quelle leggi ritenute da tutti più importanti per la comunità emiliano-romagnola e più utili per i cittadini. Grazie.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie.

Siamo in dichiarazione di voto. Un intervento per Gruppo consiliare. Consigliere Paruolo, è già intervenuto il consigliere Poli. Grazie.

Gli altri Gruppi? Consigliere Galli, è già intervenuto in dichiarazione di voto. Grazie.

Altri Gruppi? Non ho altri Gruppi. Se il consigliere Paruolo si disiscrive. Grazie.

Non ho altri Gruppi iscritti in dichiarazione di voto.

Chiudo la dichiarazione di voto. Passiamo alle votazioni. Se potete suonare, per cortesia.

Nomino scrutatori i consiglieri Lori, Sabattini e Liverani.

Siamo all’emendamento 67, a firma Marchetti.

 

Presenti 30

Favorevoli 5

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 113, a firma Galli.

 

Presenti 24

Contrari 23

Favorevoli 0

Astenuti 0

 

La Presidenza vede che c’è il numero legale.

 

(interruzione)

 

Consiglieri Lori, Sabattini e Liverani.

 

(interruzione)

 

Consiglieri, sospendo la seduta per cinque minuti.

 

(La seduta, sospesa alle ore 7,35, è ripresa alle ore 7,50 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Soncini): Riprendiamo i lavori.

Dobbiamo mettere in votazione l’emendamento 113, a firma Galli.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 1097, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Poniamo in votazione il 53, che è uguale al 637, a firma Marchetti e a firma Tagliaferri.

 

Presenti 32

Favorevoli 5

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 6, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 5

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1469, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 939, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 303, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 114, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 115, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 427, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 711, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 116, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 712, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 898, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 423, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 899, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 117, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 118, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 922, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 304, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 717, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 722, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 944, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 945, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1470, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 7, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 5

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 925, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 81, a firma Marchetti Daniela.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 328 è uguale al 641, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 119, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 906, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 96, a firma Piccinini.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 4

Contrari 22

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 329, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 428, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 907, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 915, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 330, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 916, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1092, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 951, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 120, a firma Galli, che è uguale all’emendamento 1466, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

L’emendamento 193, a firma Rancan, è uguale al 21, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 82, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1012, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 2

 

È respinto.

 

Emendamento 234, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 25

Favorevoli 0

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

(interruzioni)

 

Ma siete in aula. Voi siete in aula e non avete votato.

Emendamento 1044, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 335, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 306, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1054, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 278, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1100, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1436, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 954, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 957, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 0

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

(interruzione)

 

Consigliere Facci, favorevole. Non le ha preso il voto. Lo mettiamo agli atti.

Emendamento 958, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 685, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1467, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 191, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1109, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 83, a firma Marchetti Daniele.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1468, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 121, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 432, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 356, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 281, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 436, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1101, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Sono inammissibili, a norma dell’articolo 95, lettera c), del Regolamento: il 1099, a firma Facci, che è uguale al 960, a firma Tagliaferri. È inammissibile il 192, a firma Rancan. È inammissibile il 1091, a firma Facci. È inammissibile il 950, a firma Facci. È inammissibile il 1098, a firma Facci. È inammissibile 445, a firma Tagliaferri. È inammissibile il 444, a firma Tagliaferri. È inammissibile il 446, a firma Tagliaferri. È inammissibile il 644, a firma Tagliaferri. È inammissibile il 960, a firma Tagliaferri, che è uguale al 1099, a firma Facci. È inammissibile il 949, a firma Facci. È inammissibile il 930, a firma Callori. È inammissibile il 279, a firma Tagliaferri. La lettera ql) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera b), del Regolamento, a firma Galli. La lettera s) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d), del Regolamento, a firma Liverani. La lettera t) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d), del Regolamento, a firma Liverani. La lettera r) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d), a firma Liverani. La lettera ai) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c), del Regolamento, a firma Galli. La lettera ag) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c), del Regolamento, a firma Galli. La lettera ah) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c), del Regolamento, a firma Galli. La lettera ab) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c), del Regolamento, a firma Galli.

Ora, consiglieri, con dispositivo elettronico si vota l’articolo 2.

 

Presenti 33

Favorevoli 26

Contrari 5

Astenuti 0

 

È approvato.

 

Siamo all’emendamento 28, a firma…

 

(interruzione)

 

Consigliere Taruffi, prego.

 

TARUFFI: Il dispositivo non ha preso il mio voto, che era evidentemente favorevole.

 

PRESIDENTE (Soncini): Mettiamo agli atti. Grazie.

Emendamento 28, a firma Marchetti, che istituisce un nuovo articolo. Daniele Marchetti.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 28, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Ora abbiamo il 1113, a firma Facci, che istituisce un nuovo articolo, su cui insistono due subemendamenti: il 1084, a firma Callori, e il 1114, a firma Tagliaferri.

Unico dibattito generale. Prego, chi interviene?

Dichiarazioni di voto.

Mettiamo in votazione il 1084, a firma Callori.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Subemendamento 1114, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1113, a firma Facci, che istituisce un nuovo articolo.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Abbiamo l’emendamento 29, a firma Daniele Marchetti, che istituisce un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 29, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Siamo all’emendamento 30, che istituisce un nuovo articolo, a firma Daniele Marchetti.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 30, a firma Daniele Marchetti.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Siamo ora, consiglieri, all’articolo 3 e ai suoi emendamenti.

Dibattito generale congiunto su articolo ed emendamenti. Chi intende intervenire?

Dichiarazioni di voto? Nessuno intende intervenire.

Passiamo alla votazione.

Siamo all’emendamento 68, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 54, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 8, a firma Andrea Liverani.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento H), a firma Andrea Liverani.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 0

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 197, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 122, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 357, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 394, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 358, Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 800, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 821, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 395, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1438, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 396, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 801, che è uguale al 1439, il primo a firma Tagliaferri, il secondo a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 365, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 382, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 35

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 277, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 651, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

La lettera am) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma b), lettera c), del Regolamento, a firma Galli.

La lettera as) è inammissibile a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera b), a firma Galli.

Ora metto in votazione il 1075, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 400, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 84, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 4

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

È inammissibile l’emendamento an), a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c) del Regolamento, di Galli.

È inammissibile l’emendamento ap), a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c) del Regolamento, consigliere Galli.

È inammissibile l’emendamento aq), a norma dell’articolo 95, comma 6, del Regolamento, del consigliere Galli. È inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c), Galli.

Siamo al 273, a firma Callori, identico al 440, a firma Callori. Metto in votazione.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 340, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 123, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 28

Favorevoli 3

Contrari 23

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 298, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1105, a firma Tagliaferri. È inammissibile.

Emendamento 1076, a firma Callori.

Metto in votazione.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Consiglieri, siamo all’articolo 3.

Si vota l’articolo 3. Potete votare l’articolo 3.

 

Presenti 32

Favorevoli 26

Contrari 5

Astenuti 0

 

È approvato.

 

Siamo all’emendamento 1019, a firma Callori, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Prego, consigliera Prodi.

 

PRODI: Volevo, ovviamente, correggere il mio voto all’articolo 3 come favorevole. Grazie.

 

PRESIDENTE (Soncini): Grazie, consigliera, Lo metto agli atti.

È chiaro che siamo in dibattito generale sull’emendamento 1019, istitutivo di nuovo articolo, a firma Callori.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1019, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1106, a firma Tagliaferri, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

In dibattito generale, consigliera Prodi.

 

PRODI: Chiedo se è possibile separare la votazione del comma 2 in via elettronica, se è possibile, se posso farlo in questo momento, dell’articolo 4.

 

PRESIDENTE (Soncini): No. Adesso siamo sugli emendamenti istitutivi di nuovi articoli, non siamo sull’articolo 4.

 

PRODI: Okay. Lo chiedo per dopo.

 

PRESIDENTE (Soncini): Lei chiede per l’articolo 4. Specifichi bene la richiesta, così la capisco bene.

 

PRODI: Chiedo che all’articolo 4 si possa votare, separatamente, in via elettronica, il comma 2.

 

PRESIDENTE (Soncini): È chiaro. Grazie.

Ritorno all’emendamento 1106, a firma Tagliaferri. Siamo in dibattito generale. È istitutivo di un nuovo articolo.

Qualcuno vuole intervenire? No.

Dichiarazione di voto. Chi interviene? Nessuno.

Metto in votazione l’emendamento 1106, a firma Tagliaferri.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1115, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1115, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1095, a firma Facci.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Emendamento 1095, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo, in votazione.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 237, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattitto generale. Consigliera Prodi, prego.

 

PRODI: Io mi scuso molto, ma volevo rettificare la mia richiesta: era la votazione separata del comma 2 non dell’articolo 4, ma dell’articolo 9. Quindi, mi scuso.

 

PRESIDENTE (Soncini): Quindi, non all’articolo 4, ma all’articolo 9.

 

PRODI: Sì, votazione separata del comma 2 dell’articolo 9.

Mi scuso ancora.

 

PRESIDENTE (Soncini): Va benissimo.

Dibattito generale sull’emendamento 237, istitutivo di nuovo articolo, a firma Facci.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 237, a firma Facci. Prego.

 

Presenti 29

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 238, istitutivo di un nuovo articolo, a firma Facci.

Dibattito generale.

Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’articolo 238, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 416, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 416, a firma Facci.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 414, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 414, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 415, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 415, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

L’emendamento 401, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 401, a firma Facci.

Si può votare.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 402, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 402, a firma Facci, istitutivo di un articolo.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 403, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 403, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 657, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 657, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 658, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 658, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 661, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 261, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 662, istitutivo di un nuovo articolo, a firma Facci.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 682, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 663, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 663, a firma Facci.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 664, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 664, a firma Facci.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 666, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 666, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 667, a firma Facci, istitutivo di un nuovo articolo.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 667, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 1

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 668, istitutivo di un nuovo articolo, a firma Facci.

Dibattito generale.

Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 668, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Siamo all’articolo 4, emendamenti e articolo.

Dibattito generale su emendamenti e articolo. Chi intende intervenire? Non ho interventi.

Dichiarazione di voto su emendamenti e articolo 4. Vi ricordo che alla dichiarazione di voto generale su emendamenti e articolo 4 nessuno intende intervenire.

Siamo all’emendamento 69, a firma Daniele Marchetti.

Metto in votazione l’emendamento 69, a firma Daniele Marchetti.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 124, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 55, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 1

 

È respinto.

 

Emendamento 9, a firma del consigliere Liverani.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 204, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Consigliera Mori, prego.

 

MORI: Chiedo scusa, forse per la stanchezza […] Caliandro non ha votato.

 

PRESIDENTE (Soncini): Perfetto.

Lei, invece, ha votato, quindi resterà agli atti.

L’emendamento 802, a firma Tagliaferri, è uguale al 366, a firma Callori.

Metto in votazione.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1412, a firma […].

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 275, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1444, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 276, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1414, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1416, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 342, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1479, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1418, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 242, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 148, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 125, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 27

Favorevoli 2

Contrari 22

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 126, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 652, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 234, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento […], a firma […].

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1117, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 399, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 1

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 20, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 6

Contrari 23

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 195, a firma Rancan.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 6

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 127, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1473, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 128, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 4

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 235, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1471, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1474, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 1

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1479, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 85, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 29

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 129, a firma Galli, che è uguale all’emendamento 130, a firma Galli.

Metto in votazione l’emendamento a firma Galli.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1475, a firma Callori.

Si vota.

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1472, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1400, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 829, a firma Tagliaferri.

Consiglieri, emendamento 829, a firma Tagliaferri, in votazione.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 841, a firma Tagliaferri, in votazione.

 

Presenti 31

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 672, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

L’emendamento 842 è uguale al 131 che è uguale al 1476. Il primo è a firma Tagliaferri, il secondo è a firma Galli, il terzo è a firma Callori.

Metto in votazione.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1477, a firma Facci.

Si vota. Consiglieri, si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1480, a firma Facci, in votazione.

 

Presenti 32

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Metto in votazione l’emendamento 1116, a firma Callori. Potete votare.

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1053, a firma Tagliaferri.

Consiglieri, si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1011, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1064, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1035, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento az) è inammissibile, ai sensi dell’articolo 95, comma 6, lettera c, a firma Galli.

Emendamento m) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d). del Regolamento, a firma Liverani.

Emendamento v) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera a). del Regolamento, Liverani.

Emendamento z) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d). del Regolamento, a firma Liverani.

Emendamento a) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d, del Regolamento, Liverani.

Emendamento l) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera d). del Regolamento, Liverani.

Emendamento at) è inammissibile, a norma dell’articolo 95, comma 6, lettera c). del Regolamento, a firma Galli.

Siamo ora, consiglieri, alla votazione dell’articolo 4.

Si vota l’articolo.

 

Presenti 34

Favorevoli 27

Contrari 6

Astenuti 0

 

È approvato.

 

Devo sospendere l’aula dieci minuti perché, come vedete, il tabellone ha bisogno di aggiornarsi rispetto alle votazioni. Dieci minuti. Grazie.

 

(La seduta, sospesa alle ore 11,37, è ripresa alle ore 11,56 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Soncini): Consiglieri, dovete ripassare il badge sul monitor, per cortesia. Consiglieri, prima di andare ai posti, dovete ripassare il badge sul monitor. Grazie.

Vi chiedo di ripassare il badge sul monitor. Ripassate il badge sul monitor.

Chiedo di passare il badge sul monitor a tutti i consiglieri. Secondo me, non l’avete passato tutti.

Vi siete tutti loggati, cioè avete passato il badge sul monitor? È fondamentale, perché abbiamo riavviato il sistema. Grazie, consiglieri.

Riprendiamo i nostri lavori. Siamo all’emendamento 669, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 669, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1486, istitutivo di nuovo articolo, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

In votazione l’emendamento 1486, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1482, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

 

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1482, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 756, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 756, a firma Facci.

Si può votare.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Metto in votazione l’emendamento 749, a firma Facci, istitutivo di nuovo articolo.

Prima dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 749, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 750, a firma Facci.

Dibattito generale.

Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 750, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 746, istitutivo di nuovo articolo, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Pongo in votazione l’emendamento 746, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 36

Favorevoli 3

Contrari 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 747, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 747, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 748, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 748, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Favorevoli 1

Contrario 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1493, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1493, a firma Facci.

Si può votare.

 

Presenti 35

Favorevoli 1

Contrari 33

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1492, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1492, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 1

Contrari 32

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1491, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1491, a firma Facci.

 

Presenti 36

Favorevoli 4

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1490, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1490, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 2

Contrari 31

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1489, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1489, a firma Facci.

Potete votare.

 

Presenti 34

Favorevoli 4

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1488, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1488, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1487, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1487, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1483, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1483, a firma Facci.

Potete votare.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1484, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Si vota l’emendamento 1484, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1485, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

In votazione l’emendamento n. 1485, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 757, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 757, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 751, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 751, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 1481, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 1481, a firma Facci.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 755, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 755, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 752, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

In votazione l’emendamento 752, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 2

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 753, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

In votazione il 753, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 754, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Votazione dell’emendamento 754, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 736, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 736, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 2

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 737, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 737, a firma Facci.

 

Presenti 32

Favorevoli 2

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 738, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Votazione dell’emendamento 738, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 739, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

In votazione l’emendamento 739, a firma Facci.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 740, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 740, a firma Facci.

 

Presenti 31

Favorevoli 1

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 741, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 741, a firma Facci.

 

Presenti 33

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 642, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Emendamento 642, a firma Facci, in votazione.

 

Presenti 34

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 643, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazione di voto.

Metto in votazione l’emendamento 643, a firma Facci.

 

Presenti 35

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 744, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 744, a firma Facci.

Si vota, consiglieri.

 

Presenti 30

Favorevoli 2

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 745, a firma Facci.

Dibattito generale. Dichiarazioni di voto.

Metto in votazione l’emendamento 745, a firma Facci.

 

Presenti 28

Favorevoli 1

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

PRESIDENTE (Soncini): Consiglieri, mi è arrivata una richiesta: “Gentile presidente, le chiediamo, a norma dell’articolo 72 del Regolamento interno, di convocare la Conferenza dei presidenti di Gruppo, con l’Ufficio di Presidenza, al fine di contingentare i tempi per la conclusione della trattazione dell’argomento relativo all’oggetto 7159 “Legge regionale contro le discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dell’identità di genere”. È firmata da dieci consiglieri: Caliandro, Calvano, Bertani, Sassi, Taruffi, Prodi, Sabattini, Boschini, Tarasconi, Lori.

Quindi, convoco la Conferenza dei Capigruppo, unita all’Ufficio di Presidenza e ai rappresentanti della Giunta, nella sala in cui ci troviamo normalmente.

Sono pervenute delle richieste, per cui in apertura di seduta osserveremo un minuto di silenzio.

 

(La seduta, sospesa alle ore 12,44, è ripresa alle ore 15,54 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENZA DELLA PRESIDENTE SALIERA

 

PRESIDENTE (Saliera): Vi prego di sedervi. Riprendiamo la seduta.

 

Cordoglio per l’uccisione a Roma del vicebrigadiere Cerciello Rega

 

PRESIDENTE (Saliera): Ricominciamo i lavori ricordando un tragico evento luttuoso che ha colpito a morte, nella notte, a Roma il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. Il vicebrigadiere Rega, di soli 35 anni, è stato barbaramente e vigliaccamente ucciso da due assassini che si sono accaniti su di lui mentre era in corso un normale accertamento.

Del vicebrigadiere Rega si ricordano le doti umane e anche professionali. Colpisce e ferisce in modo particolare la circostanza secondo cui il vicebrigadiere era sposato da appena quarantatré giorni.

L’Assemblea legislativa regionale si unisce al dolore della famiglia, dell’Arma e delle Istituzioni repubblicane.

Vi chiedo, ma lo avete già fatto, di alzarvi e di osservare un minuto di raccoglimento in memoria del vicebrigadiere caduto nell’esercizio delle sue funzioni. Grazie.

 

(L’Assemblea, in piedi, osserva un minuto di silenzio)

 

Cordoglio per la morte dell’operaio Luca Caravita

 

PRESIDENTE (Saliera): Vi chiedo di rimanere in piedi. È purtroppo recentissima la scomparsa, proprio qui a Bologna, dell’operaio Luca Caravita, rimasto gravemente ferito durante le operazioni in un cantiere ieri a Minerbio.

È il secondo incidente mortale nel bolognese durante solo questa settimana.

Faccio mie le parole dei sindacati: non si può morire di lavoro.

Da parte dell’Assemblea legislativa, le più sentite condoglianze alle famiglie colpite da lutti, purtroppo, irreparabili, come quelle sul lavoro.

 

(L’Assemblea, in piedi, osserva un minuto di silenzio)

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie.

 

Sull’ordine dei lavori

 

PRESIDENTE (Saliera): Alcune informazioni prima di riprendere il lavoro della odierna seduta con le votazioni.

L’Ufficio di Presidenza e la Conferenza dei Capigruppo si sono riunite e hanno definito alcune modifiche. Quindi, vi prego di essere attenti.

Una modifica riguarda il contingentamento, così come previsto dal Regolamento, nei tempi per i Gruppi assembleari, assegnando al Partito Democratico 100 (sto parlando di minuti), Lega Nord Emilia-Romagna 40, Movimento 5 Stelle 28, Forza Italia 25, Misto 22, Sinistra Italiana 22, Forza Italia 20, L’Altra Emilia-Romagna 20, così come le regole prevedono, e inoltre, nella votazione elettronica, di ridurre i tempi da 60 secondi a 30 secondi. Invito i consiglieri a stare sul posto perché in trenta secondi difficilmente si riesce a correre per premere il voto.

Sempre la Conferenza dei Capigruppo ha deciso che da mezzanotte all’una c’è un’ora di sosta, c’è un’interruzione in termini di ore di sosta.

Consigliere Caliandro, prego. Sull’ordine dei lavori.

 

CALIANDRO: Grazie, presidente.

Voglio rivolgere ai colleghi della minoranza, che strenuamente combattono la loro battaglia contro questo PdL, un appello ‒ non tutta, chiaramente ‒ a mantenere ferma la loro posizione intransigente, ma ad aiutarci a dare una mano anche al lavoro delle tante persone che sono impegnate per supportare questa nostra scelta democratica. Il mio invito è, quindi, quello di chiedere ufficialmente il ritiro del voto elettronico. Spero che questa scelta possa essere compresa, stante il fatto che ci sono ancora 1230 emendamenti da votare e stante il fatto che abbiamo il dovere di rispettare il lavoro di tutti i lavoratori.

Noi saremo qui, ci confronteremo, combatteremo, però spero che questa richiesta non cada nel vuoto.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Caliandro.

Un’altra minima informazione, per correttezza. La Presidenza si è organizzata: fino a mezzanotte ci sarò io, dall’1 alle 10 di domani mattina la signora consigliera Soncini e nella mattinata e durante la giornata il vicepresidente Consigliere Rainieri.

Possiamo iniziare? Direi di sì.

Consigliere Taruffi, mi scusi, non avevo visto.

 

TARUFFI: Sull’ordine dei lavori anch’io.

Mi unisco in modo accorato all’appello che ha fatto il collega presidente del Gruppo PD, Stefano Caliandro. Lo faccio in modo accorato e nel pieno rispetto di quelle che sono le prerogative dei Gruppi di minoranza di cui, come certamente tutti in quest’aula possono sapere, sono sempre stato un fermo sostenitore, non fosse altro per la esigua componente che rappresentiamo all’interno di quest’aula.

Ciò detto, esistono tanti modi per esercitare le proprie battaglie, per dare visibilità alle proprie legittime posizioni. Credo che sia stato compiuto da parte del Gruppo di Fratelli d’Italia un lavoro encomiabile sotto il profilo dell’abnegazione, perché siete stati presenti in modo continuativo e vi siete alternati nel prendere la parola in un modo, per certi aspetti, persino sorprendente. È innegabile che siate riusciti a produrre un evidente blocco dei lavori di quest’aula.

Credo, però, che, oltre la visibilità politica, oltre la giusta, corretta e fondata necessità di portare avanti le proprie battaglie, esista un momento in cui si può prendere in considerazione anche la necessità di contemperare quelle che sono le situazioni, ad esempio, di una struttura amministrativa a cui stiamo chiedendo uno sforzo straordinario in termini di personale e in termini di costi dell’ente.

In termini d’altri tempi nessuno vi può negare non voglio dire l’onore delle armi, ma sicuramente la capacità politica della battaglia che avete condotto, però non si può pensare che questa battaglia diventi il motivo e il modo per bloccare i lavori di questo Consiglio regionale che, come sappiamo, ha tanti altri punti da discutere.

Se voi non intenderete recedere dal proposito del voto elettronico, noi rimarremo qui sino a domenica. Lo faremo. Ma io in questo momento vi chiedo di tener conto non tanto dei 50 consiglieri regionali che sono qua, che sono ben pagati per essere qua e che non hanno nessun problema a rimanere qua. Vi chiedo di prendere in considerazione le esigenze di vita, di lavoro e, più complessivamente, familiari della struttura a cui stiamo chiedendo... La struttura non è solo il personale. Sono gli addetti stampa, sono gli uffici stampa dell’Assemblea elettiva, un apparato molto significativo che voglio ringraziare per il lavoro che compie tutti i giorni, poliziotti, forze dell’ordine, che ci consentono di lavorare. Penso che noi dobbiamo lavorare.

Avete fatto una battaglia straordinaria. Ora credo che si possa anche contemperare l’esigenza più complessiva dell’interesse pubblico e non solo di parte, che dobbiamo rappresentare.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Taruffi.

La parola la chiede il consigliere Facci.

 

FACCI: Grazie, presidente.

Mi trovo un po’ in difficoltà a mantenere un tono diplomatico, come è stato tenuto da chi mi ha preceduto, perché dovrei ricordare a tutti, anche a chi non conosce, a chi ci vede dall’esterno, e che appunto certe dinamiche non le sa, che se c’è qualcuno che ha voluto imporre a quest’aula una maratona rispetto ai provvedimenti legislativi, questa è stata proprio la maggioranza.

L’oltranza non la decidiamo noi. Avete imposto l’oltranza il primo dei tre giorni; avete imposto l’oltranza il terzo dei tre giorni, sapendo perfettamente che questa proposta di legge, questo progetto di legge, aveva una, consentitecelo, precisa contestazione, da parte nostra, fin dalla sua gestazione, fin dalle prime sedute di Commissione.

Io non è molto che sono in quest’aula, ma credo che su questa materia si sia consumata, a partire dalle Commissioni, una delle più forti contrapposizioni ideologiche, culturali, politiche. Come potevate pensare, avendolo già annunciato durante la Commissione che noi non avremmo fatto ostruzionismo,

Io il primo giorno ho chiesto pubbliche scuse al personale, che sapevamo di costringere a un superlavoro, ma purtroppo, le regole sono queste. Questa legge verrà approvata. I numeri sono questi, siamo in 12, siete in 30 e rotti; 38.

Quindi, alla fine, questa legge verrà approvata. L’unico modo per poter democraticamente e legittimamente manifestare il nostro dissenso, era quello di parlarne qua, e di forzare, anche, nel rispetto però del regolamento. È oggi il regolamento che ci contingenta i tempi. Questa sosta è stata dovuta a questo: ci contingenta i tempi.

L’oltranza l’avete chiesta voi. Quando abbiamo chiesto due giorni fa di anticipare la discussione, per esempio, su Bibbiano, che oggi voi dite che non viene trattata per colpa nostra, voi avevate la scelta di anticipare o di posticipare. Avete deciso di posticipare. Quando avete voluto comunque iscrivere questo PdL prima di tutti gli altri lo avete fatto scientemente.

Quindi, non possiamo essere coinvolti nella questione del rispetto che noi tutti abbiamo, che noi tutti manifestiamo per i lavoratori della struttura. Purtroppo, però, questo è. Questo è l’unico modo per poter esercitare il nostro ruolo. Oggi è tardi dire quello che si poteva fare. Io potrei dire che due giorni fa potevamo fare altre cose. Oggi è tardi.

Abbiamo un unico strumento, che è quello di portare avanti fino all’ultimo secondo il nostro dissenso, e noi lo esercitiamo in maniera pacata, senza pensare di avere ragione, ma legittimamente manifestiamo la nostra posizione.

Pertanto, pur condividendo le ragioni di fondo, cioè il rispetto che si deve sempre al personale della struttura, non possiamo aderire alla proposta che è stata formulata.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Facci.

Vorrei solo informare i componenti dell’Assemblea ‒ scusate ho un po’ di abbassamento di voce per l’aria condizionata ‒ che ciò che state dicendo adesso è fuori dal minutaggio. Siamo all’inizio. Dopo, ordine dei lavori e tutte le volte che aprite bocca, tutto rientra nei minuti. Questo vale per tutti. Nei minuti stabiliti concordemente in Ufficio di Presidenza e Conferenza dei Capigruppo.

Mi ha chiesto la parola il consigliere Taruffi. Prego.

 

TARUFFI: Ho massimo rispetto di tutte le decisioni che prende questa Presidenza, quindi mi rimetto alla valutazione sulla tempistica. Non ho nessun problema.

Voglio solo dire una cosa, e lo dico con sincerità. Siccome io ho massima considerazione del collega Facci, so che lui, insieme al suo Gruppo, nel corso di questa serata avrà la possibilità, e anche in futuro, di ripensare alle cose che sono state dette, di ripensare all’appello che abbiamo fatto Caliandro e il sottoscritto, che rimane valido anche per il corso della serata.

Detto questo, noi siamo persone, ripeto, ragionevoli. Abbiamo tanti minuti per dire quello che pensiamo di quello che è stato, di quello che è, di quello che sarà, perché se continuerete così rimarremo qui fino a domenica.

Io ho cercato di essere corretto, gentile, disponibile, nel rispetto dei ruoli di tutti e anche, lo dico, per la conoscenza decennale che contraddistingue il rapporto che abbiamo, consigliere Facci. Detto questo, però, a tutto c’è un limite, e non si può abusare della buonafede, della pazienza e della disponibilità degli altri, perché quando lo si fa, poi ci se ne assume la responsabilità politica. Le cose che ho detto hanno anche un’implicazione. La dico in modo molto chiaro: quando qualcuno ti tende una mano, e lo fa in modo onesto e sincero, quella si prende, perché in politica si fa così. Le istituzioni funzionano se si fa così. Se non si fa così, vuol dire che non si fa il bene della politica, non si fa il bene delle istituzioni, si fanno solo ed esclusivamente i propri interessi di bottega, ai quali si antepone l’interesse generale, che in questo caso vuol dire approvare questa legge e le altre che abbiamo dopo, compresa la Commissione d’inchiesta.

Differire, dopo due giorni di discussione su questo tema, da quella che è una disponibilità che abbiamo manifestato nel corso di tutte queste giornate vuol dire abusare. E questo penso che noi non possiamo consentirlo.

Dopodiché, nel rispetto del Regolamento, ognuno farà quello che deve, ma politicamente, per quanto mi riguarda, mettiamo un punto, e i rapporti politici che contraddistinguono la normale vita di quest’aula per me stasera si chiudono qua.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Facci, ha la parola.

Dopodiché, si inizia col contingentamento.

 

FACCI: Guardi, anche io ho la massima stima per il collega Taruffi, ci conosciamo effettivamente da tanto, ci siamo spesso scontrati. Però debbo dire che non si può fare un appello di questo tipo, perché è un finto appello, chiedo scusa. Che noi ci assumiamo la responsabilità politica della nostra scelta, l’ho detto fin da subito. La nostra è una scelta politica di fare ostruzionismo a questo progetto di legge. Punto.

Nel momento in cui, però, a norma di Regolamento, conoscendo i rapporti, conoscendo il fatto che questa Assemblea questa legge la approverà... Non è che noi posticipiamo per sperare che succeda qualcosa. Lo sappiamo già. Sarà così. Vogliamo rimarcare un dato politico. È un reato? Ci è consentito? Capisco che non venga condiviso, ma fa parte della discussione e anche della contrapposizione politica.

Noi diciamo che è stata fatta una forzatura. Oggi non mi si può venire a dire “state facendo una forzatura voi; vi stiamo tendendo una mano, ma non la cogliete”. È tardi per questo. Non da parte sua, consigliere. Non da parte sua. In generale da chi questo progetto di legge lo ha imposto a quest’Aula con certi tempi. Oggi è tardi. Questo è.

Dispiace che si coinvolgano più persone in questa maratona di discussione, che ‒ ripeto ‒ ha, purtroppo o per fortuna, non so, valutate voi, una profonda matrice ideologica culturale. Questo è.

 

PRESIDENTE (Saliera): Consigliere Bertani, siamo sempre su questo argomento? Mi affido alla sua comprensione.

 

BERTANI: Grazie, presidente.

Notoriamente siamo molto barricaderi, quindi quello che le opposizioni possono fare per manifestare la propria opinione noi lo sosteniamo, perché sono i diritti delle minoranze.

Penso, però, che questa volta i diritti delle minoranze siano utilizzati in maniera esagerata, impropria. È giusto segnare il punto politico, è corretto, e Fratelli d’Italia sta segnando il punto politico, e l’ha già segnato per molte ore. Però, ad un certo punto, c’è una ragionevolezza che, una volta che il punto politico è stato segnato, i lavori devono procedere, perché abbiamo almeno un punto importante, che è quella Commissione.

Secondo noi, in questo caso, Fratelli d’Italia sta sbagliando, sta commettendo un grosso errore, tra l’altro scavando un solco fra sé e tutto il resto dell’Assemblea. Questa è una scelta che fa, che farà e di cui se ne prende la responsabilità.

 

PRESIDENTE (Saliera): Grazie, consigliere Bertani.

 

Ancora sugli oggetti 7159 - 6586

 

PRESIDENTE (Saliera): Procediamo con le votazioni.

Siamo all’emendamento 745, a firma Facci.

Discussione congiunta generale. Non ho iscritti.

Dichiarazione di voto. Non ho iscritti.

Mettiamo in votazione il 745, a firma Facci.

Si vota.

Ricordo che sono 35 secondi. No, 30 secondi. Scusate.

Scusate, ma aggiornare il meccanismo è un po’ più complicato.

 

Presenti 35

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 728, a firma Facci, in votazione.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 33

Favorevoli 3

Contrari 30

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In votazione il 729, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Per chiarezza, il monitor, quando arriva a 30 secondi, si interrompe, perché dovremmo se no intervenire e perdere altro tempo. Quindi, vedrete scritto 29-30, cioè, lo interrompiamo manualmente. Emendamento 730, a firma Facci.

Discussione congiunta. Dichiarazioni di voto.

È in votazione il 730. Prego.

 

Presenti 34

Votanti 32

Favorevoli 3

Contrari 29

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Metto in votazione il 731, a firma Michele Facci.

Discussione congiunta. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 731. Prego.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 732, a firma Facci.

Discussione generale. Nessuno.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

Votazione sul 732, Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 27

Favorevoli 3

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

In discussione il 733.

Discussione generale.

Dichiarazioni di voto.

In votazione il 733, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 734, a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 734, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

735, a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazioni di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 735, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 28

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 494 a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto.

1494, scusate.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1494, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 31

Favorevoli 3

Contrari 28

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Passiamo al 1495, Facci.

Discussione generale. Nessuno iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

È in votazione il 1495, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 28

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

1496, a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1496.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

786, a firma Facci.

Dichiarazione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 786.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 687, a firma Facci.

Discussione generale. Nessuno.

Dichiarazioni di voto. Nessuno.

In votazione il 687.

Si vota.

 

Presenti 34

Votanti 30

Favorevoli 3

Contrari 27

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 973, a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

In votazione il 973, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 3

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 924 a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 927, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 32

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Emendamento 70, Marchetti.

Discussione generale.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

Mettiamo in votazione l’emendamento 70, Marchetti Daniele.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 32

Favorevoli 6

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

132, a firma Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 132, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

673, a firma Facci.

Discussione generale. Nessuna richiesta.

Dichiarazione di voto. Nessuna richiesta.

In votazione il 673, a firma Facci.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

843, a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione l’843, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

1557, Callori.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1557, a firma Callori.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

56, a firma Daniele Marchetti.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 56, a firma Marchetti.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 5

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

17, a firma Liverani.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 17, a firma Liverani.

Si vota.

 

Presenti 35

Votanti 31

Favorevoli 6

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

196, a firma Rancan.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 196, Rancan.

Si vota.

 

Presenti 33

Votanti 30

Favorevoli 4

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

205, a firma Facci.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 205, Facci.

S vota.

 

Presenti 28

Votanti 25

Favorevoli 3

Contrari 22

Astenuti 0

 

È respinto.

 

674, a firma Facci.

Discussione generale. Nessuna richiesta.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

In votazione l’emendamento 674, Facci.

Si vota.

 

Presenti 28

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

862, a firma Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessuno iscritto.

In votazione l’862, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 29

Favorevoli 3

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 1552 è uguale al 134.

1552 Callori e 134 Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1552 e il 134.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

Sono respinti.

 

133, a firma Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 133, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 29

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

135, a firma Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 135.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

136, a firma Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 136.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

1551, Callori.

Discussione generale. Nessuno.

Dichiarazioni di voto. Nessuno.

In votazione il 1551.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

251, Tagliaferri.

Discussione generale. Nessuno.

Dichiarazione di voto. Nessuno.

In votazione il 251.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

140 Galli.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 140.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

È respinto.

 

1499, a firma Callori.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 1499.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 252, Tagliaferri.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione il 252.

Si vota.

 

Presenti 30

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Il 677 a firma Facci, il 330 a firma Facci e il 137 a firma Galli in un’unica votazione.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

In votazione gli emendamenti 677, 330, 137.

Si vota.

 

Presenti 29

Votanti 27

Favorevoli 2

Contrari 25

Astenuti 0

 

Sono respinti.

 

In votazione il 138, a firma Galli.

Si vota.

 

Presenti 31

Votanti 28

Favorevoli 2

Contrari 26

Astenuti 0

 

È respinto.

 

1554, a firma Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 612, Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 29

Votanti 26

Favorevoli 2

Contrari 24

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Avevo chiamato il 1553?

1556, Tagliaferri.

Si vota.

 

Presenti 25

Votanti 23

Favorevoli 0

Contrari 23

Astenuti 0

 

È respinto.

 

Se vi va bene, vi darei solo il risultato perché avete sul visore i numeri. Per una questione di voce.

Chiamo al voto e poi dico il risultato finale.

1555, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

325, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

348, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

302, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

675, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

Mettiamo in votazione il 141 Galli e il 1498 Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 676, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

1558, a firma Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 678, a firma Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 390, a firma Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione l’86, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 679, a firma Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 144, Galli.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 142, Galli.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 680, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 681, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 1497, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 393, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 143, Galli, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

1361, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

352, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

338, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

391, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

19, Liverani, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione l’87, Daniele Marchetti.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 362, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

1360, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 363, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

971, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

364, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

725, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

Lettera Z inammissibile, lettera AU inammissibile, lettera AV inammissibile, AZ inammissibile, BA inammissibile, BB inammissibile, il 269 inammissibile, il 327 inammissibile, il 332 inammissibile, il 333 inammissibile, il 349 inammissibile, il 449 inammissibile, il 301 inammissibile, il 323 inammissibile, il 324 inammissibile, il 326 inammissibile, il 347 inammissibile, il 350 inammissibile.

Mettiamo in votazione l’articolo 5 della legge con voto elettronico, come era stato chiesto.

 

Presenti 32

Votanti 31

Favorevoli 23

Contrari 8

Astenuti 0

 

È approvato.

 

Ora ci sono una serie di emendamenti aggiuntivi all’articolo 5. Io li chiamerò tutti. Aprirò, poi, la discussione generale su tutti e la dichiarazione di voto su tutti.

Il presidente Caliandro ha chiesto la parola.

 

CALIANDRO: Grazie, presidente.

Evidentemente è un errore di digitazione. Il mio voto è favorevole, quindi chiedo la rettifica. Grazie.

 

MARCHETTI Francesca: Ho raccolto le istanze di alcuni colleghi. Se possiamo abbassare l’aria condizionata.

 

PRESIDENTE (Saliera): Riprendiamo con una serie di emendamenti sull’articolo 5-bis.

Li chiamo uno a uno. Poi si aprono la discussione generale e le dichiarazioni di voto sull’insieme di quelli chiamati. Poi verranno votati separatamente.

Emendamenti: 670, Callori; 671, Tagliaferri; 450, Facci; 422, Tagliaferri; 648, Callori; 649, Facci; 650, Callori; 659, Facci; 660, Tagliaferri; 665, Callori.

È aperta la discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione l’emendamento 670, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

671, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 450, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

Sul 450 Facci mi fa notare che erano presenti...

 

(interruzione)

 

Il voto legale è, ovviamente, più che manifesto. Si deve votare, nei trenta secondi. Zoffoli ha dichiarato che ‒ non so se ha sbagliato o meno ‒ era un voto contrario, e non ha votato.

 

ZOFFOLI: Ero presente.

 

(interruzioni)

 

PRESIDENTE (Saliera): Ho capito. C’è stato un problema tecnico, che in diversi non era attivo. Vogliamo ripetere la votazione del 450?

450, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

422, a firma Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 648, a firma Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

649, a firma Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

650, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

659, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

660, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

665, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

Ora vi leggo un pacchetto di emendamenti che riguardano l’istituzione dell’articolo 5-ter: 1559 Callori, 1563 Tagliaferri, 1564 Callori, 1565 Facci, 1124 Tagliaferri, 1123 Facci, 1562 Tagliaferri, 1561 Callori, 1560 Tagliaferri, 682 Facci, Daniele Marchetti 31 e 32.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Procediamo con il voto uno ad uno.

1559, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

Emendamento 1563, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

1564, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

1565, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

1124, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

1123, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

1562, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

1561, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

1560, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

682, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

31, Marchetti Daniele.

Si vota.

 

È respinto.

 

32, Daniele Marchetti.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 647 è inammissibile.

Ora esaminiamo l’articolo 6.

Discussione generale su tutti gli emendamenti relativi all’articolo 6. Nessun iscritto.

Dichiarazioni di voto. Nessun iscritto.

Mettiamo in votazione ogni singolo emendamento. Procediamo con la votazione.

Il 33, a firma Daniele Marchetti.

Si vota.

 

È respinto.

 

71, Daniele Marchetti.

Si vota.

 

È respinto.

 

145, Galli, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 262, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

726, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

263, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

10, Liverani.

Si vota.

 

È respinto.

 

198, Rancan.

Si vota.

 

È respinto.

 

688, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

Il 146 Galli e il 727 Callori si votano insieme.

Si vota.

 

Sono respinti.

 

Il 147 Galli e il 948 Callori in votazione insieme.

Si vota.

 

Sono respinti.

 

1369, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

689, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

701, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

952, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

705, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

959, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

In votazione il 710, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

962, Callori, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

148, Galli.

Si vota.

 

È respinto.

 

653, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

1370, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

714, Tagliaferri, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

149, Galli.

Si vota.

 

È respinto.

 

963, Callori.

Si vota.

 

È respinto.

 

627, Tagliaferri.

Si vota.

 

È respinto.

 

1567, Facci, in votazione.

Si vota.

 

È respinto.

 

1568, Facci.

Si vota.

 

È respinto.

 

C’è bisogno di fermarsi per una decina di minuti per l’impianto.

Dieci minuti e poi vi richiamo.

 

(La seduta, sospesa alle ore 18,01, è ripresa alle ore 18,35 di venerdì 26 luglio 2019)

 

PRESIDENTE (Saliera): Riprendiamo i lavori. L’aula è in numero legale, quindi si potrebbe iniziare, ma l’attrezzatura ha ancora dei problemi. Per cui, mi appello ai consiglieri: nel frattempo che l’attrezzatura riprenda, perché ci sono i tecnici che lavorano, possiamo andare avanti con i vecchi meccanismi, cioè alzata di mano e tempo? Quello con il cronometro. So che è una questione molto, molto delicata per le discussioni che ho sentito in aula.

 

(interruzioni)

 

Dopo mi direte quando riprendiamo con il sistema... Va bene?

Richiamo gli scrutatori: Lori, Cardinali e Liverani. Ci sono? Perfetto. Quindi, alzando le mani, dovete coadiuvarmi.

Emendamento 1363, Tagliaferri.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Emendamento 406, Facci.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Emendamento 88, Daniele Marchetti.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

155, Andrea Galli.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

625, Tagliaferri.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

968, Callori.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

152, Galli.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

623, Tagliaferri.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

969, Callori.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

620.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

1566, Facci.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 621 è come il 153.

Mettiamo in votazione tutti e due.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

Sono respinti.

 

Poi abbiamo il 57 inammissibile, il BC inammissibile, il G inammissibile, il BG inammissibile, il BD inammissibile, il BE inammissibile, il 150, inammissibile, il BG inammissibile, il BH inammissibile, il BI inammissibile.

Ora chiamiamo l’articolo 6 in votazione.

Articolo 6.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È approvato.

 

Noi abbiamo un pacchetto di articoli aggiuntivi al 6.

Posso aprire la discussione generale e la dichiarazione di voto. Poi chiamo, come prima.

Discussione generale. Nessun iscritto.

Dichiarazione di voto. Nessun iscritto.

Partiamo con il voto sugli emendamenti, che sono istituzioni di nuovi articoli o subemendamenti.

 

Emendamento 94, Marchetti.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Sub 1365, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

1366, Tagliaferri.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

1364, Callori.

Chi è a favore? Chi è contro? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 1367 è inammissibile.

Il 1368 è inammissibile.

Si procede con la votazione dell’864, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

L’863 è inammissibile.

865, Facci, in votazione.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Due emendamenti: 849, Facci, e 866, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

Sono respinti.

 

850, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

L’851 è inammissibile.

834, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

L’835 è inammissibile.

836, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

L’837 è inammissibile.

838, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Informazione generale: il Capogruppo consigliere Facci mi ha comunicato che è assolutamente disponibile a proseguire con questo tipo di votazione, cioè per alzata di mano, a una condizione: che la maggioranza assicuri in tutte le votazioni la presenza del numero legale in aula. Okay?

Quindi, ognuno per sé ha la propria responsabilità.

839…

 

(interruzione)

 

Vi serve tempo un attimo per questa organizzazione, intanto che io vado avanti? Più lentamente?

Però non facciamo delle interruzioni tali che usciamo dall’aula che ci mettiamo poi mezz’ora a rientrare.

 

(interruzione)

 

Facciamo che ognuno sta seduto nelle proprie sedie, così è chiaro e netto. Se sto io, otto-dieci ore qui, potete stare anche voi, senza alzarvi e correre in giro.

 

(interruzione)

 

D’accordo, però in questo momento è bene che ognuno stia seduto, così si vede chiaramente chi c’è e chi non c’è.

Partiamo con le votazioni.

 

839, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

È respinto.

 

840.

 

(interruzione)

 

Vi serve ancora un minuto per contare? Chi manca? Stiamo aspettando voi. Pruccoli manca.

Per chi è entrato adesso, c’è una proposta. Si procede con la votazione per alzata di mano a un’unica condizione, che la maggioranza ‒ è così, Facci? ‒ garantisca in ogni secondo, minuto della seduta 26 presenze. Okay? Presenze. Quindi, si può andare avanti con il voto. Il mio invito è stato di stare seduti ognuno al suo posto, così non si aprono discussioni sul numero.

Partiamo.

840, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

830, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

831, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

832.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

807.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

(interruzione)

 

807, Facci.

 

(interruzione)

 

Sì. Perfetto. Grazie del suggerimento.

Ripetiamo questa votazione.

807, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

808, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

809, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

810.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

811, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

299, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 300 è inammissibile.

 

265, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

266, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

267, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

268, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

237, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 417 è inammissibile.

 

418, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

419, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

420, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

421, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene? Ù

 

È respinto.

 

413, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 1348 è inammissibile.

 

1349, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 1350 e il 1351, insieme, tutti e due di Facci. Li mettiamo in votazione.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

Sono respinti.

 

1352, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

1353, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?

 

È respinto.

 

Il 1354, Facci, è inammissibile.

1355 in votazione, Facci.

Chi è a favore? Chi è contrario? Chi si astiene?