Menù di navigazione
Legislatura X- Atto di indirizzo politico ogg. n. 687
Oggetto:
Testo presentato: Documento protocollato
Risoluzione per impegnare la Giunta a porre in essere azioni di sostegno del progetto di dematerializzazione dei buoni per l'acquisto di alimenti senza glutine per soggetti affetti da celiachia. (29 05 15) A firma dei Consiglieri: Taruffi, Torri

Testo:

Risoluzione

 

Il sottoscritto Consigliere regionale

 

Tenuto conto che

 

In Emilia –Romagna risiedono 14.000 celiaci (dati anno 2014) che hanno diritto ai buoni per l’erogazione di prodotti senza glutine;

Il Servizio Sanitario Regionale fornisce ad ogni persona affetta da celiachia o da dermatite erpetiforme 4 buoni al mese pro-capite per un totale mensile di 140 euro per gli uomini e 99 per le donne;

La spesa per erogazione di prodotti senza glutine a carico del SSR è di circa 1.157,44 euro per ogni richiedente, per un totale di 16.204.181,68 euro;

 

considerato che

 

ogni richiedente riceve i buoni via posta , tramite raccomandata, in soluzione unica, trimestrale o quadrimestrale, oppure può scegliere di ritirarli presso gli sportelli AUSL;

Il metodo utilizzato comporta attese e disagi dovuti alla necessità di essere in casa al momento della consegna della posta raccomandata oppure di dover ritirare gli stessi presso gli uffici postali o gli sportelli Ausl;

L’Associazione Italiana Celiachia (AIC) ha contabilizzato i costi di stampa e distribuzione dei circa 624.000 moduli in 200.000 euro.

 

Visto

 

il progetto di dematerializzazione dei buoni per l’acquisto di alimenti senza glutine erogabili a carico del SSR ideato da AIC – Associazione Italiana Celiachia che prevede l’uso della tessera sanitaria o di una card ricaricabile e l’ipotesi di usufruire della piattaforma Sanità Online della Regione Emilia Romagna (SOLE);

 

valutato che

 

la realizzazione di tale progetto potrebbe semplificare il sistema di distribuzione dei buoni e permettere alla sanità regionale un risparmio economico;

tale progetto potrebbe essere innovativo e d’esempio per altre Regioni.

 

Si impegna la Giunta

 

a condividere gli obiettivi del progetto, valutarne la realizzazione e sperimentare un metodo di dematerializzazione dei buoni, anche partendo da test a livello locale che possano poi essere estesi all’intera Regione.

 

Bologna, 25 maggio 2015

 

I consiglieri

Igor Taruffi

Yuri Torri