Espandi Indice
Legislatura XI - Atto ispettivo ogg. n. 5309
Oggetto:
Testo presentato:
5309 - Interrogazione a risposta orale in Commissione per sapere se la Giunta sia intenzionata a collaborare anche economicamente per la costruzione di un nuovo impianto polivalente a Reggio Emilia, più facilmente raggiungibile, quindi collocato al di fuori del centro storico, e che sia idoneo per tutte le squadre sportive che dovessero avere necessità di usufruirne. A firma dei Consiglieri: Delmonte, Catellani

Testo:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE IN COMMISSIONE

 

PREMESSO CHE

 

        Il Palazzetto dello sport “Giulio Bigi”, o più comunemente “Palabigi”, è l’impianto polivalente più importante della città di Reggio Emilia.

        Molte società sportive della città vi hanno da sempre disputato le loro partite, tra le quali si segnalano, in particolare, la Pallacanestro Reggiana (serie A) e il Volley Tricolore (promossa quest’anno in serie A1).

        La costruzione del Palabigi ha inizio nel 1967 in via Guasco, nel centro storico della città. Inizialmente contava 3800 posti, ripartiti tra le tribune, le gradinate e il parterre.

        Dal 1998 ad oggi, la struttura ha subito diversi interventi di adeguamento tra cui la diminuzione dei posti da 3800 a 3500 nel corso del 2007, in seguito all’adeguamento delle norme di sicurezza.

        Tra il 2016 e il 2017 la struttura ha subito il primo importante intervento di manutenzione, tramite il quale si è aumentata la capienza dell’impianto da 3500 a 4530 posti, grazie all’installazione di seggiolini e alla costruzione di due nuovi settori sui lati Sud e Nord. Tale intervento ha costretto la Pallacanestro Reggiana a giocare le prime due partite casalinghe della stagione 16/17 al Paladozza di Bologna.

        E’ attualmente in corso un secondo stralcio di lavori che ha costretto la Pallacanestro Reggiana a disputare le ultime due stagioni all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, mentre, per quanto riguarda Volley Tricolore, a rinunciare completamente ad usufruire dell’impianto a causa della mai avvenuta messa a norma del tetto, il quale risulta ad oggi non raggiungere un’altezza sufficiente per disputare i massimi campionati di pallavolo.

 

CONSIDERATO CHE

 

        Il cantiere attualmente in essere sarebbe dovuto terminare entro il 2021, consentendo così alla Pallacanestro Reggiana di disputare la parte finale della stagione 2021/2022 tra le mura di casa. Tale scadenza ha subito diverse proroghe tant’è che, ad oggi, non si conosce una data certa per la fine dei lavori.

        L’Amministrazione Comunale di Reggio Emilia ha rilasciato nel tempo diverse dichiarazioni in cui si individuava come principale motivo del rallentamento dei lavori la pandemia e, recentemente, il caro prezzi conseguente alla crisi dovuta al conflitto militare in Ucraina.

        L’ultimo intervento strutturale ha avuto un costo decisamente elevato, all’incirca quantificato, da quanto si apprende, in cinque milioni di euro.

        Il Sindaco di Reggio Emilia ha recentemente dichiarato che i lavori di ammodernamento del tetto sono ormai ultimati, ma comunque non consentiranno alla squadra di pallavolo Volley Tricolore di usufruire dell’impianto, e quindi iscriversi regolarmente al campionato di A1.

 

PRESO ATTO CHE

 

        Il Palabigi ha sicuramente una grande importanza a livello storico, in quanto nel corso dei suoi 54 anni di vita ha ospitato eventi di grande rilevanza sia a livello sportivo che musicale e tra le sue mura si sono allenati grandi campioni del mondo del basket e non solo.

        Ad oggi risulta essere completamente inadeguato alle esigenze delle squadre sportive reggiane che da anni chiedono la realizzazione di un nuovo impianto.

        Vige un’inderogabilità rispetto alle norme sull’altezza del tetto degli impianti per i massimi campionati di pallavolo, la quale, insieme all’incertezza sulla fine dei lavori al Palabigi, grava sulla difficile posizione del Volley Tricolore, che ha dato comunicazione di aver rinunciato ad iscriversi alla Superlega.

 

INTERROGANO LA GIUNTA PER SAPERE

 

        Se sia in contatto con l’Amministrazione Comunale reggiana in merito al tema di cui sopra e se sia intenzionata a collaborare anche economicamente per la costruzione di un nuovo impianto polivalente più facilmente raggiungibile, quindi collocato al di fuori del centro storico, e che sia idoneo per tutte le squadre sportive che dovessero avere necessità di usufruirne.

 

Espandi Indice